oroscopo  Meteo
Italian - ItalyБългарски (България)

IMG_2330-1280x960

Vogliamo integrare i bambini con disabilità in Bulgaria, portandoli fuori da istituzioni statali squallide e spesso isolate, mentre le condizioni in cui vivono non sono ancora sufficienti a quelle richieste dal diritto internazionale , Disability Rights International, DRI, ha dichiarato in un rapporto pubblicato giovedì.

Il rapporto, basato su interviste a attori statali e non statali, parti interessate, nonché famiglie di bambini con disabilità e un certo numero di bambini stessi, dipinge un quadro dannoso del sistema di assistenza sociale nella Bulgaria, membro dell'Unione Europea. "Mentre gli edifici con il tempo hanno avuto un miglioramento , tutto il resto e' rimasto invariato", è stato citato un anonimo ex professionista di ONG internazionale che ha addestrato il personale bulgaro in nuove "case di gruppo" dicendo a DRI, un ente internazionale per i diritti. Il rapporto condanna le condizioni in cui circa 1.000 bambini bulgari con disabilità vivono nelle cosiddette case di gruppo create per sostituire le istituzioni statali di epoca comunista in cui i bambini venivano tenuti in condizioni disastrose lontano dal resto della società bulgara. "Mentre sono state investite ingenti risorse nel passaggio da grandi a piccoli edifici, sono stati fatti pochi sforzi per promuovere la vera inclusione nelle famiglie o nella società in generale", hanno affermato gli autori del rapporto, concludendo che lo stato non è riuscito a creare un sistema funzionante di sostegno comunitario, istruzione inclusiva o transizione verso una vita indipendente per i bambini disabili del paese. Alcuni "non escono mai dagli edifici" Il team di ricerca DRI ha descritto a volte comportamenti spaventosi da parte del personale di assistenza in alcune delle case che hanno visitato. "Ai bambini sono stati rasati i capelli", ha detto. In un altro caso, "abbiamo osservato due gabbie per bambini". Alcuni bambini "non escono mai fuori - tranne un balcone o un cortile recintato". Il rapporto afferma che il personale, intenzionalmente o no, non è riuscito a garantire che ogni bambino sviluppasse le competenze di base come l'uso di utensili per mangiare, danneggiando le possibilità di integrarsi nella società da adulti. Lo stato, ha affermato, offre scarso sostegno alle famiglie, optando invece per finanziare case di gruppo in cui viene fornita un'assistenza inadeguata e i legami dei bambini con la famiglia vengono recisi. Tre organizzazioni per i diritti umani, tra cui il Centro per la vita indipendente con sede in Bulgaria, hanno tentato un'azione legale presso la Corte di giustizia europea accusando la Commissione europea di violare i diritti dei bambini bulgari disabili consentendo finanziamenti per iniziative che li separano. Lo stato bulgaro è stato pesantemente colpito per il modo in cui tratta le persone con disabilità. Nel 2018, una lunga serie di proteste da parte di madri di bambini con disabilità è culminata nelle dimissioni del Vice Primo Ministro Valeri Simeonov e si chiede miglioramenti per il sistema di supporto sociale.

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

Punti di vista

Il mea culpa di Calenda: “ Per 30 anni ho ripetuto cazzate sul liberalismo economico”

News image

Carlo Calenda fa mea culpa. Oggi il parlamentare europeo...

Punti di vista | Administrator

Dal mondo

Duplice attacco al cuore della produzione mondiale di petrolio in Arabia Saudita

News image

In Arabia Saudita nella giornata di sabato c’è stato un du...

Dal mondo