oroscopo  Meteo
Italian - ItalyБългарски (България)

8147EE6D-2F44-4B1A-B3AF-7B0DFCC0F3E5

C'è stato un significativo miglioramento nelle misure di disinfestazione ai valichi di frontiera con la Romania per impedire la diffusione della febbre suina africana in Bulgaria, ha detto il ministro dell'Agricoltura Rouman Porozhanov il 10 settembre.

 

Porozhanov ha parlato dopo aver ispezionato il recinto al confine terrestre della Bulgaria con la Romania vicino a Silistra.

 

Ha detto che lo spruzzatore meccanico al posto di controllo di Kaynardzha era stato sostituito con un dispositivo di disinfestazione zione un mese fa.

 

Allo stesso tempo, i funzionari di tutti i posti di frontiera hanno sequestrato prodotti a base di carne a base di maiale, l’hanno messa in dei congelatori e poi l’hanno distrutta , ha detto Porozhanov.

 

Ha ricordato che nel villaggio di Bozveliysko i maiali erano risultati negativi alla peste suina africana. Le prove furono ordinate dopo un focolaio di ASF in un villaggio vicino, che aveva portato alla soppressione dei maiali.

 

Porozhanov ha inoltre ricordato che l'Agenzia bulgara per la sicurezza alimentare ha pubblicato sul proprio sito web informazioni sulla registrazione dei suini non registrati nel modo più rapido possibile. Questo era importante per la biosicurezza, ha detto.

 

Ha incontrato rappresentanti di due associazioni di produttori di carne suina industriale. Hanno discusso il contrasto alla diffusione dell'infezione, la questione del risarcimento e le restrizioni sul movimento degli animali in alcune aree.

 

Più tardi, il 10 settembre, Porozhanov doveva tenere un incontro a Bucarest con i ministri rumeni dell'agricoltura e dello sviluppo rurale e dell'acqua e delle foreste.

 

Una delle richieste della Bulgaria sarebbe quella di fermare le razze di suini selvatici in Romania, che potrebbero condurre gli animali a correre in varie direzioni, anche verso la Bulgaria.

 

"Una delle nostre richieste sarà quella di fermare le gare o almeno di essere informati sui giorni in cui si svolgono. L'obiettivo è istituire un posto di osservazione e adottare le misure necessarie ", ha affermato.

Bulg_pic

Dopo una riunione del consiglio della coalizione di lunedì sera, il Fronte nazionale per la salvezza della Bulgaria, NFSB, uno dei tre partiti minori nazionalisti nella coalizione di governo in Bulgaria, ha detto che rimarrà parte dell'amministrazione guidata dal partito GERB - per ora.

 

Il piccolo partito nazionalista aveva minacciato di lasciare il governo del Primo Ministro Boyko Borissov se non cambia il modo in cui prende le decisioni chiave.

 

La crisi è arrivata dopo che il leader della NFSB, Valeri Simeonov, ha criticato il modo in cui Borissov ha licenziato tre ministri venerdì la scorsa settimana.

 

Borissov ha chiesto le dimissioni dei ministri del suo stesso partito GERB per alleviare il malcontento pubblico per un incidente stradale la settimana prima che ha causato la morte di 17 persone e lasciato altri 21 feriti.

 

Il ministro dell'Interno Valentin Radev, il ministro dei trasporti Ivailo Moskovski e il ministro regionale Nikolay Nankov hanno risposto immediatamente, affermando di sentirsi in dovere di assumersi la responsabilità politica della tragedia. Il Parlamento deve ancora esprimere il voto finale sulle dimissioni.

 

Ma Simeonov ha detto che lunedì non sono state dimissioni ma licenziamenti - alludendo alle tre recenti dimissioni, ma anche ad altri nove licenziamenti di ministri, vice ministri e alti funzionari nell'ultimo anno.

 

La leadership del partito si è riunita per un summit di due giorni durante il quale ha discusso se continuerà a sostenere il governo di coalizione.

 

Una dichiarazione della NFSB di domenica ha annunciato che i suoi nove parlamentari voteranno contro le dimissioni dei ministri del GERB nell'assemblea nazionale martedì questa settimana.

 

La dichiarazione ha anche criticato lo "stile unilaterale con cui Borissov gestisce i suoi quadri", aggiungendo che "i cambiamenti illogici di ministri, vice ministri e altri membri dell'amministrazione statale creano carenze professionali e compromettono la realizzazione del programma governativo".

 

L'NFSB ha avvertito lunedì che solleverà la questione di cambiare il modo in cui le coalizioni gestiscono i loro processi decisionali e potrebbe prendere in considerazione l'ipotesi di abbandonare entrambe le coalizioni di cui è membro.

 

Il primo è il gruppo parlamentare dei tre partiti nazionalisti, VMRO, Ataka e NFSB che va sotto il nome di United Patriots. Il secondo è la coalizione di governo del partito GERB e dei patrioti uniti.

 

Simeonov ha anche suggerito di rimuovere il ministro del turismo Nikolina Angelkova, con chi si è scontrato in passato.

 

"Questa posizione [del ministro del turismo] è promessa a un rappresentante della NFSB", ha affermato oggi.

 

Ma dopo la riunione del consiglio della coalizione, che durò fino a tardi lunedì sera, la tensione tra l'NFSB e gli altri partiti di governo sembrava essersi attenuata.

 

I tre partiti nazionalisti nella coalizione di governo sono stati coinvolti in una lotta interna da mesi.

 

Mentre la NFSB critica spesso il governo, il leader di Ataka, Volen Siderov, appoggia incondizionatamente il Primo Ministro, e il capo della VMRO e ministro della Difesa Krasimir Karakachanov agisce da mediatore.

 

"Con o senza la NFSB, andremo avanti", ha detto Siderov in TV lunedì, chiedendo se il suo partito resterebbe dietro Borissov o seguirà l'NFSB se lascerà il governo.

 

Ma dopo aver lasciato la riunione del consiglio della coalizione, Siderov ha modificato la sua retorica: "Cosa è più importante - remianare nel governo e non gettare il paese nel caos, o crollare e non sapere cosa succederà? Abbiamo deciso che quest'ultimo è peggio per Paese."

 

In precedenza, il presidente Rumen Radev ha affermato che al momento non esiste un'alternativa di governo.

 

"L'atteggiamento responsabile impone che la coalizione di governo si concentri sulle questioni sociali più importanti", ha detto Radev.

 

La NFSB ha nove dei 27 seggi detenuti dagli United Patriots nella coalizione.

 

Se tutti i parlamentari entrano in opposizione, la maggioranza al potere dei patrioti del GERB-United, che detiene solo 122 dei 240 seggi, perderà la sua maggioranza.

Cabinet-office-Bulgarian-government-Sofia-photo-Clive-Leviev-Sawyer-604x272

Clive Leviev-Sawyer

La coalizione di governo bulgara è stata seriamente scossa e si è avvicinata al crollo a seguito delle dimissioni di tre ministri mentre Valeri Simeonov, uno dei leader del partner della coalizione, ha fortemente contestato la decisione del Primo Ministro Boyko Borissov di ordinare ai ministri di dimettersi e ha minacciato di smettere.
Questa non è la prima volta che Simeonov è sembrato insoddisfatto dei suoi soci, ma questa volta ha dato l'ultimatum finale a Borissov per cambiare il modo in cui la coalizione sta lavorando e iniziare a prendere decisioni in modo più trasparente.
Il 31 agosto, Borissov ha chiesto le dimissioni del ministro dell'Interno Valentin Radev, del ministro dei Trasporti Ivaylo Moskovski e del ministro per lo sviluppo regionale Nikolay Nankov per la loro responsabilità politica per un incidente d'autobus che ha ucciso 17 persone e lasciato molti feriti sei giorni prima.
Vi sono sospetti che l'incidente mortale possa essere stato causato da difetti nella costruzione di strade; è stato costruito da Trace Svoge, che è a maggioranza controllata dalla società di costruzioni locale Trace Group Hold.
Tutti i ministri hanno detto di dimettersi dalla quota del partito GERB di Borissov. In una dichiarazione durante il fine settimana Simeonov ha detto che il suo partito, il Fronte nazionale di estrema destra per la salvezza della Bulgaria (NFSB), si oppone fortemente alla mossa di Borissov in quanto non è stata coordinata con i suoi partner della coalizione.
"La frenetica sostituzione dei dirigenti liquida lo stato e colpisce male la possibilità di esecuzione del programma di coalizione", ha detto Simeonov in una nota.
Un giorno dopo, il 3 settembre, ha deciso di dare un'ultima possibilità alla coalizione in seguito ad un incontro degli United Patriots, il partner della coalizione di estrema destra, che, a parte NFSB, comprende il Movimento nazionale bulgaro (VMRO) e Ataka .
I patrioti uniti sono molto traballanti e Simeonov ha già detto che molto probabilmente l'unione di destra non sopravviverà fino alle prossime elezioni

Foto del giorno

sofia2

Foto del giorno Bulgaria (Sketches of Sofia) 

Interviste e commenti

Intervista all’Ambasciatore Stefano Baldi,un Entusiasta

News image

  Fai l’intervista e non vedi l’ora di arrivare in u...

Interviste e commenti

Dai nostri lettori

La narrazione dell'informazione

News image

Una volta la TV mostrava i fatti ed ai giornali spettava il compito di spiegarli. Oggi, con i giornali in fo... Leggi tutto

Punti di vista

Dal mondo

Coronavirus, Oms inchiesta ci sarà al momento opportuno

News image

L'assemblea dell'Oms ha approvato una risoluzione che sanc...

Dal mondo

Novita'

Secondo le previsioni piu' negative il PIL della Bulgaria diminuirà del 3%

News image

Gli ultimi cambiamenti di bilancio adottati dal governo bu...

Novita'