oroscopo  Meteo
Italian - ItalyБългарски (България)

855A6F50-B8ED-489C-A2FE-4EF466265202

L'ufficio del procuratore generale bulgaro ha avviato un'indagine a livello nazionale su "molti" sospetti casi di frode riguardanti un programma di sviluppo rurale dell'UE che ha fornito oltre 100 milioni di euro (€ 112 milioni) per costruire alloggi bed-and-breakfast in tutto il paese.

 

 La portavoce dell'accusa, Rumiana Arnaudova, ha detto il 24 aprile che è stato presentato un procedimento penale contro l'ex ministro dell'Economia Aleksandar Manolev, per uno dei casi di sospetta frode 

 

 In una dichiarazione rilasciata il 24 aprile, l'ufficio del Procuratore Generale ha ordinato alla polizia di controllare i registri di tutti i progetti di bed-and-breakfast che hanno ricevuto finanziamenti dal 2007 nell'ambito del Programma di sviluppo delle aree rurali dell'UE.

 

 L'idea del programma UE era di iniettare fondi nelle aree rurali della Bulgaria per contribuire a creare piccole imprese sostenibili e opportunità di lavoro nel settore del turismo.

 

 Per ogni progetto, l'UE ha erogato 200.000 euro per aiutare i richiedenti a costruire alloggi bed-and-breakfast.

 

 Coloro che hanno ricevuto i fondi sono stati obbligati a operare come bed-and-breakfast per almeno cinque anni.

 

 Ma un'indagine del servizio bulgaro di RFE / RL ha scoperto che molti progetti che hanno ricevuto i fondi dell'UE non hanno mai funzionato come bed-and-breakfast.

 

 La piena entità delle frodi che coinvolgono il regime non è nota e l'ufficio del Procuratore generale non ha offerto una stima specifica.

 

 Ma Arnaudova ha detto il 24 aprile che i pubblici ministeri  che hanno molti soggetti sospettati.

 

 Secondo l'indagine di RFE / RL, dal 2007 sono stati completati almeno 746 progetti nell'ambito del programma dell'UE  e sono stati erogati 101 milioni di euro ($ 113 milioni) di fondi UE.

 

 Arnaudova il 24 aprile ha confermato che le autorità stanno indagando su "circa 750" progetti.

 

 Come esempio di quanto sia diffuso il numero di casi di frode in tutto il paese, l'indagine RFE / RL ha scoperto che in un solo piccolo comune - Garmen, vicino al confine sud-occidentale della Bulgaria con la Grecia - 51 progetti hanno impiegato oltre 10,2 milioni di euro (  $ 11,4 milioni) in finanziamenti nell'ambito del programma di sviluppo dell'UE.

 

 Ma il registro pubblico del Ministero del Turismo bulgaro elenca solo 37 Bed and Breakfast registrate a Garmen e nei dintorni - una differenza che quanto pare evidenzia che hanno ricevuto 2,8 milioni di euro (3,1 milioni di dollari) senza rispettare gli obblighi del programma.

 

 Nel 2016, l'allora ministro dell'agricoltura Desislava Taneva ha interrotto l'erogazione di fondi UE nell'ambito del programma, annunciando che c'erano molti "segnali di illeciti".

 

 Ma le autorità non hanno mai avviato un'indagine a livello nazionale sull'entità della possibile frode.  Le autorità si sono concentrate su singoli casi che venivano portati alla loro attenzione tramite i resoconti dei media.

 

 Il 12 aprile, il sito web del giornalismo investigativo bivol.bg in Bulgaria ha riportato che una casa usata solo come abitazione privata su un terreno di proprietà dell'allora ministro dell'Economia Aleksandar Manolev aveva ricevuto 200.000 euro (224.000 dollari) dal programma di sviluppo dell'UE.

 

 Manolev, che ha servito come vice ministro del turismo nel 2015-16, ha negato di possedere la casa nella città di Sandanski.  Tuttavia, ha rassegnato le dimissioni dall'incarico il 17 aprile a seguito dello scandalo.

 

 "Abbiamo controllato la costruzione e non abbiamo trovato nessuno lì.  Ma la casa sembrava essere stata pulite di recente ", ha detto Arnaudova, la portavoce dell'accusa, ai giornalisti durante una conferenza stampa a Sofia il 24 aprile.

 

 Arnaudova ha detto che il 17 aprile, lo stesso giorno in cui Manolev si è dimesso, "qualcuno si è presentato da parte dell'amministrazione municipale e ha lasciato una chiave chiedendo loro: 'Non entrare.'"

 

 Ha detto che l'ufficio del procuratore generale non ha ricevuto alcuna collaborazione dal governo municipale di Sandanski nelle sue indagini.

 

 "Non hanno fornito i documenti richiesti e i dipendenti non vogliono rilasciare dichiarazioni e testimonianze per noi", ha detto Arnaudova.  "Dicono che non ricordano chi ha lasciato loro la chiave."

 

 I resoconti dei media del 23 aprile hanno rivelato che il suocero di Elena Yoncheva, un membro del Partito socialista bulgaro e uno dei principali candidati a rappresentare la Bulgaria al Parlamento europeo, aveva costruito due case vicino al Mar Nero nell'ambito del programma dell'UE, ma ha trasformato  le case in ville private invece di gestirle come alloggi turistici.

 

 Il servizio bulgaro di RFE / RL, conosciuto localmente come Svobodna Evropa, è stato riattivato dopo 15 anni di assenza, fornendo notizie indipendenti e analisi originali per contribuire a rafforzare il panorama dei media indebolito dalla manipolazione della proprietà e della corruzione.

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

Foto del giorno

104091864_2642382789384787_8536000053831656053_o

Foto del giorno Bulgaria (Sketches of Sofia) 

Interviste e commenti

Intervista all’Ambasciatore Stefano Baldi,un Entusiasta

News image

  Fai l’intervista e non vedi l’ora di arrivare in u...

Interviste e commenti

Dai nostri lettori

La narrazione dell'informazione

News image

Una volta la TV mostrava i fatti ed ai giornali spettava il compito di spiegarli. Oggi, con i giornali in fo... Leggi tutto

Punti di vista

Dal mondo

Coronavirus, Oms inchiesta ci sarà al momento opportuno

News image

L'assemblea dell'Oms ha approvato una risoluzione che sanc...

Dal mondo

Novita'

Secondo le previsioni piu' negative il PIL della Bulgaria diminuirà del 3%

News image

Gli ultimi cambiamenti di bilancio adottati dal governo bu...

Novita'