oroscopo-bg-2Meteo-bg
Italian - ItalyБългарски (България)

Parlamento Europeo

Il commissario Hahn ha illustrato i dettagli del programma con cui l’Unione punta a raccogliere sui mercati 150 miliardi all’anno da qui al 2026.

Titoli con scadenze da 1 anno a 30  Nel presentare il 14 aprile il programma di raccolta del denaro che andrà a finanziare il nuovo Fondo per la Ripresa, la Commissione europea ha sottolineato «il significato politico» di questo nuovo passo verso una maggiore integrazione europea.

Bruxelles ritiene che i primi esborsi a favore dei Paesi membri potranno avvenire in luglio, malgrado il processo di ratifica nazionale del provvedimento che le permetterà di indebitarsi sui mercati non sia ancora terminato.  L’impatto del NextGenerationUE «Il nuovo NextGenerationEU modificherà radicalmente i mercati dei capitali europei – ha detto il commissario al Bilancio Johannes Hahn, in conferenza stampa a Bruxelles –.

Tra le altre cose, garantirà denaro ai Paesi a tassi d’interesse estremamente convenienti». In breve, la Commissione europea prenderà a prestito da qui al 2026 fino a 750 miliardi di euro a prezzi del 2018 (807 miliardi a prezzi correnti). Prevede emissioni annue per circa 150 miliardi di euro. 

La tipologia delle emissioni Hahn ha precisato che l’esecutivo comunitario emetterà titoli a breve (meno di un anno), media e lunga scadenza (fino a 30 anni), in modo da garantire una raccolta «diversificata e flessibile». Le emissioni avverranno via aste o attraverso consorzi. Il 30% delle obbligazioni sarà verde, in tutto 250 miliardi di euro. Per evitare di eventualmente penalizzare le emissioni nazionali, Bruxelles intende programmare le obbligazioni a cadenza semestrale.

fonte ilsole24ore

La solidarietà non riguarda solo la condivisione delle risorse, ma anche galvanizzare un autentico senso di unità di intenti incentrato su questioni e valori comuni.

n video promozionale dell'UE pubblicato quasi dieci anni fa, mette a confronto i singoli paesi dell'UE con gli aspiranti membri. La Francia è legata alla Serbia, con scene di Belgrado che presumibilmente assomigliano a Parigi. L'Italia è legata alla Bosnia ed Erzegovina, senza dubbio a causa della predilezione per la cucina casalinga della nonna, mentre la Svezia è per qualche motivo legata al Montenegro. Il Regno Unito è accoppiato con l'allora ex Repubblica jugoslava di Macedonia (l'odierna Macedonia del Nord), apparentemente vincolata dalla loro rispettiva passione per le statue. Le restanti associazioni sono un po 'più prevedibili per ragioni prevalentemente storiche: Spagna e Kosovo (il primo si rifiuta di riconoscere l'indipendenza del secondo), Germania e Turchia, Austria e Croazia, Grecia e Albania.

Il video termina con lo slogan "così simile, così diverso, così europeo"; anche se il video stesso ritrae - o escogita - solo le somiglianze. Le differenze sono presumibilmente così evidenti da non richiedere ulteriori chiarimenti. Né ha molta importanza, dal momento che sono tutti "così europei".

Che sia inteso a rafforzare il morale di coloro che aspirano ad aderire all'UE o a persuadere quelli all'interno dell'Unione che non hanno nulla da temere da un ulteriore allargamento (o addirittura entrambi), la pubblicità costituisce uno degli esempi più vistosi di tentativi di costruire una nozione di solidarietà tra chi è dentro e fuori l'UE.

Dieci anni dopo, la questione della solidarietà tra i Balcani occidentali e l'UE è oggetto di una profonda rivalutazione; guidato inizialmente dalla risposta dell'UE alla crisi dei migranti e ulteriormente aggravato dal suo sostegno insufficiente alla regione durante la pandemia, soprattutto per quanto riguarda i vaccini. Qualsiasi discorso di solidarietà dall'alto verso il basso da parte dell'UE sarà accolto in questi giorni con notevole cinismo. Ora è lasciato alle reti transnazionali che lavorano dal basso verso l'alto per salvare ogni nozione di solidarietà tra l'UE ei Balcani occidentali.

Il significato della solidarietà

Riflettere sulla nozione di solidarietà tra l'UE ei Balcani occidentali durante la pandemia COVID-19 richiede di valutare il modo in cui la solidarietà è stata discussa per diversi decenni. Si sottolinea spesso che l'Europa non è completa senza i Balcani occidentali e che gli investimenti finanziari, tecnici, diplomatici e umani nell'allargamento dell'UE sono stati senza dubbio sostanziali.

Il credito per tali impegni, tuttavia, tende a essere ben al di sotto di quanto ci si potrebbe aspettare. In Serbia, ad esempio, i sondaggi pubblici rilevano regolarmente che la maggioranza ritiene che la Russia sia il principale donatore del paese. Sia a causa della sua stessa timidezza o della mancanza di comunicazioni strategiche - probabilmente anche una riluttanza a strombazzare la sua generosa assistenza - l'UE non sta rendendo i suoi investimenti sufficientemente visibili.

Questo prima di considerare il fatto che il tanto decantato progetto di allargamento è una luce che si affievolisce in tutta la regione; soprattutto dopo il blocco delle offerte di adesione di Albania e Macedonia del Nord, nonostante lo storico compromesso di quest'ultima sulla questione del nome con la vicina Grecia. I politici di oggi riderebbero se tu menzionassi il 2025 come data potenziale per l'adesione; anche Jean-Claude Juncker sta probabilmente ridacchiando tra sé mentre fa roteare un bicchiere di šljivovica.

Poi ci sono le promesse fallite, in particolare il rifiuto di concedere la liberalizzazione dei visti per il Kosovo anche se la Commissione europea ha ritenuto di aver soddisfatto tutti i criteri. Sebbene ci sia una grande simpatia per l'indipendenza del Kosovo in tutta Europa, sarebbe difficile immaginare proteste per le strade di Parigi o dell'Aia in solidarietà con i giovani kosovari desiderosi di godersi solo una striscia della stessa libertà di movimento che molti europei credono concesso. Il margine di solidarietà è estremamente esteso quando una delle popolazioni più giovani d'Europa si sente ghettizzata; e peggio ancora, che questa ghettizzazione è una manifestazione dell'islamofobia europea.

Solidarietà in tempi di crisi

In tempi di crisi, gli atti di solidarietà hanno un impatto particolarmente profondo. È in questi casi in cui si forgiano legami duraturi di amicizia o si cristallizzano sentimenti negativi. Alcuni ricorderanno fino a che punto l'Europa è venuta in aiuto dei Balcani occidentali durante le catastrofiche inondazioni del 2014, che hanno devastato case e infrastrutture in Bosnia-Erzegovina, Serbia e altrove.

Tuttavia, la crisi dei rifugiati che ha raggiunto il picco nel 2015-16 fornisce l'esempio più pertinente. La cosiddetta rotta balcanica ha visto centinaia di migliaia di persone passare dalla Turchia alla Grecia e poi verso l'Europa occidentale. L'assistenza dell'UE ha aiutato i paesi, in particolare la Serbia e la Macedonia del Nord, a gestire i flussi senza precedenti. Quasi tutti coloro che sono passati per la regione sono stati trattati con dignità e rispetto. I Balcani occidentali sono stati elogiati, e giustamente.

Dopo questa solidarietà iniziale, tuttavia, la chiusura dei confini europei ha scatenato l'emergere di una narrativa secondo cui la regione era solo una zona cuscinetto, costretta ad affrontare un problema che gli Stati membri dell'UE non erano disposti ad affrontare. È uno che è persistito. I recenti respingimenti dalla Croazia alla Bosnia-Erzegovina e gli atti di brutalità della polizia associati sono stati ampiamente condannati da artisti del calibro di Amnesty International. Nonostante tutta la retorica sui valori europei, il rapporto tra l'UE ei Balcani occidentali è stato sempre più percepito come puramente transazionale, grazie al comportamento dei primi durante questa crisi. Gli interessi europei in questo caso sembrano prevalere facilmente sui valori europei.

Inserisci COVID

La risposta dell'UE alla pandemia nei Balcani occidentali deve essere compresa in questo contesto. La sua reazione durante la prima ondata di COVID-19 ha portato il presidente della Serbia, Aleksandar Vučić, a rimarcare che “ormai tutti avete capito che la solidarietà europea non esiste” e che era “una favola sulla carta”; aggiungendo che “l'unico Paese che può aiutarci è la Cina”.

Per quanto riguarda la distribuzione dei vaccini, oggi l'UE non si vede da nessuna parte. Molti paesi hanno poco o nessun accesso ai vaccini, in particolare il Kosovo e la Bosnia-Erzegovina. La Serbia, che si è assicurata un buffet di vaccini, ha intrapreso un round della cosiddetta "diplomazia dei vaccini"; donando provviste alla Bosnia-Erzegovina e alla Macedonia del Nord e vaccinando gli operatori sanitari della Republika Srpska.

Quando agli intervistati nell'ambito dell'analisi GLOBSEC Trends per il 2020 è stato chiesto: "Chi ha gestito al meglio la crisi COVID-19 finora?", Il 58% in Serbia ha risposto alla Cina, contro solo l'11% dell'UE. La disperazione è tale che la Bosnia-Erzegovina si è finalmente mossa per colmare il divario vaccinale procurandosi centinaia di migliaia di dosi di Sputnik V.

Inoltre, i sistemi sanitari nei Balcani occidentali sono stati decimati dal deflusso di personale medico altamente qualificato verso l'Europa occidentale. Ne seguiranno altri, con l'invecchiamento della popolazione europea che creerà richieste apparentemente insaziabili per tale capitale umano. Molti ritengono sempre più che questi paesi dovrebbero essere direttamente compensati per i loro investimenti nell'istruzione e nella formazione. In effetti, lo stesso argomento si applica alla più ampia fuga di cervelli dai Balcani occidentali, che chiaramente richiede una soluzione a livello europeo.

La promessa transnazionale

I fallimenti nella risposta alla pandemia hanno aggravato un senso di scetticismo e stanchezza riguardo alla nozione di solidarietà europea. Una potenziale fonte di rinnovata solidarietà tra l'UE ei Balcani occidentali, tuttavia, risiede nelle reti transnazionali di attivismo. La solidarietà non riguarda solo la condivisione delle risorse, ma anche la galvanizzazione di un'autentica unità di intenti incentrata su questioni e valori comuni. Sostenere la Convenzione di Istanbul sulla violenza contro le donne, ad esempio, piuttosto che tornare a un dogma che limita la portata del matrimonio e dei diritti all'aborto, ha il potenziale per unire le cause all'interno e all'esterno dell'Unione.

Molti dei problemi che devono affrontare i cittadini dei Balcani occidentali sono quasi identici a quelli che devono affrontare i cittadini dell'UE. Ad esempio, prendi le campagne coordinate con lo slogan "I nostri ragazzi vogliono respirare", facendo pressioni sul Parlamento europeo per aumentare gli standard di qualità dell'aria. Chiunque abbia avuto la sfortuna di respirare l'aria a Sarajevo, Belgrado, Pristina o Skopje saprà che questo è motivo di profonda preoccupazione per tutti i genitori della regione.

Quelli originari dei Balcani occidentali possono anche essere una forza trainante per rafforzare i legami di solidarietà nei paesi che ora chiamano casa. Per celebrare il 25 ° anniversario del genocidio di Srebrenica, l'architetto Arna Mačkić e altre tre giovani donne hanno commissionato 25 ritratti di donne e uomini bosniaci olandesi di 25 anni, che sono stati eretti nel centro dell'Aia. Tutti coloro che sono stati fotografati hanno radici in Bosnia-Erzegovina ma sono nati o cresciuti nei Paesi Bassi. Nelle parole del collettivo Bosnian Girl, "la loro doppia identità simboleggia l'interconnessione della storia olandese e bosniaca". Questo memoriale temporaneo ha innescato dialoghi inclusivi tra la società olandese e coloro che hanno legami con la Bosnia-Erzegovina su questioni come affrontare il passato.

Sono queste reti transnazionali di cittadinanza attiva che possono costruire un'autentica solidarietà, basata su questioni e valori comuni. La nozione stessa di solidarietà all'interno dell'Europa e oltre deve essere ripensata; non come simpatia per una causa particolare degli afflitti o dei vulnerabili - essenzialmente l'idea di solidarietà come forma di "carità" - ma come processo di mutuo rafforzamento attraverso la costruzione di coalizioni e la realizzazione di obiettivi condivisi.

Mentre il punto di partenza può sembrare "così simile, così diverso", come qualcuno potrebbe dire, al suo centro si trovano valori e obiettivi comuni; di dignità e rispetto di sé; tutela dell'ambiente in cui viviamo e respiriamo; e le modalità e i mezzi per mobilitarsi contro le varie forme di oppressione. Tali forme di solidarietà possono e dureranno anche se la prospettiva europea della regione venisse meno; sebbene sia purtroppo improbabile che siano sufficienti per sbloccare gli ostacoli all'allargamento.

In un certo senso non esiste una solidarietà europea in quanto tale, ma solo una solidarietà guidata da valori che riteniamo essere europei, ma che i cittadini all'interno e al di fuori dei confini dell'Unione devono continuare a lottare per difendere. Sebbene sia improbabile che altri Stati dei Balcani occidentali aderiscano all'UE in tempi brevi, le stesse questioni e i valori attorno ai quali può essere costruita una vera solidarietà sono presenti nei cuori, nelle menti e - purtroppo - nei polmoni di molti dei suoi cittadini .

Questo articolo si basa sulle osservazioni pronunciate in una discussione dal titolo "Solidarietà dell'UE con chi? Condivisione delle risorse in tempi di pandemia ”, organizzata dall'Istituto di Studi Avanzati sul Cambiamento Sociale dell'Università degli Studi di Milano-Bicocca. Fa parte di una serie di riunioni dal titolo “Quale benessere dopo la pandemia? Welfare Reorganization and Citizenship in Times of Covid-19 "

fonte opendemocracy.net

A metà marzo la proposta della Commissione Ue per garantire spostamenti fisici in condizioni di sicurezza nel Vecchio Continente. Riserve sul piano del trattamento dei dati personali, ma Bruxelles rassicura.

Conterrà prova dell’avvenuta vaccinazione o i risultati dei test per coloro che non hanno avuto ancora accesso alle campagne nazionali. E in caso di malattia pregressa l’attestazione di piena ripresa dal Covid-19. Fin qui gli elementi ufficiali anticipati da Ursula von der Leyen. Per la fisionomia definitiva del “green pass” europeo si guarda invece al 17 marzo, momento nel quale verrà formalizzata dalla Commissione Ue una proposta sul “passaporto” digitale pensato per favorire la mobilità internazionale in vista dell’estate. È un balzo in avanti del dossier contro cui diversi Stati membri di peso hanno fatto muro nelle scorse settimane, segno che le pressioni per autorizzare spostamenti fisici garantendo sicurezza guadagnano mano a mano terreno.

È atteso sul tavolo dei leader al vertice di fine marzo il pacchetto normativo che, secondo le indicazioni fornite dal vicepresidente Margaritis Schinas, avrà valore legale sulla base di quella parte dei Trattati che regola la libera circolazione nell’Unione. Dopo si dovrebbe passare alla fase attuativa («per un’uscita in sicurezza, a 27, dalle limitazioni») anche se, a causa del lavoro tecnico, sarà comunque necessario attendere tre mesi, grosso modo fino a giugno. Il resto toccherà alle amministrazioni dei singoli Paesi nel dar seguito ai passaggi interni perché il meccanismo funzioni adeguatamente. In parallelo, Bruxelles punta a lavorare con organismi internazionali come Oms, Ocse e Iata per far sì che il “green pass” venga riconosciuto al di fuori dell’Ue. «Per tempi straordinari servono strumenti straordinari», ha affermato Schinas al termine di un incontro informale dei ministri della Salute. «E dobbiamo essere sicuri che l’Ue presìdi» queste aree invece di farsi «imporre decisioni assunte altrove», con probabile riferimento ai programmi di alcuni colossi digitali sul terreno già menzionati peraltro da von der Leyen.

Riserve sulla protezione dei dati personali

Per evitare discriminazioni, oltre ai dati su eventuali somministrazioni di vaccino, il Qr a portata di cellulare conterrà dunque quelli dei test effettuati o delle immunizzazioni acquisite post infezione. Punto controverso, considerato comunque risolvibile dalle autorità comunitarie, è la natura delle informazioni contenute nel passaporto digitale. Il Garante della privacy ritiene che il trattamento dei dati relativi allo stato vaccinale dei cittadini a fini di accesso a determinati locali o di fruizione di determinati servizi, debba essere oggetto di una norma di legge nazionale conforme ai principi in materia di protezione dei dati personali (in particolare, quelli di proporzionalità, limitazione delle finalità e di minimizzazione dei dati). Così da realizzare un equo bilanciamento tra l’interesse pubblico che si intende perseguire e l’interesse individuale alla riservatezza.

Cresce il fronte degli Stati favorevoli

Alcuni Paesi, come Francia e Belgio, hanno espresso preoccupazione in precedenza per il fatto che “facilitare” i viaggi solo per le persone vaccinate sarebbe ingiusto. Soddisfatti invece dei progressi il cancelliere austriaco Sebastian Kurz e con lui il greco Kyriakos Mitsotakis, vero motore dell’iniziativa. «È importante preparare gli strumenti per riavviare la mobilità e rendere di nuovo l’Europa una destinazione di viaggio sicura non appena i dati sull’incidenza del virus lo consentiranno», spiega il ministro del Turismo spagnolo Reyes Maroto accogliendo con favore lo sviluppo del meccanismo. Per il responsabile portoghese dell’Economia portoghese, Pedro Siza Vieira, la Commissione dovrebbe essere ancora più chiara sull’importanza del settore turistico per molti Stati membri. «Significativo dal punto di vista dell’economia, ma anche dell’occupazione in tutta l’Ue. Allo stesso tempo, è stato il settore a risentire maggiormente delle restrizioni che abbiamo imposto alla mobilità e alle attività face-to-face».

Nel Regno Unito si lavora a un coordinamento

L’ipotesi di un passaporto vaccinale destinato a facilitare certe attività per chi sia già immunizzato dal Covid-19 resta al momento in fase di studio anche del governo britannico di Boris Johnson ma solo come una possibilità da valutare e sarà oggetto di discussioni coordinate con l'Ue prima di qualunque decisione. «Stiamo approfondendo la questione», ha ripetuto il portavoce dopo la recentissima apertura di un cauto spiraglio da parte di Johnson, il cui governo aveva inizialmente mostrato scetticismo su un'ipotesi poco in linea con la tradizione liberale del Regno Unito.

fonte ilsole24ore.com

Снимка на деня

Rila

Rila

Opportunità e Affari

Ristorante Italiano

News image

Nel centro ideale di Sofia, in una strada molto traffica...

Opportunità e Affari

Dall'Italia

I nostri Lettori

Copiare senza scrupoli

News image

La pagina   BUSINESS ITALIA - BULGARIA - БИЗ...

I nostri lettori

Punti di vista

Maggioranze bulgare

News image

Come gli italiani ben sanno questo modo di dire evoca ...

Punti di vista | Franco Branca

Dal mondo

L'UE intende autorizzare i nuovi medicinali Covid-19 entro ottobre

News image

Nella sua strategia terapeutica, adottata giovedì, la ...

Dal mondo