oroscopo  Meteo
Italian - ItalyБългарски (България)

Zaharieva-Strumica-1-604x272

Nel 2019, il governo bulgaro ha stanziato oltre un milione di leva (circa 500.000 euro) per 11 progetti di aiuto allo sviluppo in tutta la Repubblica della Macedonia del Nord, ha affermato il ministro degli Esteri Ekaterina Zaharieva.

Zaharieva stava parlando a Strumica all'apertura di un centro sociale multifunzionale nel comune, finanziato con 270 000 leva dal governo bulgaro con aiuti allo sviluppo.

Alla presentazione hanno partecipato il sindaco di Strumica Kosta Janevski e il viceministro degli Esteri della Macedonia settentrionale Andrej Zhernovski.

Sei organizzazioni non governative lavoreranno al centro per servire gli interessi di diversi gruppi di persone con disabilità, ha affermato una dichiarazione del Ministero degli Esteri bulgaro.

Nel quadro dell'aiuto allo sviluppo, la Bulgaria sta aiutando per la seconda volta il popolo di Strumica e gli insediamenti vicini, afferma la nota.

B69D40A1-BBB2-4D75-8283-8CB214AD221D

Il presidente bulgaro Roumen Radev ha dichiarato il 5 agosto di aver posto il veto agli emendamenti alla legge sull'intelligence militare, che avrebbe consentito ai civili di essere nominati come capo del servizio.

 

 Radev ha affermato di non essere d'accordo con il disegno di legge: "Questo non corrisponde al posto che il servizio di intelligence militare occupa una parte inseparabile delle forze armate bulgare".

 

 "Il responsabile del servizio dovrebbe disporre delle competenze necessarie, in particolare conoscenze specifiche ed esperienza professionale, al fine di realizzare i suoi obiettivi principali, che non è solo garantire la sicurezza , ma l'intelligence necessaria per la difesa del paese e la sicurezza nazionale da  attacchi stranieri, rischi e minacce ", ha detto nei suoi motivi di veto.

 

 Gli emendamenti "creano il rischio di violare i principi di gestione e controllo centralizzati dell'attività di intelligence e poca neutralità politica", ha affermato Radev.

 

 Radev ha ricordato che la Bulgaria aveva precedentemente consentito ai civili di dirigere l'intelligence militare, ma ha modificato la legge nel 2015 per imporre che il posto fosse ricoperto da un ufficiale di rango superiore la cui commissione fosse attiva.  Un veto imposto dall'allora presidente Rossen Plevneliev fu annullato dai parlamentari.

 

 “A quel tempo, l'Assemblea nazionale sostenne decisamente l'esigenza che il capo dell'intelligence militare facesse parte dell'esercito attivo.  Tale regola è in linea con il luogo e l'importanza che il servizio ha per le forze armate bulgare, motivo per cui non posso essere d'accordo con il ritiro effettuato dal disegno di legge ", ha affermato.

 

 Questa è la diciannovesima volta in cui Radev ha esercitato il suo potere di veto da quando è entrato in carica nel gennaio 2017, con il Parlamento che ha annullato il veto in tutti i casi tranne uno, quando la disposizione in questione è stata ritirata.  In diverse occasioni, Radev ha seguito una sfida della Corte costituzionale.

 

 La costituzione della Bulgaria conferisce al capo dello Stato un potere di veto limitato, consentendo al Presidente di restituire la legislazione all'Assemblea nazionale per ulteriori discussioni.  L'Assemblea Nazionale può ribaltare il veto del Presidente con un semplice voto di maggioranza.

6F795BD4-31A4-4CF9-B571-9DBC00781473

Il presidente bulgaro Rumen Radev ha posto il veto sulla ratificazione degli accordi per l’acquisto dei caccia americani F-16 e dei relativi armamenti e attrezzature.

Il presidente bulgaro Rumen Radev ha posto il veto sulla ratificazione degli accordi per l’acquisto dei caccia americani F-16 e dei relativi armamenti e attrezzature.

Lo ha comunicato la radio nazionale bulgara, citando l’ufficio stampa del presidente. Il capo dello stato ha affermato che le discussioni provocate dal voto tenutosi in Parlamento (Assemblea nazionale) la settimana scorsa hanno dimostrato che sull’acquisto degli F-16 non si è ancora raggiunto un accordo a livello nazionale.

“Legarsi a degli impegni (tra l’altro per diversi anni a venire) senza un accordo nazionale e senza la convinzione che le condizioni del contratto siano accettabili per entrambe la parti è motivo di grande inquietudine”, ha detto Rumen Radev.

In precedenza il presidente aveva più volte espresso la preoccupazione che i tentativi del Governo di ottenere un prezzo ammissibile avrebbe portato a una notevole riduzione delle capacità di combattimento dell’aereo. Secondo Radev rinunciare anche solo a una parte insignificante del pacchetto può voler dire che il caccia potrebbe anche non essere in grado di decollare.

“Se non ci sarà anche una piccola parte di questo pacchetto necessario, le capacità dell’aereo si ridurranno significativamente e il caccia potrebbe addirittura non decollare”, ha detto il presidente bulgaro la settimana scorsa dopo il voto in Parlamento.

Infatti il giornale bulgaro Epicenter aveva pubblicato una fotografia del protocollo relativo alle trattative tra Bulgaria e USA avvenute a maggio, nel quale la parte bulgara rinunciava completamente al sistema “aria-terra” e riduceva il numero dei piloti che saranno addestrati all’utilizzo degli F-16. Il primo segretario del presidente, Dimitr Stojanov, ha commentato dicendo che la Bulgaria in questo modo avrebbe portato al livello dell’aviazione dell’inizio del XX secolo le dotazioni di un aereo moderno di qualità eccezionale.

Con il voto della settimana scorsa il Parlamento ha approvato l’acquisto di otto caccia F-16, il cui prezzo totale ammonta a 1,256 miliardi di dollari. Gli aerei dovranno essere consegnati entro il 2023.

Venerdì in Parlamento si terrà il secondo turno del voto sugli F-16. Il presidente della Commissione parlamentare per la difesa, il deputato Konstantin Popov, esponente del partito al potere (Cittadini per lo Sviluppo Europeo della Bulgaria), ha espresso la convinzione che l’Assemblea nazionale supererà con facilità il veto del presidente.

“Sono sicuro che i rappresentanti daranno prova di saggezza. Discutiamone, parliamone in sostanza, ma alla fine è necessario votare a favore del futuro delle forze aeree militari, dell’esercito, a favore della sicurezza del nostro paese e della nostra autorità”, ha dichiarato Popov.

In Bulgaria l'opposizione critica attivamente l'acquisto dei caccia: a giugno Rumen Petkov, presidente del partito Alternativa per la Rinascita Bulgara, ha definito gli F-16 “costosissimi aspirapolveri”, mentre Tasko Ermenkov, deputato del maggiore partito d'opposizione bulgaro, il partito Socialista, li ha paragonati a delle "Lamborghini pazze".

Il vicepresidente dell'Assemblea nazionale bulgara e leader del partito nazionalista Volya, Veselin Mareshka, in un’intervista a bTV, ha affermato che il governo dovrebbe elevare il tenore di vita della popolazione, prima di spendere i soldi dei contribuenti per comprare i caccia F-16.

Fonte: sputniknews.com

Foto del giorno

106986755_2660991617523904_8394523148890537762_o

Foto del giorno Bulgaria (Sketches of Sofia) 

Interviste e commenti

Intervista all’Ambasciatore Stefano Baldi,un Entusiasta

News image

  Fai l’intervista e non vedi l’ora di arrivare in u...

Interviste e commenti

Dai nostri lettori

La narrazione dell'informazione

News image

Una volta la TV mostrava i fatti ed ai giornali spettava il compito di spiegarli. Oggi, con i giornali in fo... Leggi tutto

Punti di vista

Dal mondo

Coronavirus, Oms inchiesta ci sarà al momento opportuno

News image

L'assemblea dell'Oms ha approvato una risoluzione che sanc...

Dal mondo

Novita'

Secondo le previsioni piu' negative il PIL della Bulgaria diminuirà del 3%

News image

Gli ultimi cambiamenti di bilancio adottati dal governo bu...

Novita'