oroscopo-bg-2Meteo-bg
Italian - ItalyБългарски (България)
Osmani-Zakharieva-in-Sofia-EPA-EFE-VASSIL-DONEV-1280x721

Il ministro degli Esteri della Macedonia del Nord, Bujar Osmani, ha affermato lunedì che la Bulgaria ha sollevato polemiche all'uso della versione abbreviata del nome completo del paese, Repubblica di Macedonia del Nord, nei documenti dell'UE. Ma Osmani ha dichiarato che è disposto a chiarire e possibilmente aggiungere un allegato al suo trattato di amicizia del 2017 con la Bulgaria per risolvere la questione e per garantire che l'uso del nome abbreviato "Macedonia del Nord" non implichi rivendicazioni sul territorio bulgaro. "Se il nome breve provoca una certa preoccupazione in Bulgaria che qualcuno possa interpretarlo come una pretesa territoriale per la regione storica della Macedonia, non abbiamo problemi a fare un ulteriore chiarimento alla Bulgaria che sia il nome lungo che quello breve che sono in uso si riferiscono allo stesso territorio, quello della Repubblica di Macedonia del Nord ”, ha detto Osmani. Osmani, che ha visitato la Bulgaria all'inizio di ottobre, ha detto che "a Sofia abbiamo parlato di tutte le questioni e dell'accordo di amicizia, e abbiamo notato che c'è una differenza nelle aspettative [dall'accordo]". Ha aggiunto che entrambi i paesi hanno deciso di formare gruppi di lavoro di entrambi i ministeri degli esteri per discutere questioni come questa. Tra gli applausi dell'Occidente, nel 2017 i due paesi confinanti hanno firmato uno storico accordo di amicizia che mirava a trasformare la loro relazione a lungo ambigua in una stretta partnership orientata all'UE. Ma nel 2018, Skopje ha firmato l'ennesimo accordo storico, l'accordo del "nome" con Atene, che ha visto un cambio di nome del paese in cambio della revoca del blocco della Grecia sul cammino del suo vicino verso l'adesione alla NATO e all'UE. Quell'accordo ha cambiato il nome del paese dalla Repubblica di Macedonia alla Repubblica di Macedonia del Nord. Ciò è stato fatto in modo che non ci fosse confusione tra il paese e la provincia greca della Macedonia. La Macedonia del Nord di oggi è solo una parte di una regione storica più ampia chiamata Macedonia. Una parte di questa regione appartiene ora alla Grecia e una parte minore appartiene alla Bulgaria. Nonostante il trattato di amicizia, quest'anno la Bulgaria ha aumentato la pressione sulla Macedonia del Nord per risolvere alcune controversie storiche durature che erano state concordate per essere risolte attraverso una commissione di storia congiunta già operativa. Ciò è stato fatto alla luce delle aspettative della Macedonia del Nord di avviare formalmente i colloqui di adesione all'UE entro la fine di quest'anno, una speranza sostenuta da Bruxelles. Il Consiglio Affari generali dell'UE ha deciso all'unanimità di avviare i colloqui di adesione con la Macedonia del Nord e l'Albania il 24 marzo. Il Consiglio dei ministri dell'UE lo ha confermato all'unanimità il 26 aprile. Tuttavia, il Consiglio dei ministri ha anche incluso nella sua sintesi una dichiarazione separata presentata dalla delegazione bulgara che, tra le altre cose, ha insistito per eliminare i riferimenti alla lingua macedone e all'esistenza di una minoranza etnica macedone in Bulgaria, nonché un'obiezione a l'uso del nome breve del paese. Le condizioni riflettono la visione storica della Bulgaria secondo cui il macedone non è una lingua distinta dal bulgaro, o i macedoni distinti dai bulgari. Mentre sono in corso i preparativi per la prima conferenza intergovernativa con la Macedonia del Nord, che segnerà formalmente l'inizio dei colloqui con l'UE, i funzionari bulgari hanno aumentato la pressione. La prossima occasione per risolvere le divergenze sarà la visita del primo ministro della Macedonia del Nord a Sofia, dove incontrerà il suo omologo Boyko Borrisov - un viaggio previsto per l'inizio di novembre. Nel frattempo, le speranze vengono anche investite nel lavoro della commissione congiunta di storia che si è riunita a Skopje il 16 ottobre, dopo un anno di interruzione pratica, ma non è riuscita a portare avanti la disputa sulla storia. La commissione terrà la sua prossima riunione a Sofia a dicembre. Nel frattempo, in una recente dichiarazione, l'ambasciatore tedesco a Skopje, Anke Holstein, ha osservato che la Germania, che attualmente detiene la presidenza dell'UE, ha il chiaro obiettivo di avviare la prima conferenza intergovernativa con la Macedonia del Nord entro la fine di dicembre, e che sarebbe contrassegnato come un fallimento se non accade.

Fonte:BalkanInsight

Добави коментар

За да добавите коментар трябва да въведете имейл адрес. Коментарите се публикуват след преглед от администратор.


Защитен код
Обнови

Снимка на деня

Rila

Rila

Opportunità e Affari

Ristorante Italiano

News image

Nel centro ideale di Sofia, in una strada molto traffica...

Opportunità e Affari

Dall'Italia

I nostri Lettori

Copiare senza scrupoli

News image

La pagina   BUSINESS ITALIA - BULGARIA - БИЗ...

I nostri lettori

Punti di vista

Esperti indipendenti Oms, pandemia poteva essere evitata

News image

Un vero e proprio "cocktail tossico" di negazione, sce...

Punti di vista | Administrator

Tecnologia

Google come Apple, al lavoro su etichette privacy per le app

News image

Anche Google, come Apple, implementerà le etichette pr...

Tecnologia