oroscopo  Meteo
Italian - ItalyБългарски (България)

noise-party-photo-Pablo-EG-freeimages-com-604x272

L'assemblea nazionale bulgara ha votato il 19 giugno per approvare la seconda lettura degli emendamenti alla legge antinquinamento ambientale, che vietano il rumore - compresi i lavori di costruzione - vicino a edifici residenziali e altri luoghi sette giorni su sette dalle 14 alle 16 e dalle 23 alle 8 .

Le multe per gli individui variano da 500 leva (circa 250 euro) e possono arrivare fino a 6000 leva per i reati ripetuti. Per le persone giuridiche, l'ammenda massima sarà di 12 000 leva.

Gli emendamenti conferiscono maggiori poteri alla polizia, consentendo loro di chiudere le strutture rumorose senza aspettare un parere da altre istituzioni.

Tuttavia, le restrizioni non si applicano alle stazioni ferroviarie, agli aeroporti, alle stazioni degli autobus, ai porti marittimi e all'uso di sistemi di allarme di emergenza.

Un emendamento presentato dal Movimento per i diritti e le libertà (MRF) è stato accettato, escludendo inoltre la legislazione dalla copertura delle case di culto.

MRF Yordan Tsonev che non c'era "nessun modo" per mettere fuori legge le chiese cristiane dal suonare le campane a mezzanotte a Pasqua, né la mattina prima delle 8 del mattino. Altre religioni hanno anche avuto il modo di produrre suoni, ha detto.

Il co-leader degli Stati Uniti Patriots Valeri Simeonov - che ha presentato il disegno di legge e ha fatto il marchio di un'abitudine estiva di "incursioni" nei rumorosi locali notturni di Sunny Beach - ha detto che le case di culto dovrebbero rispettare i regolamenti del Ministero della Salute.

Tsonev rispose: "Non c'è modo di mettere un potenziometro su un campanello".

Simeonov ha detto che la legge fino ad ora era stata inefficace, ma ora se ci fosse stata una violazione, se un ristorante si fosse rifiutato di abbassare il rumore, sarebbe stato sigillato.

Il partito socialista bulgaro dell'opposizione ha criticato gli emendamenti come impraticabili e in contrasto con le condizioni reali del paese.

Il deputato BSP Hristo Prodanov ha detto che la proposta del suo partito, per il divieto di rumore dopo la mezzanotte, era più appropriata.

"Nei mesi estivi - giugno, luglio, agosto - dovrebbe essere fino a mezzanotte perché, prima, otto ore sono sufficienti per il completo silenzio, in modo che si possa dormire, recuperare, e l'altra è quella in Bulgaria e nel Mar Nero costa, in molte città e villaggi, ci sono luoghi che aspettano quei tre mesi dell'anno per fare soldi, realizzare un profitto e pagare le tasse ai comuni e allo stato.

"L'altra cosa che ci preoccupa è che la legge non funzionerà, ad esempio, gli organismi di controllo che controlleranno il rispetto di queste norme. Tu stesso vedi come la polizia non può far fronte ai rumori dei quartieri rom, dai luoghi di intrattenimento, dalle discoteche e ora si propone che sia controllata dagli ispettori statali. Se la polizia non può farcela, come faranno fronte gli ispettori statali? "Dichiara Prodanov

photo_verybig_197865

Il più antico tempio musulmano attivo in Bulgaria - la "Moschea Eski" ad Haskovo è stata ufficialmente inaugurata dopo oltre 1,5 anni di rinnovamento in presenza di molti ospiti, riferisce BTA.

Fu costruita nel 1394 e alcune fonti indicano la più antica moschea dei Balcani. Nel 1968 fu dichiarato monumento culturale. Le fondamenta del minareto furono rafforzate durante la ristrutturazione generale, la chiesa fu completamente rinnovata, l'interno fu decorato con nuove incisioni.

Questo è un evento storico per la nostra città. La Casa delle Preghiere era un baratro di rovina, ha detto il mufti regionale Haskovo, Bassy Eminefendi. Ha sottolineato che è stata modernizzata la struttura originale senza compromettere l'integrità del valore storico. I fondi per le riparazioni sono stati forniti dall'ufficio del Capo Mufti, il sostegno finanziario è stato anche ricevuto dalla Turchia.

photo_big_197809_1

Uno dei maggiori operatori portuali del mondo - Dubai Port World - ha mostrato interesse per gli investimenti nei porti bulgari e nella creazione di centri logistici ad alta tecnologia in diverse città del paese. Lo ha annunciato la Presidenza mercoledì dopo un incontro del capo dello stato Rumen Radev con il sultano Ahmed bin Sulayem, CEO di Dubai Port World e uno dei più influenti uomini d'affari negli Emirati Arabi Uniti.

L'incontro tra i due è avvenuto dopo la partecipazione del presidente bulgaro al Forum economico di Pietroburgo, dove Radev ha invitato i rappresentanti delle imprese a investire in Bulgaria.

Radev e Sulayim hanno discusso le prospettive per il riconoscimento della Bulgaria come centro logistico regionale per il trasporto di merci dall'Asia all'Europa.

Il rappresentante di Dubai Port World, che possiede 78 terminal logistici in diverse parti del mondo, ha sottolineato che l'uso dei porti bulgari lungo il Danubio fornisce un rapido accesso ad altri paesi europei.

Il capo dello stato, a sua volta, ha dichiarato che la posizione strategica del nostro paese tra Europa e Asia e il personale altamente qualificato in Bulgaria creano eccellenti condizioni preliminari per la scelta della Bulgaria come centro logistico regionale.

Foto del giorno

68F65BBC-F3BC-437B-9286-61B33A67DD50
Foto del giorno Bulgaria (Sketches of Sofia)

Dai nostri lettori

I media e l'informazione

News image

In questo tempo in cui l’accesso alle informazioni è facilitato dai mezzi di comunicazione ed è diventato ac... Leggi tutto

Punti di vista

Pensare fuori dagli schemi genera creatività

News image

Il NYT a firma di un noto commentatore economico si incari...

Punti di vista | Alberto Cossu

Dal mondo