oroscopo  Meteo
Italian - ItalyБългарски (България)

download_7

Rivolgendosi a una conferenza internazionale a Sofia, giovedì dedicato al futuro del Fondo sociale europeo, il vice primo ministro bulgaro Tomislav Donchev ha detto che il divario tra coloro che hanno conoscenza e coloro che non hanno conoscenza si sta allargando, e questa è una nuova sfida sociale. Ha detto: "Dobbiamo pensare a come prenderci cura delle minoranze digitali, che potrebbero non rappresentare un problema oggi, ma rappresenteranno sicuramente un problema tra i 5 ei 10 anni da oggi. In pochi decenni, una persona che non è sul Internet ed è analfabeta digitalmente sarà più seriamente emarginata rispetto ai gruppi emarginati che abbiamo al giorno d'oggi. "

 

La conferenza internazionale si intitolava "Investire nelle persone - la via da seguire".

 

Donchev ha anche elencato altre sfide, tra cui gli squilibri persistenti del mercato del lavoro, la carenza di lavoratori qualificati e i movimenti migratori, sia in entrata che in uscita. La disoccupazione giovanile, ha detto, non è solo una questione di competenze professionali, ma anche una questione di valori generazionali. "Alcuni dei nostri giovani non vogliono lavorare, non sono interessati e corsi di formazione non possono risolvere il problema".

 

Ha proseguito dicendo: "Anche l'Europa è un progetto sociale, e dovremmo esserne tutti orgogliosi. Nell'ambito di questo progetto, dobbiamo prestare attenzione al sistema di welfare e alle relative spese. la spesa per il benessere del mondo e dovremmo esserne orgogliosi, ma non è vero che il benessere a volte è velenoso piuttosto che benefico? "

 

Marianne Thyssen, commissario europeo per l'Occupazione, gli affari sociali, le competenze e la mobilità del lavoro, ha affermato in un video messaggio che il Fondo sociale europeo continuerà a investire nelle persone durante il prossimo periodo di programmazione. Ha affermato che il processo di convergenza tra gli stati membri dovrebbe essere semplificato e che i sistemi di istruzione e assistenza sociale dovrebbero essere rafforzati. Thyssen ha anche chiesto un sistema di gestione dei fondi più efficiente

greece-bulgaria-lead

La commissione bulgara per la tutela della concorrenza, CPC, ha infatti bloccato due gare d’appalto pubbliche sul progetto dopo la presentazione di alcuni ricorsi

L’Interconnector Grecia-Bulgaria (Igb), il collegamento al Corridoio meridionale del gas pensato per rifornire Sofia, è in ritardo a causa dei ricorsi presentati sui lavori. Vladislava Tsekova, dellaICGB Investment, incaricata di completare la costruzione dell’interconnettore, ha ammesso che l’azienda auspica di tornare presto in pista con i lavori. “Abbiamo motivo per ritenere che sono in gioco importanti interessi statali che consentono la prosecuzione delle procedure, nonostante i ricorsi”, ha detto la Tsekova. La commissione bulgara per la tutela della concorrenza, CPC, ha infatti bloccato la scorsa settimana due gare d’appalto pubbliche sul progetto energetico destinato a ridurre la dipendenza della regione dal gas russo. La sospensione delle gare d’appalto rischia di ritardare la costruzione della parte bulgara del gasdotto oltre la scadenza fissata dal governo di Sofia.

Il governo di Boyko Borissov sperava di iniziare la costruzione dell’infrastruttura entro il 28 giugno, al termine del semestre di presidenza bulgara del Consiglio dell’Ue. Eventuali rinvii dei lavori prolungheranno, infatti, la dipendenza energetica della regione dalla russa Gazprom. Tsekova ha detto ai media locali che il termine del CPC per prendere una decisione è breve: l’azienda quindi non si aspetta un rinvio critico del processo di costruzione. “Naturalmente, se questi ricorsi continueranno anche durante le nostre prossime gare pubbliche, rischiamo di compromettere la tempistica del progetto e l’interesse nazionale della Bulgaria”, ha detto Tsekova. IGB collegherà i sistemi di gas naturale dei due paesi tra Komotini nella Grecia settentrionale e Stara Zagora nella Bulgaria centrale. Il progetto lungo 182 km costituirà un’infrastruttura di trasporto strategica non solo per Sofia, ma anche per il resto dell’Europa sudorientale, poiché diversificherà le fonti di gas dell’intera regione. Avrà una capacità di trasporto di 3 miliardi di metri cubi all’ anno di gas naturale, con la possibilità di un upgrade fino a 5.                                                                                                                                                                                                          Fonte:energiaoltre.it

bulgarian-lev-notes-922x614

 

Alla fine di dicembre 2017, la valuta circolante ha raggiunto 15.703,2 milioni di leva, in rialzo di 1.550,3 milioni, pari al 10,95 per cento rispetto alla fine di dicembre 2016, secondo quanto riferito dalla Banca nazionale bulgara. Durante il precedente periodo di un anno (dicembre 2015 - dicembre 2016), l'aumento è stato inferiore in termini di valore (1.428,1 milioni di leva), ma superiore in termini percentuali (11,22 per cento).

 

La moneta circolante comprende banconote a corso legale e monete con emissione regolare e commemorative emesse dopo il 5 luglio 1999 (comprese quelle ritirate dalla circolazione senza limiti di tempo per lo scambio).

 

A fine dicembre 2017, la quota di banconote nel valore totale della valuta circolante era del 97,64%, in aumento di 0,01 punti percentuali rispetto alla fine di settembre 2017.

 

Il valore medio di una banconota in circolazione alla fine del 2017 era di 33,85 leva, in aumento di 0,18 leva per l'ultimo trimestre dell'anno e di 1,35 leva (4,17%) da fine dicembre 2016, riflettendo una crescita più rapida di 50 e 100 lev. banconote in circolazione di denaro e la sostituzione graduale della banconota da 2 leva con una moneta della stessa denominazione.

 

Alla fine di dicembre 2017, la quota delle monete con emissione regolare del valore della valuta circolante era del 2,31%, in calo di 0,01 punti percentuali rispetto alla fine del trimestre precedente. Il valore medio di una moneta a emissione regolare in circolazione alla fine del 2017 era 0,16 leva, invariato rispetto alla fine di settembre e 0,01 leva in più rispetto a fine dicembre 2016 a seguito del lancio della moneta da 2 leve.

 

Le banconote che circolavano a fine dicembre 2017 erano 452,9 milioni, in aumento di 15,7 milioni (3,60%) da fine settembre 2017. Nello stesso periodo, il valore totale delle banconote in circolazione è aumentato di 610,5 milioni di leva (4,15 per cento), raggiungendo 15.333,2 milioni di leva entro la fine di dicembre 2017.

 

Alla fine del 2017 la banconota da 20 leve occupava la maggior parte del numero di banconote in circolazione (134,4 milioni di banconote o 29,67%). La banconota da 5 leve rappresentava la più piccola parte delle banconote in circolazione (5,95 per cento).

 

Fonte: Sofia

Foto del giorno

sofia_231

Bulgaria foto di Jean Marc

Dai nostri lettori

L’IPOCRISIA DEL CAPITALISMO LIBERALE MODERNO

News image

Il Capitalismo liberale moderno genera povertà, acuisce il divario sociale e sostituisce con la logica del p... Leggi tutto

Ultime notizie

Interviste e commenti

Intervista a Simone Cossu-a Sofia una nuova vita

News image

  Prima d'ora ci siamo incontrati soltanto una volta...

Interviste e commenti

Dal mondo

CINA E INDIA TORNANO A PARLARSI: IL FUTURO DELL’ASIA PASSA DA QUI

News image

Il primo ministro indiano Narendra Modie il president...

Dal mondo