oroscopo  Meteo
Italian - ItalyБългарски (България)

images

Il procuratore capo della Bulgaria ha ordinato più indagini, tra cui il capo della commissione anti-corruzione, in uno scandalo sugli acquisti di immobili di lusso a prezzi favorevoli che ha già portato alcuni politici di alto livello a dimettersi.

 

Il procuratore capo Sotir Tsatsarov ha dichiarato oggi che il commissario dell'anti-corruzione Plamen Georgiev è tra gli indagati per aver fatto false dichiarazioni sulle circostanze in cui lui e sua moglie hanno acquistato un appartamento nella capitale di Sofia.

 

 

Georgiev ha negato ogni illecito e ha detto che collaborerà pienamente con le indagini.

 

I procuratori richiederanno documenti tra cui l'atto di proprietà e le registrazioni bancarie del finanziamento ipotecario al fine di chiarire da dove provengono i fondi per l'acquisto di quella proprietà, ha detto Tsatsarov.

 

Ha anche nominato la moglie del capo della Corte suprema di cassazione Lozan Panov e il figlio del direttore del servizio investigativo nazionale Borislav Sarafov tra gli indagati. Nessuno dei due si e' reso disponibile per un commento.

 

La Bulgaria è classificata come il membro dell'Unione Europea più corrotto dal gruppo  Transparency International. Nonostante le promesse da parte dei governi successivi di eliminare la corruzione, non ha ancora  un alto funzionario che non abbia alle spalle accuse di corruzione.

 

Gli analisti sostengono che la corruzione ad alto livello è il principale ostacolo alle ambizioni della Bulgaria di attirare più investimenti stranieri e aderire alla zona di libero scambio di Schengen dell'UE.

 

Il primo ministro Boyko Borissov ha dichiarato che quelli nominati dal procuratore capo giovedì dovrebbero rassegnare le dimissioni o lasciare le loro assenze.

 

Georgiev ha confermato che si stava congedando quindi non poteva esserci alcun sospetto che avrebbe in qualche modo influenzato le indagini.

 

"Con la presente dichiaro di aver sempre rispettato la legge, e che nel mio lavoro sono stato guidato da alti principi morali e standard professionali", ha dichiarato il capo dell'anti-corruzione.

 

La settimana scorsa, il vice leader del partito GERB bulgaro, Tsvetan Tsvetanov, ha lasciato il parlamento dopo accuse simili.

 

Lo scandalo aveva già spinto il ministro della giustizia bulgaro e due vice ministri a rassegnare le dimissioni in seguito ai rapporti che avevano acquistato appartamenti spaziosi in un sobborgo di Sofia di alta gamma a prezzi inferiori a quelli dello stesso promotore immobiliare.

 

Tutti e quattro i politici negano qualsiasi azione illecita.

 

I socialisti dell'opposizione, che hanno boicottato il parlamento nella metà di febbraio, hanno ripetuto i loro appelli per le elezioni anticipate, accusando il governo di Borissov di non riuscire a combattere l'innesto di alto livello.

 

(Articolo di Angel Krasimirov, editing di Catherine Evans)

Boiko-Borissov-2019-photo-gerb-bg-604x272

Quattro giorni dopo che l'assemblea nazionale bulgara ha approvato emendamenti radicali al Codice elettorale del paese in una seduta di 14 ore in maratona, il partner senior della coalizione di governo, il GERB del primo ministro Boiko Borissov, ha fatto marcia indietro sulla questione del voto preferenziale.

 

Il comitato esecutivo del GERB si è riunito il 18 febbraio, su richiesta di Borissov, e ha deciso che il partito avrebbe sostenuto gli sforzi per ripristinare i cambiamenti, che sono stati passati principalmente con i voti dei parlamentari del GERB e quelli del movimento di opposizione per i diritti e le libertà (MRF) il 14 febbraio.

 

Ciò ha suscitato forti rimproveri dal più grande partito di opposizione in Parlamento, i socialisti, durante un dibattito di cattivo umore sul piano parlamentare. I socialisti hanno minacciato di deferire il disegno di legge alla Corte costituzionale e l'organo esecutivo del partito ha votato il 17 febbraio per dimettersi dal Parlamento in segno di protesta.

 

Una delle tre parti del gruppo nazionalista dei patrioti uniti, il partner minore della coalizione di governo, si è anche opposta agli emendamenti di voto preferenziali, chiedendo al presidente Roumen Radev di porre il veto al disegno di legge.

 

Radev, durante un viaggio nella città di Haskovo il 15 febbraio, disse che avrebbe "agito istituzionalmente" sulla questione. "Prenderò una decisione quando il conto mi raggiungerà, prenderò in considerazione come agire in quel momento", ha dichiarato.

 

Il comitato esecutivo del GERB ha deciso il 18 febbraio di sostenere un veto presidenziale. Se Radev non avesse posto il veto agli emendamenti, i deputati del partito avrebbero presentato nuovi emendamenti per ripristinare lo status quo, vale a dire una soglia di validità del 5% sui voti preferenziali per le elezioni del Parlamento europeo e del 7% per le elezioni nazionali.

 

Gli emendamenti approvati la scorsa settimana hanno dichiarato che i voti preferenziali si applicherebbero solo se il candidato in questione avesse ricevuto tanti voti preferenziali quanti il ​​numero richiesto per vincere un seggio MP nel loro particolare distretto elettorale (o il minimo nazionale richiesto per vincere un seggio Elezioni al Parlamento europeo). La soglia è vista come praticamente impossibile da raggiungere.

 

Il comitato esecutivo del GERB ha anche deciso di aprire il processo di nomina di una nuova formazione della Commissione elettorale centrale (CEC), con la scadenza dell'ente elettorale in carica che scade ad aprile. Per legge, l'appuntamento deve essere fatto non prima di tre mesi e non più tardi di un mese prima della scadenza del mandato della commissione attuale.

 

Nella seduta del 14 febbraio, il GERB ha votato contro la proposta dei socialisti di avviare il processo, sostenendo che non è stato saggio rivedere l'allineamento della CEC così vicino alle elezioni del Parlamento europeo di maggio e sottolineando che il codice elettorale consente ai membri della CEC per mantenere il loro mandato per tenere le elezioni.

 

Nonostante il GERB abbia fatto marcia indietro sui due principali problemi di contesa, il leader socialista Kornelia Ninova ha detto il 18 febbraio che non cambierebbe la decisione del suo partito di dimettersi dal Parlamento.

marinov-meets-shalom-604x272

Il ministro dell'Interno bulgaro e il procuratore generale hanno espresso un forte sostegno alla comunità ebraica del paese dopo un attacco di sassi alla Sinagoga Centrale di Sofia, e hanno promesso forti azioni contro gli autori di crimini di odio.

Su ordine del primo ministro Boiko Borissov, il 22 gennaio si è tenuto un incontro tra il ministro degli Interni Mladen Marinov e il presidente dell'Organizzazione degli ebrei in Bulgaria "Shalom", professore associato Alek Oscar, e il presidente del Consiglio spirituale centrale israelita , Sofia Cohen.

All'incontro hanno partecipato anche il viceministro degli esteri Georg Georgiev, il coordinatore nazionale bulgaro contro l'antisemitismo, il segretario capo del ministro dell'Inter Ivailo Ivanov, il capo della direzione del ministero dell'Interno di Sofia, Georgi Hadzhiev, il capo dello staff del Primo ministro Roumyana Buchvarova e il capo dell'ufficio di Sofia del comitato ebraico americano, Viktor Melamed.

Marinov ha dichiarato che il vandalo è stato identificato e arrestato, e sta per essere accusato.

Il ministro dell'Interno ha severamente condannato l'incidente e ogni atti di antisemitismo e discriminazione diretti contro determinati gruppi della società bulgara. Ha assicurato che le autorità di contrasto della Bulgaria sarebbero state ferme e implacabili nei confronti di coloro che hanno commesso tali atti e nel prevenire tali azioni in futuro.

Il dott. Oscar e Sofia Cohen hanno ringraziato per la rapida risposta, il sostegno e l'eccellente cooperazione con il ministero dell'Interno nel corso degli anni, che ha garantito la sicurezza della comunità ebraica bulgara, ha detto Shalom.

Il vice ministro Georgiev ha affermato che l'incontro ha nuovamente dimostrato la determinazione al più alto livello delle istituzioni bulgare per combattere ogni manifestazione del linguaggio dell'odio, che si traduce nell'abuso di monumenti e di luoghi di culto.

"Chiunque osi intraprendere azioni così vergognose dovrebbe sapere che lo stato porterà su di sé tutto il peso della legge", ha detto Georgiev.

In un post su Facebook, il Dr Oscar ha ringraziato Georgiev, il sindaco di Sofia Yordanka Fandukova, Buchvarova e tutti i rappresentanti delle istituzioni e della società civile che hanno condannato severamente l'atto del 19 gennaio.

"Il linguaggio dell'odio non ha posto nella nostra società e dovrebbe essere sempre fortemente condannato", ha detto.

Foto del giorno

68F65BBC-F3BC-437B-9286-61B33A67DD50
Foto del giorno Bulgaria (Sketches of Sofia)

Dai nostri lettori

I media e l'informazione

News image

In questo tempo in cui l’accesso alle informazioni è facilitato dai mezzi di comunicazione ed è diventato ac... Leggi tutto

Punti di vista

Pensare fuori dagli schemi genera creatività

News image

Il NYT a firma di un noto commentatore economico si incari...

Punti di vista | Alberto Cossu

Dal mondo