oroscopo  Meteo
Italian - ItalyБългарски (България)

Vivacom_002

Lo Stato sta perdendo milioni dall'affare

Lo Stato ha rinunciato alla cosiddetta quota d' oro nella compagnia BTK, grazie alla quale aveva il diritto di porre veto su decisioni di base dei Dirigenti della Compagnia Nazionale di Telecomunicazioni (BTK) dopo la sua privatizzazione. La decisione del Consiglio dei Ministri viene a seguito di un protocollo con data in aprile 2013, quando il Governo ad interim di Marin Raykov ha intrapreso azioni per finalizzare le modalita' del contratto di privatizzazione, ha spiegato oggi il Ministro dei Trasporti e le Comunicazioni Danail Papazov. "Noi dobbiamo compiere il nostro dovere e rilasciare la quota il 30 settembre prossimo" ha detto Papazov.

Nel contratto di privatizzazione della societa' del 2004 esistono tre condizioni che sono il presupposto per il rilascio di questa quota – devono essere trascorsi cinque anni dal momento della privatizzazione, tutti i pagamenti devono essere stati liquidati e tutti gli obblighi derivanti dal contratto di privatizzazione devono essere rispettati.

Tuttavia, fino a poco tempo fa lo Stato aveva azionato piu' di uno giudizi contro BTK-Vivacom per inadempienza del contratto di privatizzazione con sequestro conservativo sulla vendita di centinaia di immobili della compagnia. Oggi l' Agenzia di controllo sulla privatizzazione e post- privatizzazione ha chiarito che tutte le controversie sono state risolte definitivamente con un accordo extragiudiziario con il nuovo proprietario della compagnia BTK (la banca russa VTB e il banchiere Tsvetan Vassilev) il 31 maggio 2013.

Nessun Ente ha fornito ulteriori dettagli sulla decisione, motivandosi che l' informazione e' confidenziale. Facendo riferimento all' informazione fornita da Mediapool, tuttavia, lo Stato ha accettato cancellazione della quota d' oro contro un importo pari a 100 milioni di dollari da parte del nuovo proprietario della telecom. Tale importo e' notevolmente inferiore rispetto alla soluzione raggiunta mediante arbitrato a pagare allo Stato la differenza di 80 milioni di euro dalla rivendita della societa' alla compagnia "Advent" da parte di "Viva Ventures" piu' gli interessi pari a 13 milioni di euro e cioe' il totale di 93 milioni di euro. Questo vuol dire, facendo i conti sulla base dei tassi di cambio per oggi, che lo Stato ha rinunciato a 35 milioni di lev.

La causa internazionale che e' stata vinta contro i proprietari della BTK e' stata azionata su richiesta dell' ex Ministro delle Finanze Simeon Dyankov, il quale si era dichiarato contro la cancellazione della quota d' oro prima dell' implementazione della clausola clawback sul contratto di privatizzazione, secondo cui con la vendita di oltre il 65% del telecom al valore di oltre 300 milioni di euro, allo Stato dovrebbe essere pagato il 10% del surplus ottenuto nella transazione.

Nel frattempo il Governo ad interim ha invocato il gabinetto di Plamen Oresharski a rendere pubblica la decisione presa il 17 aprile scorso. Gli stessi affermano che e' stata presa una decisione relativa alla compagnia BTK, che pero' e' rimasta in segreto su richiesta di Viva Telecom Bulgaria e comunque non riguarda la cosiddetta quota d'oro dello Stato in BTK.

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

Foto del giorno


Foto del giorno Bulgaria (Sketches of Sofia) 

Opportunità e Affari

  • 0
  • 1
prev
next

Vendita societa'

News image

Per l'apertura di una nuova società in Bulgaria è nece...

Opportunità e Affari

Ristorante Italiano

News image

Nel centro ideale di Sofia, in una strada molto traffica...

Opportunità e Affari

Dall'Italia

I nostri Lettori

Copiare senza scrupoli

News image

La pagina   BUSINESS ITALIA - BULGARIA - БИЗ...

I nostri lettori

Punti di vista

La scienza e la democrazia

News image

Qualche giorno fa Franco Prodi, ordinario di mete...

Punti di vista | Administrator

Tecnologia

Expo Dubai: Glisenti, scelti 26 video per spazio innovazione

News image

"Sono stati raccolti 159 contributi da tutti i centri ...

Tecnologia