oroscopo-bg-2Meteo-bg
Italian - ItalyБългарски (България)

Общество

La Procura europea (EPPO), un organismo indipendente dell'UE, inizia ad operare martedì. Con sede in Lussemburgo, questa prima procura sovranazionale indagherà, perseguirà e adotterà un giudizio sui reati che ledono gli interessi finanziari dell'UE.

Nella sua recente dichiarazione, il procuratore capo europeo Laura Kövesi ha sottolineato che l'EPPO è stato creato per migliorare il livello di protezione degli interessi finanziari dell'UE. "Non siamo stati organizzati per permettere a chiunque di mettere i casi in un cassetto", ha detto.

L'ufficio del pubblico ministero dovrebbe indagare su circa 3.000 casi ogni anno.

Nel suo ambito rientrano i reati contro il bilancio dell'UE, come frode, corruzione o gravi truffe IVA transfrontaliere.

Il regolamento che istituisce la Procura europea nell'ambito della cooperazione rafforzata è stato adottato nell'ottobre 2017 ed è entrato in vigore il 20 novembre 2017.

Per ora, ci sono 22 paesi dell'UE partecipanti. Danimarca, Irlanda, Ungheria, Polonia e Svezia non partecipano all'EPPO.

L'ufficio inizia a collaborare con i procuratori europei delegati di 20 paesi. Finlandia e Slovenia non hanno inviato le loro candidature.

La procura europea della Bulgaria è Teodopa Georgieva.

I procuratori delegati sono Svela Shopova-Koleva, Dimitar Belichev, Boyko Kalfin e Veronika Trifonova.

Il procuratore capo dell'UE Laura Kövesi visiterà molto presto Sofia. Lo ha detto in un'intervista a BNR, dopo l'inaugurazione ufficiale della Procura europea in Lussemburgo oggi.

Koveschi non ha specificato cosa intendesse per "molto presto", ma ha aggiunto che avrebbe dato maggiori informazioni in seguito.

fonte novinite.com

I nuovi casi confermati di coronavirus in Bulgaria nelle ultime 24 ore sono 303 su 16.978 test, mostra il rapporto quotidiano sul Portale nazionale di informazione il 1 giugno.

103 sono stati confermati dalla PCR e 200 dai test rapidi dell'antigene.

I casi positivi totali confermati in laboratorio nel Paese dall'inizio dell'epidemia sono 418.577.

I casi attivi sono 18.694.

Del totale, 3.054 pazienti sono ricoverati in ospedale, 348 dei quali in terapia intensiva.

Nelle ultime 24 ore:

· 1.646 recuperi, portando il totale ad oggi a 382.183;

· 12.681 dosi somministrate di vaccini Covid-19 , portando il totale ad oggi a 1.365.923;

· 38 decessi legati al Covid-19 , portando così il bilancio delle vittime ad oggi a 17.700.

fonte novinite.com

Se verranno aumentate le risorse del Fondo per una transizione giusta della Commissione europea, dopo il 31 dicembre 2024, verrà introdotto un meccanismo verde che premierà i paesi che hanno ridotto le emissioni industriali di gas serra. La Bulgaria potrebbe accedere a 1,178 miliardi di euro, ma affinché i suoi progetti vengano approvati per il finanziamento delle sovvenzioni devono concentrarsi sulla diversificazione economica, sulla ristrutturazione o sulla creazione di nuovi posti di lavoro a sostegno della transizione verso un'economia circolare e climaticamente neutra.

L'ambizione dell'UE di raggiungere una riduzione sostenuta del 55% dei gas serra entro il 2030 pone la Bulgaria in una posizione difficile, ha  affermato il presidente Rumen Radev prima della riunione del Consiglio europeo di Bruxelles (24-25 maggio), e ha aggiunto che il paese insisterà sull'introduzione di misure per tutelare la competitività e garantire la sostenibilità del costo sociale della transizione verde.

Sarebbe interessante sapere come i 3 miliardi di investimenti in TurkStream e i 200 milioni per la State Oil Company stiano aiutando in tutto questo, ha commentato in un'intervista Ruslan Stefanov, direttore del Programma economico del Center for the Study of Democracy. per il BNR.

“Un tale problema esiste e necessita di soluzioni a lungo termine, soprattutto per le regioni colpite intorno alle strutture minerarie. Ma è anche vero che negli ultimi 10-15 anni - il tempo in cui tutti sapevamo che si stava verificando questa transizione - questa priorità politica è stata dichiarata in Europa e la Bulgaria l' ha firmata. Abbiamo accettato queste decisioni, eppure continuiamo a sprecare i soldi dei contribuenti in progetti che non hanno altro scopo che servire gli interessi geopolitici di un paese terzo, la Russia, le cui relazioni con l'UE sono pessime».

La Bulgaria è ancora uno dei pochi paesi che non si è prefissato un obiettivo chiaro: come trasformare le sue regioni carbonifere e quando smetterà di dipendere dal carbone,  afferma Georgi Stefanov, esperto di clima presso il WWF:

“Sebbene sia difficile per la Bulgaria questo è un problema che deve mettere sul tavolo in modo da poter organizzare il suo finanziamento e convogliare investimenti e capitali verso il superamento di questa dipendenza economica ed energetica. Da tempo proponiamo modelli e scenari basati sulla situazione demografica delle regioni, sulle loro prospettive economiche e capacità ".

Il denaro investito finora in una transizione verso un'economia più verde e più competitiva non ha raggiunto il suo pieno potenziale poiché la soluzione al problema non ha incluso le sue tre componenti contemporaneamente: persone, imprese ed energia, afferma Georgi Stefanov.

E mentre il futuro del carbone e dei combustibili fossili appare cupo, il ruolo di un'altra fonte di energia è diventato sempre più tangibile: quello dell'idrogeno. I finanziamenti del Recovery Plan potrebbero essere convogliati verso la creazione di due grandi hub per la produzione di idrogeno in Bulgaria , oltre a speciali linee di trasmissione dell'idrogeno nelle regioni di Pernik e Stara Zagora, regioni che saranno direttamente interessate dalla cosiddetta transizione verde .

"L'idrogeno come fonte di energia è, per alcuni aspetti, più sicuro dei combustibili convenzionali", spiega la prof.ssa Daria Vladikova, presidente dell'Associazione bulgara Idrogeno, celle a combustibile e stoccaggio dell'energia. “ La Bulgaria geograficamente è un paese povero di combustibili fossili ma ricco di combustibili rinnovabili. Abbiamo anche un'eccellente base scientifica. Quello che non abbiamo è un quadro giuridico e un senso di urgenza. Se non facciamo nulla nei prossimi 7-8 anni, se aspettiamo 10 anni sarà troppo tardi", avverte.

fonte novinite.com

La Procura europea (EPPO), guidata da Laura Coveschi, inizierà ad operare martedì senza che la Bulgaria abbia i necessari 10 procuratori delegati incaricati di lavorare sui principali casi di frode relativi ai fondi dell'UE a livello nazionale.

Sette dei 10 candidati iniziali della Bulgaria non hanno soddisfatto i requisiti stabiliti nel regolamento EPPO, ha deciso l'EPPO a marzo. A metà aprile, il procuratore capo del corpo Laura Koveshi ha inviato una lettera al Collegio dei procuratori in Bulgaria dicendo che il suo corpo si aspetta nuove nomine da Sofia. 

I membri del Collegio dei pubblici ministeri, presieduto dal procuratore capo Ivan Geshev, hanno dichiarato che aspetteranno la decisione sui restanti candidati pendenti per i procuratori delegati bulgari. Una decisione sui restanti candidati è stata resa pubblica il 7 maggio, quando l'EPPO ha accettato un altro candidato, il che significa che attualmente mancano sei candidati.

Da allora, però, il tema non è stato all'ordine del giorno del Collegio dei Procuratori. / Krassen Nikolov.

fonte euroactiv.bg

Kalin Stoyanov è il nuovo direttore della direzione generale per la lotta alla criminalità organizzata ( GDBOP ), secondo 24 ore al giorno. Il rimpasto è avvenuto questa mattina dopo che il precedente direttore generale Lyubomir Yanev è stato riassegnato.

Finora, non è chiaro dove stia andando Yanev. Tuttavia, secondo una fonte di informazione informale, questo non è nel GDBOP , ma in un'altra direzione del Ministero dell'Interno

In precedenza era stato riferito che era stato riassegnato questa mattina.

Ricordiamo che dopo l'insediamento del governo ad interim, ci sono stati una serie di cambiamenti. Il 13 maggio, il ministro ad interim dell'economia ha sostituito l'amministratore delegato dell'Agenzia per gli investimenti dopo che sono stati sostituiti anche i viceministri di diversi ministeri. L'amministratore delegato dell'Agenzia delle dogane è stato sostituito in seguito. Anche il segretario capo del ministero dell'Interno Ivaylo Ivanov è stato sollevato dal suo incarico e prima ancora il ministro degli interni ad interim Boyko Rashkov ha licenziato il segretario amministrativo del ministero Boyko Slavchev a causa di un diritto acquisito alla pensione.

Anche il capo della direzione degli interni di Sofia (SDVR) Georgi Hadzhiev è stato licenziato e ieri il presidente Rumen Radev ha licenziato il capo dell'Agenzia statale per la sicurezza nazionale (DANS).

fonte novinite.com

Снимка на деня

Rila

Rila

Opportunità e Affari

  • 0
  • 1
prev
next

Vendita societa'

News image

Per l'apertura di una nuova società in Bulgaria è nece...

Opportunità e Affari

Ristorante Italiano

News image

Nel centro ideale di Sofia, in una strada molto traffica...

Opportunità e Affari

Dall'Italia

I nostri Lettori

Copiare senza scrupoli

News image

La pagina   BUSINESS ITALIA - BULGARIA - БИЗ...

I nostri lettori

Punti di vista

Tecnologia

Covid: su Facebook e Instagram rimossi 18 mln contenuti

News image

Dall'inizio della pandemia all'aprile 2021 Facebook e ...

Tecnologia