oroscopo  Meteo
Italian - ItalyБългарски (България)

GettyImages-1073107760-1160x778

Boyko Borissov, il leader populista della Bulgaria, sta affrontando una rivolta popolare che non se ne andrà. Da più di due mesi migliaia di bulgari sono scesi in piazza a Sofia per chiederne le dimissioni. Denunciano l'incapacità del governo di affrontare la corruzione dilagante, l'influenza della criminalità organizzata e l'assenza di standard di democrazia fondamentali. Borissov ei suoi accoliti hanno risposto allo spettacolo di massa di malcontento aggrappandosi più saldamente al potere. Di fronte alla mancanza di progressi nonostante settimane di incessante pressione, è giunto il momento che l'Europa chiarisca che è dalla parte del popolo bulgaro e della sua richiesta di una vera democrazia e adotti misure concrete per aiutarli a raggiungere tale obiettivo. La Bulgaria ha un'immagine superficiale di una nazione democratica, ma in realtà, la sua struttura politica e giudiziaria è marcia al suo interno.

Da quando il paese ha adottato una democrazia parlamentare nel 1991, partiti politici, movimenti e governi sono andati e venuti ignorando le aspettative del pubblico sugli elementi fondamentali della democrazia. Sotto il governo Borissov, la situazione è peggiorata molto. Borissov ha creato un sistema con molti dei tratti distintivi di uno Stato monopartitico. Ha effettivamente distrutto l'opposizione politica del paese attraverso l'uso diffuso di intimidazioni, corruzione locale e presunta compravendita di voti a livello massiccio nelle comunità. Il partito al governo - il Partito dei cittadini per lo sviluppo europeo della Bulgaria (GERB) - ha gradualmente consolidato il potere a scapito della democrazia e dello sviluppo.

Borissov e il suo apparato politico possono essere definiti "Putin leggeri", impiegando la stessa tattica dell'uomo forte russo ma in modo leggermente meno pesante. Sebbene a Borissov piaccia presentarsi come un populista, i suoi metodi sono autoritari. La Bulgaria ha anche una galleria di ricchi "oligarchi", tra cui Delyan Peevski che controlla la distribuzione dei media in tutto il paese. Per l'appartenenza a questo club è necessario sostenere Borissov e GERB. I vantaggi possono essere significativi per i sostenitori e le sanzioni severe per gli altri. In quanto tale, il confine tra affari legittimi e criminalità organizzata è sfumato e le imprese di successo sono soggette a procedimenti giudiziari e all'acquisizione ostile dei loro beni. Consentire tutto questo è un sistema giudiziario e di polizia che Borissov e GERB controllano in gran parte. Questo è un sistema creato per la corruzione su vasta scala. Come sanno i manifestanti, è anche un sistema che soffoca l'iniziativa individuale, imbavaglia la stampa e scoraggia gli investimenti stranieri. Incoraggia i giovani bulgari a lasciare il loro paese per trovare il loro futuro in società più aperte e democratiche altrove. L'Europa, se ha a cuore la protezione della democrazia, deve ora assumere un ruolo guida nel sostenere le loro richieste di cambiamento. Sfortunatamente, Washington non sarà di alcun aiuto per migliorare la democrazia in Bulgaria finché Donald Trump sarà alla Casa Bianca. Il presidente degli Stati Uniti non ha mostrato alcun interesse a promuovere la democrazia durante la sua amministrazione e questo è improbabile che cambi con l'avvicinarsi delle elezioni statunitensi. L'UE, che fornisce enormi sussidi alla Bulgaria, ha i mezzi e l'interesse per far fronte all'assenza dello Stato di diritto, della libertà di stampa e di altri elementi fondamentali della democrazia in Bulgaria. Dopo tutto, i fondi dell'UE soggetti a uso improprio e corruzione provengono dai contribuenti delle nazioni dell'UE e l'UE ha la responsabilità di garantire la sicurezza di tali fondi. A breve termine, le nazioni europee e l'UE dovrebbero riconoscere la legittimità delle manifestazioni pubbliche in Bulgaria e le debolezze della democrazia nella nazione. Come secondo passo, l'UE dovrebbe annunciare che condurrà un'indagine approfondita sull'uso dei finanziamenti dell'UE in Bulgaria e che imporrà rinvii legali e sanzioni.

682/5000 Un terzo passo dovrebbe includere il monitoraggio delle elezioni, una revisione della libertà di stampa e proposte per attuare la riforma giudiziaria in Bulgaria. L'UE dispone di autorità, capacità di supervisione e organizzazioni di attuazione più che sufficienti per indagare e ritenere responsabile il governo bulgaro nei settori in cui si applicano i finanziamenti dell'UE. In definitiva, il futuro della Bulgaria deve essere deciso dai bulgari - ma oggi i bulgari che invocano la democrazia nelle strade potrebbero non essere in grado, da soli, di forzare i cambiamenti democratici fondamentali che cercano. Se l'Europa deve consistere in un'unione di vere democrazie, spetta all'UE e ai suoi paesi membri proteggere e lottare per quell'ideale.

Fonte:POLITICO.EU

euro-notes-photo-Miroslav-Srika-e1352985005275-604x272

Il 16 settembre il ministro delle finanze bulgaro Kiril Ananiev ha dichiarato di aver venduto 2,5 miliardi di euro in emissioni di eurobond a 10 e 30 anni sui mercati internazionali, con i fondi destinati a finanziare le misure economiche del governo per attenuare l'impatto della crisi del Covid-19 e rifinanziare il debito in scadenza. Ananiev ha affermato che l'alto interesse mostrato dagli investitori e il basso rendimento hanno reso le due emissioni obbligazionarie un successo. L'eurobond a 30 anni è stato anche il debito con scadenza più lunga attualmente emesso dalla Bulgaria, ha affermato. L'interesse durante la fase di bookbuilding era così alto che la Bulgaria ha alzato il suo obiettivo iniziale di aumentare da due miliardi di euro a 2,5 miliardi di euro, ha detto. La Bulgaria ha venduto 1,25 miliardi di euro di ciascuna emissione obbligazionaria, ma gli ordini finali si sono attestati a 3,6 miliardi di euro per il titolo a 10 anni e a 3,6 miliardi di euro per il debito a 30 anni. La domanda proveniva da tutta Europa, con i gestori di fondi e le banche che dominavano gli ordini di entrambe le emissioni obbligazionarie, ha affermato il ministero delle Finanze. L'emissione obbligazionaria a 10 anni, con scadenza 23 settembre 2030, ha una cedola annuale fissa dello 0,375 per cento. Il prestito obbligazionario a 30 anni, con scadenza 23 settembre 2050, ha una cedola annuale fissa dell'1,375 per cento. Entrambe le emissioni obbligazionarie sarebbero quotate alla Borsa del Lussemburgo, ha detto il ministero. Citi, JP Morgan, BNP Paribas e Unicredit sono stati i lead manager delle emissioni obbligazionarie. Il parlamento bulgaro ha approvato una revisione del bilancio ad aprile, fissando un disavanzo del 2,9% del PIL target e aumentando il massimale di indebitamento annuale per il 2020 a 10 miliardi di leva (circa 5,11 miliardi di euro), destinato a coprire l'aumento della spesa pubblica per aiutare le imprese a superare il disagio causato dalla pandemia Covid-19. Sebbene le cifre del bilancio consolidato mostrassero un surplus di 1,72 miliardi di leva per sette mesi dell'anno, Ananiev ha affermato che le entrate dovrebbero essere inferiori agli obiettivi della legge sul bilancio del 2020 e una seconda revisione del bilancio è stata possibile entro la fine dell'anno.

Fonte:Sofiaglobe

1BB07C78-51E7-448F-9C38-2A1B9F221DFD

Il gruppo parlamentare del partito GERB del primo ministro bulgaro Boiko Borissov ha presentato un progetto di nuova costituzione della Bulgaria all'Assemblea nazionale il 17 agosto, secondo una dichiarazione del centro stampa del partito.

 

 La decisione è arrivata nel 40 ° giorno consecutivo di proteste che chiedevano le dimissioni del governo di Borissov e del procuratore generale Ivan Geshev e le elezioni parlamentari anticipate.

 

 Copie della costituzione proposta sono state inviate ai leader di tutti i gruppi parlamentari e ai parlamentari che non sono membri di gruppi parlamentari, con un invito ai colloqui per raggiungere un ampio accordo tra i parlamentari sulla convocazione di una Grande Assemblea Nazionale, ha detto GERB.

 

 Il GERB propone di dimezzare il numero dei membri dell'Assemblea nazionale a 120, ridurre il mandato del Procuratore generale dagli attuali sette a cinque anni e suddividere il Consiglio superiore della magistratura in due organi, uno per i giudici e uno per i pubblici ministeri.  Il Consiglio giudiziario dei procuratori nominerà il procuratore generale, che dovrà riferire al Parlamento ogni sei mesi.

 

 La bozza toglie al presidente il diritto di nominare i primi tre titolari di cariche in magistratura.

 

 Abolisce la Grande Assemblea Nazionale e trasferisce all'Assemblea Nazionale ordinaria il diritto di emendare la costituzione o di votarne una nuova.

 

 Il termine per considerare le modifiche proposte alla costituzione non è anteriore a due mesi e non oltre cinque mesi dopo che sono state presentate.

 

 Sempre il 17 agosto, GERB ha presentato progetti di emendamento al codice elettorale.  Questi propongono l'introduzione del voto automatico in tutte le sezioni elettorali in Bulgaria che hanno più di 300 elettori.  Gli elettori avrebbero la possibilità di scegliere se votare utilizzando una macchina per il voto o una scheda elettorale cartacea.

 

 Il GERB propone inoltre la creazione di un nuovo capitolo nel codice, che regola lo svolgimento delle elezioni alla Grande Assemblea Nazionale, introducendo un sistema elettorale misto, con 200 parlamentari da eleggere con rappresentanza proporzionale, e i restanti 200 con voto maggioritario.

 

 La presentazione da parte del GERB della nuova costituzione è stata data poco dai manifestanti antigovernativi a Eagle Bridge (Orlov Most) nella capitale della Bulgaria Sofia, ha riferito la Radio nazionale bulgara.  I manifestanti hanno respinto l'idea di chi è al potere proponendo una nuova costituzione, e hanno ribadito la loro richiesta di dimissioni del governo.

 

 Uno degli organizzatori della protesta, Georgi Georgiev del movimento Boets, ha dichiarato: "Non accettiamo che la mafia scriva la nostra nuova costituzione, tutto quello che vogliamo da loro sono le loro dimissioni".

 

 I manifestanti antigovernativi hanno escogitato una nuova tattica, bloccando gli edifici di varie istituzioni.  La mattina del 17 agosto, l'obiettivo era l'edificio del ministero della Giustizia, che è stato bloccato per un'ora, con i manifestanti che lanciavano uova alle finestre dell'edificio al termine dell'ora.

 

 Oltre a Eagle Bridge, i campi di tende che bloccano gli incroci fuori dall'Università di Sofia e in piazza Nezavisimost rimangono in vigore.

Fonte:Sofiaglobe

Foto del giorno

126065639_2781594628796935_5342807069289340451_o

Foto del giorno Bulgaria (Sketches of Sofia) 

Interviste e commenti

Intervista all’Ambasciatore Stefano Baldi,un Entusiasta

News image

  Fai l’intervista e non vedi l’ora di arrivare in u...

Interviste e commenti

Dai nostri lettori

La narrazione dell'informazione

News image

Una volta la TV mostrava i fatti ed ai giornali spettava il compito di spiegarli. Oggi, con i giornali in fo... Leggi tutto

Punti di vista

Vi svelo un paio di frottole sul debito pubblico. Firmato: Savona

News image

Il problema del debito pubblico non è quindi quello del ri...

Punti di vista | Administrator

Dal mondo

Accordo Israele ed Emirati Arabi: un terremoto geopolitico ?

News image

  Israele e Emirati Arabi Uniti (UAE) hanno annunciato...

Dal mondo

Novita'

Secondo le previsioni piu' negative il PIL della Bulgaria diminuirà del 3%

News image

Gli ultimi cambiamenti di bilancio adottati dal governo bu...

Novita'