oroscopo  Meteo
Italian - ItalyБългарски (България)

DA49823E-4804-41C4-BDE1-9A41E7AD7F0B

Per la Bulgaria è stato un anno sulle montagne russe.  Il paese ha dato il via al 2018 detenendo la presidenza dell'UE da gennaio a giugno e ottenendo il plauso del presidente della Commissione europea Jean-Claude Juncker, che l'ha definita una "storia di successo" degna di entrare nello spazio Schengen.



Tuttavia, la seconda metà dell'anno non ha visto una navigazione così chiara.  Con il paese che si trova in fondo all'UE per quanto riguarda il PIL, la media dei salari e la corruzione, gli investimenti diretti esteri (IDE) sono quasi del tutto crollati e i problemi strutturali di fondo hanno cominciato a emergere, il che indica che la Bulgaria potrebbe trasformarsi nella prossima crisi politica ed economica dell'Europa.



Il rovesciamento delle crepe



A prima vista, la Bulgaria sembra aver compiuto progressi significativi dalla sua adesione all'UE più di dieci anni fa.  Prima del 2007, il tenore di vita nel paese era solo il 34% della media dell'UE; nel 2016 era salito al 53%.  La disoccupazione è scesa ad appena il 5,7% della popolazione - più bassa che in Belgio o in Francia.  Anche l'economia bulgara ha mostrato un miglioramento costante e impressionante: il reddito cresce più velocemente, oltre il 10% all'anno, di quasi tutti gli altri paesi dell'UE, mentre il PIL continua ad aumentare di quasi il 4%, una serie di segnali promettenti che sembrano confermare l'affermazione del primo ministro bulgaro Boyko Borisov secondo cui "la Bulgaria ha alcune delle migliori condizioni in Europa per fare business".



Un'ispezione più attenta, tuttavia, rivela i problemi che si celano sotto.  Nonostante questi evidenti progressi, la Bulgaria rimane la nazione più povera dell'UE, mentre i suoi cittadini si portano a casa il salario medio più basso (550 euro al mese) di qualsiasi altro paese del blocco.  Anche i dati incoraggianti sulla disoccupazione si spiegano con l'esodo di massa di giovani professionisti bulgari qualificati; oggi il numero di bulgari che lavorano all'estero è maggiore che nel proprio paese d'origine.  Grazie a questa fuga di cervelli, ci possono essere abbastanza posti di lavoro per tutti, ma le industrie in generale devono affrontare un deficit di competenze scoraggiante.



Forse la cosa più preoccupante di tutte, la tanto decantata crescita economica della Bulgaria è stata ampiamente sostenuta dai finanziamenti dell'UE.  Il paese ha ricevuto 10 miliardi di euro di aiuti europei tra il 2014 e il 2020, iniezioni di liquidità che rappresentano oltre la metà del tasso di crescita annuale.  Con quella fonte di entrate che presto si ridimensiona, è difficile capire come il Paese sarà in grado di mantenere la crescita che ha mascherato i suoi notevoli problemi fino ad ora.



Un colpevole: la corruzione



Il principale di questi fallimenti è la corruzione diffusa che pervade la sfera politica, giudiziaria e imprenditoriale del paese.  Secondo Transparency International, la Bulgaria è la nazione più corrotta di qualsiasi altra nazione dell'Unione Europea, corruzione che distoglie il 15% del PIL a vantaggio dell'economia grigia (o informale), impedendo alla nazione di realizzare appieno il suo potenziale.



Mentre la vicina Romania, che ha aderito all'UE contemporaneamente alla Bulgaria, nell'ultimo decennio ha imprigionato decine di alti funzionari e persino un primo ministro , le autorità bulgare hanno adottato un approccio poco efficace per affrontare la corruzione endemica del paese, e sono state talvolta ostili agli sforzi per farla uscire allo scoperto, come nel caso di due giornalisti che sono stati recentemente arrestati dalle autorità bulgare mentre indagavano su episodi di corruzione ad alto livello in relazione alla distribuzione dei finanziamenti dell'UE.



Inoltre, l'istituzione anticorruzione del paese, la BORKOR si è mostrata riluttante ad accettare casi di alto profilo, preferendo i profili più bassi dei piccoli delinquenti.  Questa incapacità o riluttanza ad affrontare la corruzione ai massimi livelli ha portato la Commissione Europea a definire la BORKOR "frammentata" e "largamente inefficace" nella sua ultima relazione.  Infatti, il Dipartimento di Stato americano è arrivato a definire la magistratura bulgara "l'istituzione meno affidabile del paese".

Ambiente inospitale per gli investimenti dall'estero



Questo clima di incertezza e sfiducia ha frenato gli investimenti esteri diretti (IED) in Bulgaria.  Prima della sua adesione all'UE nel 2007, gli IED ammontavano a 9 miliardi di euro e rappresentavano il 28% del PIL.  Nei dieci anni trascorsi da allora, gli IDE hanno raggiunto appena 0,9 miliardi di euro e solo il 2% del PIL.  Nei primi sei mesi del 2018, gli IDE sono diminuiti del 49,5%.



Anche gli investitori stranieri sono diffidenti  e sono convinti di ricevere un trattamento ingiusto da parte del paese rispetto alle imprese nazionali.  Il settore energetico è un esempio particolarmente evidente di questa disparità; dal 2013, tutti e tre i distributori di energia elettrica bulgari (EVN dall'Austria ed Energo-Pro e CEZ dalla Repubblica Ceca) hanno presentato ricorso arbitrale contro il governo.  Quest'anno CEZ si trova persino di fronte a un nuovo fronte di anomalia, nel tentativo di scaricare i suoi beni in un'entità privata bulgara, per poi trovare il governo che interviene ancora una volta.



Questo ambiente inospitale, insieme alla corruzione pervasiva e alla scarsità di lavoratori qualificati, ha gradualmente reso la Bulgaria una proposta commerciale poco attraente per gli investitori occidentali.  Paesi come la Russia, con una gamma più ristretta di partner commerciali e ulteriori motivi per aumentare la loro influenza in Bulgaria, hanno subito un  rallentamento.  L'investimento russo nel settore immobiliare bulgaro ammonta a circa 1,1 miliardi di euro, mentre il premier Borisov ha fatto un sorprendente voltafaccia su una proposta di centrale nucleare basata sulla tecnologia russa.  Appena sei anni dopo aver definito la centrale di Belene "lo schema di corruzione del secolo", Borisov sembra determinato a far risorgere l'accordo, con la confusione dei media internazionali e con la costernazione dei leader dell'UE.



Il periodo della luna di miele è finito



Finora, i politici sia all'interno che all'esterno della Bulgaria hanno potuto indicare l'impressionante tasso di crescita economica del paese come prova della sua perfetta assimilazione nell'UE.  Tuttavia, gli stessi finanziamenti che hanno facilitato la crescita sono sull'orlo dell'esaurimento, mentre Sofia deve ancora risolvere le sue profonde questioni.



Con la sua posizione strategica tra est e ovest, la Bulgaria ha il potenziale per diventare un focolaio di attività di investimento.  La realizzazione di questo sogno, tuttavia, richiederà solide misure anticorruzione, una rigorosa applicazione della legge per tutti i membri della società, condizioni di parità per le imprese straniere e riforme legislative per dare maggiore impulso agli investimenti dall'estero.  La mancata attuazione di tali cambiamenti vedrà probabilmente Sofia diventare l'ultimo malato dell'Unione europea.

CFBA031D-C10A-4E79-974D-EDE9E6FCB039

I membri della commissione per le libertà civili del Parlamento europeo hanno votato a stragrande maggioranza a favore di un invito ai ministri dell'Unione europea ad ammettere al più presto la Bulgaria e la Romania nello spazio Schengen esente da controlli alle frontiere.

 

Il voto del 5 novembre è stato di 36 voti favorevoli, 4 contrari e 1 astensione.

 

I deputati hanno sottolineato che un approccio in due fasi - il primo controllo alle frontiere interne marittime e aeree, seguito dall'arresto dei controlli alle frontiere interne terrestri - comporterebbe una serie di rischi e potrebbe avere un impatto negativo sul futuro allargamento dello spazio Schengen. La decisione dovrebbe pertanto essere presa sotto forma di atto giuridico unico, affermano i deputati.

 

I deputati hanno anche invitato i ministri dell'UE a decidere in merito all'adesione della Croazia a Schengen non appena la Croazia avrà soddisfatto i criteri richiesti.

 

I membri del comitato hanno sottolineato che lo spazio Schengen è un accordo unico e uno dei maggiori risultati dell'UE (COMP 6).

 

Il rinvio della piena adesione della Bulgaria e della Romania ha comportato conseguenze negative non solo per i due paesi, ma anche per l'UE nel suo complesso, ha affermato il comitato.

 

I deputati hanno affermato che il mantenimento dei controlli alle frontiere interne o la loro reintroduzione nello spazio Schengen mina la fiducia dei cittadini nelle istituzioni europee e nell'integrazione. Hanno anche un impatto economico negativo sul mercato interno dell'UE e sulle esportazioni e importazioni da e verso Bulgaria e Romania.

 

Hanno affermato che l'allargamento dello spazio Schengen o la libera circolazione dei cittadini dell'UE non dovrebbero essere influenzati negativamente dalle carenze in altre politiche dell'UE come la politica in materia di asilo e migrazione.

 

Il Parlamento europeo dovrebbe votare questa relazione non legislativa a dicembre.

 

Il Parlamento europeo ha dato il via libera alla Bulgaria e alla Romania per entrare nello spazio Schengen nel giugno 2011 e ha ribadito la sua posizione diverse volte in seguito alla risoluzione legislativa.

 

Attualmente, Bulgaria e Romania applicano parzialmente l'acquis di Schengen e i controlli vengono effettuati ai confini dei due paesi. La decisione finale se i due paesi possano entrare a far parte dello spazio Schengen deve essere presa tramite un voto unanime del Consiglio da parte dei ministri dell'UE.                                                            Fonte:Sofiaglobe.com

8C951715-93D7-45F1-9CE8-34EADB7F744F

In attesa di colloqui faccia a faccia per la terza volta in quattro mesi, il primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu e il suo ospite bulgaro Boiko Borissov hanno sottolineato le forti relazioni tra i loro paesi.

 

Parlando a Varna alla vigilia del vertice quadrilaterale tra Bulgaria, Grecia, Romania e Serbia, a cui parteciperà anche Netanyahu, i due capi di governo hanno discusso su più temi dai Balcani alla cooperazione energetica.

 

Secondo una dichiarazione dei media del governo bulgaro, Borissov ha detto che, dopo aver incontrato Netanyahu, proprio come Israele, la Bulgaria era un "posto chiave".

 

"E la nostra regione è tale che, con gli sforzi condivisi, la tolleranza e l'amicizia, dovremmo risolvere i nostri problemi, e i Balcani hanno enormi prospettive", ha detto Borissov.

 

Borissov ha anche affermato  che il vertice del 2 novembre è stato collegato al desiderio dell'Unione europea e dei Balcani di diventare più prosperi.

 

Ha detto che il potenziale di sviluppo è proprio nelle aree in cui Israele è leader, come l'alta tecnologia e la sicurezza.

 

"Spero che nel prossimo futuro svilupperemo i nostri impianti militari per la produzione congiunta di droni", ha affermato Borissov.

 

Borissov ha informato Netanyahu delle sue recenti visite negli Emirati Arabi Uniti e in Egitto. Ha parlato dell'enfasi posta sulla possibilità di creare hub alimentari nei Balcani, lo sviluppo della cooperazione nel campo della tecnologia dell'informazione e la costruzione di "ponti" tra paesi nei settori della medicina, farmacia, e altri.

 

Netanyahu ha dichiarato che è stato onorato di partecipare al summit.

 

"La cooperazione che la Bulgaria ha con i Balcani occidentali, la visione comune della regione che condividiamo è qualcosa che può aiutare tutti i paesi della regione".

 

Netanyahu ha anche affermato che questo è stato il suo terzo incontro con Borissov in soli quattro mesi è indicativo non solo della loro amicizia, ma anche della visione comune di ciò che possono ottenere per i loro paesi.

 

Ha detto che oltre 210.000 turisti provenienti da Israele hanno visitato la Bulgaria l'anno scorso, e spera che questo numero cresca 

 

L’ufficio stampa del governo bulgaro ha affermato che Netanyahu si è concentrato sul tema dell'energia, che a suo dire aveva un grande potenziale.

 

Ha indicato l'ambizioso progetto East Med del Mediterraneo orientale, sottolineando che parte di questo gas, attualmente in fase di negoziazione con la Grecia, potrebbe raggiungere anche la Bulgaria.

 

Netanyahu ha detto a Borissov: "Grazie alla vostra leadership, la Bulgaria è diventata uno dei principali paesi dell'UE, non solo nei Balcani. Ma anche, sul palcoscenico mondiale ".

 

Netanyahu pensa che la Bulgaria sia un partner estremamente importante per Israele, e le relazioni tra i due paesi dovrebbero continuare in questo spirito perché questo è importante per entrambi i popoli, la regione e tutto il mondo.

Foto del giorno

60464676_2316692978620438_8310989518530412544_n
Foto del giorno Bulgaria (Sketches of Sofia)

Dai nostri lettori

I media e l'informazione

News image

In questo tempo in cui l’accesso alle informazioni è facilitato dai mezzi di comunicazione ed è diventato ac... Leggi tutto

Punti di vista

Pensare fuori dagli schemi genera creatività

News image

Il NYT a firma di un noto commentatore economico si incari...

Punti di vista | Alberto Cossu

Dal mondo

Prezzi del petrolio ed equilibri mondiali

News image

La guerra del prezzo del petrolio si sta surriscaldando. E...

Dal mondo