oroscopo  Meteo
Italian - ItalyБългарски (България)

sostanzetossiche

Le sostanze collegate ai tumori sono ovunque. Tanto che talvolta possono sembrare assolutamente inevitabili: i californiani leggono ormai apposite avvertenze mentre si bevono il caffè mattutino, e l’Agenzia internazionale per la ricerca sul cancro dell’Organizzazione Mondiale della Sanitàtiene il conto preciso delle cose che provocano certamente il cancro,di quelle associate con un certo grado di probabilità ai tumori e quelle che si sospetta possano causare un tumore.

Tutti i tumori sorgono da un danno o da una mutazione genetica del nostro Dna. Fondamentalmente, influiscono sul modo in cui le cellule crescono e si dividono, modificandole in modo maligno. Queste cellule tossiche si moltiplicano rapidamente e possono diffondersi in lungo e in largo nell’organismo.

Alcuni casi di tumori sono fuori dal nostro controllo,determinati da difetti e predisposizioni genetici trasmessi da una generazione all’altra, o innescati da cambiamenti cui siamo oggetto nel corso della nostra vita.

Prodotti come le sigarette provocano palesemente tumori, mentre altri beni di consumo come caffè e carne grigliata potrebbero accrescere le vostre possibilità di essere affetti da tumore in minima parte, ammesso che lo facciano.

La verità è che praticamente ogni sostanza con cui abbiamo a che fare potrebbe, forse, un giorno o l’altro, contribuireal manifestarsi di un tumore. Però, esistono alcuni prodotti sui quali, stando agli studi scientifici, dovremmo esercitare un maggiore controllo.

Ecco quanto sappiamo al momento.

1 Pillola anticoncezionale

2

La pillola è un argomento ambivalente in fatto di tumori.

Mentre potrebbe aumentare il rischi di tumore al seno e al collo dell’utero, gli studi suggeriscono che contribuirebbero anche a diminuire le possibilità di cancro dell’endometrio, alle ovaie o colorettale.

2 Zucchero

Shutterstock

Gli scienziati sanno ormai che mangiare cibi troppo dolci non provoca solo diabete, ma può anche danneggiare attivamente le nostre cellule e aumentare le possibilità di sviluppare un tumore.

Ma non è tutto.

Ormai, i ricercatori suggeriscono che lo zucchero potrebbe alimentare la crescita del tumore nel corpo, dato che il cancro predilige lo zucchero come alimento.

Il consumo iperattivo di zucchero da parte delle cellule tumorali innesca un circolo vizioso di stimolazione continua di sviluppo e crescita di un cancro“, ha detto il biologo molecolare belga Johan Thevelein in occasione della pubblicazione del suo ultimo studio nel 2017. Gli scienziati dicono che ricerche pionieristiche ci stanno fornendo una migliore comprensione dell’interazione tra zucchero e cancro, e potrebbero contribuire in futuro a creare programmi di dieta mirati per i pazienti.

3 Alcune plastiche

Reuters/Nicky Loh

Le plastiche possono essere dannose, specialmente quandodisperdono sostanze chimiche tramite graffi o fessure nei contenitori.

Il BPA è un estrogeno sintetico che è stato impiegato in molte plastiche e resine fin dagli anni ’60 ed è un noto interferente endocrino: interferisce cioè sull’equilibrio naturale degli ormoni del nostro organismo. Le resine realizzate con BPA possono essere impiegate come sigillanti nelle lattine in metallo per conservare alimenti, mentre i policarbonati, plastiche realizzate con il BPA, possono includere bottiglie e contenitori per la conservazione degli alimenti. Il BPAcompare addirittura sul lato lucido degli scontrini su carta termica, per stabilizzare l’inchiostro.

Mentre molti produttori di plastiche hanno iniziato a etichettare i propri prodotti come “BPA-free”, circolano ancora un sacco di sostanze che provocano tumori al seno e alla prostata.

4 Alimenti confezionati industrialmente

Shutterstock

Qualsiasi alimento all’interno di un frusciante sacchetto di plastica sigillato industrialmente e prodotto per durare mesi senza guastarsi rappresenta una veloce soluzione per un attacco di fame improvviso. Ma potrebbe anche aumentare il rischio di tumori.

Gli scienziati francesi si sono recentemente concentrati sul collegamento tra persone che mangiano molto cibo confezionato e coloro che sviluppano più tumori.

Non sono ancora sicuri se il problema è dato dagli stabilizzanti nel cibo, dalla confezione in plastica o da una combinazione delle due cose. E dato che il loro studio era correlativo, è possibile che operino altri fattori nascosti.

5 Sigarette

arvin febry / Unsplash

Anche se l’industria del tabacco ha provato a insabbiarlo, sono anni che sappiamo che il fumo del tabacco contiene al suo interno almeno 70 sostanze chimiche che provocano il cancro. E non sono solo i fumatori a essere colpiti: anche le persone che inalano il fumo passivamente possono sviluppare tipologie mortali di cancro.

I Centri per il controllo e la prevenzione delle malattie degli UsaA dicono: “i non fumatori esposti al fumo passivo a casa o sul lavoro anno il 20-30% in più di possibilità di sviluppare un cancro ai polmoni “.

Anche chi mastica tabacco ha una maggiore probabilità di contrarre un tumore                                                        Fonte:businessinsider.it

 

Secondo l’organizzazione benefica Shelter, oggi ci sono ora più di 300mila persone in Gran Bretagna che non hanno un alloggio. Una cifra spaventosa in costante aumento dal 2010 e nel 2041 si stimano che saranno ben 400mila, una vera e propria emergenza sociale, costretti a vivere in squallidi ostelli, nei ricoveri per senzatetto o all’addiaccio, con un’aspettativa di vita di appena 47 anni. E bisogna tener conto di un’ironia crudele, difatti per ottenere un aiuto concreto i senzatetto avrebbero bisogno di un indirizzo.Eppure nel Regno Unito sono state censite ben 500mila case vuote di cui 200mila per più di sei mesi e 11mila sono sfitte da più di dieci anni. Sono stati questi numeri ad innescare la scintilla per la nascita del progetto ProxyAddress, con l’intento concreto di fornire a ciascun homeless un indirizzo di appoggio.

Ma come funziona? Gli indirizzi civici non sono una proprietà privata. I nomi e i numeri delle strade sono creati e controllati dai consigli locali mentre i codici postali sono assegnati dalla Royal Mail. Non appartengono ai proprietari terrieri né sono informazioni private e secondo la legge britannica i numeri civici devono essere visibili dalla strada.Dunque, in teoria, il codice postale potrebbe avere anche un secondo utilizzo ed essere dislocato altrove. Del resto, ogni anno circa 800.000 bambini britannici inviano lettere ad un indirizzo speciale: “Santa/Father Christmas, Santa’s Grotto, Reindeerland XM4 5HQ” che arrivano in un ufficio di smistamento a Belfast e partendo proprio dal registro della RoyalMail, il progetto ProxyAddress potrebbe prendere in consegna i codici già assegnati – e non utilizzati – per darli in consegna ai senzatetto.

sf1

In tal modo, ovviamente, non avrebbero alcun diritto sulla proprietà e laddove l’alloggio in questione trovasse un inquilino, RoyalMail dovrebbe garantire l’assegnazione di un nuovo codice residenziale, sdoppiando la locazione e scongiurando il rischio che il senzatetto debba avviare un iter burocratico per avere un nuovo codice.

ProxyAddress è una svolta poiché gli indirizzi non ci forniscono soltanto una geolocalizzazione dei luoghi ma sono anche – e soprattutto – un sistema di identificazione incrociata. Nonostante la nostra identità virtuale sia sempre più importante – pensate che nel prossimo futuro i richiedenti visto per gli Usa potrebbero dover fornire anche password di accesso ai profili social – chi è sprovvisto di un indirizzo postale non può aprire un conto bancario né ottenere una patente di guida. Inoltre, non è possibile ottenere una tessera della biblioteca o un contratto di telefonia mobile, il che rende estremamente difficile l’accesso a Internet e ancor più arduo la possibilità di trovare un impiego.

In Gran Bretagna il governo da un lato ha fatto appena entrare in vigore una legge  che impone alle autorità locali di adottare attive per scongiurare l’emergenza dei senzatetto ma, d’altra parte, i fondi disponibili per le iniziative sociale sono stati ridotti del 40% dal 2010. Anche per questo motivo ProxyAddress ha un avvenire promettente, visto il costo esiguo sul budget governativo, puntando su un’infrastruttura leggera basata su un database protetto da un codice SSL che comprende gli indirizzi, i loro nomi utente associati, la posizione corrente della persona e la cronologia dell’account. In tal modo i senzatetto possono cambiare il loro indirizzo online, via email o via SMS e soprattutto possono anche consentire a terzi – agenzie di collocamento o di credito – di visualizzare le informazioni. Alla resa dei conti, grazie ad un semplice codice postale, i senzatetto possono già oggi avere l’accesso ai servizi di supporto, controllare le domande di lavoro e la cronologia finanziaria. Un modo concreto per provare ad invertire la spirale verso la povertà.

photo_verybig_189654

 

Per il sesto anno consecutivo, la gente si è riunita per ballare il tradizionale bulgaro Horo nella piazza centrale della capitale europea - Bruxelles.

 

L'evento fa parte del calendario culturale dell'Euro-presidenza bulgara ed è sotto il patronato del Presidente del Parlamento europeo, Antonio Tajani.

 

Il festival del folclore bulgaro a Bruxelles ha riunito ballerini, musicisti e cantanti dell'Accademia di musica e danza a Plovdiv, l'ensemble di Tarnovo Tsaritsa di Veliko Tarnovo, e anche kukeri del villaggio di Rakovski.

 

L'iniziativa per il grande horo bulgaro è affidata all'eurodeputata Eva Maydell, che ha assunto la tradizione dell'ex commissario europeo Kristalina Georgieva.

"Raduno di almeno 1000 persone nella piazza centrale di Bruxelles - ci siamo prefissati questo obiettivo, vorremmo raccontare la storia di una Bulgaria moderna, piena di talento e colorata", ha dichiarato Eva Maydell a Horizon.

 

L'Horo fa parte del Balkan Traffic Festival, che si tiene per il settimo anno consecutivo a Bruxelles.

 

"Questo è l'evento principale in cui vengono presentati i valori, le tradizioni dei paesi balcanici e sono un ospite importante e speciale nella loro ricerca di promuovere Plovdiv come capitale della cultura per il 2019", ha aggiunto il deputato bulgaro.

Foto del giorno

68F65BBC-F3BC-437B-9286-61B33A67DD50
Foto del giorno Bulgaria (Sketches of Sofia)

Dai nostri lettori

I media e l'informazione

News image

In questo tempo in cui l’accesso alle informazioni è facilitato dai mezzi di comunicazione ed è diventato ac... Leggi tutto

Punti di vista

Pensare fuori dagli schemi genera creatività

News image

Il NYT a firma di un noto commentatore economico si incari...

Punti di vista | Alberto Cossu

Dal mondo

Debito pubblico americano e il mito dell'arma cinese

News image

L’idea che la Cina possa utilizzare le quote di debito pub...

Dal mondo