oroscopo  Meteo
Italian - ItalyБългарски (България)

0C88965D-7161-4FC7-B0A2-85205636922E

È stata avviata un'iniziativa per chiedere a Papa Francesco e al patriarca della Chiesa ortodossa bulgara Neofit di visitare l'ex campo di prigionia politico di Belene durante la visita del Papa in Bulgaria nel maggio 2019.

 

Il 2 gennaio il sacerdote cattolico padre Paolo Cortesi ha dichiarato alla Radio nazionale bulgara (BNR) che l'iniziativa si chiamerà  "La verità ci libererà".

 

Belene fu usato come campo di prigionia dal regime comunista bulgaro tra il 1949 e il 1989. Nei primi anni di quel regime, vi furono detenute più di 2300 persone. Negli anni '80, coloro che resistettero alla politica dei comunisti di rinominare forzatamente i bulgari di etnia turca furono detenuti nel campo.

 

Tra coloro che furono imprigionati in Belene durante l'era comunista vi erano preti cattolici e sacerdoti di altre confessioni.

 

Padre Paolo, che era nel titolo di cronaca a marzo 2017 dopo essere stato richiamato dalla Bulgaria dopo aver ricevuto minacce di morte per aver ospitato i rifugiati siriani nella sua parrocchia di Belene, più tardi tornato diversi mesi dopo, si è riferito all'isola della prigione come alla "capitale della memoria".

 

Se il Papa e il Patriarca bulgaro visitano l'ex isola carceraria, "sarà un buon segno che darà molta energia spirituale a tutta la Bulgaria.

 

"L'invito è al Papa perché, in ogni visita, dà un posto speciale alle vittime innocenti", ha detto padre Paolo a BNR.

 

"Papa Francesco vuole riformare la chiesa, liberarla dai non necessari, in modo che emerga il vero - modestia, povertà, riconciliazione, perdono, omaggio alle vittime, misericordia. Non solo lui, ma l'intera chiesa ha una visione speciale delle vittime innocenti ", ha detto.

 

La Bulgaria commemora le vittime del regime comunista ogni anno il 1 ° febbraio, in seguito a una decisione del governo nel 2011. Rossen Plevneliev, che era presidente della Bulgaria dal 2012 al 2017, ha visitato Belene mentre era in carica per rendere omaggio a coloro che erano stati detenuti nel campo di prigionia durante l'era comunista.   Fonte:Sofiaglobe 

B110F3F7-F1A9-4A5A-B56C-8CD40C519F6D

La Bulgaria è tra i paesi al mondo in cui il pessimismo prevale sull'ottimismo. Il 30% dei bulgari prevede un peggioramento del 2019 rispetto all'anno in corso, mentre il 22% ritiene che i prossimi 12 mesi saranno migliori.

 

Questo emerge dal primo e più antico "Global Index of Hope" chiamato "End of the Year". Il sondaggio è condotto annualmente da Gallup International.

 

La situazione in Bulgaria

 

Alla fine del 2018, il 22% dei bulgari prevede un 2019 migliore del 2018, il 30% un peggioramento e il 31% lo stesso. Il 17% non sa rispondere.

 

Pertanto, il valore netto dell'ottimismo nel nostro paese (quota di ottimisti per il 2019 meno pessimisti per il 2019) è -8. L'anno scorso, questa stima era +3. Questo mostra un certo calo nell'ottimismo generale, ha detto Gallup.

 

La Bulgaria è più pessimista rispetto alla parte orientale dell'UE, come la Romania che mostra molto più ottimismo (patrimonio netto +21). La Bulgaria mostra meno ottimismo rispetto alla media e all'UE nel suo insieme. Secondo le stime nette, le comunità albanesi sono più ottimiste nei Balcani, e Turchia e Bosnia-Erzegovina all'altra estremità. Siamo nel mezzo con la Bulgaria

 

Il 15% di noi prevede che il prossimo anno sarà più pacifico per il mondo, il 28% pensa il contrario e il 38% si aspetta che sia lo stesso. Il 19% ha difficoltà a rispondere. Il valore netto è -13. Con questo patrimonio netto il nostro paese è vicino alla media mondiale.

 

La Bulgaria sembra essere relativamente più ottimista sulla pace rispetto ad altri paesi nella parte orientale dell'UE, specialmente nel contesto dell'UE. Rispetto al resto dei Balcani, tuttavia, i bulgari sembrano piuttosto pessimisti sul fatto che l'anno sarà più pacifico. E qui,  le comunità albanesi si mostrano le più ottimiste

 

L'ottimismo prevale nel mondo

 

Le aspettative per un futuro immediato migliore sono in aumento per la maggior parte degli intervistati in Africa (di solito regione ottimista nonostante le condizioni di vita), India, paesi europei extra UE, Stati Uniti e America Latina.

 

D'altra parte, vediamo il pessimismo per il prossimo anno in Medio Oriente, in Russia, e in larga misura nell'Europa occidentale.

 

Tradizionalmente, l'ottimismo per il nuovo anno prevale nella maggior parte dei paesi del mondo.

 

Le eccezioni di quest'anno sono Turchia, Serbia, Regno Unito, Polonia, Repubblica Ceca, Russia, Bosnia ed Erzegovina, Bulgaria, Hong Kong, Francia, Italia, Libano, Giordania e Corea del Sud.

 

Il sondaggio globale ha chiesto alle persone di tutto il mondo se si aspettano che i prossimi dodici mesi siano più o meno pacifici. Il 28% del mondo si aspetta che il 2019 sia più pacifico, il 34% pensa che sarà più problematico.

 

Pace più pronunciata in India, Ghana, Albania, Nigeria e - curiosamente - in Pakistan. All'altro capo della scala, sullo sfondo delle continue proteste dei Yellow Jackets, la maggior parte della Francia (70%) ritiene che l'anno successivo sarà più problematico.

 

Kancho Stoychev: Il paradosso è che i ricchi sono i più pessimisti

 

"Per decenni, la ricerca globale" Alla fine dell'anno "mostra un paradosso: le persone che vivono nei paesi più ricchi sono più pessimiste riguardo al prossimo anno e, al contrario, sembra che la paura di perdere ciò che hai sia più grande", ha detto Kuncho Stoychev, presidente della Gallup International World Association.

 

Nelle sue parole, l'Unione europea è sempre più pessimista e non è necessario spiegare perché. Lo stesso vale per la Russia, mentre l'ottimismo per il prossimo anno negli Stati Uniti è il più alto nell'ultimo decennio. L'efficienza dell'economia statunitense potrebbe essere una possibile spiegazionei, dice Stoychev.

 

Tradizionalmente, nei decenni passati, la maggior parte delle persone in tutto il mondo si aspettava un nuovo anno piuttosto pacifico rispetto ai pericoli - con la solita eccezione: il Medio Oriente. Ma ora, per la prima volta in questo secolo, un numero crescente di europei occidentali sospettano con timore che l'anno prossimo sarà più problematico e meno pacifico.

 

"L'ordine politico globale stabilito dai vincitori della seconda guerra mondiale si sta rapidamente disintegrando, e le nazioni occidentali sono preoccupate di ciò che lo sostituirà, e se avranno ancora voce in capitolo , percependo che il potere nel mondo si sta spostando verso est". La grande sfida tra Stati Uniti e Cina è economica, e tra Stati Uniti e Russia - militare, l'Europa è sempre più esclusa dal dibattito ", ha detto Stoychev.                          Fonte:Sofiaglobe 

3093F260-F6E6-488C-99A5-F5CB1E3B6E8F

Il governo bulgaro ha approvato un piano per celebrare i 15 anni di appartenenza alla NATO nel 2019, insieme al 70 ° anniversario della fondazione della Nato, tra cui un film documentario, conferenze e un'esposizione, ha dichiarato il governo  il 27 dicembre.

 

Il progetto  include una mostra fotografica sul ponte accanto al Palazzo Nazionale della Cultura a Sofia.

 

Il film documentario, intitolato "Quindici anni di Bulgaria nella Nato" seguirà il processo dall'inizio dei preparativi per l'adesione della Bulgaria all'Alleanza, agli attuali impegni del Paese come parte della Nato.

 

Il piano  include un progetto artistico bulgaro presso la sede della Nato, "che simboleggia la strada euro-atlantica della Bulgaria e l'adesione del paese all'Alleanza", si legge nella dichiarazione del governo.

 

La dichiarazione afferma che è previsto che Sofia ospiterà una conferenza internazionale di alto livello dedicata all'anniversario, i successi della Bulgaria come membro della NATO e il futuro dell'Alleanza.

 

(Foto: US Air Force)

Foto del giorno

3676C664-62E8-4FD2-B71B-38E542CBC9CE
Foto del giorno Bulgaria 

Dai nostri lettori

I media e l'informazione

News image

In questo tempo in cui l’accesso alle informazioni è facilitato dai mezzi di comunicazione ed è diventato ac... Leggi tutto

Punti di vista

SIGNORAGGIO, "DIVORZIO" E DEBITO PUBBLICO

News image

di Thomas FaziSta facendo molto discutere il servizio di&n...

Punti di vista | Administrator

Dal mondo

Franco Cfa, “Per Macron si può uscire? Chi ci prova viene fatto fuori.

News image

“Liberare l’Africa dal franco Cfa, moneta coloni...

Dal mondo