oroscopo  Meteo
Italian - ItalyБългарски (България)

604F640B-9A29-4CE4-BA32-62D113A8791C

Le grandi città in Bulgaria restano in preda all'aria sporca nei prossimi giorni, ha dichiarato  la NOVA.

 

La mancanza di vento e il mantenimento dell'aria fredda al di sopra del suolo sono la ragione per cui respireremo veleni. Secondo l'indice della qualità dell'aria della Commissione europea questa mattina, la concentrazione di particolato fine (PM10) è al di sopra della norma in quasi tutte le principali città.

 

L'aria più pericolosa è a Sofia, Pernik, Plovdiv, Rousse, Gorna Oryahovitsa e Shumen, dove l'inquinamento è 2-5 volte superiore alla media giornaliera di 50 μg / m3. Ci aspettiamo vento solo nella notte di mercoledì, quando lo smog accumulato può essere portato via.

 

La concentrazione di particelle fini in grandi quantità impedisce la respirazione e può causare danni alle vie aeree. Particolarmente sensibile a questi inquinanti per le persone con malattie polmonari croniche.

A27D3E38-D33B-4D80-9D8F-6D2D94672A18

Ammettiamolo. Con l'avvicinarsi del Natale e relative festività sale un po' l'ansia da prestazione. E così, puntuale verso la prima settimana di novembre, ecco salire l'ansia da regalo natalizio. I beni durevoli, fatti negli anni precedenti, ci si ritorcono, inevitabilmente, contro. Gli effimeri lasciano il tempo che trovano, i dilettevoli fanno troppo “consumisti”, gli utili li abbiamo già regalati .

10 novità dagli alambicchi: distillati nobili e da meditazione

Una soluzione possibile è allora quella affidata a pensieri che possano essere utili ed effimeri allo stesso tempo. E, garantito, dilettevoli. I distillati di qualità rivestono tutte queste caratteristiche e lo possiamo dimostrare facilmente: la loro utilità è determinata dalla cultura che sottintendono sia in chi il regalo lo fa, sia in chi lo riceve. Per regalare un single malt o un rum d'eccellenza bisogna sapere dove andare e comprenderne, almeno a grandi linee, le caratteristiche; sono ovviamente regali dilettevoli considerato che il loro consumo è destinato a momenti particolari nei quali concedersi un piacere raffinato. E restano comunque effimeri perché la loro durata è limitata nel tempo, aprendo pertanto la gratificante e insperata possibilità di ripetersi senza veramente ripetersi l'anno successivo. Dunque, quale distillato puntare per non scadere nello scontato o nel “pacco”, per quanto di Natale? Si va sul sicuro, ad esempio, con un single malt ,  il fiuto e l'esperienza nella scelta delle botti scozzesi migliori.

 

Sul fronte dei rum questo è il momento per non farsi sfuggire il giamaicano Hampden, una distilleria celebre per il suo “contributo” a rum famosi che per la prima volta nella sua lunga storia ha deciso di imbottigliare in proprio il suo prodotto il Calvados è un distillato di sidro di mele tipico della Normandia che andrebbe riscoperto. Si può iniziare con il Les Vergers de la Morinière, distillato due volte e invecchiato in botti centenarie. Cognac e Bas Armagnac sono entrambi francesi ed entrambi distillati di vino, ma il primo arriva dalla Charente e il secondo dalla Guascogna: regali memorabili sono il Courvoisier XO Imperial e il Grand Armagnac Janneau. Non è un distillato e nemmeno un liquore, ma il sake giapponese sta conoscendo il suo momento di fortuna, per provarne uno speciale ecco l'Heiwa Suppai Umeshu, un sake alle prugne invecchiato tre anni. E, come il sake, anche i whiskey americani sembra stiano vivendo la loro stagione migliore: caratterizzato dalla rusticità della segale il Dad's Hat Pennsylvania Rye, affinato in botti da porto è poco noto al grande pubblico ma molto apprezzato dai conoscitori. Distilleria artigianale e quantità non illimitate.

Terminiamo questa “apologia” del distillato o liquore da regalare sotto Natale con due scelte classiche e una novità, la prima è un  gin Italiano che profuma di boschi e di montagna, si chiama Marconi 46, il secondo è il Graham's Port con 30 o 40 anni di invecchiamento in botti di quercia, velluto liquido, e la terza è il misterioso, ancora per poco, Polugar, un distillato di cereali considerato l'antenato della vodka che un tempo i contadini russi producevano in casa, aromatizzandolo o meno e la RAKIA una bevanda tradizionale e altamente alcolica caratteristica della Bulgaria.

2FDD0599-1262-45E6-91E1-2DB0E9C5EC49

Diverse dozzine di tassisti si sono riuniti fuori dal municipio di Sofia il 28 novembre per una protesta per chiedere un aumento delle tariffe, un problema che il consiglio comunale dovrebbe affrontare nel prossimo futuro.

 

Attualmente, Sofia ha un regolamento che fissa l'ammontare massimo della tariffa che i taxi possono addebitare: 1,30 leva al chilometro durante il giorno e 1,95 lev al km di notte, ma senza soglie minime, anche se la legge lo prevede.

 

Il vicepresidente del comitato dei trasporti del consiglio comunale di Sofia, Zafir Zarkov, ha dichiarato alla Radio nazionale bulgara (BNR) che una proposta di aggiornamento del regolamento esistente sarà presentata nel prossimo futuro e che il consiglio prenderà una decisione dopo un dibattito.

 

C'erano tre opzioni in esame: fissare la soglia minima al prezzo più basso attualmente applicato da qualsiasi compagnia di taxi (0,58 leva a km), stabilendo la soglia al livello praticato dalla maggior parte delle società (0,77-0,78 leva) o soddisfacendo le richieste del sindacato dei tassisti.

 

Raina Dimitrova, a capo del sindacato dei tassisti nazionali, ha dichiarato alla televisione nazionale bulgara che la domanda del sindacato era di 0,98 leva a km durante il giorno e 1,14 leva a km di notte.

 

Zafirov sembrava non voler accetare un così drastico aumento, dicendo a BNR che questo era del 30% più alto rispetto alle tariffe medie praticate dalle compagnie di taxi ", il che, in pratica, porterebbe al consiglio comunale ad approvare un aumento amministrativo che non è sicuro sia adeguato in un'economia di mercato ".

 

La contro-argomentazione di Dimitrova è stata che i prezzi correnti sono stati fissati nel 2011 e non sono stati aggiornati da allora.

 

Un'altra richiesta avanzata dal sindacato è stata quella di aggiornare la mappa in uscita dei posteggi dei taxi, crearne di  nuove in aree con elevato traffico pedonale ed eliminare quelli in cui transitano poche persone.

 

Inoltre, il sindacato ha ribadito la sua più antica richiesta quella di permettere ai  taxi di poter utilizzare le corsie riservate ai trasporti pubblici, anche se questo è al di fuori della sfera decisionale del comune, in quanto richiederebbe l'approvazione di emendamenti legislativi da parte del Parlamento.

 Il Gabinetto del Primo Ministro bulgaro Boiko Borissov ha approvato un progetto da 81 milioni di leva per revisionare otto caccia MiG-29 e un progetto da 99 milioni di leva per revisionare i caccia-bombardieri Su-25, ha precisato un comunicato del governo il 28 novembre.

 

La mossa, che prevede la spesa proposta di oltre 183 milioni di leva (circa 93,5 milioni di euro) per la revisione degli aerei da combattimento di fabbricazione sovietica dell'Aironautica bulgara, si presenta come un processo atto a scegliere un moderno caccia da combattimento standard Nato.

 

La dichiarazione del governo ha affermato che il progetto di investimento per garantire l'aeronavigabilità dei MiG-29 era direttamente collegato alle esigenze della Bulgaria, svolgendo compiti di polizia aerea nell'ambito dei compiti della NATO.

 

"L'attuazione del progetto dipende direttamente dall'esigenza di acquisire un nuovo tipo di velivoli da combattimento ed è di fondamentale importanza sia per la sicurezza nazionale e la difesa del paese sia per l'attuazione dei meccanismi di difesa collettiva della NATO e sicurezza comune e difesa dell'UE ", si legge nella dichiarazione.

 

Garantire l'aeronavigabilità dell'aereo MiG-29 consentirà la conservazione delle capacità di difesa nel periodo  necessario fino all'acquisizione del nuovo tipo di aerei da combattimento e nel periodo di transito verso la sua prontezza operativa, secondo il governo bulgaro.

 

Il governo ha inoltre approvato costi aggiuntivi per il bilancio del ministero della Difesa per il 2018, pari a 45 739 959 leva, per la conclusione di contratti per l'aeronavigabilità degli aeromobili MiG-29 nell'ambito di un accordo quadro con il MiG russo "RSK" AO. Questi fondi passerebbero attraverso la ristrutturazione del bilancio nazionale.

 

La dichiarazione afferma che i fondi necessari per garantire l'aeronavigabilità dei Su-25 raggiungono circa 99 milioni di leva con IVA e 82,5 milioni di leva senza IVA. ,Adducendo, che le revisioni erano necessarie in attesa che i nuovi caccia fossero operativi.

 

Il governo ha inoltre approvato costi aggiuntivi fino a 82,5 milioni di leva nel bilancio del Ministero della Difesa per concludere il contratto di ripristino dell'aeronavigabilità Su-25. Anche questo deriverebbe dalla ristrutturazione del bilancio nazionale, afferma la nota.

Foto del giorno

1CA50D71-A98E-46A6-8BF1-8DDE6ACAC492
Foto del giorno Bulgaria (Burgas)

Dai nostri lettori

L’IPOCRISIA DEL CAPITALISMO LIBERALE MODERNO

News image

Il Capitalismo liberale moderno genera povertà, acuisce il divario sociale e sostituisce con la logica del p... Leggi tutto

Ultime notizie

Interviste e commenti

Intervista a Simone Cossu-a Sofia una nuova vita

News image

  Prima d'ora ci siamo incontrati soltanto una volta...

Interviste e commenti

Dal mondo

L’impatto delle sanzioni all’Iran nel sub-continente indiano

News image

Le sanzioni americane verso l’Iran stanno suscitando le pr...

Dal mondo