oroscopo  Meteo
Italian - ItalyБългарски (България)

A Sofia un italiano crea un sodalizio che apre le porte europee verso l’arte, le religioni e le scienze mondiali: Paolo Palomba fonda EGA, European Gate to Arts

Paolo Palomba, nato a Roma, sceglie di vivere e lavorare ad Arles in Francia agli inizi degli anni ’90. Ha sempre amato la fotografia e questa è la città dei “Rencontres Internationales  Photographiques”. Apre un Atelier e vive nella città di Van Gogh per quasi 20 anni. All’Avana, durante il Festival della Moda latina americana ed europea nel 1984,  quando è Direttore di Innovazione e Sviluppio della Valentino SpA,  conosce Alberto Korda, il fotografo del Che: mitica la sua foto con il basco. Dopo le esperienze a cavallo del secolo, in collaborazione con enti locali e della Commissione europea,  della promozione di  Atelier a Berlino, Arles, Bruxelles e Roma – sente l’esigenza di continuare questa ricerca. Organizza eventi di cultura, progetti di cooperazione internazionale a Roma come presidente Atelier PAEMA-Spazio Urbano Protetto, e vice presidente della Fondazione Maitreya, Istituto di cultura buddhista.

La difficoltà a viaggiare dovuta alla pandemia lo spinge a creare l’Associazione EGTANIA-EGA – European Gate to Arts e ad aprire a Sofia, dove vive da tre anni,  la “Vetrina” dell’ associazione e il LAB Photo-Synchronicity.

Come e quando è nata l‘Assocciazione EGA – European Gate to arts e che obiettivo ha?

L’associazione è nata dopo le esperienze maturate in oltre 30 anni di attività manageriali nel campo dello sviluppo economico locale e nella valorizzazione dei potenziali di cui la cultura è risorsa strategica. Creatività, cultura e arte sono il lievito straordinario che da sempre incrementa il patrimonio identitario dell’Europa. In parallelo a questi percorsi professionali mi sono dedicato a conoscere le culture dell’oriente, apprezzando  la portata delle  filosofie e delle pratiche spirituali  connesse. Queste  due vie mi hanno portato a considerare  che i diversi approcci possono  dare apporti straordinari se tendono ad integrarsi. Integrazione davvero necessaria oggi  per sostenere la trasformazione tecnologica, economica, e la qualità della vita di tutti noi cittadini in transito verso scenari impermanenti  di un mondo  sempre più complesso, sollecitato a sfide che dovremo  vincere. È in questo quadro che è nata l’idea di promuovere un’Associazione culturale, curiosa di raccogliere energie e culture “cross border”. EGTANIA – EGA è stata fondata nel 2020 con l’obiettivo di promuovere lo scambio culturale nel campo delle arti e altre discipline, sociali, religiose e scientifiche. Nella sua Vetrina (galleria) EGA presenta in miniatura gli eventi artistici  d’importanza europea e mondialie.

Perché ha deciso di stabilire la sede a Sofia, in Bulgaria?

EGA nasce a Sofia, ultima capitale europea a est, terza città più ricca di storia del vecchio continente, strategica “porta” europea che guarda al futuro, all’Eurasia. Valorizzare e reinterpretare il suo passato, la via della seta, crocevia di culture e fedi diverse. EGA vuole essere un laboratorio di opportunità e cooperazione, dove i contributi internazionali di artisti, operatori culturali, creativi e innovatori generano scambi, sfide e azioni in un percorso di crescita individuale e sociale.

Lei fa parte del Tavolo Interreligioso. Qual è la connessione tra l’arte e le religioni?

Da più di dieci anni sono membro del Tavolo Interreligioso di Roma (www.tavolointerreligioso.org), un luogo di dialogo  tra le fedi (Ebraismo, Protestantesimo, Ortodossia, Islam, Buddhismo, Induismo)  con rappresentanze di   livello nazionale, che ha promosso in oltre venti anni di attività progetti ed incontri dove  l’attenzione  ai temi sociali e ai valori delle diverse tradizioni di fede e di cultura hanno trovato nella tutela delle diversità nei luoghi  pubblici, nelle scuole, nelle carceri e recentemente nei luoghi di cura, azioni significative. Tra i tanti progetti realizzati, ricordo  la sigla di protocolli fortemente innovativi come quello con la ASL Roma 1,    per creare uno “Spazio di silenzio, preghiera e meditazione” all’interno dei più antichi ospedali di Roma  o per la stesura  del “Manifesto sul fine vita”, firmato da tutte le chiese italiane, iniziativa  riconosciuta meritevole del premio promosso dalle Nazioni Unite dell’ONU per il 2019 nell’ambito dell’ “World Interfaith Harmony Week”. Il Tavolo Interreligioso di Roma in occasione della WIHW ha anche  organizzato per tre anni (2016-2019) una mostra Lo spirituale nell’arte: Espressioni di armonia tra le fedi ospitata nello spazio museale della Grande Moschea di Roma che ha riunite opere legate alla spiritualità di artisti di diversa appartenenza di fede e di cultura accomunati nel dialogo e nel reciproco rispetto delle appartenenze per sottolineare  come la spiritualità declinata nelle diverse forme artistiche possa essere un costruttivo terreno di incontro, conoscenza e amicizia tra fedi e culture. La mia pratica buddhista e la mia cultura umanista, filosofica mi ha permesso di ricoprire in questi anni  il ruolo di direttore del Tavolo.

Il prossimo evento che sta organizzando l’Associazione EGA?

La mostra  fotografica “Nuvole e architetture. Sotto il cielo di Sofia” ha inaugurato lo spazio Vetrina nello scorso luglio. In questi giorni, stiamo organizzando l’allestimento della mostra Cosmic Octopus dell‘artista argentino Blas Vidal. L‘inaugurazione si terrà l’8 ottobre. Cosmic Octopus presenta 9 disegni a colori a matita e grafite, una sintesi della concezione dell’artista. Blas Vidal è nato nella capitale, Buenos Aires nel 1942, dove vive e lavora. Dal 1967 ha realizzato 30 mostre individuali e un centinaio di mostre collettive, è stato premiato più di 35 volte dalle istituzioni argentine di arti plastiche. Le sue opere fanno parte di numerose e importanti collezioni private e museali argentine. Con la mostra dell’artista argentino EGA – European Gate to Arts inaugura il suo programma di cooperazione culturale 2021-2022 nell’anniversario dei 90 anni di relazioni tra Bulgaria e Argentina. L’inaugurazione sarà accompagnata da performance musicale di musicisti argentini. L’evento si svolge con il patrocinio dell’Ambasciata della Repubblica Argentina in Bulgaria. (La pagina Facebook dell‘evento)

Quale sarà il futuro dell’arte secondo lei?

Nelle diverse culture e tradizioni religiose l’arte, soprattutto visiva, può aiutare le persone senza un background culturale comune ad avvicinarsi, ricercare il bello e il bene comune poiché ci fa provare empatia con l’altro e il mondo che ci circonda. La ricerca della bellezza comporta e produce sensibilità, attenzione all’alterità e per questo le varie espressioni artistiche uniscono gli uomini le culture e le fedi. E sarà sempre così.

fonte ilvelodimaya.eu

Il più grande festival del cinema di alpinismo, estremo e avventura si avvicina! Partecipa all'avventura tra il 22 e il 26 settembre!

È in arrivo un'edizione giubilare del Bansko Film Fest, piena di avventure, amici e il pubblico preferito! Segna le date dal 22 al 26 settembre, Bansko! 5 giorni, 70 film da 40 paesi - i migliori titoli su alpinismo, arrampicata, ciclismo, viaggi, avventura, parapendio, sci estremo e snowboard, speleologia, cultura alpinistica, giuria cinematografica, proiezioni sotto le stelle e in diverse sale, ospiti dalla Bulgaria e all'estero, incontri, presentazioni, celebrazioni e anniversari di traguardi indimenticabili della cultura alpinistica bulgara e mondiale, mostre, numerose attività all'aperto, penetrazione di grotte, gare di arrampicata, stand. Il festival dello spirito libero incontrerà il pubblico con i migliori e attuali avventurieri e personalità estreme del mondo, riunisce ogni anno l'élite mondiale e bulgara delle attività all'aperto. Il programma del festival include presentazioni motivazionali e workshop di ospiti stranieri e bulgari. I momenti salienti del programma cinematografico e i titoli in anteprima per la Bulgaria sono uno dei film più premiati su questo argomento negli ultimi due anni.

LE STELLE DEL BANSKO FILM FEST

- Simon Messner (Italia) -  Simon Messner è un regista di film di alpinismo e un appassionato scalatore e scalatore. All'età di 16 anni ha trovato la sua strada sulle vie classiche delle Dolomiti. Oggi riesce a scalare numerosi tour su roccia e ghiaccio, passando nuove vie in Oman, Giordania, Pakistan, sulle Alpi e nelle sue Dolomiti native. Gestisce anche la casa cinematografica di suo padre, Reinhold Messner.
- Maurizio Zanola - Manolo (Italia) - Leggenda tra gli scalatori italiani. Manolo è stato uno dei primi climber italiani a praticare l'arrampicata libera, una figura leggendaria che ancora oggi scala attivamente e percorre nuove vie.

- Nadine Wallner (Austria) -  estremo di fama mondiale, atleta ufficiale RedBull, più volte campionessa di freeride della Coppa del Mondo, scalatrice. Presenterà al pubblico anche il suo ultimo film "Decisions".
- Elizabeth Revol (Francia) -  Elizabeth Revol è una scalatrice d'alta quota francese, la prima donna a scalare gli 8.000 metri del Nanga Parbat in inverno.
- Krzysztof Kaczmarek (Polonia) - avventuriero, atleta estremo di slackline e highline.

Gli ospiti saranno gli avventurieri della Bulgaria:
- Nikolay Petkov - scalatore e scalatore. Nikolai Petkov è l'unico scalatore al mondo che ha scalato le tre cime dell'Everest. Ancora uno scalatore attivo, Petkov ha oltre 60 spedizioni su vette e pareti iconiche in tutto il mondo. Autore di numerose prime ascensioni. Due anni fa, alla 18° edizione del Bansko Film Fest, il nostro famoso climber ha presentato la storia delle sue scalate sulle grandi pareti del mondo. Ora racconterà le sue spedizioni sulle alte vette.
- Ivaylo Ninov - Il tedesco - Big Wall climber e base jump. La presentazione -  Avventure del Ladakh-Kashmir, Arabia Saudita. Avventure con Eric Fenz in Kashmir e con Leo Holding che si arrampica e salta da torri vergini in Arabia Saudita "- Ivo Ninov è un famoso scalatore di Big Wall e base jump.
- Georgi Georgiev - Chernia - IFMGA Guida alpina, leggenda dello sci estremo bulgaro, guida di sci. La presentazione di Georgi Georgiev per il Prof. Dr. Lyuben Telcharov, alpinista e scalatore, uno dei fondatori del "Club Alpino Bulgaro" e del Soccorso Alpino.
- Heliana Dundarova - speleologa , dottore in scienze biologiche, partecipante a numerose spedizioni bulgare e internazionali. Farà una presentazione sul tema "Spedizione nelle grotte Banski Suhodol".
- Toncho Tonchev - scalatore. La presentazione di Toncho Tonchev è sul tema "Dhaulagiri 8 167m. - storia delle salite”. Esattamente Tonchev è stato uno degli scalatori bulgari di maggior successo, il primo bulgaro a scalare gli 8.000 metri del Nanga Parbat nel 1993, un partecipante a numerose spedizioni.
Stefan e Maxim Ivanovi - marinai. I primi bulgari attraversarono l'Oceano Atlantico su una barca a remi. Presentazione e presentazione del libro di Maxim e Stefan Ivanovi - "SPOSA - con una barca a remi attraverso l'Atlantico nella stagione degli uragani".

Giuria:
Krum Rodriguez - cameraman, presidente di giuria;
Kamen Alipie c - giornalista;
Ivan Obreykov - cameraman, fotografo;

Programma di accompagnamento:

BanskofilmfestBOOK presentazione di libri; Presentazione del libro  "NEVEREST" 4444 miglia nautiche, 105 giorni in barca a remi attraverso l'Atlantico nella stagione degli uragani di Maxim e Stefan Ivanovi, casa editrice "Vakon"
BanskofilmfestKIDS - programma di avventura per bambini e ragazzi, che comprende oltre 350 bambini 1- 12 gradi ed età prescolare.

Gara divertente e dimostrativa di arrampicata sportiva nella disciplina "SPEED" - "Peter Atanasov Cup". La competizione si terrà presso l'  Hotel Stenata nel villaggio di Banya. Dettagli e regolamento: banskofilmfest.com

Per iscrizioni: Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo. 0889307136

Totale montepremi: BGN 2.000.

Banskofilmfest MOSTRE -  Mostra fotografica dell'Associazione "Proikata" - Storie dagli albori dell'alpinismo bulgaro: Dr. Lyuben Telcharov - Pinata; Mostra fotografica in visita - L'Istituto Italiano di Cultura presenta una mostra fotografica di Gustav Vilayt - "Natu.rae / DOLOMITI"; Mostra rupestre della filiale della Società Rupestre Bulgara di Rakitov; Mostra fotografica "Gli scorci che la natura mi regala" di Antonio Valchev; Mostra dell'Istituto Antartico Bulgaro - "33 anni di attività antartica"; Mostra di dipinti selezionati su temi di montagna, ispirati alle montagne bulgare autoctone di Ivona Mihailova

Programma per giorni e orari: https://banskofilmfest.com/timetable-2021/

L'ingresso è gratuito!

Dal 18 al 22 settembre 2021 si terrà la prima festa in mongolfiera del paese sulle rocce di Belogradchik.

Si prevede che includerà una dozzina di palloni con equipaggi provenienti da almeno 5 paesi.

Vogliamo promuovere il turismo nella Bulgaria nordoccidentale.

Le sedi sono 2:

4 giorni unici a Belogradchik e intorno alle rocce di Belogradchik 18-21.09 -

1 giorno unico nella regione di Vidin con vista sul Danubio 22.09

Molte altre avventure ti aspettano: passeggiate intorno alle rocce, bici elettriche, safari in jeep, dragon boat nel lago Rabishko, con una barca a motore sul Danubio Scopri di più qui:

https://new.adventure-bg.com/balloon-fiesta/

Prenotazioni per telefono: 0887 222 883

Foto del giorno


Foto del giorno Bulgaria (Sketches of Sofia) 

Opportunità e Affari

  • 0
  • 1
prev
next

Vendita societa'

News image

Per l'apertura di una nuova società in Bulgaria è nece...

Opportunità e Affari

Ristorante Italiano

News image

Nel centro ideale di Sofia, in una strada molto traffica...

Opportunità e Affari

Dall'Italia

I nostri Lettori

Copiare senza scrupoli

News image

La pagina   BUSINESS ITALIA - BULGARIA - БИЗ...

I nostri lettori

Punti di vista

Bulgaria, le conseguenze della pandemia sui giovani studenti

News image

La Bulgaria è stata colpita duramente dalla pandemia d...

Punti di vista | Administrator

Tecnologia

Cnr: Anna Vaccarelli premiata come pioniera cibersicurezza

News image

Anna Vaccarelli, dirigente tecnologo dell'Istituto di ...

Tecnologia