oroscopo  Meteo
Italian - ItalyБългарски (България)

 

www.bta.bg

Belgrado / Sofia, 4 giugno (BTA) - Una vera diversificazione può essere raggiunta solo attraverso la cooperazione tra i paesi dell'Europa sud-orientale, ha affermato il ministro bulgaro dell'energia Temenouzhka Petkova in un forum sulla sicurezza energetica nella regione, quotato lunedì dal suo ministero. Il forum si e’ svolto a Belgrado, in Serbia, e comprendeva i ministri di Serbia, Nord Macedonia, Romania, Ungheria, Montenegro e Republika Srpska.

Petkova ha ricordato che il raggiungimento della sicurezza energetica è stato l'obiettivo principale della prima presidenza bulgara del Consiglio dell'UE nella prima metà del 2018. Il ministro si è concentrato sulla necessità di costruire infrastrutture mancanti sia nel settore del gas naturale che in quello energetico, quindi per raggiungere la sicurezza energetica nella regione dei Balcani occidentali. Petkova ha parlato dell'idea di una piattaforma europea per il commercio del gas in Bulgaria, il cosiddetto "hub del gas dei Balcani", che mira a collegare i mercati del gas naturale dei paesi dei Balcani occidentali dell'UE, insieme all'Europa centrale e occidentale, attraverso la costruzione del infrastruttura di trasmissione del gas necessaria.

Petkova ha rivelato che proseguono i lavori per accelerare l'implementazione dell'interconnessione del gas Bulgaria-Serbia (IBS) e ha aggiunto che il progetto è incluso nell'elenco dei progetti di interesse comune dell'UE della Commissione europea. Ha ricordato che il 22 maggio ha dato il via alla costruzione del Gas Interconnector Bulgaria-Grecia. Petkova ha anche annunciato l'intenzione della Bulgaria di partecipare come azionista al terminal di importazione di GNL Alexandroupolis. "L'efficace attuazione di questi progetti entro il 2020 fornirà la diversificazione e la sicurezza dell'approvvigionamento energetico per la Bulgaria e per la regione dell'Europa sud-orientale", ha osservato.

Per quanto riguarda il settore energetico, Petkova ha osservato che i paesi dell'Europa sud-orientale devono affrontare sfide gravi che richiedono la creazione di capacità a basse emissioni di carbonio a causa degli sforzi legati al cambiamento climatico e alla crescente domanda di energia. Ha delineato il progetto di costruzione della centrale nucleare di Belene (NPP) come possibile soluzione al problema. "Riteniamo che il progetto per una nuova energia nucleare possa avere un ruolo chiave nella sicurezza energetica della regione e nell'aumentare la competitività e lo sviluppo economico", ha osservato Petkova, aggiungendo che un invito per la procedura di selezione per un nuovo investitore strategico per la centrale di Belene è stato pubblicato nella Gazzetta ufficiale dell'UE il 22 maggio.

Petkova ha sollecitato sforzi congiunti a livello europeo per affrontare le nuove sfide create dal mercato europeo in trasformazione. Ha osservato che la transizione verso un'economia a basse emissioni di carbonio dovrebbe essere agevole e tenere conto delle specifiche nazionali degli Stati membri e del loro diritto a stabilire il proprio mix energetico.

Fonte:bta.bg

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

Foto del giorno

61949899_2332104777079258_5562669117237886976_o
Foto del giorno Bulgaria (Sketches of Sofia)

Dai nostri lettori

I media e l'informazione

News image

In questo tempo in cui l’accesso alle informazioni è facilitato dai mezzi di comunicazione ed è diventato ac... Leggi tutto

Punti di vista

Pensare fuori dagli schemi genera creatività

News image

Il NYT a firma di un noto commentatore economico si incari...

Punti di vista | Alberto Cossu

Dal mondo

Classe politica,competenze ed etica

News image

Tra la gente comune, ma anche tra le elites, si ripete, co...

Dal mondo