oroscopo  Meteo
Italian - ItalyБългарски (България)

eurozona

 

La Bulgaria si è impegnata a rafforzare il proprio settore bancario, hanno detto oggi funzionari dell'Unione europea due giorni prima di una riunione dei ministri delle finanze della zona euro che potrebbe far luce sui progressi del paese balcanico verso l'adesione all'euro.

 

La Bulgaria soddisfa i criteri nominali per l'adozione della moneta comune europea, con il suo tasso di leva ancorato all'euro, l'inflazione bassa e le finanze pubbliche sane. Ma è anche il paese più povero dell'UE, e numerosi problemi e innesti in alcune delle sue banche hanno gettato un'ombra sulle sue prospettive di adesione.

 

Gli stati e le autorità della zona euro hanno chiesto a Sofia di intensificare i controlli presso i suoi istituti di credito e accettare la loro supervisione esterna prima di aderire al meccanismo di cambio ERM-2 del blocco, solitamente una sala d'attesa di due anni che precede l'adesione all'euro.

 

Dopo i battibecchi iniziali, i bulgari hanno offerto alcuni impegni in una lettera alle autorità della zona euro.

 

Gli impegni precisi non sono stati divulgati, ma due funzionari dell'UE, che hanno chiesto di rimanere anonimi, hanno giudicato la lettera una mossa positiva e uno ha affermato di includere impegni nel settore bancario.

 

"Abbiamo ricevuto dalle autorità bulgare una lettera di impegni precedenti in vista della loro ferma intenzione di aderire all'ERM 2 e all'Unione bancaria", ha detto oggi un portavoce di Mario Centeno, capo dell'Eurogruppo.

 

L'Eurogruppo comprende i ministri delle finanze dei 19 stati membri della zona euro, che sono anche membri del progetto dell'Unione bancaria inteso a rafforzare la stabilità finanziaria del blocco.

 

I paesi che vogliono aderire alla zona euro non sono legalmente obbligati a far parte dell'Unione bancaria, ma le autorità dell'UE hanno richiesto questo impegno della Bulgaria per ottenere maggiori garanzie dal paese e per cercare di stabilire un modello per gli altri futuri membri.

 

La Bulgaria è in questa "specie di cavia", ha detto un funzionario dell'UE.

 

I paesi membri dei sindacati bancari trasferiscono agli organi dell'UE i poteri di controllare le loro banche principali e trattare con i finanziatori in difficoltà.

 

La lettera bulgara è stata inviata prima di una riunione dei ministri delle finanze della zona euro giovedì a Bruxelles, che discuterà con la Banca centrale europea e alti rappresentanti finanziari della Bulgaria i prossimi passi per il paese dei Balcani.

 

Funzionari dell'UE hanno dichiarato che l'esito è a tempo indeterminato, ma un funzionario ha dichiarato che la riunione potrebbe fissare una data obiettivo per l'adesione della Bulgaria all'ERM-2.

 

La valutazione degli impegni del paese potrebbe richiedere più di un anno, ha detto il funzionario. Solo in seguito la Bulgaria potrebbe aderire all'ERM-2.

euro

Il Paese guidato da Bojko Borisov ha fatto grossi passi in avanti sul fronte economico e ogni sua mossa politica e non in questo momento sembra improntata a un ingresso nell’Eurozona. Ma è una prospettiva che resta ancora difficile.

La Bulgaria vuole l’euro. 
Malgrado uno scenario dominato da elementi come la Brexit, la crisi italiana che preoccupa l’Eurozona e un delinearsi sempre più netto di movimenti e partiti che fanno dell’antieuropeismo il loro cavallo di battaglia, per il governo e i cittadini del Paese più povero dell’UE la moneta unica resta un sogno concreto, che vuol dire, per molti, migliori prospettive economiche e un futuro vantaggioso.

È quanto registrato da un sondaggio della CNBC, secondo cui il 61% della popolazione bulgara è totalmente ottimista riguardo l’euro, contro il 31% di pessimisti e l’8% di incerti. Tra gli attuali 28 Paesi che adottano la moneta unica, solo la Lituania - nell’Eurozona dal 2015 - mostra una fiducia maggiore.

Certo non si tratta dell’unico Paese che ha mostrato una volontà simile, conRomania e Croazia che fremono per fare decisivi passi in avanti verso l’adozione dell’euro. Ma per la Bulgaria - senza dubbio la nazione economicamente più pronta alla circostanza fra le tre - sembra sia diventata una questione assolutamente primaria nell’agenda del governo e in primis del premier, Bojko Borisov.

Solo qualche giorno fa, il primo ministro bulgaro ha fatto notare come siano i problemi italiani a minacciare davvero l’UE; il riferimento è alla proposta di cancellazione di 250 miliardi di debito da parte della BCE, una proposta poi scomparsa, oltre che alla questione migranti e ai segnali di antieuropeismo giunti dal Belpaese. Un problema, quello italiano, ben più grande di quello che potrebbe rappresentare l’ingresso della Bulgaria nell’Eurozona.

Cosa ha fatto finora la Bulgaria per entrare nell’euro?

La prima mossa del Paese guidato da Borisov verso la moneta unica sembra rappresentata dall’assunzione della presidenza di turno dell’UE, mossa che mira ad accelerare anche il suo ingresso nell’area Schengen, e che ha certamente garantito alla Bulgaria il forte appoggio della Commissione europea, con il presidente, Jean-Claude Juncker, che non ha mancato di notare la “genuina convergenza” della Bulgaria, e la “giusta direzione” imboccata.

Dopo aver già fissato il valore del lev a quello dell’euro, vuole ora aderire almeccanismo di cambio, e i passi avanti fatti in campo economico sono innegabili: il tasso di crescita della Bulgaria supera il 3%, ha accumulato un notevole surplus di bilancio e il debito pubblico è pari al 26,8% del PIL.

A muovere la Bulgaria verso l’euro sembra essere anche il timore di essere estromessi dalla distribuzione dei fondi per lo sviluppo da parte dell’UE, che vede i Paesi dell’Eurozona storicamente in prima fila.

Qual è lo scetticismo dell’Eurozona?

Al di là delle dichiarazioni pubbliche prettamente positive fatte da Juncker, oltre che dal premier francese Macron, sarebbe più opportuno andare anche a leggere le cosiddette note a margine, osservando che lo stesso presidente della Commissione europea aveva notato, solo qualche mese fa, come si fosse ancora ben lontani da una prospettiva concreta per quel che riguarda il connubio Bulgaria-euro.

I timori dell’Eurozona sono legati doppio nodo alla cicatrice ancora ben visibile provocata dalla Grecia, e si vuole evitare a tutti i costi il rischio di ripetere un’esperienza simile.

In più, c’è da sottolineare che la Bulgaria è ancora il Paese europeo con il livello più alto di corruzione, davanti a Ungheria, Romania e Grecia (Italia settima); e per quanto la crescita mostri passi in avanti notevoli, va in ogni caso tenuto conto di un ritardo economico ancora forte: il salario minimo, ad oggi, è di 544 euro.

Fonte:money.it

 

photo_verybig_190833

Il Primo Ministro Boyko Borisov presenterà oggi all'Eurogruppo la candidatura della Bulgaria per l'ingresso nella sala d'attesa dell'Eurozona.

 

L'incontro discuterà i lavori sulla costruzione dell'Unione economica e monetaria e in particolare i temi della riforma del meccanismo europeo di stabilizzazione e le prossime fasi della costruzione dell'Unione bancaria.

 

"Li presenterò a quanto è stato fatto finora", ha detto ieri Borisov e ha ricordato che la Bulgaria soddisfa già tutti e cinque i requisiti per passare al meccanismo ERM II.

 

Borisov ha aggiunto che il ministro delle finanze Vladislav Goranov è stato invitato il 14 luglio in una riunione dei suoi colleghi dell'Eurogruppo. Ha specificato che Goranov probabilmente avrebbe inviato la lettera con la domanda bulgara, firmata dal ministro e governatore della BNB Dimitar Radev.

Foto del giorno

sofia_28

Bulgaria foto di Jean Marc

Dai nostri lettori

L’IPOCRISIA DEL CAPITALISMO LIBERALE MODERNO

News image

Il Capitalismo liberale moderno genera povertà, acuisce il divario sociale e sostituisce con la logica del p... Leggi tutto

Ultime notizie

Interviste e commenti

Intervista a Simone Cossu-a Sofia una nuova vita

News image

  Prima d'ora ci siamo incontrati soltanto una volta...

Interviste e commenti

Dal mondo