oroscopo  Meteo
Italian - ItalyБългарски (България)

B71EF084-E884-4785-8404-1E8C925ADC9D

La Corte suprema amministrativa della Bulgaria ha archiviato il caso legato alla selezione di un appaltore per la costruzione di un gasdotto che riceverà gas dal Turkish Stream. L’appaltore rimarrà il consorzio saudita Arkad Engineering che collaborerà con l'italiana Arkad ABB.

La Corte suprema amministrativa della Bulgaria ha archiviato il caso legato alla selezione di un appaltore per la costruzione di un gasdotto che riceverà gas dal Turkish Stream. L’appaltore rimarrà il consorzio saudita Arkad Engineering che collaborerà con l'italiana Arkad ABB.

"La Corte suprema amministrativa ha respinto l'appello del consorzio Gas Development and Expansion in Bulgaria sulla decisione numero 741 dell'Autorità di regolamentazione della concorrenza ed ha archiviato la causa”, ha affermato la Corte.

Viene sottolineato che la decisione è legata alla “mancata volontà di appellarsi dalla parte del consorzio Gas Development and Expansion in Bulgaria, il che è stato stabilito grazie ad una richiesta inviata dalla filiale bulgara Completions Development, che fa parte del consorzio”. La Completions Development è affiliata alla Pipe Metallurgical Company (TMK) russa.

Lo scorso gennaio la società energetica bulgara Bulgartransgaz ha preso una decisione definitiva sulla costruzione di un nuovo gasdotto dal confine con la Turchia alla Serbia, che riceverà gas dal Turkish Stream. La Bulgaria, come aveva detto la presidente del parlamento bulgaro Tsveta Karayancheva a giugno, prevede di completare la costruzione dell’estensione balcanica del Turkish Stream entro la fine del 2020.

Nel mese di aprile la Bulgartransgaz aveva annunciato che un consorzio guidato da Arkad Engineering con la partecipazione della società italiana Arkad-ABB si è aggiudicato il vincitore della gara d’appalto per la progettazione e la costruzione del gasdotto. Il consorzio ha promesso di implementare il progetto entro la fine del 2020 per 1,1 miliardi di euro. E’ stata proposta anche un’opzione alternativa: entro otto mesi, cioè entro la fine di quest'anno, per 1,29 miliardi di euro.

I risultati della gara sono stati oggetto di ricorso da parte del secondo concorrente Gas Development and Expansion in Bulgaria. Proprio questo appello è stato respinto martedì dal tribunale locale.

Il progetto Turkish Stream prevede la costruzione di un gasdotto costituito da due linee con una capacità di 15,75 miliardi di metri cubi ciascuna. La prima linea rifornirà di gas i consumatori turchi, la seconda porterà il gas ai paesi dell'Europa meridionale e sud-orientale. L'inaugurazione del gasdotto è pianificata entro la fine del 2019.

Fonte: Sputnik news 

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

Foto del giorno

101631388_2633107893645610_6924776733413474304_o

Foto del giorno Bulgaria (Sketches of Sofia) 

Interviste e commenti

Intervista all’Ambasciatore Stefano Baldi,un Entusiasta

News image

  Fai l’intervista e non vedi l’ora di arrivare in u...

Interviste e commenti

Dai nostri lettori

La narrazione dell'informazione

News image

Una volta la TV mostrava i fatti ed ai giornali spettava il compito di spiegarli. Oggi, con i giornali in fo... Leggi tutto

Punti di vista

CoronaVirus: la posizione shock dello scienziato Montanari

News image

La biografia del dottor Stefano Montanari, nanopatolo...

Punti di vista | Administrator

Dal mondo

Coronavirus, Oms inchiesta ci sarà al momento opportuno

News image

L'assemblea dell'Oms ha approvato una risoluzione che sanc...

Dal mondo

Novita'

Secondo le previsioni piu' negative il PIL della Bulgaria diminuirà del 3%

News image

Gli ultimi cambiamenti di bilancio adottati dal governo bu...

Novita'