oroscopo  Meteo
Italian - ItalyБългарски (България)

maxresdefault

Per tutto il mese di Gennaio in occasione del 30 ° anniversario della caduta del Muro di Berlino, sta arrivando a Plovdiv. l'unica collezione itinerantedei frammenti originali del muro.

La mostra è composta da opere create dai predecessori del movimento di street art di Berlino come artisti di strada contemporanei. La collezione è una presentazione delle opere degli artisti emblematici che hanno lavorato sul muro di Berlino , tra i quali Thierry Noir, Christophe-Emmanuel Bouche, Kiddy Citny, Indiano,

Heinz J. Kusdas e Peter Unsicker.

Comprenderà anche opere di artisti di strada riconosciuti a livello internazionale come Jef Aérosol (Francia), Borondo (Spagna), C215 (Francia),John Crash Matos (USA), DAleast (Cina), FAITH47 (Sud Africa), Jimmy C (Australia), L7M (Brasile), RUN(Italia), 1up (Germania), John Dolan (Regno Unito).

La mostra ospiterà una serie di eventi - un programma di screening di oltre 30 cortometraggi, foto, passeggiate turistiche sul muro, dibattiti politici, incontri con artisti e concerti. Insieme alla collezione di opere d'arte, la mostra include anchetre auto Trabant, dipinte da Thierry Noir, Christophe-Emmanuel Bouche e Kiddy Citny.

La collezione è di proprietà del noto curatore francese Sylvestre Verger. La mostra è resa possibile dalla collaborazione dell'istituto francese in Bulgaria

 

Eureca! Esibizione itinerante 'Muzeiko' viene a Plovdiv per presentare alcune delle scoperte più popolari del XIX e XX secolo. ‘Eureca! La mostra itinerante 'è interattiva a moduli. La mostra rimarrà nel Museo di storia regionale di Plovdiv per tutto l'anno. La mostra ricrea alcune delle principali scoperte scientifiche. I visitatori avranno l'opportunità di scoprire come è stato inventata la radio, il telefono. Il museo attraverso un viaggio temporale nel passato verrà presentato come luogo di intrattenimento che può provocare la curiosità e l'immaginazione ‘Eureca! Travelling Exhibition 'è un progetto di Muzeiko Foundation in collaborazione con il Museo regionale di Plovdiv.

Fonte: Plovdiv European Capital Of Culture

europe-in-drops-of-poetry-plovdiv-2019-2

Per la prima volta in Europa, i graffiti saranno collocati utilizzando la tecnologia rivoluzionaria a Plovdiv, come parte del programma di Capitale europea della cultura 2019, ha affermato la Fondazione Plovdiv 2019.

 

"L'Europa in gocce di poesia" è un concetto di Television MM che collaborerà con artisti locali nella capitale europea della cultura per il 2019, a Plovdiv.

 

Creati dalla stazione televisiva musicale, i pezzi d'arte saranno visibili solo quando piove o sono bagnati. Si auto-distruggeranno entro 10 settimane dall'inizio della loro esibizione.

 

In 32 sedi a Plovdiv, una squadra di graffiti locali spruzzerà modelli pre-tagliati di testi tratti da canzoni realizzate per il progetto "Europe in Drops of Poetry".

 

Questa è la prima volta che un evento di questo tipo  sarà fatto in Europa. Finora  è stato fatto negli Stati Uniti e in Australia.

 

I testi sono estratti da canzoni di artisti di spicco dei 28 paesi europei.

 

 

La maggior parte delle citazioni saranno di artisti famosi e conosciuti, alcune saranno di musicisti emergenti.

 

"I materiali sono ecologici e al 100% rispettosi dell'ambiente", ha affermato la fondazione.

 

Il progetto è stato realizzato dall'artista Simona Kojuharva e da un gruppo di artisti locali guidati da Dimitar "Stern" Mehandjiiski, che sarà responsabile per la localizzazione della logistica e dei luoghi.

 

"Lo scopo di" L'Europa nelle gocce di poesia "è quello di creare emozioni positive tra le persone e portare qualcosa di insolito nella loro vita frenetica di tutti i giorni", afferma la dichiarazione.

 

Ci saranno giochi su tutti i canali dei social media, come: trovare i testi, indovinare la lingua o il paese.

 

L'evento "L'Europa in gocce di poesia" sarà diviso in tre fasi per tutto il 2019. Ci saranno le edizioni invernali, estive e autunnali, a partire dalla fine di gennaio.

 

È sostenuto dai media locali e nazionali, dalle imprese bulgare e internazionali e dai rappresentanti dei paesi dell'UE, e dalle loro istituzioni culturali, ha affermato la fondazione.

photo_verybig_194553

Gli ambientalisti in Bulgaria hanno ottenuto una vittoria mercoledì in una lunga battaglia giudiziaria per impedire l'ampliamento di una stazione sciistica sulle montagne di Pirin, un sito  patrimonio mondiale dell'UNESCO, riporta AFP.

 

In una sentenza che non può essere impugnata, la Corte suprema della Bulgaria ha annullato le controverse modifiche apportate dal governo nel dicembre 2017 al piano di gestione del Parco nazionale di Pirin.

 

I cambiamenti hanno aperto il 48% dei 40.000 ettari di parco (quasi 100.000 acri) di maestose pinete alla potenziale costruzione di nuove piste e impianti di risalita nella stazione sciistica di Bansko, la più grande della Bulgaria.

 

La corte ha basato la sua sentenza su sezioni di una legge sulle aree protette che "consentono solo la manutenzione, non la costruzione di nuove strutture sportive nei parchi nazionali".

 

Ha anche citato una serie di altre leggi e sentenze bulgare della Corte di giustizia dell'UE che obbligano il ministero dell'ambiente a sottoporre i suoi piani di gestione del parco a valutazioni di impatto ambientale, che la corte ha ritenuto non avesse fatto.

 

"Questa è una vittoria importante per noi, anche se sappiamo che gli investitori continueranno i loro tentativi di costruire (in Pirin)", ha detto all'AFP Konstantin Ivanov dell'ufficio bulgaro del gruppo di conservazione WWF.

 

"La sentenza del tribunale afferma chiaramente che nessuna nuova costruzione è consentita e che ogni piano di gestione del parco deve avere una valutazione di impatto ambientale", ha aggiunto, esprimendo la sua speranza che la decisione serva da precedente per prevenire futuri tentativi di costruire a Pirin .

 

Anche la coalizione "For the Nature" di 23 organizzazioni ambientaliste ha accolto favorevolmente la sentenza, pubblicando sulla sua pagina Facebook: "Victory for Pirin! Let's celebrate!"

 

La coalizione ha invitato la gente a riunirsi di fronte al quartier generale del governo nella capitale Sofia mercoledì sera per chiedere le dimissioni del ministro dell'ambiente Neno Dimov.

 

I residenti locali a Bansko hanno ampiamente favorito l'espansione in quanto il resort è il più grande datore di lavoro della regione.

Foto del giorno

CADDA76A-0C1D-4FE7-8E20-AE88A8753027
Foto del giorno Bulgaria 

Dai nostri lettori

I media e l'informazione

News image

In questo tempo in cui l’accesso alle informazioni è facilitato dai mezzi di comunicazione ed è diventato ac... Leggi tutto

Interviste e commenti

Intervista a Simone Cossu-a Sofia una nuova vita

News image

  Prima d'ora ci siamo incontrati soltanto una volta...

Interviste e commenti

Punti di vista

Dal mondo

Dall’Est Europa si risvegliano fede e identità

News image

“Ex Oriente lux“, “dall’Oriente, la luce”. Questa frase, r...

Dal mondo