oroscopo  Meteo
Italian - ItalyБългарски (България)
E59FD817-DD9A-4F91-BCBB-60A7F997C398

Il primo ministro bulgaro Boyko Borisov ha fatto sapere che il suo Paese sta adempiendo in toto agli obblighi sugli investimenti in ambito bellico.

A margine di un incontro con il capo militare della NATO Stuart Peach, il primo ministro bulgaro Boyko Borisov ha voluto ricordare che il suo Paese sta adempiendo in toto agli obblighi sugli investimenti in materia di Difesa. Lo fa sapere l'ufficio stampa del governo di Sofia.

Come dichiarato da Borisov, la Bulgaria ha piena intenzione di continuare ad aumentare la spesa militare per rispettare i parametri contenuti nel "Piano per l'aumento della spesa militare entro il 2024".

"Con l'acquisto di 8 caccia F-16 V Block 70 abbiamo raggiunto il nostro scopo per l'anno in corso: ci aspettiamo che alla fine del 2019 la spesa militare superi il 3% del PIL", ha raccontato il premier.

Borisov ha poi aggiunto che la membership della Bulgaria nell'UE e nella NATO sono le fondamenta della politica del governo di Sofia, che ha intenzione di condurre una modernizzazione totale dell'esercito nel giro dei prossimi dieci anni.

"Stiamo lavorando per creare le condizioni ideali perché in questo settore continuino ad esserci degli specialisti altamente motivati", ha spiegato Borisov.

La priorità strategica per la Bulgaria e per la NATO continuano a essere la sicurezza e la stabilità dei Paesi dei Balcani occidentali.

"Nel corso di questi ultimi anni abbiamo profuso immensi sforzi, ci sono dei risultati, ma rimane moltissimo su cui dobbiamo ancora lavorare", ha sottolineato il premier bulgaro.

Ad agosto la Bulgaria ha portato a termine la transazione per l'acquisto di otto caccia F-16. Il costo totale degli aerei, che saranno a disposizione dell'esercito bulgaro tra il 2023 e il 2024, è stato di circa 1,26 miliardi di dollari.

Nell'ambito della modernizzazione delle forze armate bulgare rientra anche l'acquisto di nuove navi da pattugliamento per la marina militare e di nuovi veicoli per le forze di terra.

Negli ultimi tempi il presidente USA Donald Trump ha criticato a più riprese i Paesi NATO per l'insufficienza di fondi destinati alla Difesa.

Al Summit NATO tenutosi in Galles nel 2014, i membri dell'Alleanza Atlantica si sono accordati su un aumento complessivo della spesa militare fino al 2% del PIL, con un 20% di questa somma da destinarsi all'acquisto di nuovi armamenti e alla ricerca bellica.

Secondo il "Piano per l'aumento della spesa militare entro il 2024", entro quell'anno la Bulgaria dovrà aumentare gradualmente la quantità di fondi statali da destinare agli armamenti: nel 2019 questo valore doveva attestarsi su un 1,58%, nel 2020 all'1,61%, nel 2021 al 1,64%, nel 2022 all'1,7%, nel 2023 all'1,85% fino ad arrivare al 2% nel 2024.

Nel 2019 la quantità di denaro destinata alla spesa bellica ammontava ad oltre 1,84 miliardi di lev (più di 940 milioni di euro), tuttavia con l'acquisto degli F-16 questa somma si è elevata fino a 3,5 miliardi di lev (circa 1,8 miliardi di euro).

In tal modo, come ha reso noto la TV di stato bulgara nello scorso agosto, la Bulgaria è diventata il secondo Paese per livello della spesa militare, alle spalle dei soli USA, avendo già raggiunto il 2,6% del PIL del Paese.

A titolo di confrotno, al Welfare il Paese è invece stata dedicata nel 2019 una cifra di 1,365 miliardi di lev (circa 700 milioni di euro). Secondo le previsioni, il PIL bulgaro dovrebbe aggirarsi per l'anno in corso attorno ai 112-134 miliardi di lev (circa 57 miliardi di euro). 

Ciò significherebbe il Welfare rappresenterebbe un capitolo di spesa inferiore rispetto alla Difesa, raggiungendo appena l'1,2% del PIL.

Il PIL pro capite bulgaro nel 2018 è risultato essere il più basso tra i Paesi dell'UE, aggirandosi attorno ai 7800 euro l'anno, rispetto, ad esempio, ai 10400 euro della Romania.

Secondo i dati forniti dall'Istituto Nazionale di Statistica bulgaro, la soglia di povertà si aggira attorno ai 350 lev (150 euro) al mese per famiglia. Nel 2018 il totale della popolazione che viveva sotto la soglia di povertà ha raggiunto il 22%.

Fonte: sputniknews

0B80DC41-DFE1-40C9-B109-E5E21652C3F5

Entrate a braccetto nell’Unione il I gennaio 2007, Bulgaria e Romania son da allora fanalino di coda in quasi tutte le statistiche comunitarie. Al momento del loro ingresso, era chiaro a tutti come entrambi i paesi fossero privi dei requisiti minimi: economie solide, rispetto dello stato di diritto, separazione dei poteri ben definita. Le necessità geo-strategiche hanno prevalso su quelle politiche ed economiche, ma da 12 anni Bruxelles tiene gli occhi bene aperti sui membri più giovani della sua famiglia. Ben consapevole delle debolezze strutturali di Bucarest e Sofia, la Commissione europea ha istituito il cosiddetto “Meccanismo di Cooperazione e Verifica” (MCV), un organismo preposto all’analisi e al controllo dei progressi fatti da Romania e Bulgaria sulla strada della piena integrazione. Nello specifico, l’MCV si occupa di valutare i miglioramenti in termini di indipendenza del potere giudiziario, lotta alla corruzione e, nel caso bulgaro, contrasto al crimine organizzato. Ogni anno l’MCV pubblica un rapporto dettagliato; l’ultimo risale al novembre 2018. Gli studi dei tecnici europei raschiano la superficie dei problemi romeni e bulgari, ma costituiscono degli ottimi punti di partenza per capire realmente a che punto è il processo di integrazioni dei due stati. Lo studio incrociato dei due rapporti permette di fare delle analisi di più ampio respiro, che forniscano interpretazioni più originali rispetto ai tradizionali indicatori della corruzione percepita o dell’indipendenza della magistratura sull’ “europeizzazione” dei due vicini sud-orientali.

Il caso bulgaro

Secondo il report pubblicato nel novembre 2018, molto deve ancora essere fatto affinché il processo di verifica e controllo da parte della Commissione possa dirsi terminato, ma i progressi fatti registrare da Sofia sono innegabili, e più volte sottolineati dai redattori del rapporto. Miglioramenti sono stati riscontrati nel processo di selezione e nomina dei magistrati di alto rango e nell’inasprimento della legislazione contro il crimine organizzato. Da monitorare ancora nel medio periodo è la battaglia alla corruzione: sebbene dal 2018 esista un’agenzia centralizzata dedicata esclusivamente alla lotta alla corruzione, sulla falsariga di quanto avviene in Romania con la DNA (Directia Nationala Anti-Coruptie), si sottolinea come il suo funzionamento debba ancora essere perfezionato, e si paventano i rischi derivanti dal sistema di elezione dei suoi vertici. Il direttore della nuova agenzia viene infatti eletto dall’Assemblea Nazionale, e rischia quindi di essere espressione esclusiva di maggioranze parlamentari. Tuttavia, uno dei problemi più annosi che affligge la Bulgaria, la limitata libertà di stampa, viene citato soltanto brevemente all’inizio del rapporto. L’universo mediatico bulgaro è dominato da ambigui oligarchi con legami profondi nel mondo politico, come Delyan Peevski, addirittura deputato del Movimento per le libertà e i diritti, che controlla un piccolo impero di giornali e televisioni; negli ultimi anni sono stati numerosi i casi di voci libere censurate o di emittenti televisive addirittura chiuse. In un recente libro pubblicato da Ivan Dikov, ex redattore dell’agenzia di stampa Novinite, viene raccontato dettagliatamente l’emblematico caso della BiT (Bulgarian International Television). Nata nel 2016 su iniziativa dei fratelli Valnev, imprenditori trasferitisi a Chicago, BiT si è subito contraddistinta per una profonda attenzione alla politica, avendo il coraggio di affrontate temi considerati tabù, e attraendo personalità importanti come l’ex conduttrice della CNN Ralitsa Vasilleva. Spesso l’informazione dell’emittente si è contraddistinta per un atteggiamento molto critico verso il premier Boyko Borisov. Tuttavia, all’inizio del 2018, secondo quanto riporta Dikov, BiT è stava venduta ad un ambiguo produttore tv, Miroslav Yanev, e molti giornalisti, compresa la Vasilleva, sono stati allontanati. I dettagli della vendita sono ancora oggi del tutto sconosciuti, anche se le pressioni politiche dietro l’affare sembrano evidenti. 

Il caso romeno

Il rapporto sulla Romania è, nel complesso, molto più pessimista di quello bulgaro; si rimprovera a Bucarest di essere tornati indietro in quel che concerne l’indipendenza del potere giudiziario e le nomine dell’alta magistratura. Le nuove leggi implementate dal governo romeno nonostante il parere negativo della Commissione di Venezia e la rimozione per motivi politici del procuratore capo della DNA hanno profondamente irritato i tecnici della Commissione, soprattutto a causa della totale indifferenza di Bucarest ai moniti di Bruxelles. Un’irritazione espressa chiaramente lo scorso gennaio quando la Romania ha assunto la presidenza di turno dell’Unione. Il paese si trova nel bel mezzo di una stagione di grossi cambiamenti politici, che potrebbero riportare il paese sulla strada maestra tracciata dalla commissione. L’arresto del leader del partito social-democratico (PSD) Liviu Dragnea, 

uno dei più importanti promotori dei cambiamenti legislativi volti a un indebolimento della magistratura, ha rallentato il processo di riforme tanto stigmatizzato dalla Commissione europea. Le elezioni presidenziali del prossimo autunno potrebbero poi segnare il definitivo crollo dei consensi del PSD; la sua candidata, Viorica Dancila, sembra non avere alcuna speranza contro il presidente uscente Klaus Iohannis, e contro Dan Barna, candidato moderato e convinto europeista: questi ultimi, con ogni probabilità si contenderanno la presidenza al ballottaggio. Sia Iohannis che Barna sono contrari alle leggi promosse dal PSD e auspicano una stretta collaborazione del paese con le istituzioni comunitarie.

Cosa ci dicono (o non ci dicono) i rapporti?

Dalla lettura sinottica dei due rapporti emerge come il principale problema in entrambi i paesi sia ancora la fragile separazione dei poteri e il controllo troppo stretto della politica sulla magistratura. Un problema che non riguarda soltanto Romania e Bulgaria, ma anche paesi come Polonia e Ungheria. E’ evidente che in tutta l’Europa orientale il principio di una magistratura indipendente non sia ancora ben radicato, e le motivazioni sono storiche. Il dominio comunista per 50 anni ha soggiogato i giudici ai voleri della politica, indebolendo quindi il loro spirito di corpo e la loro capacità di costituirsi come potere indipendente rispetto all’esecutivo. Non viene mai sottolineato abbastanza il ruolo giocato da magistrati e giuristi complici del potere politico nell’implementazione di leggi che minano le basi dello stato di diritto nei paesi dell’area; una connivenza che indica come il deficit di cultura istituzionale non sia appannaggio esclusivo di politici spregiudicati, ma anche di uomini del diritto che non riescono a liberarsi dai retaggi del passato. Nonostante il tono più pessimista del rapporto romeno, bisogna poi ricordare come la Bulgaria si trovi in una situazione ben più complessa del suo vicino settentrionale: oltre ad essere nettamente più piccolo da un punto di vista geografico e demografico, e meno ricco di risorse, Sofia si ritrova ad affrontare un problema sconosciuto a Bucarest: un crimine organizzato forte e ramificato. Anche in questo caso le motivazioni risiedono nel passato. Secondo il giornalista Slavi Angelov, mentre in Bulgaria i vecchi servizi segreti comunisti avevano – già durante il regime – organizzato e favorito reti criminali, per poi “privatizzarle” dopo il 1989, in Romania la vecchia polizia politica, la Securitate, ha schiacciato e annichilito qualsiasi potere operasse fuori dal sistema da lei controllato. I nuovi servizi segreti romeni hanno conservato la stessa struttura e lo stesso modus operandi del corrispettivo comunista, e la loro pervasività ha reso molto difficile la nascita di reti criminali organizzate con agganci nelle alte sfere politiche, come avviene invece in Bulgaria.

Fonte: eastjournal.net

640E718C-C151-4DEA-8383-51FFC2B22735

La madre di un bulgaro di 36 anni che è morto a Bruxelles ha cercato per giorni una risposta per la sua morte.

 

 L'unica cosa che i parenti sanno è che Iskren Yordanov si è suicidato e che il corpo è stato trovato nel garage dell'ambasciata cinese nella capitale belga.

 

 Il 36enne Iskren viveva in Germania da anni e ha lavorato come costruttore.  Il 13 settembre, ha detto a sua madre che stava visitando una ragazza a Bruxelles.  L'ultima chiamata effettuata alla madre risale a due giorni prima della morte.

 

 "Ha detto di avere alcuni problemi, di menzionare alcuni pakistani e di chiedere aiuto", ha detto la madre di Iskren, Elena Docheva, citata da NOVA.

 

 Successivamente, la madre ha perso qualsiasi connessione con suo figlio.

 

 In cerca della sua ragazza, con la quale era a Bruxelles.  "Lei (la ragazza) dice di averlo lasciato l'ultima volta in qualche stazione a nord. Sono passate 7 ore in autobus per la Germania", ha aggiunto Elena Docheva.

 

 Il 20 settembre, la polizia di Ruse ha contattato il fratello di Iskren per informarlo del suicidio.

 

 Il dipartimento di polizia di Ruse ha dichiarato alla rivista NOVA di non avere ulteriori informazioni sul caso.  Tutto quello che dovevano fare era informare i parenti della tragica morte.

 

 I parenti di Iskren hanno chiamato presso le nostre ambasciate in Belgio e Germania ma non hanno ricevuto ulteriori informazioni sul caso.

 

 "La particolarità del caso è che si sta sviluppando in 4 paesi.In  Bulgaria, inBelgio, in Germania e in Cina - perché Iskren è stata trovato morto nel territorio cinese", ha commentato Iliana Yordanova, la nuora del defunto  .

 

 I parenti non vogliono smettere di cercare risposte sulla morte dell'uomo.  Non capiscono come sia finito nel garage dell'ambasciata cinese a Bruxelles.

 

 "Non è possibile che si sia suicidato, non può, ne sono sicuro al 100%", ha detto la madre di Iskren.

 

 L’ufficio estero bulgaro ha affermato che l’ambasciata bulgara  in Belgio ha lavorato sul caso sin da quando è stata ricevuta la segnalazione.  Sono stati presi contatti con le autorità locali ed è stata presentata una richiesta alla polizia belga per ulteriori informazioni e chiarimenti sulle circostanze della sua morte.

 

 Al momento, il consolato bulgaro a Bruxelles è in attesa di informazioni da parte delle autorità belghe sul caso.

Foto del giorno

2D746BB4-9C57-4312-B78D-91E999C94392

Foto del giorno Bulgaria (Sketches of Sofia)

Dai nostri lettori

I media e l'informazione

News image

In questo tempo in cui l’accesso alle informazioni è facilitato dai mezzi di comunicazione ed è diventato ac... Leggi tutto

Punti di vista

Il mea culpa di Calenda: “ Per 30 anni ho ripetuto cazzate sul liberalismo economico”

News image

Carlo Calenda fa mea culpa. Oggi il parlamentare europeo...

Punti di vista | Administrator

Dal mondo

Duplice attacco al cuore della produzione mondiale di petrolio in Arabia Saudita

News image

In Arabia Saudita nella giornata di sabato c’è stato un du...

Dal mondo