oroscopo  Meteo
Italian - ItalyБългарски (България)

photo_verybig_12

Le elezioni parlamentari in Bulgaria saranno il 28 marzo, ha dichiarato il presidente Rumen Radev. "Le elezioni devono essere tenute a tempo debito con macchine per il voto fornite e autorizzate e con tutte le misure necessarie per garantire il diritto di voto di ogni bulgaro", ha aggiunto il presidente. Rumen Radev ha dichiarato questo in risposta a una domanda giornalistica dopo che lui e il vicepresidente Iliyana Yotova hanno onorato la memoria di Nikola Vaptsarov davanti al monumento del poeta a Sofia. Il presidente ha anche affermato che le condizioni necessarie devono essere create da tutti gli organi statali da cui questo dipende: amministrazione elettorale, autorità esecutiva e legislativa, ha riferito BTA.

photo_verybig_206521

In una lunga intervista per la televisione nazionale il presidente bulgaro Radev ha espresso molti commenti sulla situazione nel Paese. La pandemia Il dibattito sulla crisi del coronavirus in sé non dovrebbe essere di parte. Non dovremmo cercare dividendi politici. Per superare questo disagio ci vuole umiltà, ma anche sottolineare gli errori e le mancanze, perché ci costano caro. È necessario ridurre al minimo le interferenze politiche incompetenti, ha dichiarato Radev. Il governo sta fuggendo dalla crisi e sparge soldi in tutte le direzioni, ma l'effetto non è visibile. Ed è per questo che non penso che dovremmo incolpare le persone qui per essere inconsapevoli o indisciplinate. In questa situazione, lo sviluppo della crisi dipenderà molto più dall'atteggiamento delle persone nei confronti della pandemia che dalle azioni del governo, ha detto il presidente. Altri paesi hanno avviato test di massa. E gratuitamente - ci è stato consigliato molto tempo fa. Un milione di test vengono eseguiti a settimana in Germania. Abbiamo poco più di 800.000 test dall'inizio della pandemia, ma non vengono testati 800.000 persone: dovremmo fare la differenza, ha aggiunto il capo dello stato. Per le sue ambizioni politiche Il mio partito è il partito degli onorevoli bulgari: democratici e patrioti. Li incontro nelle piazze di tutto il Paese. Ciò che li unisce è la convinzione che questo regime politico sia stato compromesso, che dobbiamo riconquistare la legge e la giustizia per la nostra società. Assicurati che se devo creare una festa, sarai il primo a saperlo, Radev si è rivolto al presentatore di "Panorama" Boyko Vassilev. Il presidente ha ricordato di aver dichiarato da tempo di sostenere ogni partito che mette al primo posto la Bulgaria e il popolo bulgaro.

BNT

VK2_1-800x579

Le serate in Piazza Indipendenza di Sofia sono state più rumorose del solito quest'estate. Le folle si sono radunate in questo punto di fronte al parlamento dall'inizio di luglio. "Ostavka", cantano; significa "dimissioni" in bulgaro. Quello che era iniziato come indignazione per un politico di spicco che trattava una spiaggia pubblica come sua proprietà privata si è evoluto in manifestazioni di massa a livello nazionale che chiedevano la revisione totale di un sistema politico percepito come corrotto e inefficiente. Le manifestazioni sono le più grandi a cui si è assistito in Bulgaria in quasi un decennio: a Sofia, a volte hanno attirato fino a 30.000 persone, secondo stime diverse. Proteste minori si sono svolte anche in altre città bulgare e all'estero. Un sondaggio di Sova Haris, una società di sondaggi privati, ha mostrato che il 70% delle 1.000 persone intervistate ha sostenuto le proteste. Tutto è iniziato il 7 luglio, quando il leader del partito di opposizione Yes Bulgaria, Hristo Ivanov, ha tentato di piantare una bandiera nazionale a Rosenec, una spiaggia situata in un parco pubblico. Per legge, i parchi pubblici dovrebbero essere accessibili a tutti i bulgari e Ivanov voleva verificare se i suoi diritti sarebbero stati rispettati a Rosenec. Trasmettendo in diretta la sua missione portabandiera sui social media, si è avvicinato alla spiaggia in barca, poiché nessuna strada aperta si collega alla zona. Non appena ha messo piede sulla spiaggia, è stato avvicinato dalle guardie di sicurezza. Dopo una discussione tesa, hanno spinto Ivanov in acqua. Le guardie stavano pattugliando la residenza estiva di Ahmed Dogan, il leader onorario del Movimento per i diritti e le libertà (MRF), il partito politico che rappresenta la minoranza turca della Bulgaria. Ex agente della sicurezza statale durante il periodo comunista, Dogan è rimasto una figura influente nella politica bulgara fino ai giorni nostri. È visto come un alleato chiave del primo ministro Boyko Borisov e Hristov lo definisce il "paziente zero dell'illegalità in Bulgaria". Successivamente, è stato rivelato che le guardie erano anche agenti delle forze dell'ordine, i cui stipendi sono pagati con i soldi dei contribuenti. La vicenda divenne nota nei media come "Dogan's Saray" (saray significa "palazzo" in turco) e, prevedibilmente, fu accolta con rabbia pubblica. Ma come altri scandali precedenti, l'affare Saray avrebbe potuto facilmente seguire un ciclo così familiare ai bulgari: domina i titoli dei giornali per un paio di settimane prima di scivolare nell'oblio. Questa volta, tuttavia, le cose andarono diversamente. Un punto di svolta significativo è stato quando il procuratore capo Ivan Geshev ha ordinato un'irruzione dell'ufficio presidenziale, presumibilmente in rappresaglia alle osservazioni del presidente Rumen Radev che condannano l'occupazione privata della spiaggia di Rosenec. Geshev è visto come uno stretto alleato di Dogan, mentre Radev, dell'opposizione Partito socialista bulgaro (BSP), è un critico schietto del governo. Tre ore dopo che gli uomini di Geshev fecero irruzione nell'ufficio presidenziale, la gente era fuori in Piazza Indipendenza durante la prima delle tante proteste che sarebbero arrivate.

Per molti bulgari, le proteste non sono necessariamente a favore di Radev, ma delle istituzioni democratiche e della responsabilità. I canti sono diretti contro Borisov e Geshev, ma chiedono anche una riforma giudiziaria e una netta separazione dei poteri.

Nel 2013 sono scoppiate proteste in tutta la Bulgaria a seguito della controversa nomina di Delyan Peevski a capo dell'Agenzia per la sicurezza dello Stato. La nomina di Peevski è stata infine revocata, ma è rimasto una figura influente come magnate dei media. Presumibilmente ha legami con la mafia bulgara, che raggiunge in profondità le istituzioni bulgare. A quel tempo, i manifestanti erano rimasti disincantati; alla fine, un governo corrotto è stato sostituito con un altro. Dopo aver appreso quella difficile lezione, questa volta i manifestanti chiedono più delle dimissioni individuali. Ma resta da vedere se avverrà un vero cambiamento.

Foto del giorno


Foto del giorno Bulgaria (Sketches of Sofia) 

Opportunità e Affari

  • 0
  • 1
prev
next

Vendita societa'

News image

Per l'apertura di una nuova società in Bulgaria è nece...

Opportunità e Affari

Ristorante Italiano

News image

Nel centro ideale di Sofia, in una strada molto traffica...

Opportunità e Affari

Dall'Italia

Papa Francesco: “L’aborto è ormai una abitudine bruttissima”

News image

L’incontro del Papa con i partecipanti all’Assemblea P...

Dall'Italia

Read more

I nostri Lettori

Copiare senza scrupoli

News image

La pagina   BUSINESS ITALIA - BULGARIA - БИЗ...

I nostri lettori

Punti di vista

La scienza e la democrazia

News image

Qualche giorno fa Franco Prodi, ordinario di mete...

Punti di vista | Administrator

Tecnologia

Expo Dubai: Glisenti, scelti 26 video per spazio innovazione

News image

"Sono stati raccolti 159 contributi da tutti i centri ...

Tecnologia