oroscopo  Meteo
Italian - ItalyБългарски (България)

D95D1ED8-EADF-4799-91DC-5249EA081787

L' incontro di maggioranza del governo bulgaro che era stato programmato per l'8 ottobre è stato rinviato al 12 ottobre, perchè non si sarebbe trovato un accordo sulla scelta del nuovo segretario del ministero dell'Interno.
Il posto è vacante in seguito all'elezione dell'ex segretario generale Mladen Marinov come ministro degli Interni.
Ancora una volta, il disaccordo è tra i patrioti uniti, il raggruppamento di partiti ultranazionalisti e di estrema destra che è il partner di minoranza nel governo del primo ministro Boiko Borissov.
Il leader di Ataka, Volen Siderov, vuole Svetlozar Lazarov come segretario, il quale è stato segretario capo del ministero dell'Interno dal 2013 al 2015 e che fino a poco tempo fa era un alto funzionario del partito di Siderov.
Il 7 ottobre, Ataka di Siderov aveva dichiarato  che il consiglio della coalizione si sarebbe incontrato  lunedì alle 9 per discutere la questione.
Ma non molto tempo dopo l'inizio previsto dell'incontro, la radio nazionale bulgara ha riferito che l’incontro sarebbe stato rinviato senza alcuna motivazione. Alcune fonti suggeriscono che Ataka avesse voluto il rinvio.
La stessa mattina, 8 ottobre, il co-leader dello United Patriots, Valeri Simeonov, con il quale Siderov è stato spesso pubblicamente in disaccordo, ha descritto Lazarov come una persona  con "seri aspetti negativi".
Simeonov si riferisce al caso Lyaskovets, di cui Lazarov era a capo dell’operazione . Un operazione mal riuscita, con un uomo malato di mente che si era barricato in un appartamento, un ufficiale delle forze speciali della polizia che è morto e tre persone rimaste gravemente ferite.
Un mese dopo l'operazione del marzo 2014, è stato annunciato che quattro membri del ministero dell'Interno dovevano pagarne le conseguenze sebbene Lazarov non fosse tra loro.
Simeonov ha dichiarato di ritenere che il nuovo segretario capo del ministero dell'Interno debba essere presentato dal partito GERB di Borissov.
Nominalmente, il capo segretario è un funzionario non di partito. La nomina di Marinov è stata voluta dalla quota GERB dopo che il suo predecessore, ministro dell'Interno, Valentin Radev - del GERB - si è dimesso.
Forse a  complicare la nomina del nuovo capo segretario sarà il fatto che debba essere accettato anche dal presidente Roumen Radev, il quale è stato eletto  dall'opposizione dal Partito socialista bulgaro che è comunque spesso pubblicamente critico dell'azione del governo presieduto da Borissov.
L'elezione di Marinov come ministro dell'Interno fu ritardata a causa di uno scontro pubblico tra la coalizione di governo e Radev sul fatto che Radev non fosse stato adeguatamente consultato sull'emanazione del decreto , di nomina in quanto la legge richiede la firma del Presidente, per eleggere Marinov come segretario capo.

E92340B1-0677-4901-9611-93A7329E3AEA

La polizia bulgara ha arrestato una persona sospettata di coinvolgimento nell'omicidio di Viktoria Marinova, la giornalista trentenne, stuprata e uccisa sabato in un parco, che nell'ultimo periodo stava lavorando su una presunta corruzione che coinvolge i fondi dell'Ue. Lo ha riferito il ministero dell'Interno. "Un sospettato è stato portato in commissariato di Ruse", città settentrionale dove lavorava la giornalista dell'emittente regionale Tvn, e dove si trova ora anche il ministro dell'Interno, Mladen Marinov, che oggi parlerà alla stampa insieme alla procura", ha spiegato un portavoce. Secondo alcune fonti l'uomo arrestato sarebbe un cittadino romeno con un passaporto della Moldavia.

Aperta indagine su fondi Ue. Bloccato trasferimento bancario da 14 mln euro

La procura di Sofia ha avviato una inchiesta su presunti abusi nell'utilizzo di fondi dell'Unione europea, e ha bloccato un trasferimento bancario di circa 14 milioni di euro in base alla Legge per le misure contro il riciclaggio di denaro. Lo ha annunciato il procuratore generale della repubblica Sotir Tsatsarov precisando che si tratta di un'operazione bancaria da parte della compagnia edilizia bulgara 'Gp Group'. La denuncia contro la compagnia è partita a seguito di un servizio giornalistico del sito internet 'Bivol' e su segnalazione del vicepremier Tomislav Doncev. Nella sua ultima trasmissione il mese scorso, la giornalista bulgara Viktoria Marinova, uccisa sabato nella città di Russe, nel nord della Bulgaria, aveva intervistato due giornalisti, il bulgaro Dimitar Stoyanov del sito internet 'Bivol' e il romeno Attila Biro della Rise Project Romania, che svolgevano indagini giornalistiche per corruzione e abusi sui fondi Ue da parte della 'Gp Group'.

fonte:msn.com

1C33416D-120B-4343-BB98-5B9E90B9AE72

Il risultato del referendum in Macedonia non è stata soltanto la sconfitta per chi voleva il cambio di nome. È stata una sconfitta anche (e forse soprattutto) per l’Occidente, che su questo voto popolare aveva puntato tutto. Sia chiaro, l’esito non è vincolante. Ma è evidente che la bocciatura popolare c’è stata. Ed è un problema con cui il governo macedone e i quelli occidentali devono fare i conti: è il segnale che quella parte di mondo non attrae più come un tempo.

Ma c’è anche un altro segnale che scaturisce da questo voto. E non riguarda lo scontro fra Oriente e Occidente, ma in particolare la regione dove si è tenuto il referendum: i Balcani. L’Europa ha per anni, forse decenni, sottovalutato la sua parte sud-orientale. Quasi  certa del destino manifesto degli Stati dell’Est di entrare nell’Europa che conta, Bruxelles ha forse creduto, inconsciamente, che i Balcani rappresentassero un nodo che il tempo avrebbe sciolto da solo. 

La realtà dimostra il contrario. I Balcani sono a tutti gli effetti uno dei grandi temi su cui l’Occidente non si è mai fermato a riflettere. E questo nonostante le guerre che hanno insanguinato la regione: conflitti orrendi che avrebbero dovuto far comprendere che quelle ferite non si sarebbero ricucite in poco tempo. Ma che hanno anche dimostrato come vi siano sentimenti nazionalisti e fortemente divergenti rispetto al “mainstream” occidentale che rendono tutta l’area molto difficile non solo da gestire ma anche da capire fino in fondo.

La Macedonia è un caso. Ma è la dimostrazione che l’elettorato balcanico tende a essere di per sé anti-sistema. Lo stesso che ha fatto in Grecia, con il famoso e ormai quasi dimenticato referendum con cui il popolo ellenico aveva bocciato il piano proposto dai creditori internazionali e dalla Troika.

In quell’occasione, Alexis Tsipras e i governi europei pensavano che i greci, forse per timore di ripercussioni ancora più gravi sulla loro economia, avrebbero votato il sostegno al piano. E invece l’elettorato greco votò “no”. E quella scelta, diventata poi il simbolo della lotta all’austerità imposta dall’Europa e dalla finanza, aveva fatto capire a tutti la difficoltà di percepire le reali intenzioni di un popolo.

Ma la difficoltà di capire i Balcani non è un problema di natura secondaria. La loro posizione geografica e il loro essere ponte fisico fra Oriente e Occidente li rendono un crocevia fondamentale. Russia, Stati Uniti, Cina, Unione europea, Nato e altre potenze sono tutte coinvolte nella regione e la vogliano strappare alla potenza avversaria. E capire cosa anima gli elettori della regione significa anche capire la direzione che prenderà a livello geopolitico nel prossimo futuro.

Il problema è che i Balcani hanno un’importanza diversa a seconda della potenza che li vuole assimilare. Ma tutti li vogliono per sé. E ogni elezioni rappresenta uno scontro internazionale basato su problemi nazionali o regionali.

Per la Cina, la regione rappresenta la testa di ponte della Nuova Via della Seta in Europa. È arrivata in Grecia per poi iniziare a risalire da sud a nord fino all’Europa centro-orientale. E le sue infrastrutture e accordi commercialistanno modificando radicalmente il quadro politico della regione, mettendo a repentaglio la strategia non solo americana ma anche russa ed europea. 

Per la Russia, i Balcani rappresentano la via per il Mediterraneo e una regione che, con la caduta del’Unione sovietica, si sono visti strappare da parte dell’Occidente. Oggi solo la Serbia rimane effettivamente legata a Mosca, con alcune difficoltà anche in questo caso. Il voto macedone dà una boccata d’ossigeno al Cremlino. Ma per il resto, la regione si sta sempre di più allineando con Washington, dalla Grecia, alla Croazia, passando per altri Stati che si oppongono storicamente a Mosca.

Gli Stati Uniti (e quindi la Nato) vogliono estendere la propria influenza. E anche per questo motivo hanno sostenuto il referendum macedone. L’ok al cambio di nome avrebbe permesso l’accordo con la Grecia, quindi la fine dell’opposizione di Atene al riconoscimento del Paese e il suo consequenziale placet all’ingresso nell’Ue e alla Nato. Per Washington, i Balcani sono un’area fondamentale che funge da diga fra il Mediterraneo e la Russia. Averli significa togliere a Mosca influenza ma anche margini di manovra. E con l’arrivo della Cina, vuol dire anche monitorare le mosse di Pechino.

Poi c’è l’Unione europea: o meglio, quello che ne rimane. L’Ue con i Balcani ha sbagliato quasi tutto. Ha fatto finta di non capire che le ceneri degli scontri etnici bruciavano ancora e ha pensato che l’avvento di Bruxelles sarebbe stato letto come una sorta di benedizione. Ma la popolazione balcanica non è quella dell’Europa occidentale. E lo dimostrano tutte le volte che vanno al voto.

È per questo che il referendum non va sottovalutato. È l’ennesimo campanello d’allarme che fa capire non solo che i Balcani sono ancora incompresi, ma che rappresentano ancora un punto interrogativo per tutto il nostro continente. Con un’unica certezza: non daranno mai la risposta che tutti si aspettano. Macedonia docet.

Fonte:occhidellaguerra.it

Foto del giorno

17E6FE85-0862-42A7-A9B8-17B05230C093
Foto del giorno Bulgaria 

Dai nostri lettori

I media e l'informazione

News image

In questo tempo in cui l’accesso alle informazioni è facilitato dai mezzi di comunicazione ed è diventato ac... Leggi tutto

Punti di vista

SIGNORAGGIO, "DIVORZIO" E DEBITO PUBBLICO

News image

di Thomas FaziSta facendo molto discutere il servizio di&n...

Punti di vista | Administrator

Dal mondo

Sindrome orientale: il commento di Mario Sechi

News image

Il governo tra Cinque Stelle e Lega è al momento l'unico p...

Dal mondo