oroscopo  Meteo
Italian - ItalyБългарски (България)

VK2_1-800x579

Le serate in Piazza Indipendenza di Sofia sono state più rumorose del solito quest'estate. Le folle si sono radunate in questo punto di fronte al parlamento dall'inizio di luglio. "Ostavka", cantano; significa "dimissioni" in bulgaro. Quello che era iniziato come indignazione per un politico di spicco che trattava una spiaggia pubblica come sua proprietà privata si è evoluto in manifestazioni di massa a livello nazionale che chiedevano la revisione totale di un sistema politico percepito come corrotto e inefficiente. Le manifestazioni sono le più grandi a cui si è assistito in Bulgaria in quasi un decennio: a Sofia, a volte hanno attirato fino a 30.000 persone, secondo stime diverse. Proteste minori si sono svolte anche in altre città bulgare e all'estero. Un sondaggio di Sova Haris, una società di sondaggi privati, ha mostrato che il 70% delle 1.000 persone intervistate ha sostenuto le proteste. Tutto è iniziato il 7 luglio, quando il leader del partito di opposizione Yes Bulgaria, Hristo Ivanov, ha tentato di piantare una bandiera nazionale a Rosenec, una spiaggia situata in un parco pubblico. Per legge, i parchi pubblici dovrebbero essere accessibili a tutti i bulgari e Ivanov voleva verificare se i suoi diritti sarebbero stati rispettati a Rosenec. Trasmettendo in diretta la sua missione portabandiera sui social media, si è avvicinato alla spiaggia in barca, poiché nessuna strada aperta si collega alla zona. Non appena ha messo piede sulla spiaggia, è stato avvicinato dalle guardie di sicurezza. Dopo una discussione tesa, hanno spinto Ivanov in acqua. Le guardie stavano pattugliando la residenza estiva di Ahmed Dogan, il leader onorario del Movimento per i diritti e le libertà (MRF), il partito politico che rappresenta la minoranza turca della Bulgaria. Ex agente della sicurezza statale durante il periodo comunista, Dogan è rimasto una figura influente nella politica bulgara fino ai giorni nostri. È visto come un alleato chiave del primo ministro Boyko Borisov e Hristov lo definisce il "paziente zero dell'illegalità in Bulgaria". Successivamente, è stato rivelato che le guardie erano anche agenti delle forze dell'ordine, i cui stipendi sono pagati con i soldi dei contribuenti. La vicenda divenne nota nei media come "Dogan's Saray" (saray significa "palazzo" in turco) e, prevedibilmente, fu accolta con rabbia pubblica. Ma come altri scandali precedenti, l'affare Saray avrebbe potuto facilmente seguire un ciclo così familiare ai bulgari: domina i titoli dei giornali per un paio di settimane prima di scivolare nell'oblio. Questa volta, tuttavia, le cose andarono diversamente. Un punto di svolta significativo è stato quando il procuratore capo Ivan Geshev ha ordinato un'irruzione dell'ufficio presidenziale, presumibilmente in rappresaglia alle osservazioni del presidente Rumen Radev che condannano l'occupazione privata della spiaggia di Rosenec. Geshev è visto come uno stretto alleato di Dogan, mentre Radev, dell'opposizione Partito socialista bulgaro (BSP), è un critico schietto del governo. Tre ore dopo che gli uomini di Geshev fecero irruzione nell'ufficio presidenziale, la gente era fuori in Piazza Indipendenza durante la prima delle tante proteste che sarebbero arrivate.

Per molti bulgari, le proteste non sono necessariamente a favore di Radev, ma delle istituzioni democratiche e della responsabilità. I canti sono diretti contro Borisov e Geshev, ma chiedono anche una riforma giudiziaria e una netta separazione dei poteri.

Nel 2013 sono scoppiate proteste in tutta la Bulgaria a seguito della controversa nomina di Delyan Peevski a capo dell'Agenzia per la sicurezza dello Stato. La nomina di Peevski è stata infine revocata, ma è rimasto una figura influente come magnate dei media. Presumibilmente ha legami con la mafia bulgara, che raggiunge in profondità le istituzioni bulgare. A quel tempo, i manifestanti erano rimasti disincantati; alla fine, un governo corrotto è stato sostituito con un altro. Dopo aver appreso quella difficile lezione, questa volta i manifestanti chiedono più delle dimissioni individuali. Ma resta da vedere se avverrà un vero cambiamento.

F-16s_Indiana_and_Michigan_ANG_in_flight_2009-crop-604x272

Sei jet da combattimento F-16 statunitensi stanno partecipando a una missione congiunta con i MiG-29 dell'aeronautica bulgara per proteggere lo spazio aereo bulgaro dal 26 settembre al 30 ottobre, ha detto il ministero della Difesa bulgaro. Gli F-16 sono temporaneamente basati presso la base aerea Graf Ignatiev, essendo arrivati ​​il ​​18 settembre e avendo preso parte all'esercitazione Thracian Butterfly 2020 che si è conclusa il 25 settembre. L'aeronautica militare bulgara ha partecipato per la prima volta a tale missione congiunta con le sue controparti statunitensi nell'autunno 2016. "La partecipazione a tali missioni congiunte migliora la capacità dell'Air Force di garantire l'inviolabilità dello spazio aereo protetto dell'Alleanza", ha affermato il ministero della Difesa. La protezione congiunta dello spazio aereo bulgaro sarà effettuata nel quadro del Sistema integrato della NATO per la difesa aerea e missilistica. “È nell'interesse di garantire la sicurezza degli alleati Nato e di migliorare la loro capacità di interagire in compiti comuni. Il rafforzamento della missione nello spazio aereo degli stati membri del fianco orientale sarà effettuato dalle forze alleate a rotazione ", ha detto il ministero della Difesa. I piloti dell'aeronautica militare bulgara hanno iniziato l'addestramento sugli F-16 dopo che, nell'agosto 2019, il ministero della Difesa bulgaro ha trasferito agli Stati Uniti l'intero importo di 1,2 miliardi di dollari in base a contratti di appalti pubblici internazionali per acquisire otto velivoli F-16 Block 70 e relativi equipaggiamenti e armamenti .

fonte:Sofiaglobe

GettyImages-1073107760-1160x778

Boyko Borissov, il leader populista della Bulgaria, sta affrontando una rivolta popolare che non se ne andrà. Da più di due mesi migliaia di bulgari sono scesi in piazza a Sofia per chiederne le dimissioni. Denunciano l'incapacità del governo di affrontare la corruzione dilagante, l'influenza della criminalità organizzata e l'assenza di standard di democrazia fondamentali. Borissov ei suoi accoliti hanno risposto allo spettacolo di massa di malcontento aggrappandosi più saldamente al potere. Di fronte alla mancanza di progressi nonostante settimane di incessante pressione, è giunto il momento che l'Europa chiarisca che è dalla parte del popolo bulgaro e della sua richiesta di una vera democrazia e adotti misure concrete per aiutarli a raggiungere tale obiettivo. La Bulgaria ha un'immagine superficiale di una nazione democratica, ma in realtà, la sua struttura politica e giudiziaria è marcia al suo interno.

Da quando il paese ha adottato una democrazia parlamentare nel 1991, partiti politici, movimenti e governi sono andati e venuti ignorando le aspettative del pubblico sugli elementi fondamentali della democrazia. Sotto il governo Borissov, la situazione è peggiorata molto. Borissov ha creato un sistema con molti dei tratti distintivi di uno Stato monopartitico. Ha effettivamente distrutto l'opposizione politica del paese attraverso l'uso diffuso di intimidazioni, corruzione locale e presunta compravendita di voti a livello massiccio nelle comunità. Il partito al governo - il Partito dei cittadini per lo sviluppo europeo della Bulgaria (GERB) - ha gradualmente consolidato il potere a scapito della democrazia e dello sviluppo.

Borissov e il suo apparato politico possono essere definiti "Putin leggeri", impiegando la stessa tattica dell'uomo forte russo ma in modo leggermente meno pesante. Sebbene a Borissov piaccia presentarsi come un populista, i suoi metodi sono autoritari. La Bulgaria ha anche una galleria di ricchi "oligarchi", tra cui Delyan Peevski che controlla la distribuzione dei media in tutto il paese. Per l'appartenenza a questo club è necessario sostenere Borissov e GERB. I vantaggi possono essere significativi per i sostenitori e le sanzioni severe per gli altri. In quanto tale, il confine tra affari legittimi e criminalità organizzata è sfumato e le imprese di successo sono soggette a procedimenti giudiziari e all'acquisizione ostile dei loro beni. Consentire tutto questo è un sistema giudiziario e di polizia che Borissov e GERB controllano in gran parte. Questo è un sistema creato per la corruzione su vasta scala. Come sanno i manifestanti, è anche un sistema che soffoca l'iniziativa individuale, imbavaglia la stampa e scoraggia gli investimenti stranieri. Incoraggia i giovani bulgari a lasciare il loro paese per trovare il loro futuro in società più aperte e democratiche altrove. L'Europa, se ha a cuore la protezione della democrazia, deve ora assumere un ruolo guida nel sostenere le loro richieste di cambiamento. Sfortunatamente, Washington non sarà di alcun aiuto per migliorare la democrazia in Bulgaria finché Donald Trump sarà alla Casa Bianca. Il presidente degli Stati Uniti non ha mostrato alcun interesse a promuovere la democrazia durante la sua amministrazione e questo è improbabile che cambi con l'avvicinarsi delle elezioni statunitensi. L'UE, che fornisce enormi sussidi alla Bulgaria, ha i mezzi e l'interesse per far fronte all'assenza dello Stato di diritto, della libertà di stampa e di altri elementi fondamentali della democrazia in Bulgaria. Dopo tutto, i fondi dell'UE soggetti a uso improprio e corruzione provengono dai contribuenti delle nazioni dell'UE e l'UE ha la responsabilità di garantire la sicurezza di tali fondi. A breve termine, le nazioni europee e l'UE dovrebbero riconoscere la legittimità delle manifestazioni pubbliche in Bulgaria e le debolezze della democrazia nella nazione. Come secondo passo, l'UE dovrebbe annunciare che condurrà un'indagine approfondita sull'uso dei finanziamenti dell'UE in Bulgaria e che imporrà rinvii legali e sanzioni.

682/5000 Un terzo passo dovrebbe includere il monitoraggio delle elezioni, una revisione della libertà di stampa e proposte per attuare la riforma giudiziaria in Bulgaria. L'UE dispone di autorità, capacità di supervisione e organizzazioni di attuazione più che sufficienti per indagare e ritenere responsabile il governo bulgaro nei settori in cui si applicano i finanziamenti dell'UE. In definitiva, il futuro della Bulgaria deve essere deciso dai bulgari - ma oggi i bulgari che invocano la democrazia nelle strade potrebbero non essere in grado, da soli, di forzare i cambiamenti democratici fondamentali che cercano. Se l'Europa deve consistere in un'unione di vere democrazie, spetta all'UE e ai suoi paesi membri proteggere e lottare per quell'ideale.

Fonte:POLITICO.EU

Foto del giorno

119842796_2726483084308090_3823235041083735391_o

Foto del giorno Bulgaria (Sketches of Sofia) 

Interviste e commenti

Intervista all’Ambasciatore Stefano Baldi,un Entusiasta

News image

  Fai l’intervista e non vedi l’ora di arrivare in u...

Interviste e commenti

Dai nostri lettori

La narrazione dell'informazione

News image

Una volta la TV mostrava i fatti ed ai giornali spettava il compito di spiegarli. Oggi, con i giornali in fo... Leggi tutto

Ultime notizie

Punti di vista

Vi svelo un paio di frottole sul debito pubblico. Firmato: Savona

News image

Il problema del debito pubblico non è quindi quello del ri...

Punti di vista | Administrator

Dal mondo

Accordo Israele ed Emirati Arabi: un terremoto geopolitico ?

News image

  Israele e Emirati Arabi Uniti (UAE) hanno annunciato...

Dal mondo

Novita'

Secondo le previsioni piu' negative il PIL della Bulgaria diminuirà del 3%

News image

Gli ultimi cambiamenti di bilancio adottati dal governo bu...

Novita'