oroscopo  Meteo
Italian - ItalyБългарски (България)
cibo

In Italia si sa il cibo è buono, anzi è buonissimo ma non si capisce perché costi il 13% in più che nel resto d’Europa. Internet, servizi postali e telefoni addirittura il 20% in più (alla faccia del digital divide che lotta e prospera allegramente). I trasporti pubblici, invece, che non sono una eccellenza che ci invidia l’Europa hanno un prezzo inferiore di un terzo rispetto alla media europea.
Se pensiamo che ci sia andata male provate a comprare un giornale, o visitare una mostra o compare un pacchetto vacanze in Islanda. Pagherete il 58%. E anche in fatto di scarpe e vestiti gli islandesi costano più degli altri Paesi. Poi se volete andare al ristorante in Bulgaria pagherete un quarto del conto della Svizzera che in assoluto ha i prezzi più alti d’Europa.
Sono alcune delle conclusioni a cui possiamo arrivare analizzando i livelli di prezzo al consumo pubblicato da Eurostat.

L’Istituto di statistica europeo per facilitare la nostra percezione del potere d’acquisto nei vari Paesi ha realizzato un tool interattivo che confronta i prezzi di determinate famiglie di prodotti e servizi analizzando quanto di discostano in termini percentuali dalla media europea. Inserendo quindi il Paese che ci incuriosisce di più si può scoprire quanto siamo più economici (o più cari) rispetto al resto del Vecchio Continente. Partendo da un valore di riferimento europeo (fissato a 100 per l’Ue), si mostra come tale indice aumenti o diminuisca a seconda del posto in cui si acquista quel paniere
x

Per lo shopping evitate la Danimarca. Se volete una un paio di scarpe o una maglietta è meglio visitare gli stessi negozi in Bulgaria, Romania o Repubblica Ceca. Per cui per le comunicazioni (connessione internet, telefonia, servizi postali) si spende di più in Grecia (139.2) e di meno in Lituania (49.7). I paesi dell’Est (Polonia, Romania, Estonia) quelli dove si paga meno. Guai pensare alla casa di proprietà in Gran Bretagna. Il Regno Unito è il paese più costoso per l’alloggio ma anche acqua, energia elettrica e carburante (60% in più rispetto alla media dell’Ue) non sono a buon mercato mentre il Lussemburgo è stato il più costoso per i mobili (il 22% è superiore alla media dell’UE). Gli elettrodomestici? Meglio andare a prenderli in Polonia (25% inferiore alla media dell’Ue) mentre a Malta sono un lusso (32% in più rispetto alla media dell’Ue). Ma andiamo avanti: muoversi con i mezzi pubblici a Londra, Helsinki o Berlino è più costoso, molto più costoso di Bucarest, Sofia o Bratislava. Quanto a noi, l’Italia tutto sommato è nella media. Tutto sommato.

fonte:Luca Tremolada Sole 24 ore

 

rifornimento_2a242a9441e1c025305ba7538fc3dfff

Se finalmente è arrivato il momento in cui avete deciso di acquistare una nuova macchina e se sapete già il modello che più vi si addice resta la questione sul motore: benzina o diesel? Oppure elettrico?

Per saper scegliere il motore giusto bisogna valutare diversi fattori tra cui prezzo, percorso usuale e motivo dell’acquisto del veicolo. Se, ad esempio, optiamo per una Volkswagen Golf, che è l’auto più comprata in Europa, ci renderemo conto che la differenza nel prezzo di modelli uguali è nettamente a favore del motore a benzina. Questo, ovviamente, vale per tutte le macchine. Così, ad esempio, il modello con 1.0 TSI motore a benzina, 110 cavalli e cambio manuale 6 marce attrezzata a livello medio Соmfоrtlіnе verrà a costare 36.920 lev. Lo stesso modello ugualmente attrezzato ma 1.6TDI motore diesel 115 cavalli e cambio 5 marce costerà 39.905 lev, una differenza di ben 2.985 lev.

Vоlkѕwаgеn offre anche il modello a motore elettrico 136 cavalli ma il prezzo potrebbe scoraggiarvi facilmente – 74.830 leva.

Questo è il motore a benzina più piccolo e il rispettivo motore diesel con potenza paragonabile che sceglieremmo se quello che ci interessa è un costo relativamente basso per chilometro. Un calcolo semplice mostra che la differenzatra tra le due opzioni è uguale a circa 1415 litri di combustibile con un prezzo del diesel e della benzina pari a 2.11 lev.

Facendo riferimento ai dati del produttore, il motore a benzina consuma 6l/100km in condizioni urbane e 4.9 in condizioni extraurbane mentre il motore diesel rispettivamente 4.7l/100km. nella città e 4.2 per le prestazioni su distanze elevate. Ovvero con la differenza nel prezzo per l’acquisto del veicolo saremo in grado di passare oltre 23 mila chilometri con il motore a benzina prima di raggiungere il prezzo di acquisto del veicolo diesel. E inoltre con una differenza di 1.3/100 km. tra i due tipi di motore occorreranno oltre 100 mila chilometri per poter iniziare a “guadagnare” dalla scelta del motore diesel.

Ciò significa che bisogna valutare bene quanti anni si prevede di tenere la macchina e quanti chilometri si intende percorrere. E se non abitiamo lontano dal lavoro o non andiamo spesso fuori per fare le gite, è molto probabile che il chilometraggio annuo non superi i 5000 chilometri il che a sua volta vuoldire che ci vorranno più di quattro anni per poter “recuperare” la differenza del prezzo del motore diesel ed iniziare a beneficiare dal fatto che consuma meno.

Nonostante il suo prezzo piu`alto acquistandola nuova, la macchina diesel costa di più anche usata. Sul mercato dell’usato persiste tuttora la ricerca di vetture diesel e quindi anche il prezzo è alto. Ciò significa che prenderete più soldi per il vostro Golf diesel usato che per quello a benzina, sebbene con optional e condizioni uguali.

Per le distanze brevi in città il motore a benzina ha un altro vantaggio – scalda più in fretta e quindi d’inverno anche il riscaldamento funzionerà meglio. Con i percorsi entro cinque chilometri in una direzione e le temperature sotto lo zero è molto probabile viaggiare senza che l’aria calda si sia ancora attivata. Un altro lato positivo del motore a benzina è il suo funzionamento più silenzioso e tranquillo. Tuttavia non bisogna proprio escludere il diesel. Tra i suoi vantaggi principali è il basso consumo, la vita più lunga del motore e la potenza maggiore nei regimi più bassi. Appunto per questo, se si intende percorrere più chilometri bisogna valutare bene i vantaggi del diesel.

Ad esempio, se il vostro lavoro vi costringe a viaggiare spesso sulle strade extraurbane, presto vi renderete conto del risparmio grazie al consumo più basso del motore diesel.

Inoltre sono meno prevedibili anche i guasti del motore che “dura”di più in quanto funziona a giri più bassi.

 

Oltre per i percorsi più lunghi il diesel è più adatto anche quando c’è più peso da trasportare, indipendendentemente se bagaglio o persone. Non per caso nella maggior parte dei casi i veicoli da carico, compresi i bus per il trasporto di persone, sono diesel, in quanto la potenza, misurata in metri newton (la Potenza del motore) nei giri bassi è superiore il che rende il diesel adatto per i veicoli più pesanti.

Dopo aver chiarito in quali situazioni quale motore sarebbe più adatto e quale dei due verrebbe a costare meno dovremmo prendere in considerazione anche le tendenze.

Per anni i governi hanno sempre consigliato i veicoli diesel per l’inferiore livello di monossido di carbonio che emettono. Tuttavia non è stato preso in considerazione che anche i motori diesel inquinano l’aria e forse risultano molto più nocivi per l’uomo che quelli a benzina. Appunto per questo in diverse metropoli europee si è sentito parlare di divieto del diesel nei centri o in determinati giorni quando l’inquinamento raggiunge livelli molto alti. Alcuni produttori, come ad es. la Volvo, hanno deciso di non investire più nella produzione di nuove macchine diesel.

Gli ultimi dati mostrano che nel mese di Aprile i motori diesel hanno perso la propria posizione dominante in Europa ed è stato registrato un calo nella ricerca pari al 15%. Nel mese scorso le macchine diesel hanno formato il 46% della realizzazione totale di veicoli mentre nello stesso mese dell’anno scorso la loro quota di mercato è stata pari al 50%.

 

A seconda delle caratteristiche del motore, dopo la scadenza del periodo di garanzia, ci rendiamo conto anche delle differenze negli importi da pagare nell’officina per la riparazione dei due tipi di motori. E se 15 anni fa i motori a benzina erano più “semplici”e rispettivamente meno cari da riparare in confronto con quelli diesel (ad es. la benzina è senza compressore o turbina) oggi entrambi i tipi sono ugualmente “complessi”.

 

In Bulgaria non esiste una differenza di prezzo nelle tasse dei due tipi di motore e nemmeno una notevole differenza negli importi della “Responsabilità civile” che viene stabilita a seconda della cilindrata e non del tipo del carburante.

 

In conclusione, non saremmo in grado di indicarvi in modo categorico quale motore scegliere in quanto ognuno dei due va bene per determinate condizioni ed ha i propri punti positivi e negativi a seconda dell’utilizzo.

sipario-teatro_orig

 

Tratto dal bestseller  omonimo di Margarita Petkova e Dobromir Banev, “Tempi assurdi” verrà presentato presso Sofia Lice Club il 15 Maggio prossimo alle ore 20:00

“Tempi assurdi” è uno spettacolo sull’amore che si basa sul libro omonimo dei poeti Margarita Petkova e Dobromir Banev. Il dialogo in versi tra Lui e Lei nel quale ognuno potrebbe riconoscersi, sarà interpretato dagli attori Nona Yotova e Petar Andonov, entrambi indubbiamente dei talenti del teatro e del cinema. Il duo presenterà davanti allo spettatore la propria versione da camera del più grande sentimento, per ricordarci il motivo per cui esso rende sempre i tempi assurdi.

L’interpretazione dei versi poetici verrà accompagnata dalla musica di Nona Yotova cantata dai due attori. Il prodotto multimediale creato appositamente rinforzerà l’effetto dello spettacolo e renderà “Tempi assurdi” un evento culturale veramente coinvolgente.

Biglietti: al prezzo di 10,00 lev attraverso la rete di EVENTIM e partner. Nel giorno dello spettacolo il biglietto costerà 15,00 lev

Fonte:radiovox.bg

Foto del giorno

Rila

Rila

Dai nostri lettori

L'UNIFICAZIONE DELLA BULGARIA SETTENTRIONALE E MERIDIONALE

News image

Dopo la frammentazione delle terre bulgare, secondo il Trattato di Berlino - 1 (13) luglio 1878,  l... Leggi tutto

Interviste e commenti

Borsa

Loading
Chart
o Microsoft content-type content▼type (content-type%)
o Google content-type content▼type (content-type%)
o BRE content-type content▼type (content-type%)
o Yahoo content-type content▼type (content-type%)
NASDAQ:MSFT

Microsoft

COMPANY_ID [NASDAQ:MSFT] LAST_TRADEcontent-type TRADE_TIMEcontent-type VALUE_CHANGEcontent▼type (content-type%)
NASDAQ:GOOG

Google

COMPANY_ID [NASDAQ:GOOG] LAST_TRADEcontent-type TRADE_TIMEcontent-type VALUE_CHANGEcontent▼type (content-type%)
NYSE:BRE

BRE

COMPANY_ID [NYSE:BRE] LAST_TRADEcontent-type TRADE_TIMEcontent-type VALUE_CHANGEcontent▼type (content-type%)
NASDAQ:YHOO

Yahoo

COMPANY_ID [NASDAQ:YHOO] LAST_TRADEcontent-type TRADE_TIMEcontent-type VALUE_CHANGEcontent▼type (content-type%)