oroscopo  Meteo
Italian - ItalyБългарски (България)

610D7E5B-8D6C-4443-AFCC-CE5A4D6476E2

Il dott. Angel Kunchev, ispettore capo della Sanità della Bulgaria, si è scagliato contro le cosiddette "speculazioni" sugli effetti collaterali causati dai vaccini e ha messo in guardia contro l'alto rischio di infezione di persone che non erano state immunizzate contro il morbillo.

 

Kunchev stava parlando ad una conferenza stampa il 27 febbraio in cui è stato annunciato che c'erano ora 51 casi confermati di morbillo nel paese.

 

Quaranta erano nel distretto di Blagoevgrad, sette nella città di Sofia, tre nel distretto di Sofia e uno nella città di Varna nel Mar Nero.

 

Egli ha ricordato che il rispetto del calendario nazionale di vaccinazione era obbligatorio per legge.

 

L'anno scorso, gli ispettorati della sanità regionali avevano effettuato 16000 controlli. In 112 casi, i genitori che non avevano fatto vaccinare i propri figli erano stati penalizzati.

 

Kunchev ha respinto la tesi che i vaccini hanno spesso causato effetti collaterali.

 

"Al contrario, il più piccolo numero di effetti collaterali riportati è stato nei vaccini", ha detto, aggiungendo che la Bulgaria aveva un livello basso di segnalazione di effetti collaterali.

 

Nel 2018, su 2,2 milioni di vaccinazioni, c'erano solo 108 eventi avversi, la maggior parte dei quali erano reazioni transitorie come ; aumento della temperatura corporea, gonfiore o arrossamento intorno al luogo della vaccinazione.

 

"È importante sapere che se un paziente affetto da morbillo incontra 100 persone non immuni dalla malattia, 95 di loro si ammalano", ha detto Kunchev.

 

Quando è iniziata l'attuale epidemia di morbillo, il ministero della Sanità della Bulgaria ha avvertito che i casi riguardavano persone che non erano state immunizzate.

 

Il governo ha dato istruzioni alle  autorità sanitarie regionali per verificare se le vaccinazioni sono state eseguite come richiesto e sono state avviate campagne di vaccinazione mirate.

photo_verybig_194553

Gli ambientalisti in Bulgaria hanno ottenuto una vittoria mercoledì in una lunga battaglia giudiziaria per impedire l'ampliamento di una stazione sciistica sulle montagne di Pirin, un sito  patrimonio mondiale dell'UNESCO, riporta AFP.

 

In una sentenza che non può essere impugnata, la Corte suprema della Bulgaria ha annullato le controverse modifiche apportate dal governo nel dicembre 2017 al piano di gestione del Parco nazionale di Pirin.

 

I cambiamenti hanno aperto il 48% dei 40.000 ettari di parco (quasi 100.000 acri) di maestose pinete alla potenziale costruzione di nuove piste e impianti di risalita nella stazione sciistica di Bansko, la più grande della Bulgaria.

 

La corte ha basato la sua sentenza su sezioni di una legge sulle aree protette che "consentono solo la manutenzione, non la costruzione di nuove strutture sportive nei parchi nazionali".

 

Ha anche citato una serie di altre leggi e sentenze bulgare della Corte di giustizia dell'UE che obbligano il ministero dell'ambiente a sottoporre i suoi piani di gestione del parco a valutazioni di impatto ambientale, che la corte ha ritenuto non avesse fatto.

 

"Questa è una vittoria importante per noi, anche se sappiamo che gli investitori continueranno i loro tentativi di costruire (in Pirin)", ha detto all'AFP Konstantin Ivanov dell'ufficio bulgaro del gruppo di conservazione WWF.

 

"La sentenza del tribunale afferma chiaramente che nessuna nuova costruzione è consentita e che ogni piano di gestione del parco deve avere una valutazione di impatto ambientale", ha aggiunto, esprimendo la sua speranza che la decisione serva da precedente per prevenire futuri tentativi di costruire a Pirin .

 

Anche la coalizione "For the Nature" di 23 organizzazioni ambientaliste ha accolto favorevolmente la sentenza, pubblicando sulla sua pagina Facebook: "Victory for Pirin! Let's celebrate!"

 

La coalizione ha invitato la gente a riunirsi di fronte al quartier generale del governo nella capitale Sofia mercoledì sera per chiedere le dimissioni del ministro dell'ambiente Neno Dimov.

 

I residenti locali a Bansko hanno ampiamente favorito l'espansione in quanto il resort è il più grande datore di lavoro della regione.

corallo-rosso

Coralli avvolti in plastica

Le barriere coralline forniscono pesca vitale e difesa costiera e hanno urgente bisogno di protezione dagli effetti dannosi dei rifiuti di plastica. Lamb et al. ha esaminato 159 barriere coralline nella regione Asia-Pacifico. Miliardi di oggetti di plastica erano impigliati nelle barriere coralline. Più spikey le specie di corallo, più è probabile che dovessero impigliarsi la plastica. La probabilità di malattia è aumentata di 20 volte dopo che un corallo era coperto di plastica. I detriti di plastica sollecitano il corallo attraverso la leggera privazione, il rilascio di tossine e l'anossia, dando ai patogeni un punto d'appoggio per l'invasione.

I rifiuti di plastica possono promuovere la colonizzazione microbica da parte di patogeni implicati in epidemie di malattie nell'oceano. Abbiamo valutato l'influenza dei rifiuti di plastica sul rischio di malattia in 124.000 coralli di barriera corallina da 159 barriere coralline nella regione Asia-Pacifico. La probabilità di malattia aumenta dal 4% all'89% quando i coralli sono in contatto con la plastica. I coralli strutturalmente complessi hanno una probabilità otto volte maggiore di essere interessati dalla plastica, suggerendo che i microhabitat per gli organismi associati alla barriera corallina e le preziose attività di pesca saranno colpiti in modo sproporzionato. I livelli plastici sulle barriere coralline corrispondono alle stime dei rifiuti di plastica mal gestite che entrano nell'oceano. Stimiamo che 11,1 miliardi di oggetti di plastica siano impigliati nelle barriere coralline dell'Asia-Pacifico e che questo numero cresca del 40% entro il 2025. La gestione dei rifiuti di plastica è fondamentale per ridurre le malattie che minacciano la salute dell'ecosistema e il sostentamento umano.

Foto del giorno

54798399_2280184382271298_1999790318374879232_n
Foto del giorno Bulgaria (sketches of Sofia)

Dai nostri lettori

I media e l'informazione

News image

In questo tempo in cui l’accesso alle informazioni è facilitato dai mezzi di comunicazione ed è diventato ac... Leggi tutto

Punti di vista

SIGNORAGGIO, "DIVORZIO" E DEBITO PUBBLICO

News image

di Thomas FaziSta facendo molto discutere il servizio di&n...

Punti di vista | Administrator

Dal mondo

Sindrome orientale: il commento di Mario Sechi

News image

Il governo tra Cinque Stelle e Lega è al momento l'unico p...

Dal mondo