oroscopo  Meteo
Italian - ItalyБългарски (България)

1

 L’Assemblea nazionale bulgara sospende le attività per la pausa estiva, fino al 31 agosto. Lo riferiscono i media bulgari, secondo cui la sessione odierna sarà l’ultima prima della pausa. La successiva sessione plenaria del parlamento bulgaro si terrà il primo settembre.    

Fonte:Agenzia

photo_verybig_139851

Nota dell'editore 

considerata la delicatezza dell'argomento, prima di pubblicare l'articolo di radio vox, abbiamo fatto una ricerca attenta sui media che riportano la notizia, perchè la traduzione letterale delle parole di B. B.  può presentare  qualche difficoltà di interpretazione. 

Questo è dovuto al fatto che il Primo Ministro "parla come mangia" si dice in italiano, e cioè talvolta  esprime il proprio pensiero in maniera formalmente approssimativa, ma intuitivamente comprensibile.

È evidente che l'argomento è determinante nella definizione della politica estera bulgara, che si sta caratterizzando sempre più (giustamente) in termini di autonomia di giudizio e di scelta rispetto alle scelte  della Commisione Europea. 

Detto in panini, Borissov sostiene che l'interesse della Bulgaria è quello di diversificare le fonti di approvvigionamento energetico, e quindi – non senza un'autocritica su scelte passate – accentua la disponibilità rispetto alla linea turco-russa. 

Oltre l'articolo, per chi avesse interesse ad approfondire l'argomento, segnaliamo questo intervento di Matteo Cazzulani  https://matteocazzulani.wordpress.com/?s=turkish+stream, uyile a comprendere lo scenario più ampio della partita

 

Il Premier Boyko Borissov firmerà la Tabella di marcia per la fornitura di 15,7 miliardi di mc di gas dal gasdotto "Turkish Stream". Lo ha dichiarato durante la riunione annuale degli ambasciatori bulgari a Sofia.

Il Primo Ministro ha assicurato che l'hub europeo del gas "Balkan" è l'elemento essenziale, che trasformerà il nostro paese da un cliente abituale ad un paese di transito. Borissov ha detto che aspetta una lettera dalla CE per eventuali negoziati per una tubatura diretta alla Bulgaria / interpretato come un raggio  del "Turkish Stream".

Secondo lui, durante queste trattative, l'intera regione è diventata dipendente dalla Turchia. "Ora, con le relazioni attuali tra l'UE e la Turchia, possiamo farci un sacco di domande retoriche, su che cosa è meglio e  quel che è peggio," ha dichiarato Borissov.

E' in programma anche un terzo ponte sul Danubio

Per quanto riguarda la riorganizzazione dei flussi energetici, Borissov ha detto che il nostro paese ha utilizzato bene il tempo e ha già fatto molto sul sistema della rete di trasporto. "Abbiamo sostituito le centrali di compressione, si stanno costruendo dei dispositivi di interconnessione  - la Romania è già  pronta, ora siamo in fase di connessione con la Turchia, Serbia, Grecia". Ha inoltre precisato che, se tutto andrà secondo i piani, ad ottobre avrà inizio la costruzione della interconnessione con la Grecia.

Il Primo Ministro si è rivolto agli ambasciatori con importanti chiarimenti sul nome del Gas Hub sul nostro territorio e ha insistito sulla definizione da lui proposta -  " Gas Hub Europeo Balcan". Ha sottolineato che questa è la chiave di tutto.

" Gas Hub Europeo Balkan " soddisfa pienamente tutti i requisiti della normativa europea. Eravamo il membro più leale della UE, a volte anche fino alla stupidità nella nostra fedeltà ", ha detto Borissov.

Ha accennato anche alla sua conversazione con il Ministro degli Esteri russo Sergei Lavrov a Parigi e ha sottolineato che è stata di principio. "In linea con le decisioni di Bruxelles, ma anche da uno dei principali sostenitori della strategia energetica globale, della politica energetica europea", ha detto Borissov.

Secondo le sue parole, la Grecia, la Turchia e l’Italia, tutti paesi della NATO, senza prendere in considerazione qualsiasi altra normativa, hanno firmato "Turkish Stream" e "Poseidon".

Secondo lui, un Progetto europeo estremamente conveniente per la Bulgaria, per il quale sono stati spesi 100 milioni di euro, è stato " buttato via nel canale." Borissov fa riferimento al "Nabucco", ricordando che senza la diversificazione col gas azero questo non può essere fatto. "Ora, improvvisamente ci troviamo completamente dipendenti dal " Turkish Stream".

 La capacità è identica a quella che passa dall'Ucraina attraverso la Bulgaria ed entra in Istanbul- 16,7. Esattamente come dalla Russia alla Turchia - 16,7. Qualcuno deve aver nascosto la testa nella sabbia per non rendersi conto che nel momento in cui " Turkish Stream" sarà pronto - il transito attraverso la Bulgaria si fermerà. Poi la Bulgaria diventerà solo un cliente ", ha commentato il primo ministro.

Borissov ha sottolineato che è molto grato alla Commissione Europea, che ha stabilito che la Bulgaria deve conservare la sua posizione strategica, rispettando naturalmente tutte le norme europee, "Saranno rispettate nel Gas Hub europeo Balkan per il transito del gas", sono state le sue parole. In questo modo da noi potrebbe arrivare gas dalla Romania, Ucraina, dai depositi del nostro "Khan Asparuh", gas azero o il gas russo direttamente dal "Turkish Stream", invece  che dal collettore greco  di gas liquido. 

"Se gli americani facessero un buon prezzo, potremmo venderlo per primo, perché i clienti verranno a comprare direttamente al Hub. Noi potremmo incassare le tasse di transito e saremo in partita. Questa è la mia politica, che seguo costantemente, altrimenti la Bulgaria rimarrà solo un cliente ". Borissov ha sottolineato, che la Bulgaria possiede il miglior gasdotto. "L'80% di tutti i compressori dei Balcani sono siti in Bulgaria. Tutti sono americani e sono i migliori. Domani potremo esportare anche per l'Ucraina gas liquido, se disponibile -  americano, a buon prezzo dal terminal LG in Grecia. Questo è un mercato che andrà a ridurre il prezzo e renderà possibile la concorrenza tra i fornitori e avremo successo. "

 

fonte: radiovox.bg

borissov_arena_armeec

Secondo il primo ministro Boyko Borissov alle organizzazioni dei  magistrati non dovrebbe essere negata l'opportunità di lavorare su progetti e programmi dell'UE In qualità di membro a pieno titolo dell'Unione europea,  la Bulgaria, in particolare, i cittadini e le organizzazioni bulgare hanno l'opportunità di sperimentare gli aspetti più positivi della solidarietà europea.
"Sostengo categoricamente l'idea che i magistrati le organizzazioni non fanno eccezione e non dovrebbero essere privati  della possibilità di lavorare su progetti e programmi dell'UE".
Questa è la posizione espressa dal primo ministro Boyko Borisov nella sua risposta al Presidente dell'Unione dei Giuristi in Bulgaria Vladislav Slavov in relazione agli emendamenti alla legge sulla  Magistratura. Lo ha riferito il servizio stampa del Consiglio dei Ministri.
Il Premier Borisov ha aggiunto che raccomanderà al ministro della Giustizia Tsetska Tsacheva di mettersi in contatto con i parlamentari del gruppo parlamentare di GERB per discutere con loro l'opportunità di modificare il disegno di legge sulla Magistratura tra la prima e la seconda lettura, in modo da eliminare il divieto alle organizzazioni dei magistrati di utilizzare i vari programmi e Fondi europei.

Fonte:BTA

Foto del giorno

Palazzo_di_Giustizia_a_Ruse

Palazzo di Giustizia a Ruse

Dai nostri lettori

Bulgaria dopo le elezioni tra squilibri interni ed equilibrismi geopolitici

News image

Il contesto domestico in cui si sono svolte le ultime elezioni  è ancora  fortemente caratteri... Leggi tutto

Ultime notizie

Interviste e commenti

Borsa

Loading
Chart
o Microsoft 72.49 ▲0.09 (0.12%)
o Google 910.67 ▼0.31 (-0.03%)
NASDAQ:MSFT

Microsoft

COMPANY_ID [NASDAQ:MSFT] LAST_TRADE72.49 TRADE_TIME4:00PM EDT VALUE_CHANGE▲0.09 (0.12%)
NASDAQ:GOOG

Google

COMPANY_ID [NASDAQ:GOOG] LAST_TRADE910.67 TRADE_TIME4:00PM EDT VALUE_CHANGE▼0.31 (-0.03%)