oroscopo  Meteo
Italian - ItalyБългарски (България)

Dunja-Mijatovic-2-870x489-crop-604x272

Il 3 settembre, la commissaria per i diritti umani del Consiglio d'Europa, Dunja Mijatović, ha dichiarato di essere preoccupata per le numerose denunce di violenza della polizia bulgara contro i giornalisti che coprono le manifestazioni a Sofia. Mijatović ha rilasciato la dichiarazione il giorno dopo una notte di violenti scontri tra la polizia e alcuni partecipanti alle proteste antigovernative nella capitale bulgara. Gli incidenti includevano l'aggressione di giornalisti da parte della polizia e l'arresto di uno nonostante avesse mostrato le credenziali dei media. “Secondo quanto riferito, diversi giornalisti sono stati picchiati e spruzzati di pepe quando la polizia antisommossa si è scontrata con i manifestanti ieri a Sofia. Secondo quanto riferito, un giornalista è stato detenuto per ore e altri hanno subito danni alle loro attrezzature professionali, ha detto Mijatović. La violenza contro i giornalisti, in particolare per mano di agenti statali, è contraria al dovere degli Stati di sostenere la libertà di stampa e di proteggere la sicurezza dei giornalisti, ha affermato. “Chiedo quindi alle autorità bulgare di indagare efficacemente su tutti i casi denunciati di attacchi contro giornalisti e punire gli agenti di polizia responsabili di tale comportamento inaccettabile. È inoltre urgente dare istruzioni chiare agli agenti di polizia affinché rispettino la libertà di stampa e consentano ai giornalisti e ai professionisti dei media di seguire le manifestazioni in sicurezza ". Le azioni contro i giornalisti sono state condannate anche dall'Associazione dei giornalisti europei-Bulgaria, dal regolatore statutario dei media radiotelevisivi del Consiglio per i media elettronici e dall'Unione dei giornalisti bulgari. Il 3 settembre la Radio nazionale bulgara ha riferito che il portavoce della Commissione europea Christian Wiegand ha affermato che l'uso della forza da parte della polizia durante le proteste deve essere esercitato in proporzione alle azioni dei manifestanti. “La Commissione è a conoscenza delle proteste in Bulgaria e continua a monitorare da vicino la situazione. Abbiamo sempre chiarito che le manifestazioni pacifiche sono un diritto fondamentale in qualsiasi democrazia e lo sosteniamo. La forza deve essere applicata in proporzione alle azioni dei manifestanti ", ha riferito Wiegand secondo quanto riferito da BNR.

Fonte:Sofiaglobe

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

Foto del giorno

126065639_2781594628796935_5342807069289340451_o

Foto del giorno Bulgaria (Sketches of Sofia) 

Interviste e commenti

Intervista all’Ambasciatore Stefano Baldi,un Entusiasta

News image

  Fai l’intervista e non vedi l’ora di arrivare in u...

Interviste e commenti

Dai nostri lettori

La narrazione dell'informazione

News image

Una volta la TV mostrava i fatti ed ai giornali spettava il compito di spiegarli. Oggi, con i giornali in fo... Leggi tutto

Punti di vista

Vi svelo un paio di frottole sul debito pubblico. Firmato: Savona

News image

Il problema del debito pubblico non è quindi quello del ri...

Punti di vista | Administrator

Dal mondo

Accordo Israele ed Emirati Arabi: un terremoto geopolitico ?

News image

  Israele e Emirati Arabi Uniti (UAE) hanno annunciato...

Dal mondo

Novita'

Secondo le previsioni piu' negative il PIL della Bulgaria diminuirà del 3%

News image

Gli ultimi cambiamenti di bilancio adottati dal governo bu...

Novita'