oroscopo  Meteo
Italian - ItalyБългарски (България)

2_IMAGE-TWO

Ogynyan Nenchev ha trascorso gli ultimi 15 anni nel tentativo di fuggire da Vidin, una provincia nella punta nord-occidentale della Bulgaria. Sei volte è andato in cerca di una vita migliore, sei volte è tornato. La sua decisione di continuare a tornare nell'angolo più povero del paese più povero dell'Unione Europea era insolita. Il suo desiderio di andarsene non lo era. Un costante esodo di adulti in età lavorativa ha contribuito a dimezzare la popolazione di Vidin negli ultimi 35 anni - da 162.000 nel 1985 a circa 85.000 nel 2018. Ognyan iniziò ad andarsene in cerca di lavoro alla fine degli anni Quaranta, dopo aver perso il lavoro come ispettore della salute degli animali nella città di Vidin, la capitale della provincia che condivide il suo nome. A differenza dei milioni di bulgari che andarono nell'Europa occidentale, limitò la sua ricerca nel suo paese. A volte trovava lavoro come medico veterinario, sulla base della sua qualifica originale. A volte è stato assunto come insegnante di scienze o ingegnere del riscaldamento sulla base di ulteriori qualifiche. Ritornava a Vidin ogni volta che il lavoro finiva, con la stessa sensazione ogni volta: terrore. "Era come se stessi tornando alla mia tomba", ha detto. "Questa è una città che muore." Vidin è in una spirale mortale in cui un'economia stagnante e un declino demografico si sono circondati. La gente ha lasciato la provincia in cerca di prosperità e la prosperità ha eluso la provincia perché così tante persone se ne sono andate. Mentre una dinamica simile è in atto in gran parte dell'Europa orientale, il suo impatto su Vidin è stato drammatico. La popolazione della provincia è diminuita al tasso più rapido in Bulgaria, che a sua volta ha la popolazione in calo più rapida nell'UE e, in effetti, nel mondo. Vidin può ragionevolmente affermare di essere la capitale mondiale del declino della popolazione - il punto zero del collasso demografico. Un outlier nel contesto globale, Vidin è comunque tipico della sua regione. Dalla caduta del comunismo 30 anni fa, i paesi dell'Europa orientale e sudorientale sono stati testimoni di un fenomeno straordinario: un graduale svuotamento della terra. Secondo un rapporto delle Nazioni Unite del 2019, la regione è la patria di nove dei 10 paesi con le popolazioni in più rapida contrazione del mondo. Dietro queste statistiche ci sono due grandi tendenze: l'emigrazione verso ovest e il calo dei tassi di fertilità. Milioni di giovani hanno lasciato l'Europa ad est per le economie più ricche del suo ovest. Allo stesso tempo, quelli rimasti indietro hanno avuto meno figli rispetto alle generazioni precedenti. Questi fattori si sono combinati per produrre un tasso di declino della popolazione non visto in tempi di pace e che ricorda più guerre e pandemie. Gli edifici abbandonati sono uno spettacolo comune nella provincia di Vidin.

1_IMAGE-ONE

Foto: Nikolay Doychinov

Questa storia della BIRN Investigative Reporting Network, BIRN, esamina come Vidin sia diventato l'epicentro di questo fenomeno e cosa significhi in Europa affrontare le proprie pressioni demografiche. Perché non sono solo le famiglie dell'Europa orientale che si stanno riducendo. In tutta l'Unione Europea, il tasso di fertilità, o il numero medio di bambini nati da donne in età riproduttiva, è in calo da decenni. Se il blocco in generale ha evitato il tasso di declino della popolazione osservato nell'Europa orientale, ciò è in gran parte dovuto al fatto che i suoi stati membri occidentali hanno aggiunto migranti da oltre le sue frontiere, nonché dall'interno. Nell'Europa orientale, tuttavia, molti governi sono apertamente ostili alla migrazione, in particolare dall'Asia, dall'Africa e dal Medio Oriente. I leader di tutta la regione richiedono sistematicamente controlli alle frontiere più rigorosi e trascinano i piedi per accettare la loro quota di rifugiati e migranti obbligatoriamente UE. Eppure il tasso di declino demografico sta anche forzando alcune difficili scelte su di loro. Il declino comporta costi economici a lungo termine. Nel tempo, una forza lavoro in contrazione diventa poco attraente per gli investitori e incapace di sovvenzionare i bisogni pensionistici e sanitari di una popolazione che invecchia. Attrarre lavoratori stranieri può aiutare a compensare i costi, meglio di altre misure come incoraggiare le famiglie più numerose o invogliare gli espatriati a tornare. Polonia e Lituania sono solo due dei paesi che hanno iniziato a incoraggiare una forma molto specifica di migrazione: dalla vicina Ucraina, un paese al di fuori dell'UE la cui economia è stata indebolita dal conflitto con la Russia. Stati dell'Europa sudorientale come la Bulgaria devono ancora adottare politiche simili, ma il tasso di declino demografico potrebbe presto lasciarli senza scelta. "È necessaria un'enorme ondata migratoria", ha affermato Georgi Burdarov, un demografo dell'Università St Kliment Ohridski nella capitale bulgara, Sofia, che ha fornito consulenza al governo bulgaro. “Se la terra non può essere riempita da una popolazione bulgara, ne verrà un'altra. Questo territorio avrà un futuro migliore ".

Fonte:balkaninsight

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

Foto del giorno

DSC_3134-3

Foto del giorno Bulgaria (Sketches of Sofia) 

Interviste e commenti

Intervista all’Ambasciatore Stefano Baldi,un Entusiasta

News image

  Fai l’intervista e non vedi l’ora di arrivare in u...

Interviste e commenti

Dai nostri lettori

La narrazione dell'informazione

News image

Una volta la TV mostrava i fatti ed ai giornali spettava il compito di spiegarli. Oggi, con i giornali in fo... Leggi tutto

Punti di vista

Dal mondo

Accordo Israele ed Emirati Arabi: un terremoto geopolitico ?

News image

  Israele e Emirati Arabi Uniti (UAE) hanno annunciato...

Dal mondo

Novita'

Secondo le previsioni piu' negative il PIL della Bulgaria diminuirà del 3%

News image

Gli ultimi cambiamenti di bilancio adottati dal governo bu...

Novita'