oroscopo  Meteo
Italian - ItalyБългарски (България)

marinov-meets-shalom-604x272

Il ministro dell'Interno bulgaro e il procuratore generale hanno espresso un forte sostegno alla comunità ebraica del paese dopo un attacco di sassi alla Sinagoga Centrale di Sofia, e hanno promesso forti azioni contro gli autori di crimini di odio.

Su ordine del primo ministro Boiko Borissov, il 22 gennaio si è tenuto un incontro tra il ministro degli Interni Mladen Marinov e il presidente dell'Organizzazione degli ebrei in Bulgaria "Shalom", professore associato Alek Oscar, e il presidente del Consiglio spirituale centrale israelita , Sofia Cohen.

All'incontro hanno partecipato anche il viceministro degli esteri Georg Georgiev, il coordinatore nazionale bulgaro contro l'antisemitismo, il segretario capo del ministro dell'Inter Ivailo Ivanov, il capo della direzione del ministero dell'Interno di Sofia, Georgi Hadzhiev, il capo dello staff del Primo ministro Roumyana Buchvarova e il capo dell'ufficio di Sofia del comitato ebraico americano, Viktor Melamed.

Marinov ha dichiarato che il vandalo è stato identificato e arrestato, e sta per essere accusato.

Il ministro dell'Interno ha severamente condannato l'incidente e ogni atti di antisemitismo e discriminazione diretti contro determinati gruppi della società bulgara. Ha assicurato che le autorità di contrasto della Bulgaria sarebbero state ferme e implacabili nei confronti di coloro che hanno commesso tali atti e nel prevenire tali azioni in futuro.

Il dott. Oscar e Sofia Cohen hanno ringraziato per la rapida risposta, il sostegno e l'eccellente cooperazione con il ministero dell'Interno nel corso degli anni, che ha garantito la sicurezza della comunità ebraica bulgara, ha detto Shalom.

Il vice ministro Georgiev ha affermato che l'incontro ha nuovamente dimostrato la determinazione al più alto livello delle istituzioni bulgare per combattere ogni manifestazione del linguaggio dell'odio, che si traduce nell'abuso di monumenti e di luoghi di culto.

"Chiunque osi intraprendere azioni così vergognose dovrebbe sapere che lo stato porterà su di sé tutto il peso della legge", ha detto Georgiev.

In un post su Facebook, il Dr Oscar ha ringraziato Georgiev, il sindaco di Sofia Yordanka Fandukova, Buchvarova e tutti i rappresentanti delle istituzioni e della società civile che hanno condannato severamente l'atto del 19 gennaio.

"Il linguaggio dell'odio non ha posto nella nostra società e dovrebbe essere sempre fortemente condannato", ha detto.

29B05432-46D3-4445-A7D1-625178F008CA

La Commissione bulgara per la protezione delle gare (CPC) ha dichiarato illegittimo un appalto pubblico da parte delle ferrovie statali BDZ per la fornitura e la manutenzione di 42 nuovi convogli per la divisione trasporto passeggeri delle ferrovie, per un importo di 675 milioni di leva (circa 345 milioni di euro) la commissione si è pronunciata il 13 novembre.

Il CPC ha emesso la sentenza a seguito di un appello di Siemens Mobility, la divisione ferroviaria del conglomerato tedesco Siemens. La Siemens Mobility era una delle tre società a presentare ricorso contro la procedura, mentre le altre due erano la cinese CRRC Corporation Limited e la ceca Škoda.

La commissione concordava con Siemens Mobility che l'amministrazione aggiudicatrice non aveva definito in modo chiaro e inequivocabile le clausole del progetto di contratto relative a possibili cambiamenti futuri.

Dal momento che  BDZ aveva parzialmente garantito il finanziamento dell'accordo alla fine del 2024. Non è ancora chiaro se dopo tale data lo stato concluderà un contratto per la fornitura di servizi di trasporto pubblico con esso.

Secondo la Mobility di Siemens, a causa della mancata inclusione di un nuovo contratto per i servizi di trasporto pubblico, l'amministrazione aggiudicatrice non avrebbe ulteriori obblighi pecuniari e ciò andrebbe contro i principi fondamentali del diritto.

Il CPC non ha confermato altre obiezioni di Siemens Mobility, tra cui gli indicatori di valutazione delle offerte.

La commissione ha ordinato a BDZ di pagare le spese processuali, 5700 leve e 1200 leva per gli onorari degli avvocati.

La decisione del CPC è soggetta ad appello presso il Tribunale amministrativo supremo della Bulgaria. Il termine per presentare ricorso è di 14 giorni dalla data in cui le parti sono formalmente informate della decisione.

L'8 novembre, tutti e tre i membri del consiglio di amministrazione della BDZ bulgara hanno rassegnato le dimissioni, su richiesta del ministro dei trasporti Rossen Zhelyazkov. Un controllo interno viene condotto su richiesta dello stesso.

1479042749259

Lotta contro la corruzione: il leit motiv sempre ricorrente per la Bulgaria, Il presidente Rumen Radev pone il veto alla legge anticorruzione e confisca dei beni proposta dal parlamento il 20 dicembre scorso. Radev ritiene la legge non sufficiente, con il rischio concreto di rendere la lotta al fenomeno ancora piu difficile.

Il Paese, dal 1 gennaio alla guida  del Consiglio dell'UE per i prossimi sei mesi, è sotto l'occhio del ciclone ormai da tempo al riguardo, dopo che Transparency International aveva posto il suo sigillo come Paese piu corrotto d'Europa. Forte deterrente questo per investimenti da parte dell'Unione Europea e che sposta la permanenza di Sofia fuori dall'accordo Schengen ancora piu in là. Tuttavia l'Assemblea Nazionale potrebbe scavalcare il veto presidenziale con una maggioranza dei suoi 240 deputati.

Foto del giorno

60464676_2316692978620438_8310989518530412544_n
Foto del giorno Bulgaria (Sketches of Sofia)

Dai nostri lettori

I media e l'informazione

News image

In questo tempo in cui l’accesso alle informazioni è facilitato dai mezzi di comunicazione ed è diventato ac... Leggi tutto

Punti di vista

Pensare fuori dagli schemi genera creatività

News image

Il NYT a firma di un noto commentatore economico si incari...

Punti di vista | Alberto Cossu

Dal mondo

Prezzi del petrolio ed equilibri mondiali

News image

La guerra del prezzo del petrolio si sta surriscaldando. E...

Dal mondo