oroscopo  Meteo
Italian - ItalyБългарски (България)

leva-and-stotinki-coins-photo-Clive-Leviev-Sawyer-March-2018-crop-crop-604x272

l Consiglio dei ministri della Bulgaria ha concordato il 20 novembre 2019 di versare un bonus natalizio di 40 leva (circa 20 euro) ai pensionati che percepiscono pensioni mensili inferiori a 363 leva, ha dichiarato il ministro del Lavoro e delle Politiche Sociali Bisser Petkov. I bonus andranno a 1 276 200 pensionati e costeranno alle casse statali circa 51 milioni di leva. I fondi verranno dalla ristrutturazione del bilancio statale. Per diversi anni, è stata la pratica di una successione di governi bulgari a pagare bonus ai pensionati a Pasqua e Natale. Negli ultimi anni, la somma che ogni pensionato riceve come bonus è stata di circa 40 leva. Nel novembre 2018, il primo ministro Boiko Borissov ha dichiarato che, con la somma approvata in una riunione del governo quel mese, il suo terzo governo aveva fornito più di 200 milioni di leva (circa 100 milioni di euro) in supplementi pensionistici. Nel corso dei suoi tre governi, quasi mezzo miliardo di leva era stato assegnato a premi per pensionati a basso reddito a Natale e Pasqua, all'epoca Borissov disse.

D0F5FA02-18AA-4CEB-BB3F-F7D775A90D01

Il valore delle esportazioni della Bulgaria a gennaio - settembre 2019 è stato di 42 636,7 milioni di leva, il 3,2 per cento in più rispetto a gennaio - settembre 2018, ha dichiarato l'Istituto nazionale di statistica (NSI) il 12 novembre, citando i dati preliminari.

 

 Nel solo settembre 2019, le esportazioni totali di beni della Bulgaria hanno raggiunto i 4 728,5 milioni di leva, in calo dell'1,1 per cento rispetto a settembre 2018, ha affermato l'NSI.

 

 Il valore totale di tutte le merci importate in Bulgaria a gennaio - settembre 2019 era di 45 599 milioni di leva (ai prezzi di Assicurazione costi e merci - CIF), ovvero dell'1,1% in meno rispetto a gennaio - settembre 2018.

 

 A settembre 2019, le importazioni totali di merci in Bulgaria sono diminuite del 6,9 per cento rispetto a settembre 2018 e hanno aggiunto 4 814,5 milioni di leva.

 

 Il saldo totale del commercio estero (esportazioni franco a bordo, FOB - CIF di importazione) è stato negativo nel periodo gennaio - settembre 2019 e ammontava a 2 962,3 milioni di leva, ha affermato l'NSI

 

 A settembre 2019, anche il saldo del commercio estero (esportazioni FOB - importazione CIF) è stato negativo e ha raggiunto 86 milioni di leva.

 

 Nel periodo gennaio - settembre 2019, le esportazioni di merci dalla Bulgaria verso paesi terzi, vale a dire i paesi che non sono membri dell'Unione europea, sono aumentate del 3,4% rispetto a gennaio - settembre 2018 e hanno aggiunto 13 613,5 milioni di leva.

 

 Tra i paesi extra UE, i principali partner commerciali della Bulgaria in questo periodo erano Turchia, Cina, Serbia, Russia, Stati Uniti e Repubblica della Macedonia del Nord, che rappresentavano il 50% delle esportazioni verso paesi extra UE.

 

 A settembre 2019, le esportazioni di merci dalla Bulgaria verso paesi terzi sono diminuite del 3,2 per cento rispetto a settembre 2018, pari a 1 495,5 milioni di leva.

 

 Le importazioni di merci in Bulgaria da paesi terzi nel periodo gennaio - settembre 2019 sono diminuite del 6,9 per cento rispetto allo stesso periodo del 2018 e hanno aggiunto fino a 15 387,9 milioni di leva (a prezzi CIF).

 

 Gli importi maggiori sono stati segnalati per le merci importate dalla Federazione Russa, dalla Turchia, dalla Cina e dalla Serbia.

 

 A settembre 2019, le importazioni di merci dalla Bulgaria da paesi terzi sono diminuite del 18,8 per cento rispetto a settembre 2018 e ammontano a 1 574,0 milioni di leva.

 

 La bilancia del commercio estero della Bulgaria (esportazione FOB - importazione CIF) con paesi terzi nel periodo gennaio - settembre 2019 è stata negativa e ha raggiunto un totale di 1 774,4 milioni di leva.

 

 A settembre 2019, anche la bilancia commerciale estera della Bulgaria (export FOB - import CIF) con paesi terzi è stata negativa e ammontava a 78,5 milioni di leva, ha affermato l'NSI

13C3694A-61C1-416E-8308-EBE9C25BEE6C

La Banca europea per la ricostruzione e lo sviluppo (BERS) ha aumentato le sue previsioni di crescita economica in Bulgaria nel 2019, lasciando invariate le sue previsioni di crescita nel 2020.

 

 In una relazione periodica sulle prospettive economiche regionali, per novembre 2019, la BERS ha affermato che le sue previsioni di crescita economica in Bulgaria nel 2019 erano ora del 3,7%, in aumento dello 0,3% rispetto alle previsioni di maggio.  Le previsioni per il 2020 prevedevano una crescita del tre per cento.

 

 La BERS ha affermato che l'economia bulgara è cresciuta in modo massiccio al 4,2 per cento su base annua nella prima metà del 2019.

 

 I consumi delle famiglie hanno continuato a essere la principale fonte di crescita, alimentati da una forte attività creditizia, da un aumento degli utili e da un tasso di occupazione più elevato nel quadro del restringimento del mercato del lavoro.

 

 La disoccupazione è scesa a quasi il quattro per cento a giugno 2019, mentre i salari nominali hanno continuato a crescere a tassi elevati a una cifra.

 

 Il governo ha aumentato il salario minimo mensile del 10% a gennaio 2019, a 286 euro.

 

 Anche gli investimenti hanno continuato a contribuire positivamente alla crescita, sebbene a un ritmo più lento rispetto al 2018, ha affermato la BERS.

 

 Nel frattempo, anche le esportazioni nette hanno favorito la crescita, poiché le esportazioni sono cresciute a un ritmo più rapido rispetto alle importazioni, che hanno quasi ristagnato.

 

 La spesa pubblica è aumentata nel 2019, principalmente a causa di una spesa una tantum relativa all'esercito, e il bilancio potrebbe essere in deficit dopo tre anni consecutivi di eccedenze di bilancio.

 

 Il debito pubblico si attesta intorno al 21% del PIL, una delle percentuali più basse dell'UE.

 

 Si prevede che l'economia cresca del solido 3,7% nel 2019 e del 3,0% nel 2020, sostanzialmente in linea con l'attuale potenziale di crescita del Paese, ha affermato la BERS.

 

 È probabile che la crescita sia sostenuta dal consumo privato, che in genere alimenta l'attività economica.

 

 Gli investimenti dovrebbero inoltre contribuire positivamente alla crescita, poiché l'assorbimento dei fondi dell'UE è accelerato verso la fine del periodo di finanziamento 2014-2020 e il governo avvia un importante ciclo di investimenti nel settore dell'energia.

 

 I principali rischi per le prospettive sono la prolungata debolezza dei principali partner commerciali, in particolare quella della zona euro, e un'acuirsi delle attuali carenze di manodopera, ha affermato la BERS.

Foto del giorno

83713487_2520122378277496_311953683845742592_o

Foto del giorno Bulgaria (Sketches of Sofia)

Dai nostri lettori

I media e l'informazione

News image

In questo tempo in cui l’accesso alle informazioni è facilitato dai mezzi di comunicazione ed è diventato ac... Leggi tutto

Punti di vista

Prof. Neumivaykin e il suo sistema di autoguarigione

News image

Il team russo ha visitato il leggendario dottore e guarito...

Punti di vista | Administrator

Dal mondo

Duplice attacco al cuore della produzione mondiale di petrolio in Arabia Saudita

News image

In Arabia Saudita nella giornata di sabato c’è stato un du...

Dal mondo