oroscopo  Meteo
Italian - ItalyБългарски (България)

Un passato da maestro di scuola elementare e sindacalista. Il presidente eletto del Perù, Pedro Castillo, è riuscito a canalizzare il voto del Perù rurale, dal quale proviene, e a scalzare sfidanti ben più rodati della politica nazionale.

Un’ascesa insospettata per molti, tanto che dopo il primo turno delle elezioni presidenziali, lo scorso 11 aprile, l’emittente “Cnn” non aveva a disposizione una sua foto da allegare agli exit poll. Terzo di nove figli, Castillo nasce 52 anni fa nel villaggio di Puna, nel dipartimento prevalente rurale di Cajamarca, nel nord del Paese. Cresce aiutando i genitori nel lavoro nei campi e si racconta che fosse costretto a percorrere a piedi diversi chilometri per raggiungere la scuola. Studia pedagogia ed esercita per 24 anni come maestro elementare nello stesso villaggio in cui è cresciuto.

Sempre a Puna, da ragazzo, prende parte a organizzazioni spontanee che si dedicavano a difendere le strade e la popolazione di piccole comunità locali, attive soprattutto negli anni ’80 contro gruppi terroristici come Sendero Luminoso e Mrta durante la stagione del terrorismo in Perù.

Muove i primi passi nella politica istituzionale nel 2002, quando si candida con Perú Posible a sindaco di Anguía, senza tuttavia ottenere l’incarico. Ma è nel 2017 che inizia a far parlare di sé quando è tra i leader dello sciopero nazionale per chiedere più fondi al settore dell’istruzione durante la presidenza di Pedro Pablo Kuczynski, Dopo la dissoluzione di Perú Posible, nel 2017, Castillo confluirà nel 2020 nella formazione socialista Perù Libre, con la quale vincerà le elezioni presidenziali. Nelle sue apparizione pubbliche è raro vederlo senza il cappello bianco a tesa larga, caratteristico della sua regione, dove l’ultimo imperatore Inca Atahualpa fu assassinato nella piazza principale nel 1533 dai conquistadores spagnoli. Castillo è inoltre solito indossare un poncho e si è spostato a cavallo per gran parte della sua campagna presidenziale.

Nel discorso pronunciato subito dopo la sua proclamazione Castillo ha dichiarato che il suo sarà un governo di tutti i peruviani. “Questo sarà il governo dove nessuno è lasciato indietro”, ha detto il leader di Perù Libre parlando dalla sede del partito, a Lima. “Invitiamo i popoli afro, della costa, andini e amazzonici, la classe operaia e i loro sindacati, le comunità indigene e contadine e tutta la società a rendere bella questa patria. Oggi inizia una nuova tappa della nostra storia”, ha concluso.

Nel suo programma presentato alla vigilia del voto, Castillo ha annunciato imposte sui guadagni extra delle compagnie minerarie, royalities in funzione delle vendite, rinegoziazione dei contratti con le grandi imprese. “Abbiamo bisogno di aumentare gli investimenti in istruzione e salute, per questo dobbiamo nazionalizzare le nostre ricchezze, ovvero fare in modo che servano i peruviani, con nuove regole su tasse e royalties”, si legge nel programma. “I costi di produzione del rame sono tra i più bassi al mondo. Le multinazionali minerarie stanno ottenendo guadagni extra, legate alle fluttuazioni del mercato internazionale”.

Sempre in campo economico Castillo promette di ridurre e reindirizzare le importazioni alimentari, privilegiando l’agricoltura andina e biologica e fermare le importazioni “sleali”, soprattutto in settori come abbigliamento e calzature. Castillo ha inoltre dichiarato che una volta entrato in carica chiederà al Congresso di mettere in agenda l’installazione di un’Assemblea costituente per redigere una nuova Costituzione. “Il 28 luglio, iniziando il messaggio alla nazione, presenteremo al Congresso la prima richiesta del popolo: che inseriscano in agenda immediatamente l’installazione dell’Assemblea nazionale costituente per fare la prima Costituzione del popolo con il popolo”, ha dichiarato Castillo durante una riunione con i dirigenti sindacali.

fonte novanews

Articoli correlati

Non ci sono articoli correlati


Foto del giorno


Foto del giorno Bulgaria (Sketches of Sofia) 

Opportunità e Affari

  • 0
  • 1
prev
next

Vendita societa'

News image

Per l'apertura di una nuova società in Bulgaria è nece...

Opportunità e Affari

Ristorante Italiano

News image

Nel centro ideale di Sofia, in una strada molto traffica...

Opportunità e Affari

Dall'Italia

I nostri Lettori

Copiare senza scrupoli

News image

La pagina   BUSINESS ITALIA - BULGARIA - БИЗ...

I nostri lettori

Punti di vista

TRENT’ANNI DOPO LA JUGOSLAVIA. I BALCANI COME MEDIORIENTE EUROPEO

News image

Trent’anni dopo, molti sono i nodi ancora irrisolti, t...

Punti di vista | Administrator

Tecnologia

Google richiederà vaccino per rientro dipendenti in ufficio

News image

Google richiederà ai suoi dipendenti che rientrano in ...

Tecnologia