oroscopo  Meteo
Italian - ItalyБългарски (България)

gas-Jayesh-Nair-e1346790652115-604x272

Tra la prima metà del 2018 e la prima metà del 2019, il maggiore aumento dei prezzi del gas per uso domestico nell'Unione europea è stato in Bulgaria, ha dichiarato l'agenzia statistica UE Eurostat il 26 novembre. Tra la prima metà del 2018 e la prima metà del 2019, le maggiori diminuzioni dei prezzi del gas per uso domestico, nelle valute nazionali, sono state in Danimarca (-1,7 per cento), Ungheria (-1,6 per cento) e Austria (-1,3 per cento) . Al contrario, l'incremento maggiore è stato registrato in Bulgaria (+18,3 per cento), davanti a Lettonia (+ 15,8 per cento) ed Estonia (+14,2 per cento). Espressi in euro, i prezzi medi del gas per uso domestico nella prima metà del 2019 sono stati i più bassi in Ungheria e Romania (entrambi 3,5 euro per 100 kWh) e Croazia (3,8 euro) e più alti in Svezia (11,8 euro), Paesi Bassi (9,2 euro) e Danimarca (8,6 euro), ha affermato Eurostat. Nella prima metà del 2019, i prezzi medi dell'elettricità domestica nell'UE sono leggermente aumentati rispetto alla prima metà del 2018 (20 euro per 100 kWh), attestandosi a 21 euro per 100 kWh, ha affermato l'agenzia statistica. I prezzi medi del gas nell'UE erano stabili e si sono attestati a sei euro per 100 kWh nella prima metà del 2019. Le tasse e i prelievi hanno rappresentato oltre un terzo (37%) delle bollette elettriche addebitate alle famiglie nell'UE nella prima metà del 2019. Per le bollette del gas, la quota corrispondente era del 27%. Tra la prima metà del 2018 e la prima metà del 2019, si sono osservati i maggiori cali dei prezzi dell'elettricità domestica, nelle valute nazionali, in Danimarca (-4,3 per cento) e Portogallo (-4,1 per cento), seguiti dalla Polonia (-3,1 per cento) e la Grecia (-1,3 per cento). Al contrario, l'incremento maggiore è stato registrato nei Paesi Bassi (+20,3 per cento), davanti a Cipro (+16,4 per cento), Lituania (+14,4 per cento) e Repubblica ceca (+12,0 per cento). Espressi in euro, i prezzi medi dell'elettricità domestica nella prima metà del 2019 sono stati i più bassi in Bulgaria (9,9 euro per 100 kWh), Ungheria (11,2 euro) e Lituania (12,5 euro) e più alti in Germania (30,9 euro), Danimarca (29,8 euro ) e Belgio (28,4 euro), ha affermato Eurostat.

leva-and-stotinki-coins-photo-Clive-Leviev-Sawyer-March-2018-crop-crop-604x272

l Consiglio dei ministri della Bulgaria ha concordato il 20 novembre 2019 di versare un bonus natalizio di 40 leva (circa 20 euro) ai pensionati che percepiscono pensioni mensili inferiori a 363 leva, ha dichiarato il ministro del Lavoro e delle Politiche Sociali Bisser Petkov. I bonus andranno a 1 276 200 pensionati e costeranno alle casse statali circa 51 milioni di leva. I fondi verranno dalla ristrutturazione del bilancio statale. Per diversi anni, è stata la pratica di una successione di governi bulgari a pagare bonus ai pensionati a Pasqua e Natale. Negli ultimi anni, la somma che ogni pensionato riceve come bonus è stata di circa 40 leva. Nel novembre 2018, il primo ministro Boiko Borissov ha dichiarato che, con la somma approvata in una riunione del governo quel mese, il suo terzo governo aveva fornito più di 200 milioni di leva (circa 100 milioni di euro) in supplementi pensionistici. Nel corso dei suoi tre governi, quasi mezzo miliardo di leva era stato assegnato a premi per pensionati a basso reddito a Natale e Pasqua, all'epoca Borissov disse.

D0F5FA02-18AA-4CEB-BB3F-F7D775A90D01

Il valore delle esportazioni della Bulgaria a gennaio - settembre 2019 è stato di 42 636,7 milioni di leva, il 3,2 per cento in più rispetto a gennaio - settembre 2018, ha dichiarato l'Istituto nazionale di statistica (NSI) il 12 novembre, citando i dati preliminari.

 

 Nel solo settembre 2019, le esportazioni totali di beni della Bulgaria hanno raggiunto i 4 728,5 milioni di leva, in calo dell'1,1 per cento rispetto a settembre 2018, ha affermato l'NSI.

 

 Il valore totale di tutte le merci importate in Bulgaria a gennaio - settembre 2019 era di 45 599 milioni di leva (ai prezzi di Assicurazione costi e merci - CIF), ovvero dell'1,1% in meno rispetto a gennaio - settembre 2018.

 

 A settembre 2019, le importazioni totali di merci in Bulgaria sono diminuite del 6,9 per cento rispetto a settembre 2018 e hanno aggiunto 4 814,5 milioni di leva.

 

 Il saldo totale del commercio estero (esportazioni franco a bordo, FOB - CIF di importazione) è stato negativo nel periodo gennaio - settembre 2019 e ammontava a 2 962,3 milioni di leva, ha affermato l'NSI

 

 A settembre 2019, anche il saldo del commercio estero (esportazioni FOB - importazione CIF) è stato negativo e ha raggiunto 86 milioni di leva.

 

 Nel periodo gennaio - settembre 2019, le esportazioni di merci dalla Bulgaria verso paesi terzi, vale a dire i paesi che non sono membri dell'Unione europea, sono aumentate del 3,4% rispetto a gennaio - settembre 2018 e hanno aggiunto 13 613,5 milioni di leva.

 

 Tra i paesi extra UE, i principali partner commerciali della Bulgaria in questo periodo erano Turchia, Cina, Serbia, Russia, Stati Uniti e Repubblica della Macedonia del Nord, che rappresentavano il 50% delle esportazioni verso paesi extra UE.

 

 A settembre 2019, le esportazioni di merci dalla Bulgaria verso paesi terzi sono diminuite del 3,2 per cento rispetto a settembre 2018, pari a 1 495,5 milioni di leva.

 

 Le importazioni di merci in Bulgaria da paesi terzi nel periodo gennaio - settembre 2019 sono diminuite del 6,9 per cento rispetto allo stesso periodo del 2018 e hanno aggiunto fino a 15 387,9 milioni di leva (a prezzi CIF).

 

 Gli importi maggiori sono stati segnalati per le merci importate dalla Federazione Russa, dalla Turchia, dalla Cina e dalla Serbia.

 

 A settembre 2019, le importazioni di merci dalla Bulgaria da paesi terzi sono diminuite del 18,8 per cento rispetto a settembre 2018 e ammontano a 1 574,0 milioni di leva.

 

 La bilancia del commercio estero della Bulgaria (esportazione FOB - importazione CIF) con paesi terzi nel periodo gennaio - settembre 2019 è stata negativa e ha raggiunto un totale di 1 774,4 milioni di leva.

 

 A settembre 2019, anche la bilancia commerciale estera della Bulgaria (export FOB - import CIF) con paesi terzi è stata negativa e ammontava a 78,5 milioni di leva, ha affermato l'NSI

Foto del giorno

126065639_2781594628796935_5342807069289340451_o

Foto del giorno Bulgaria (Sketches of Sofia) 

Interviste e commenti

Intervista all’Ambasciatore Stefano Baldi,un Entusiasta

News image

  Fai l’intervista e non vedi l’ora di arrivare in u...

Interviste e commenti

Dai nostri lettori

La narrazione dell'informazione

News image

Una volta la TV mostrava i fatti ed ai giornali spettava il compito di spiegarli. Oggi, con i giornali in fo... Leggi tutto

Punti di vista

Vi svelo un paio di frottole sul debito pubblico. Firmato: Savona

News image

Il problema del debito pubblico non è quindi quello del ri...

Punti di vista | Administrator

Dal mondo

Accordo Israele ed Emirati Arabi: un terremoto geopolitico ?

News image

  Israele e Emirati Arabi Uniti (UAE) hanno annunciato...

Dal mondo

Novita'

Secondo le previsioni piu' negative il PIL della Bulgaria diminuirà del 3%

News image

Gli ultimi cambiamenti di bilancio adottati dal governo bu...

Novita'