oroscopo-bg-2Meteo-bg
Italian - ItalyБългарски (България)

Mercoledì il governo bulgaro ha approvato i piani per aggiungere un nuovo reattore alla sua centrale nucleare di epoca sovietica a Kozloduy, abbandonando effettivamente un altro progetto per costruire un nuovo impianto a Belene.

Nella sua sessione settimanale il gabinetto ha appoggiato "la costruzione dell'unità 7 a Kozloduy con le attrezzature disponibili dal progetto per la centrale nucleare di Belene", ha detto in un comunicato il servizio stampa del governo.

La decisione ha fatto seguito ai colloqui del ministero dell'Energia con la società di ingegneria nucleare statunitense Westinghouse per una soluzione ibrida per una nuova unità a Kozloduy con tecnologia statunitense che consentirebbe il massimo utilizzo delle apparecchiature russe che la Bulgaria ha già acquistato per Belene.

Né il gabinetto né il ministero dell'Energia hanno fornito dettagli sul costo stimato del progetto, ma hanno espresso la speranza che il nuovo reattore possa diventare operativo entro 10 anni.

L'impianto di Kozloduy nel nord della Bulgaria attualmente gestisce due unità da 1.000 megawatt di costruzione sovietica dopo aver chiuso quattro unità più piccole per motivi di sicurezza per garantire l'adesione del paese all'UE nel 2007.

L'impianto fornisce un terzo dell'elettricità del paese e il governo ha recentemente esteso la durata dei due reattori fino al 2027 e al 2029.

Per compensare la parziale chiusura di Kozloduy, la Bulgaria stava da tempo esaminando la possibilità di costruire un secondo impianto a doppio reattore a Belene, sempre nel nord.

Aveva già abbandonato il progetto una volta nel 2012, interrompendo un accordo con la compagnia nucleare russa Atomstroyexport e ritrovandosi con apparecchiature che includevano due reattori da 1.000 megawatt per il nuovo impianto.

Alcuni esperti nucleari avevano anche messo in dubbio la fattibilità di un progetto grande come Belene perché né la Bulgaria né i suoi vicini avrebbero bisogno di nuove fonti energetiche prima del 2035.

La Bulgaria è stata recentemente sottoposta a pressioni degli Stati Uniti e dell'UE per limitare la sua enorme dipendenza energetica dalla Russia.

L'industria nucleare statunitense ha recentemente mostrato interesse per la regione, con AECom in lizza per finanziare altri due reattori nell'unico impianto nucleare della Romania a Cerna Voda, che si trova vicino al confine con la Bulgaria.

fonte novinite.com

Добави коментар

За да добавите коментар трябва да въведете имейл адрес. Коментарите се публикуват след преглед от администратор.


Защитен код
Обнови

Още по темата

Няма свързани статии


Снимка на деня

Rila

Rila

Opportunità e Affari

Ristorante Italiano

News image

Nel centro ideale di Sofia, in una strada molto traffica...

Opportunità e Affari

Dall'Italia

I nostri Lettori

Copiare senza scrupoli

News image

La pagina   BUSINESS ITALIA - BULGARIA - БИЗ...

I nostri lettori

Punti di vista

Maggioranze bulgare

News image

Come gli italiani ben sanno questo modo di dire evoca ...

Punti di vista | Franco Branca

Dal mondo

L'UE intende autorizzare i nuovi medicinali Covid-19 entro ottobre

News image

Nella sua strategia terapeutica, adottata giovedì, la ...

Dal mondo