oroscopo  Meteo
Italian - ItalyБългарски (България)

DF897292-9E79-414F-978F-D848C5B68A60

Le proteste che hanno comportato difficoltà del traffico in Bulgaria, mobilitate intorno agli alti prezzi del carburante e alla ricerca delle dimissioni del governo di coalizione del Primo Ministro Boiko Borissov, sono continuate nella notte del 12 novembre.

 

Sebbene inizialmente i manifestanti avessero detto, dopo le proteste dell'11 novembre che hanno causato ingorghi sulle autostrade e nelle città, che avrebbero ripreso il 17 novembre, la prima notte della settimana ha visto di nuovo l'ostruzione del traffico.

 

A piedi, tali proteste, che coinvolgono al massimo poche centinaia di persone, non avrebbero avuto un impatto. Utilizzando veicoli per bloccare le strade, l'impatto è stato notevole. La maggior parte dei media in lingua bulgara ha dichiarato che le proteste sono "massicce", sebbene il loro effetto sia significativamente maggiore del numero effettivo di partecipanti.

 

Le ragioni dichiarate per le proteste sono in qualche modo un diverse. Non solo sono contro gli alti prezzi del carburante , a parte la richiesta di dimissioni del governo ,  ma anche contro progetti di piani per aumentare il costo dell'assicurazione auto, e in generale, le proteste si dice siano a favore di un migliore tenore di vita per i bulgari.

 

Nella più grande città bulgara del Mar Nero, Varna, la sera del 12 novembre, i manifestanti hanno bloccato il bivio  vicino al Municipio e le corsie del ponte Asparuhova, un'arteria vitale verso sud verso Bourgas. La congestione risultante era considerevole.

 

I manifestanti hanno detto che auspicano le dimissioni del governo e un migliore tenore di vita.

 

Nella capitale bulgara Sofia, la protesta del "prezzo del carburante" si è affiancata con quella delle madri di bambini con disabilità, che vorrebbero le dimissioni del vice primo ministro ultranazionalista Valeri Simeonov, che ha fatto commenti diffamatori sulle madri.

 

A Dobrich, la strada per Varna è stata bloccata per circa 30 minuti, mentre a Stara Zagora c'è stata una processione motorizzata, che chiedeva le dimissioni del governo e una soluzione alla crisi demografica della Bulgaria.

 

I manifestanti di Pernik hanno bloccato un incrocio che accede alle autostrade Lyulin e Struma. Hanno cantato slogan, tra cui la richiesta delle dimissioni del governo.

 

I manifestanti hanno minacciato di bloccare l'autostrada di Trakiya il 18 novembre, poiché l'autostrada - che collega Sofia a Bourgas via Plovdiv - è stata bloccata l'11 novembre.

 

Il governo bulgaro ha sottolineato di non avere voce in capitolo sui prezzi del carburante, che sono determinati dall'aumento dei prezzi del petrolio greggio sui mercati mondiali. Il leader parlamentare del partito GERB di Borissov, Tsvetan Tsvetanov, ha affermato che le proteste sui prezzi del carburante hanno alle spalle un obiettivo politico.

 

Le proteste sono state promosse, in effetti, dal partito socialista bulgaro di opposizione e dal presidente Roumen Radev, che ha mantenuto sempre un atteggiamento critico nei confronti del governo. Eletto capo di stato  appoggiato dall'opposizione BSP, Radev il 12 novembre ha definito il governo arrogante e cinico, e ha chiesto una soluzione da parte del governo e del parlamento.

 

Le proteste sul costo della vita incombono largamente nella storia della politica in Bulgaria. Nel febbraio 2013, le proteste mobilitate intorno a bollette elettriche elevate sono riuscite a indurre le dimissioni del primo governo Borissov, atto che è avvenuto dopo un episodio di violenza durante le proteste a Sofia.

 

Sui social network in Bulgaria, l'interruzione del traffico nel fine settimana provocato dalle proteste ha indotto alcuni automobilisti a chiedersi perché le proteste fossero dirette non alla sola raffineria del paese e ai rivenditori di carburante, ma al governo.

E90EDD4A-3570-44F8-93D9-47F3552C05C8

  • Uno studio ha analizzato per la prima volta il territorio e le distese marine della Terra.
  • Negli ultimi cento anni l’attività umana ha modificato fino all’87% delle aree incontaminate, partendo dal 15%.
  • Solo cinque paesi – tra i quali l’Australia – posseggono il 70% delle rimanenti aree incontaminate del pianeta.

Solo il 23% della Terra può essere ancora considerato come natura incontaminata.

Secondo ciò che gli scienziati che si occupano di preservare la natura hanno scritto sulla rivista Naturele aree incontaminate sono quei luoghi dove non sussiste attività industriale in base alla definizione dell’impatto umano sui territori e sui mari.

Numerosi studi recenti indicano come le aree di questo tipo siano fondamentali come salvaguardia contro gli effetti del cambiamento climatico e di altre influenze dell’uomo sulla natura.

Gli autori di questo studio hanno rilevato il valore del 23% dopo aver redatto la prima mappa globale ad alta definizione delle aree incontaminate rimaste sulla terra e nei mari.

Una volta scomparse, le aree incontaminate non si rigenerano.

“Per ciò che riguarda le aree incontaminate del pianeta questi dati sono come un film dell’orrore” ha detto il maggior autore dello studio, James Watson della University of Queensland e membro della Wildlife Conservation Society.

La perdita di aree incontaminate dovrebbe essere considerata allo stesso modo del pericolo di estinzione delle specie. Una volta iniziato, non c’è modo di tornare indietro.”

“La decisione presa ha effetto permanente.”

L’Australia è stata segnalata come una delle ultime speranze al mondo per salvare queste realtà.

La ricerca ha stabilito che venti nazioni detengono da sole il 94% delle aree incontaminate tra terra e mare (escludendo l’Antartide e le acque internazionali). Cinque “super incontaminate” tra queste – Russia, Canada, Australia, Stati Uniti e Brasile – ne conservano il 70%.

Gli autori sono convinti che queste nazioni abbiano un ruolo fondamentale nell’assicurare al resto del mondo le ultime aree incontaminate.

Gli scienziati sono sempre più preoccupati che una di queste nazioni, il Brasile, non sia più affidabile in questo senso, dopo l’elezione del candidato presidenziale di estrema destra Jair Bolsonaro.

Bolsonaro ha dichiarato di voler aprire un’autostrada attraverso l’Amazzonia e di impedire l’attività sul territorio nazionale alle associazioni ambientaliste non governative come Greenpeace e il World Wildlife Fund.

Come influisce la tua cena sulla salute del pianeta? Getty

Per mappare le aree incontaminate del pianeta, l’equipe ha usato i dati ricavati da otto indicatori dell’influenza umana sulla natura:

  1. insediamenti abitativi,
  2. terreni agricoli,
  3. pascoli,
  4. densità della popolazione,
  5. illuminazione notturna,
  6. ferrovie,
  7. strade principali e
  8. vie d’acqua navigabili.

Gli ecosistemi oceanici sono stati indagati usando sedici ambiti di dati, dalla pesca alle spedizioni marittime industriali alle perdite di fertilizzanti.

Le “aree incontaminate terrestri od oceaniche” sono state identificate tra quelle libere da influenza umana, con un’area contigua di oltre diecimila chilometri quadrati sulla terra.

Diversi studi rivelano come le aree incontaminate siano un importante rifugio per le specie in declino, mentre in ambiente marino le stesse siano gli ultimi luoghi praticabili per le popolazioni dei più importanti predatori, come il tonno, il marlin e gli squali.

Il rilievo dato da Nature a questo studio ha messo in evidenza che cento anni fa solo il 15% della superficie terreste fosse coltivato. Oggi “oltre il 77%  dei territori (escludendo l’Antartide) e l’87% degli oceani è stato modificato dagli effetti delle attività umane.”

Parlando in termini di riduzione dell’impronta di carbonio, le aree incontaminate sono in grado di immagazzinare enormi quantità di carbonio nei propri ecosistemi intatti, in modo almeno due volte superiore a quello degli habitat degradati.

Molte are incontaminate sono la patria di milioni di indigeni che in ambito territoriale e marino dipendono da esse per il loro sostentamento.

John Robinson, vicepresidente Global Conservation della Wildlife Conservation Society (Wcs) e coautore della ricerca, ha dichiarato che le aree incontaminate potranno dirsi al sicuro solo quando ad Australia e altre importanti nazioni fosse attribuito un ruolo preminente.

“Al momento questo tipo di leadership è vacante su tutta la linea,” ha detto. “Abbiamo già perso così tanto”.

“Dovremmo prendere al volo queste opportunità per mettere al sicuro le aree incontaminate prima che scompaiano per sempre”.

Fonte:business insider Italia 

79B15726-D71A-468C-85F3-35E59A9B5C24

Scoperta in Bulgaria, esattamente nel villaggio di Uzunovo, un'antichissima statuetta in ceramica raffigurante la testa della Dea Madre, la più antica divinità dei primi agricoltori europei. E' stata ritrovata dagli archeologi in un insediamento preistorico del Neolitico di circa 8000 anni fa, nel distretto di Vidin, vicino al fiume Danubio. Un ritrovamento importante, emblematico, perché segna l'importante passaggio sociale, in Europa, dalla caccia all'agricoltura.  

PERCHE’ ANDARCI 

Uzunovo rientra nel territorio di Asenovgrad, nel distretto di Plovdiv. Asenovgrad è una destinazione molto famosa a livello nazionale, ed è stata soprannominata "la piccola Gerusalemme" per l'importante numero di luoghi religiosi qui presenti. Si contano, infatti, 5 monasteri, 15 chiese e 58 cappelle. Inoltre ci sono il Museo Storico, quello Etnografico e, imperdibile, quello Paleontologico, fondato nel 1990, che comprende una delle più grandi collezioni paleontologiche del Paese. 

DA NON PERDERE

Inoltre, a 2 chilometri dalla città, si trova la fortezza di Asen, sull'alto di una roccia naturale. Questa, esistita sin dai tempi dei Traci, prende il nome dal re della Bulgaria Ivan Asen II. Tra i suggestivi ruderi si staglia la chiesa, del XIII secolo, della Dormizione della Vergine. Non dimenticate, poi, di visitare Plovdiv, una delle città più antiche d'Europa:  l'inizio della sua storia risale a 4000 anni prima di Cristo.

PERCHE’ NON ANDARCI 

Asenovgrad è sicuramente una città interessante. Molto. Ma è un po' distante dalla ben più gettonata, almeno da noi italiani, Sofia. Regolatevi...

COSA NON COMPRARE 

Piatti in ceramica, t-shirt, lanterne luminose, tazze per la colazione. Ma anche tanti oggetti artigianali in legno per la vostra cucina. Insomma, souvenir che costano poco, e poco impegnativi, ce ne sono tanti. Altrimenti ci sono tante iconografie religiose. Certo, per noi italiani nulla di nuovo...

fonte:turismo.it

Foto del giorno

1CA50D71-A98E-46A6-8BF1-8DDE6ACAC492
Foto del giorno Bulgaria (Burgas)

Dai nostri lettori

L’IPOCRISIA DEL CAPITALISMO LIBERALE MODERNO

News image

Il Capitalismo liberale moderno genera povertà, acuisce il divario sociale e sostituisce con la logica del p... Leggi tutto

Ultime notizie

Interviste e commenti

Intervista a Simone Cossu-a Sofia una nuova vita

News image

  Prima d'ora ci siamo incontrati soltanto una volta...

Interviste e commenti

Dal mondo

L’impatto delle sanzioni all’Iran nel sub-continente indiano

News image

Le sanzioni americane verso l’Iran stanno suscitando le pr...

Dal mondo