oroscopo  Meteo
Italian - ItalyБългарски (България)

A236C55A-6DF5-4F7B-A5D2-1B245E7F93B2

Il primo ministro Boiko Borissov e altri funzionari hanno discusso l'11 febbraio con l'ambasciatrice britannica a Sofia, Emma Hopkins, riferendo che il presunto avvelenamento avvenuto nel 2015 ai danni dell’imprenditore  bulgaro Emil Gebrev era legato al caso Skripal.

 

All'incontro hanno partecipato il procuratore generale Sotir Tsatsarov, il ministro dell'Interno Mladen Marinov e il segretario capo del ministero dell'Interno Ivailo Ivanov.

 

Nei giorni scorsi, i resoconti dei media hanno dichiarato  che potrebbe esserci un collegamento tra il presunto avvelenamento nell'aprile 2015 del proprietario di Dunarit Gebrev, suo figlio e il direttore di produzione dell'azienda, il caso Skripal e le visite di un ufficiale dell'intelligence militare russa in Bulgaria. L'inchiesta secondo quanto riferito è stata riaperta a causa dei sospetti che nell'attacco a Gebrev è stata usata una sostanza del famly Novichok.

 

Il caso Skripal ha coinvolto l'avvelenamento nel Regno Unito dell’agente russo Yuriy Skripal e sua figlia Yulia. Un agente di polizia è stato gravemente ferito nell'attacco. Londra ha puntato il dito su Mosca per quanto riguarda il caso Skripal.

 

Parlando dopo l'incontro, Hopkins ha dichiarato che sono state discusse le informazioni sul possibile avvelenamento di Gebrev.

 

Tutte le filiali europee tengono pienamente conto di tutte le accuse e le interferenze dei servizi russi in Europa, ha affermato.

 

“Il Regno Unito ha una vasta esperienza,  e puó fornire  informazioni utili sul caso Skripal. Stiamo  lavorando a stretto contatto con le autorità e i servizi bulgari.”

 

Hopkins ha dichiarato che è in corso un'indagine, quindi non è stato possibile rivelare i dettagli "ma stiamo lavorando in una squadra comune e in una stretta collaborazione, e scopriremo ciò che è avvenuto.

 

"Tutte le domande sulla sicurezza nazionale del Regno Unito e della Bulgaria sono di fondamentale importanza per noi, e continueremo a indagare anche dopo la Brexit", ha affermato.

 

Tsatsarov disse che Sergey Fedotov, un agente dell'intelligence militare russa, era stato in Bulgaria tre volte.

 

Fedotov arrivò in aereo il 5 febbraio 2015, partendo dall'aeroporto di Sofia il 22 febbraio, per poi atterrare all'aeroporto di Bourgas il 24 aprile, con partenza  prevista il 28 aprile, nuovamente verso  l’aeroporto di Sofia, il 23 maggio se ne sarebbe poi andato dalla Bulgaria per volare  in direzione della Serbia  , accompagnato da qualcun altro, ha dichiarato  Tsatsarov.

 

La procura aveva ripreso i procedimenti pre-processo a metà ottobre 2018 in relazione all'avvelenamento di Gebrev dopo che il proprietario del Dunarit aveva inviato una lettera in cui diceva di sospettare di essere stato avvelenato con il  Novichok.

 

"Da allora, abbiamo lavorato in piena cooperazione e coordinamento con i servizi britannici. Hanno pieno accesso a tutti i documenti e tutti i materiali del caso e ai risultati di tutte le azioni investigative. Un ordine di indagine europeo e le lettere sono state inviate nel Regno Unito per fornire la base legale per l'interazione tra le autorità bulgare e britanniche ", ha dichiarato Tsvetanov 

 

Il 9 febbraio, il leader parlamentare del partito GERB di Borissov, Tsvetan Tsvetanov, ha dichiarato che il comitato parlamentare che supervisiona i servizi di sicurezza terrà un'udienza il 14 febbraio sulle recenti relazioni sul caso Gebrev.                                   Fonte:Sofiaglobe 

C087E336-3E03-4520-91F6-9A0381AA8054

[In una conferenza a Bratislava, il viceministro degli esteri bulgaro Yuri Sterk ha espresso preoccupazione per il crescente affermarsi del populismo in Europa che sta creando un terreno favorevole per lo sviluppo di fenomeni come l'antisemitismo.

 

Sterk ha sottolineato la politica attiva della Bulgaria al fine di contrastare ogni intolleranza e odio razziale, secondo una dichiarazione del ministero degli Esteri rilasciata alla fine della conferenza di due giorni del 6 febbraio.

 

La conferenza è stata organizzata dalla Presidenza slovacca dell'Organizzazione per la sicurezza e la cooperazione in Europa (OSCE) e dall'Ufficio dell'Organizzazione per le istituzioni democratiche e i diritti umani (ODIHR). La resistenza all'antisemitismo fa parte del lavoro dell'OSCE sulla dimensione umana della sicurezza, afferma la dichiarazione.

 

Gli aspetti principali delle discussioni erano di rafforzare la sicurezza delle comunità ebraiche, investire in iniziative educative per aiutare a prevenire l'antisemitismo e mantenere viva la memoria dell'Olocausto e il ruolo dei media in questi processi. Sono stati ricercati nuovi approcci per risolvere il vecchio e inesistente fenomeno dell'odio razziale.

 

Sterk ha illustrato le iniziative adottate dalla Bulgaria durante la sua presidenza del Consiglio dell'UE nel 2018 per combattere l'antisemitismo e il futuro impegno del paese in materia.

 

Ha visto questo riconoscimento all'ammissione della Bulgaria come membro a pieno titolo dell'Alleanza internazionale per la memoria dell'Olocausto (IRA).

 

Nel corso della conferenza, i paesi partecipanti hanno convenuto che le manifestazioni di discriminazione e intolleranza che provocano crimini di odio mettono in pericolo non solo gli individui ma alimentano anche il potenziale di violenza diffusa che può diventare una minaccia per la sicurezza internazionale.

 

Sterk ha tenuto un incontro separato con il CEO del World Jewish Congress, Robert Singer.

 

Ha personalmente ringraziato Singer e il WJC per aver sostenuto l'adesione della Bulgaria all'IHRA nel novembre 2018.

 

L'incontro ha confermato la volontà di lavorare insieme contro l'antisemitismo e l'intolleranza e di diffondere le lezioni del passato tra la generazione in crescita, per superare la possibilità di ripetere la tragedia dell'Olocausto, ha detto la dichiarazione del ministero degli Esteri bulgaro.

 

In questo, l'esempio del salvataggio degli ebrei bulgari dai campi di sterminio dell'Olocausto ha avuto un posto speciale, come prova evidente che il valore è possibile anche nei giorni più bui della storia, ha detto Sterk.

 

L'incontro ha anche confermato la disponibilità della Bulgaria a mettere a punto un piano d'azione nazionale sulla base del memorandum di cooperazione firmato nel 2018 tra il governo, l'Organizzazione degli ebrei bulgari "Shalom" e il WJC, ha affermato la dichiarazione del ministero degli Esteri.                                                                     Fonte:Sofiaglobe 

B9977174-BA42-4354-B430-6F79870CBC2A

Il primo ministro bulgaro Boiko Borissov e il suo omologo di Skopje, Zoran Zaev, si sono incontrati a Sofia il 4 febbraio, lodando i loro progressi nelle relazioni bilaterali che hanno seguito la firma del trattato di buon vicinato.

 

Borissov ha dichiarato che gli sforzi compiuti dalla Bulgaria nei confronti della Repubblica di Macedonia non sono stati vani.

 

Al settimo incontro formale faccia a faccia da quando Zaev è diventato il primo ministro della Repubblica jugoslava, Borissov ha sottolineato come sono stati compiuti progressi nel commemorare insieme i momenti della storia comune dei due paesi.

 

Borissov ha detto che la presidenza bulgara del Consiglio dell'UE - tenutasi nella prima metà del 2018 - si è guadagnata il posto nella storia mettendo sul tavolo il tema dei Balcani occidentali.

 

"Per quanto ci piacciano o no, tutti i paesi del mondo ne tengono conto - sia coloro che non amano noi e quelli che lo fanno. Questo è un dato di fatto ", ha detto Borissov.

 

Ha detto che anche se nessuno ci avrebbe creduto, in un solo anno la Bulgaria e la Macedonia avevano raggiunto un accordo, così come la Repubblica di Macedonia e la Grecia.

 

Borissov si riferiva al trattato di buon vicinato tra Sofia e Skopje, nonché all'accordo di Prespa, concordato tra Zaev e il suo omologo greco Alexis Tsipras, per porre fine alla disputa decennale tra Atene e Skopje, rinominando l'ex repubblica jugoslava in la "Repubblica del Nord Macedonia".

 

Con l'accordo di Prespa che è stato approvato dalle legislature di Skopje e ad Atene, l'ex repubblica jugoslava è pronta per l'esame del suo protocollo di adesione alla NATO firmato il 6 febbraio a Bruxelles dagli ambasciatori dei membri dell'Alleanza.

 

"E non ci credevo", disse Borissov. "Ventisette anni di attesa e improvvisamente, con la presidenza bulgara (dell'UE) tutto è successo in sei o sette mesi. Beh, è stato un caso? .

 

Ha detto che scegliendo questo argomento difficile, la Bulgaria ha dato ai suoi vicini grandi prospettive, e questo è indirettamente importante per la stabilità, il commercio, la prosperità, il reddito, l'istruzione, il turismo, la connettività energetica.

 

"Alcuni hanno detto che parliamo solo del Corridoio n. 8. Ma prendiamo atto ; - centinaia di milioni di euro dall'Unione Europea, dalla Commissione Europea, dalla Banca Mondiale hanno permesso che sia già in costruzione. Proprio così, non credevano anni fa, che in Bulgaria ci sarebbero state autostrade. Ma sono passati due o tre anni - e sarà una realtà. "

 

Borissov ha previsto che il giro d'affari della Bulgaria e della Repubblica di Macedonia, attualmente di 650 milioni di euro, supererebbe rapidamente un miliardo.

 

"Perché molti degli uffici bulgari di società straniere hanno interesse a investire in Macedonia, perché i loro uffici logistici sono qui", ha detto Borissov.

 

Zaev ha detto che l'amicizia tra i due paesi non è mai stata più forte, e che è ancora più forte.

 

Ha ringraziato la Bulgaria e il suo popolo per l'assistenza e gli sforzi compiuti per quanto riguarda la strada della Repubblica di Macedonia verso l'adesione alla NATO e l'UE.

 

Zaev ha detto che il suo paese è in attesa dell'adesione alla Nato da 27 anni, e questo è successo grazie ad amici come la Bulgaria, ha detto un comunicato del governo bulgaro.

Foto del giorno

68F65BBC-F3BC-437B-9286-61B33A67DD50
Foto del giorno Bulgaria (Sketches of Sofia)

Dai nostri lettori

I media e l'informazione

News image

In questo tempo in cui l’accesso alle informazioni è facilitato dai mezzi di comunicazione ed è diventato ac... Leggi tutto

Punti di vista

Pensare fuori dagli schemi genera creatività

News image

Il NYT a firma di un noto commentatore economico si incari...

Punti di vista | Alberto Cossu

Dal mondo