oroscopo  Meteo
Italian - ItalyБългарски (България)

 Ukraine_map

Cosa fare per risolvere la situazione in Ucraina? I leader politici di tutta Europa e del mondo si sono incontrati per discutere della crisi e di come rispondere alla Russia per evitare la separazione del paese. Abbiamo discusso della situazione con Knut Fleckenstein, deputato di centro sinistra e presidente della commissione parlamentare di cooperazione (CPC) UE-Russia e Paweł Kowal, deputato polacco dell'ECR e presidente della commissione parlamentare di cooperazione UE-Ucraina.

In che modo l'UE dovrebbe rispondere alla Russia?

Knut Fleckenstein - Prima di tutto dovremo insistere sul fatto che l'esercito russo dovrebbe lasciare l'Ucraina perché non sta rispettando le leggi e gli impegni presi a livello internazionale. In secondo luogo, dobbiamo essere pronti a sostenere un governo ad interim per trovare delle soluzioni che riflettano gli interessi della maggior parte dei cittadini nel paese: tutti gli ucraini e ovviamente quelli della minoranza russa.

Paweł Kowal - La cosa più importante è di rispettare le leggi internazionali. La Crimea fa parte dell'Ucraina e questo fatto non può essere messo in discussione. Le forze militari russe non hanno rispettato gli accordi bilaterali e internazionali.

Una risposta coordinata e veloce dell'UE è necessaria. Gli Stati membri, le istituzioni, gli USA e la NATO, e gli altri attori internazionali che rispettiamo dal punto di vista diplomatico, devono inviare rapidamente lo stesso messaggio. Se non lo faremo oggi o domani, sarà troppo tardi.

Cosa potrebbe fermare Putin: un'espulsione dalle organizzazioni internazionali è possibile?

Knut Fleckenstein - Non mi concenrerei sulle sanzioni, ma sulle possibilità di diplomazia e dialogo. Ci aspettiamo lo stesso dalla Russia. Ma sulle truppe russe Crimea non c'è nulla da discutere: devo andarsene ora. Adesso è anche venuto il momento per Kiev di dimostrare che una riforma costituzionale sostenuta da una maggioranza è possibile.

La politica del nuovo governo deve essere inclusiva e dovrebbe prendere in considerazione gli interessi dei cittadini ucraini che vivono nell'Est e nel Sud-Est del paese. L'unica soluzione per il paese è una decisione che rifletta gli interessi dalla grande maggioranza della popolazione.

Paweł Kowal - Il primo passo dovrebbe essere una forte risposta della diplomazia, amplificata dalla minaccia di espulsione dalle organizzazioni internazionali. Se non fosse abbastanza, bisognerebbe adottare delle sanzioni mirate a tutti i politici che sostengono l'attacco alla sovranità dei paesi. http://www.europarl.europa.eu/ 

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

Foto del giorno

106986755_2660991617523904_8394523148890537762_o

Foto del giorno Bulgaria (Sketches of Sofia) 

Interviste e commenti

Intervista all’Ambasciatore Stefano Baldi,un Entusiasta

News image

  Fai l’intervista e non vedi l’ora di arrivare in u...

Interviste e commenti

Dai nostri lettori

La narrazione dell'informazione

News image

Una volta la TV mostrava i fatti ed ai giornali spettava il compito di spiegarli. Oggi, con i giornali in fo... Leggi tutto

Punti di vista

Dal mondo

Coronavirus, Oms inchiesta ci sarà al momento opportuno

News image

L'assemblea dell'Oms ha approvato una risoluzione che sanc...

Dal mondo

Novita'

Secondo le previsioni piu' negative il PIL della Bulgaria diminuirà del 3%

News image

Gli ultimi cambiamenti di bilancio adottati dal governo bu...

Novita'