oroscopo  Meteo
Italian - ItalyБългарски (България)

bulgaria-ministry-of-foreign-affairs-photo-mfa-604x272

La Bulgaria ha ufficialmente informato la Commissione europea di non essere in grado di accettare il quadro negoziale di adesione all'UE proposto per la Repubblica di Macedonia del Nord e il progetto di dichiarazione ad esso allegato, ha dichiarato il 6 novembre il ministero degli Esteri a Sofia. La Bulgaria sostiene che il progetto di dichiarazione non fornisce le garanzie necessarie per l'adempimento delle condizioni che cerca. Vuole che la Macedonia del Nord adempia ai suoi impegni ai sensi del trattato di buon vicinato e la Bulgaria si oppone alla registrazione della Macedonia come lingua ufficiale dell'Unione europea. Allo stesso tempo, la Bulgaria ringrazia la Presidenza tedesca del Consiglio dell'UE e il Commissario europeo per l'allargamento Olivér Várhelyi per il loro approccio costruttivo e gli sforzi congiunti quotidiani alla ricerca di una soluzione che è ancora possibile raggiungere nonostante le scadenze brevi. La richiesta della Bulgaria alle istituzioni europee è che le sue condizioni si riflettano direttamente nel quadro negoziale. Per la Bulgaria, l'opzione di fissare le condizioni per la Repubblica di Macedonia del Nord in una dichiarazione del Consiglio dell'UE, che accompagna il quadro negoziale, è inaccettabile. Una dichiarazione del Consiglio dell'UE non è uno strumento giuridicamente vincolante e non fornisce le garanzie legali richieste dalla Bulgaria, ha affermato il ministero degli Esteri. Il 30 ottobre, Reuters ha riferito che il ministro degli Esteri bulgaro Ekaterina Zaharieva ha affermato che la Bulgaria sosterrebbe l'inizio formale dei colloqui di adesione se Skopje riconoscesse che la sua identità e lingua hanno basi bulgare, ponendo così fine a qualsiasi affermazione secondo cui esiste una distinta minoranza "macedone" in Bulgaria.

Fonte:sofiaglobe

Osmani-Zakharieva-in-Sofia-EPA-EFE-VASSIL-DONEV-1280x721

Il ministro degli Esteri della Macedonia del Nord, Bujar Osmani, ha affermato lunedì che la Bulgaria ha sollevato polemiche all'uso della versione abbreviata del nome completo del paese, Repubblica di Macedonia del Nord, nei documenti dell'UE. Ma Osmani ha dichiarato che è disposto a chiarire e possibilmente aggiungere un allegato al suo trattato di amicizia del 2017 con la Bulgaria per risolvere la questione e per garantire che l'uso del nome abbreviato "Macedonia del Nord" non implichi rivendicazioni sul territorio bulgaro. "Se il nome breve provoca una certa preoccupazione in Bulgaria che qualcuno possa interpretarlo come una pretesa territoriale per la regione storica della Macedonia, non abbiamo problemi a fare un ulteriore chiarimento alla Bulgaria che sia il nome lungo che quello breve che sono in uso si riferiscono allo stesso territorio, quello della Repubblica di Macedonia del Nord ”, ha detto Osmani. Osmani, che ha visitato la Bulgaria all'inizio di ottobre, ha detto che "a Sofia abbiamo parlato di tutte le questioni e dell'accordo di amicizia, e abbiamo notato che c'è una differenza nelle aspettative [dall'accordo]". Ha aggiunto che entrambi i paesi hanno deciso di formare gruppi di lavoro di entrambi i ministeri degli esteri per discutere questioni come questa. Tra gli applausi dell'Occidente, nel 2017 i due paesi confinanti hanno firmato uno storico accordo di amicizia che mirava a trasformare la loro relazione a lungo ambigua in una stretta partnership orientata all'UE. Ma nel 2018, Skopje ha firmato l'ennesimo accordo storico, l'accordo del "nome" con Atene, che ha visto un cambio di nome del paese in cambio della revoca del blocco della Grecia sul cammino del suo vicino verso l'adesione alla NATO e all'UE. Quell'accordo ha cambiato il nome del paese dalla Repubblica di Macedonia alla Repubblica di Macedonia del Nord. Ciò è stato fatto in modo che non ci fosse confusione tra il paese e la provincia greca della Macedonia. La Macedonia del Nord di oggi è solo una parte di una regione storica più ampia chiamata Macedonia. Una parte di questa regione appartiene ora alla Grecia e una parte minore appartiene alla Bulgaria. Nonostante il trattato di amicizia, quest'anno la Bulgaria ha aumentato la pressione sulla Macedonia del Nord per risolvere alcune controversie storiche durature che erano state concordate per essere risolte attraverso una commissione di storia congiunta già operativa. Ciò è stato fatto alla luce delle aspettative della Macedonia del Nord di avviare formalmente i colloqui di adesione all'UE entro la fine di quest'anno, una speranza sostenuta da Bruxelles. Il Consiglio Affari generali dell'UE ha deciso all'unanimità di avviare i colloqui di adesione con la Macedonia del Nord e l'Albania il 24 marzo. Il Consiglio dei ministri dell'UE lo ha confermato all'unanimità il 26 aprile. Tuttavia, il Consiglio dei ministri ha anche incluso nella sua sintesi una dichiarazione separata presentata dalla delegazione bulgara che, tra le altre cose, ha insistito per eliminare i riferimenti alla lingua macedone e all'esistenza di una minoranza etnica macedone in Bulgaria, nonché un'obiezione a l'uso del nome breve del paese. Le condizioni riflettono la visione storica della Bulgaria secondo cui il macedone non è una lingua distinta dal bulgaro, o i macedoni distinti dai bulgari. Mentre sono in corso i preparativi per la prima conferenza intergovernativa con la Macedonia del Nord, che segnerà formalmente l'inizio dei colloqui con l'UE, i funzionari bulgari hanno aumentato la pressione. La prossima occasione per risolvere le divergenze sarà la visita del primo ministro della Macedonia del Nord a Sofia, dove incontrerà il suo omologo Boyko Borrisov - un viaggio previsto per l'inizio di novembre. Nel frattempo, le speranze vengono anche investite nel lavoro della commissione congiunta di storia che si è riunita a Skopje il 16 ottobre, dopo un anno di interruzione pratica, ma non è riuscita a portare avanti la disputa sulla storia. La commissione terrà la sua prossima riunione a Sofia a dicembre. Nel frattempo, in una recente dichiarazione, l'ambasciatore tedesco a Skopje, Anke Holstein, ha osservato che la Germania, che attualmente detiene la presidenza dell'UE, ha il chiaro obiettivo di avviare la prima conferenza intergovernativa con la Macedonia del Nord entro la fine di dicembre, e che sarebbe contrassegnato come un fallimento se non accade.

Fonte:BalkanInsight

h_55978453-1320x854

La Bulgaria ha affermato che porrà il veto all'avvio formale dei colloqui di adesione all'UE con la Macedonia del Nord a meno che le sue preoccupazioni sulla lingua e la storia non vengano prese in considerazione, hanno affermato i diplomatici dopo una riunione degli ambasciatori dell'UE mercoledì. Un diplomatico che ha preso parte all'incontro ha detto che il rappresentante bulgaro ha tenuto “un discorso molto lungo ed emozionante” sull'argomento. Gli ambasciatori stavano discutendo per la prima volta sul quadro per i negoziati con l'Albania e la Macedonia del Nord, presentato dalla Commissione europea la scorsa estate. Una volta che gli Stati membri avranno sostenuto il quadro, la presidenza del Consiglio dell'UE, attualmente detenuta dalla Germania, presenterà la cosiddetta "posizione generale dell'UE concordata" ai due paesi che sperano di entrare a far parte del blocco, segnando l'inizio formale della negoziati di adesione. Si prevedeva che il sostegno dell'UE al quadro negoziale sarebbe stato firmato in una riunione ministeriale del Consiglio "Affari generali" il 10 novembre, ma Sofia potrebbe far fallire quei piani. L'apertura dei colloqui con i due paesi balcanici è già stata difficile poiché la Macedonia del Nord e la Grecia hanno dovuto prima risolvere una disputa di quasi 30 anni sul nome del primo. L'anno scorso è stato ratificato un accordo tra i due, che ha aperto la strada all'adesione di Skopje alla NATO. Un altro ostacolo è apparso quando la Francia ha guidato un gruppo di capitali spingendo per un cambiamento nel modo in cui i paesi aderiscono al blocco. In una riunione dei leader dell'UE lo scorso ottobre, la Francia ha bloccato l'approvazione dell'apertura dei colloqui di adesione con entrambi i paesi. L'approvazione è stata concessa a marzo dopo che è stato trovato un compromesso che includeva il rinnovamento del processo di adesione. La discussione tra gli ambasciatori mercoledì è stata principalmente su questa nuova metodologia, con alcuni Stati membri che hanno dubbi su come sospendere i negoziati, hanno detto due diplomatici. Nelle ultime settimane la Bulgaria ha distribuito documenti agli altri Stati membri per spiegare la propria posizione. In uno dei documenti, visionati da POLITICO, Sofia ha sottolineato che la Bulgaria non può “accettare che il processo di costruzione della nazione ancora in corso nella Repubblica di Macedonia del Nord sia condotto attraverso la revisione della nostra storia comune, la negazione delle nostre comuni radici etniche e linguistiche o le affermazioni infondate per l'esistenza di una "minoranza macedone" in Bulgaria ". I due paesi hanno firmato un accordo nell'agosto 2017 per risolvere questi problemi "ma l'attuazione del Trattato è stata stagnante", ha detto Sofia.

Nikola Dimitrov, vice primo ministro per l'integrazione europea della Macedonia del Nord, ha detto che il suo paese è impegnato a realizzare l'accordo di amicizia con Sofia. Ha osservato che la Bulgaria ha svolto un ruolo positivo nel rimettere l'allargamento dell'UE nell'agenda del blocco, ma ha affermato che il successo sarebbe a rischio se non si trovasse una soluzione all'impasse. "Semplicemente non è giusto che la lingua macedone sia un ostacolo al nostro futuro europeo se l'UE è una comunità di valori che celebra la diversità", ha detto Dimitrov a POLITICO. I diplomatici hanno affermato che la sessione di mercoledì è stata solo una prima discussione e che c'è ancora la possibilità di evitare che il processo venga deragliato, con ulteriori colloqui in programma. "C'è ancora spazio per la diplomazia", ​​ha detto uno dei diplomatici coinvolti nella discussione, indicando gli incontri preparatori per il prossimo vertice come parte del cosiddetto processo di Berlino, che riunirà i leader dei Balcani occidentali e dell'UE, per essere tenutosi a Sofia il 10 novembre, lo stesso giorno del Consiglio Affari generali.

Fonte:Politico

Foto del giorno

126065639_2781594628796935_5342807069289340451_o

Foto del giorno Bulgaria (Sketches of Sofia) 

Interviste e commenti

Intervista all’Ambasciatore Stefano Baldi,un Entusiasta

News image

  Fai l’intervista e non vedi l’ora di arrivare in u...

Interviste e commenti

Dai nostri lettori

La narrazione dell'informazione

News image

Una volta la TV mostrava i fatti ed ai giornali spettava il compito di spiegarli. Oggi, con i giornali in fo... Leggi tutto

Punti di vista

Vi svelo un paio di frottole sul debito pubblico. Firmato: Savona

News image

Il problema del debito pubblico non è quindi quello del ri...

Punti di vista | Administrator

Dal mondo

Accordo Israele ed Emirati Arabi: un terremoto geopolitico ?

News image

  Israele e Emirati Arabi Uniti (UAE) hanno annunciato...

Dal mondo

Novita'

Secondo le previsioni piu' negative il PIL della Bulgaria diminuirà del 3%

News image

Gli ultimi cambiamenti di bilancio adottati dal governo bu...

Novita'