oroscopo  Meteo
Italian - ItalyБългарски (България)

Il secondo rapporto sullo stato di diritto della Commissione europea (CE), pubblicato il 20 luglio, ha ribadito le preoccupazioni per l'ampia influenza, la mancanza di responsabilità e l'effettiva invulnerabilità da parte delle indagini penali del procuratore generale del paese.

Il rilascio del rapporto ha coinciso con una mozione al Consiglio giudiziario supremo, da discutere il 22 luglio, per raccomandare la rimozione di Ivan Geshev da quel incarico, e si sposta in aria nelle accuse dell'Assemblea nazionale neoeletta contro Ghescev da parte del custode ministri dell'interno e della giustizia.

Il rapporto della CE affermava che la mancanza di una possibilità per un'efficace indagine penale nei confronti del procuratore generale e dei suoi sostituti era stata una questione di lunga data sollevata non solo dalla CE ma anche dalla Corte europea dei diritti dell'uomo e il Consiglio d'Europa.

“La combinazione dei poteri del Procuratore Generale con la sua posizione nel Consiglio Supremo della Magistratura determina una notevole influenza all'interno dell'Ufficio del Procuratore, potenzialmente nel Consiglio Supremo della Magistratura (sia nel Consiglio della Procura che nella Plenaria) e all'interno del magistratura", si legge nel rapporto. Una nuova legge sul procuratore generale e sui suoi sostituti era entrata in vigore, si legge nel rapporto, ma aggiungeva che nel frattempo quella stessa legge era stata impugnata dinanzi alla Corte costituzionale, che l'aveva dichiarata incostituzionale. "Di conseguenza, rimane la sfida con la responsabilità e la responsabilità penale del procuratore generale".

Permangono anche le preoccupazioni relative alla composizione e al funzionamento del Consiglio giudiziario supremo, ha affermato la CE. "Una riforma su questo argomento era stata proposta in una bozza di nuova costituzione, ma alla fine non è stata adottata". Il rapporto rilevava che l'ispettore generale e gli ispettori dell'ispettorato presso il Consiglio giudiziario supremo continuavano in carica nonostante il loro mandato fosse scaduto nell'aprile 2020.

Il sistema di promozione all'interno della magistratura ha sollevato preoccupazioni poiché le nomine dei giudici a posizioni più elevate non erano state effettuate secondo la procedura ordinaria del concorso generale, afferma il rapporto. Nonostante gli sforzi legislativi, la digitalizzazione della giustizia è ancora in ritardo nella pratica. Il rapporto affermava che l'efficienza del sistema di giustizia amministrativa stava mostrando “progressi significativi”. L'attuazione delle riforme istituzionali in materia di anticorruzione è stata consolidata, afferma il rapporto.

Ha affermato che permangono "sfide significative" per quanto riguarda l'efficacia delle misure relative all'integrità della pubblica amministrazione, al lobbismo e alla protezione del whistleblowing, laddove non esiste una normativa dedicata. "Nonostante l'aumento dell'attività investigativa e il rafforzamento delle risorse, le condanne definitive per casi di corruzione di alto profilo rimangono basse e resta da stabilire un solido track record di condanne definitive al riguardo". La mancanza di trasparenza della proprietà dei media rimane fonte di preoccupazione, ha affermato la CE.

La mancanza di garanzie normative per un'assegnazione equa e trasparente della pubblicità statale ha continuato a destare preoccupazioni, ha affermato. Il rapporto afferma che l'interferenza politica nei media continua a essere una questione urgente. La mancanza di una legislazione che impedisca a politici e partiti di possedere mezzi di comunicazione è apparsa un fattore importante e un rischio maggiore in questo senso è stato registrato nei settori della TV e dei giornali.

"La pandemia di Covid-19 ha influito negativamente sul pluralismo dei media e non sono state messe in atto misure a sostegno diretto del settore dei media", afferma il rapporto. La pandemia ha colpito il pluralismo dei media e la tutela dei giornalisti principalmente in termini economici, a causa di tagli salariali e ritardi nei pagamenti, con gravi ripercussioni sul giornalismo regionale, come evidenziato dalle parti interessate. "Si dice che alcuni dei media più piccoli e regionali siano falliti a causa della pandemia".

L'ambiente di lavoro e la sicurezza dei giornalisti continuano a destare preoccupazioni, afferma il rapporto, rilevando che sei nuovi avvisi relativi ad attacchi e molestie ai giornalisti sono stati registrati sulla piattaforma del Consiglio d'Europa per promuovere la protezione del giornalismo e la sicurezza dei giornalisti dall'ultimo rapporto, che è stato rilasciato nel settembre 2020. Per quanto riguarda i controlli ei contrappesi, l'uso limitato della valutazione d'impatto e della consultazione pubblica nel processo legislativo continua a destare preoccupazione, in particolare per i progetti di legge proposti dal Parlamento.

"Permangono preoccupazioni simili anche con la pratica di introdurre importanti cambiamenti attraverso emendamenti ad altri atti giuridici non correlati, che aggirano i requisiti di consultazione pubblica e valutazione d'impatto", ha affermato la CE.

fonte sofiaglobe

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

Articoli correlati

Non ci sono articoli correlati


Foto del giorno


Foto del giorno Bulgaria (Sketches of Sofia) 

Opportunità e Affari

  • 0
  • 1
prev
next

Vendita societa'

News image

Per l'apertura di una nuova società in Bulgaria è nece...

Opportunità e Affari

Ristorante Italiano

News image

Nel centro ideale di Sofia, in una strada molto traffica...

Opportunità e Affari

Dall'Italia

I nostri Lettori

Copiare senza scrupoli

News image

La pagina   BUSINESS ITALIA - BULGARIA - БИЗ...

I nostri lettori

Punti di vista

TRENT’ANNI DOPO LA JUGOSLAVIA. I BALCANI COME MEDIORIENTE EUROPEO

News image

Trent’anni dopo, molti sono i nodi ancora irrisolti, t...

Punti di vista | Administrator

Tecnologia

Google richiederà vaccino per rientro dipendenti in ufficio

News image

Google richiederà ai suoi dipendenti che rientrano in ...

Tecnologia