oroscopo  Meteo
Italian - ItalyБългарски (България)
B7B4A871-B651-4FB4-A936-276AF5FAA7CD

Le amministrative in Bulgaria, pur con una scarsa affluenza di circa il 44%, hanno confermato il predominio del partito conservatore Gerb al governo, davanti al Partito socialista bulgaro (Bsp), principale forza di opposizione. Tuttavia, stando ai primi dati ancora provvisori, si intravedono delle crepe nel colosso che il Gerb aveva costruito trionfando alle amministrative nel 2015. Domenica prossima ci sarà il ballottaggio in 15 centri, molti dei quali vere e proprie roccaforti del Gerb, dove nessun candidato a sindaco è riuscito a raccogliere il 50% più un voto. E per la prima volta da anni si andrà al ballottaggio anche nella capitale Sofia.

 

L'attuale sindaco Yordanka Fandakova, che puntava al quarto mandato come esponente del Gerb, avrebbe raccolto il 34,7% dei voti, mentre al suo principale rivale, l'ex difensore civico nazionale Maya Manolova che gode del sostegno del Partito socialista bulgaro schierato all'opposizione, sarebbe andato il 24,6 dei consensi. Il ballottaggio ci sarà anche in altri due grandi feudi del Gerb: la città di Plovdiv, la seconda per grandezza, e Varna, il maggiore porto sul Mar Nero. Soltanto in due grandi città, Burgas e Tarnovo, i candidati a sindaco del Gerb hanno vinto al primo turno. Anche se gli analisti non escludono la vittoria del Gerb domenica prossima, il fatto stesso che ci saranno i ballottaggi potrebbe essere il segnale di serie turbolenze sul versante politico, a scapito del Gerb, al potere in Bulgaria ormai da dieci anni. E tutto questo sullo sfondo dei gravi problemi da risolvere nel paese balcanico, a cominciare dalla corruzione ai più alti livelli del potere e la povertà. Il voto di ieri è stato anche un'occasione per uno scontro tra presidente e premier. "Voto con la speranza che Sofia si sviluppi come la capitale di un paese, in cui i fondi pubblici vengano spesi in modo trasparente ed efficiente, i servizi pubblici siano di alta qualità e lo sviluppo urbano sia in armonia con la natura", ha dichiarato il presidente Rumen Radev dopo aver votato, alludendo alle mancanze dell'attuale sindaco Fandakova. Radev aveva vinto le presidenziali nel 2016 con l'appoggio del partito socialista.

 

Al contrario, il premier Boyko Borissov, leader del Gerb, ha detto di aver votato per coloro "che stanno costruendo strade e metropolitana a Sofia, che hanno risolto la crisi con la nettezza urbana, che rendono più attraenti i parchi urbani", riferendosi ai successi della Fandakova. (ANSA).


E112CF6E-E170-4AED-AAA1-99A5C31791B0

 

Come previsto, il voto elettorale del 27 ottobre nella capitale della Bulgaria, Sofia, ha aperto la strada per una gara al secondo turno previsto tra una settimana , tra il sindaco in carica candidato del GERB Yordanka Fandukova e la sua rivale sostenitrice del socialismo, Maya Manolova

 

 Parlando dopo l'annuncio dei sondaggi di uscita il 27 ottobre dopo la fine delle votazioni, Fandukova, che ha ricoperto la carica di sindaco di Sofia per tre mandati, ha ringraziato coloro che avevano sostenuto la sua candidatura.

 

 "Grazie per la vostra  fiducia, questo è una grande responsabilità per me", ha detto.

 

 Fandukova, ex capo di una scuola che ha servito brevemente come ministro dell'istruzione nel primo governo del primo ministro Boiko Borissov prima di succedergli come sindaco di Sofia, ha espresso la fiducia che i residenti di Sofia avevano dimostrato di avere il giusto giudizio e volevano che lo sviluppo di Sofia continuasse.

 

 “Spero che domenica prossima i cittadini di Sofia usciranno per votare perché questa scelta è importante.  Stiamo elaborando soluzioni e progetti specifici. "

 

 Fandakova ha dichiarato di essere pronta a parlare con tutti i candidati di destra, perché i residenti di Sofia hanno dimostrato che nei loro programmi c'erano decisioni buone e pragmatiche.

 

 “Penso di essere stata molto  chiara  durante tutta la campagna, con i progetti, con le soluzioni per la città, non mi nascondo dietro chiacchiere vuote e parole comuni.  È così che lavoro, la gente mi conosce ", ha detto Fandukova.

 

 

 Yordanka Fandukova.

 Secondo Alpha Research, al primo turno Fandukova ha ottenuto il 34,5 per cento dei voti, contro il 26,2 per cento per Manolova.  Questo è stato un duro colpo per Manolova, che aveva dimostrato nei precedenti sondaggi di giocarcela alla pari con il candidato GERB.

 

 “Voglio ringraziare tutti coloro che sono usciti oggi per votare, che hanno votato per il cambiamento, che hanno votato per me.  Grazie per vostri sforzi, per la vostra fede, per il vostro coraggio.  Oggi Sofia ha dimostrato di voler cambiare, ma abbiamo bisogno di un'altra settimana di determinazione ", ha dichiarato Manolova, avvocato, ex vicepresidente del Parlamento ed ex difensore civico nazionale.

 

 

 Maya Manolova.

 "I cittadini devono dimostrare che possiamo unirci, essere al di sopra dei pregiudizi del nostro partito quando lottiamo per il cambiamento a Sofia", ha detto.

 

 "Il risultato odierno significa che possiamo fermare la corruzione, il monopolio monopartitico, l'aria sporca al potere e in strada".

 

 Per Manolova, la scelta del 3 novembre sarebbe tra "dittatura e democrazia".

 

 "La scelta è un diritto sacro", ha detto, invocando le antiche radici del nome della capitale della Bulgaria: "" Sofia "significa saggezza", ha detto Manolova.

CB5F1883-44A6-4FC1-8DA0-C333D59DA3FB

Il 24 ottobre il Parlamento europeo ha votato in modo schiacciante per etichettare la mancata apertura dei negoziati di adesione all'UE con la Repubblica della Macedonia del Nord e l'Albania.

 

 In una risoluzione, il Parlamento europeo ha sottolineato che entrambi i paesi soddisfano i requisiti per avviare i negoziati.

 

 Il Parlamento europeo ha espresso profonda delusione per il mancato accordo sull'apertura dei colloqui di adesione con l'Albania e la Macedonia settentrionale al vertice UE del 17 e 18 ottobre.

 

 I deputati si rammaricano per la decisione di Francia, Danimarca e Paesi Bassi di bloccare la decisione e affermano che l'Albania e la Macedonia settentrionale hanno compiuto notevoli sforzi negli ultimi anni e soddisfano i criteri dell'UE per avviare i colloqui sull'adesione.

 

 Lodando gli sforzi della Macedonia settentrionale per risolvere difficili problemi bilaterali con i paesi vicini, i deputati hanno anche accolto con favore le recenti riforme giudiziarie in Albania.

 Il Parlamento europeo ha sottolineato che la "non decisione" dei leader dell'UE è un errore strategico, che danneggia la credibilità dell'UE e invia un messaggio negativo ad altri possibili paesi candidati.  Potrebbe anche consentire ad altri attori stranieri - la cui attività potrebbe non essere in linea con i valori e gli interessi dell'UE - di impegnarsi più da vicino sia con l'Albania che con la Macedonia settentrionale, hanno affermato i deputati.

 

 Una riforma del processo di allargamento, sostenuta da alcuni paesi, non dovrebbe ostacolare l'Albania e la Macedonia del Nord, che già soddisfano i requisiti per essere valutati in base ai loro meriti e criteri oggettivi e non giudicati dalle agende politiche interne in altri paesi, afferma il testo  .

 

 I deputati hanno esortato i paesi dell'UE ad agire responsabilmente nei confronti dell'Albania e della Macedonia settentrionale e a prendere una decisione unanime positiva nella prossima riunione.  Il Parlamento dovrebbe intensificare le sue attività di sostegno alla democrazia per garantire che i parlamenti nazionali nei Balcani occidentali svolgano il loro ruolo di motori per le riforme democratiche, aggiungono.

Foto del giorno

126065639_2781594628796935_5342807069289340451_o

Foto del giorno Bulgaria (Sketches of Sofia) 

Interviste e commenti

Intervista all’Ambasciatore Stefano Baldi,un Entusiasta

News image

  Fai l’intervista e non vedi l’ora di arrivare in u...

Interviste e commenti

Dai nostri lettori

La narrazione dell'informazione

News image

Una volta la TV mostrava i fatti ed ai giornali spettava il compito di spiegarli. Oggi, con i giornali in fo... Leggi tutto

Punti di vista

Vi svelo un paio di frottole sul debito pubblico. Firmato: Savona

News image

Il problema del debito pubblico non è quindi quello del ri...

Punti di vista | Administrator

Dal mondo

Accordo Israele ed Emirati Arabi: un terremoto geopolitico ?

News image

  Israele e Emirati Arabi Uniti (UAE) hanno annunciato...

Dal mondo

Novita'

Secondo le previsioni piu' negative il PIL della Bulgaria diminuirà del 3%

News image

Gli ultimi cambiamenti di bilancio adottati dal governo bu...

Novita'