oroscopo  Meteo
Italian - ItalyБългарски (България)

2c8b154f-39e2-4718-9f5a-79666f579628

In ottobre senza numero senza lavoro sale a 220.172 persone

(ANSA) - SOFIA - Cresce lievemente il tasso di disoccupazione in Bulgaria. Secondo i dati diffusi mercoledì dall'Agenzia per l'Occupazione, nel mese di ottobre, il tasso di disoccupazione nel Paese si è attestato al 6,7% facendo registrare un incremento di 0,2 punti percentuali rispetto al mese precedente, portando il numero di senza lavoro a 220.172 persone. Se paragonata a ottobre 2016, ricorda l'agenzia di stampa bulgara Bta, la percentuale di disoccupati è diminuita di 1,2 punti percentuali.

Lo scorso mese, rilevano i dati pubblicati, 20.456 persone hanno trovato lavoro. La maggior parte dei nuovi impieghi si sono registrati nei settori industriale, dell'abbigliamento, nella fabbricazione di mobili, nell'insegnamento e nel turismo.

(ANSA).

loadimageid

"Il nostro incontro, nel corso del quale abbiamo esaminato sia i rapporti bilaterali ottimi tra Italia e Bulgaria sia l'impegno che ci attende a livello europeo nei prossimi mesi, è stato molto utile. La base di partenza sono non solo relazioni antiche ma relazioni attuali molto positive".

Lo dice il Presidente del Consiglio Paolo Gentiloni al termine dell'incontro a Palazzo Chigi con il primo ministro bulgaro Boyko Borissov. "Siamo orgogliosi di avere un interscambio che si avvicina ai cinque miliardi tra Italia e Bulgaria, con uno scambio equilibrato tra i due Paesi, il che è sempre un buon segno. Sulla base di questo si possono sviluppare anche investimenti: la Bulgaria ha condizioni invidiabili di stabilità, crescita economica e sta investendo sul proprio futuro". "E' un Paese al quale siamo legati anche sul piano di un comune interesse geopolitico ed europeo. Dal primo gennaio sarà presidente di turno dell'Ue per un semestre molto importante perché i prossimi mesi saranno rilevanti per l'Unione su diversi argomenti", sottolinea il premier. (ANSA).

depositphotos_72157347-stock-photo-usa-and-bulgaria

Si è tenuto venerdì scorso, 10 novembre, a Sofia il forum per l'industria della difesa Bulgaria-Stati Uniti, organizzato dal ministero della Difesa bulgaro e dall'Associazione commerciale americana-centro europea, come riporta l'agenzia di stampa “Bulgarian News Agency-Bta”. Parlando al forum, il ministro della Difesa bulgaro, Krassimir Karakachanov, ha spiegato che i progetti per la modernizzazione delle Forze armate della Bulgaria sarebbero dovuti iniziare almeno 10 anni fa ed essere già realizzati. "La Bulgaria ha l'ambizioso obiettivo di attuare progetti per la modernizzazione delle sue Forze armate, ovvero portare a compimento tutti e tre i progetti per la modernizzazione: dell'aviazione, dell'esercito e della Marina", ha spiegato. Un altro grande obiettivo per le autorità di Sofia è quello di trovare dei partner per la realizzazione di questi progetti e consentire alle imprese bulgare del settore di parteciparvi, ha sottolineato Karakachanov confermando che uno scenario di questo tipo garantirebbe all'economia bulgara un forte impulso.

In riferimento alle capacità difensive previste dalle regole della Nato, Karakachanov ha chiarito che "quando un paese vuole essere un membro rispettato di un'organizzazione internazionale, come ad esempio la Nato, si deve avere delle capacità e non fare affidamento solo all'articolo 5 del trattato Nord Atlantico, che riguarda la difesa collettiva, ma leggere anche molto con attenzione gli articoli precedenti, come l'articolo 3", ha detto riferendosi al concetto di aiuto e di assistenza reciproca tra membri dell'Alleanza. "Da questo punto di vista, credo che questi progetti nazionali avrebbero dovuti essere avviati almeno dieci anni fa ed essere già terminati, per questo - ha proseguito Karakachanov - abbiamo un compito difficile e la responsabilità della sicurezza delle nostre Forze armate nel portare i progetti alla loro conclusione", ha osservato il ministro bulgaro.

"Sono orgoglioso di dire che la cooperazione nel settore difesa è più forte che mai", ha detto l'ambasciatore statunitense in Bulgaria, Eric Rubin, durante il forum, fornendo come esempio l'esercitazione Sabre Guardian, la più grande condotta dagli Stati Uniti in Europa della la scorsa estate. "Gli Stati Uniti accolgono con favore gli sforzi profusi dalla Bulgaria per aumentare la sua spesa militare e nel diventare un paese ancora più robusto ed equipaggiato nonché un alleato e socio per la Nato, portando a compimenti tutti gli impegni presi dagli alleati ai vertici Nato del Galles e di Varsavia. Un obiettivo di spesa per la difesa del 2 per cento invierà un chiaro segnale che la Bulgaria è pronta a rispondere alle sfide di sicurezza di oggi e quelle di domani", ha concluso Rubin. Al forum hanno partecipato anche le aziende statunitensi e bulgare interessate alla cooperazione industriale e agli investimenti.                                                 Fonte:Agenzia

Foto del giorno

2D746BB4-9C57-4312-B78D-91E999C94392

Foto del giorno Bulgaria (Sketches of Sofia)

Dai nostri lettori

I media e l'informazione

News image

In questo tempo in cui l’accesso alle informazioni è facilitato dai mezzi di comunicazione ed è diventato ac... Leggi tutto

Punti di vista

Il mea culpa di Calenda: “ Per 30 anni ho ripetuto cazzate sul liberalismo economico”

News image

Carlo Calenda fa mea culpa. Oggi il parlamentare europeo...

Punti di vista | Administrator

Dal mondo

Duplice attacco al cuore della produzione mondiale di petrolio in Arabia Saudita

News image

In Arabia Saudita nella giornata di sabato c’è stato un du...

Dal mondo