oroscopo  Meteo
Italian - ItalyБългарски (България)

DE457E9F-19D2-4F14-B26E-912EE3DBAA00

Il 27 marzo il leader parlamentare del partito GERB del primo ministro bulgaro Boiko Borissov,

Tsvetan Tsvetanov, ha detto che si è dimesso dal Parlamento per una polemica sulla sua acquisizione di un presunto appartamento ad un prezzo al di sotto del mercato, mentre ha continuato a negare tale fatto.

 

Tsvetanov ha dichiarato che sarebbe rimasto uno dei vice capi del GERB e che avrebbe continuato a dirigere il quartier generale delle elezioni.

 

Ha fatto l'annuncio poche ore dopo essere tornato da una visita ufficiale negli Stati Uniti e dopo aver parlato con Borissov.

 

Le sue dimissioni sono le ultime di una serie di membri della maggioranza al potere che sono stati legati alla controversia.

 

Il 23 marzo Tsetska Tsacheva ha rassegnato le dimissioni da Ministro della Giustizia, seguito dalle dimissioni di Vanya Koleva in qualità di Vice Ministro dello Sport. Il 26 marzo Krassimir Purvanov ha rassegnato le dimissioni da Vice Ministro dell'Energia. Borissov ha accettato tutte e tre le dimissioni.

 

Il 22 marzo, la Procura della Bulgaria ha dichiarato che la commissione anti-corruzione del paese avrebbe indagato su Tsvetanov, Tsacheva, Koleva e Vezhdi Rashidov, il capo della commissione parlamentare per la cultura e i media. Inoltre, è stata indagata la società coinvolta in tutte le acquisizioni di appartamenti, Arteks Engineering, che ha anche negato i fatti illeciti e ha minacciato azioni legali per diffamazione su rapporti diffusi dai media e le dichiarazioni pubbliche.

 

Tsvetanov ha dichiarato ai media  che non c'è "nessun dramma" ne problematiche sull'unità del gruppo parlamentare del GERB.

 

Ha detto che sarebbe rimasto al suo posto nel  partito "in modo da poter effettivamente consolidare tutte le strutture di GERB, per dimostrare che siamo più forti che mai".

 

"Non ho commesso alcun crimine, ma per fermare qualsiasi speculazione per cui potrei influenzare qualcuno all'interno del Parlamento, penso che la cosa più giusta, più corretta e più saggia sia uscire dal parlamento bulgaro", ha detto Tsvetanov.

 

Ha detto che tutto ciò che ha fatto nella sua vita è stato guidato dalla legge e dall'interesse pubblico.

 

Tsvetanov, che più volte ha collegato la polemica sugli appartamenti alla propaganda elettorale sulle elezioni bulgare del Parlamento Europeo del 26 maggio 2019, ha paragonato l'attuale controversia alle accuse mosse contro di lui in vista delle precedenti elezioni, come cinque anni fa quando fu accusato di essere coinvolto in intercettazioni illegali mentre era il ministro degli Interni. Alla fine Tsvetanov fu assolto da quelle accuse.

_______________________________________________________________________________

 

 

Borissov e Tsvetanov. Foto: gerb.bg

Tsvetanov ha detto che non c'è stata "nessuna pressione" su di lui per prendere la decisione di dimettersi dal Parlamento. Ha detto ai giornalisti che il suo rapporto con Borissov era "pragmatico, diretto e onesto".

 

Il partito GERB è stato fondato intorno a Borissov quando era sindaco di Sofia. Poiché la legge bulgara proibisce ai sindaci di essere leader dei partiti politici, Tsvetanov nominalmente ricopre il ruolo di leader del GERB mentre Borissov viene definito il suo "leader informale".

 

Il ruolo di Tsvetanov è stato cruciale nella costruzione delle strutture di partito GERB in tutto il paese e nella conduzione delle sue campagne elettorali. Ci sono state conflittualità nella sua relazione con Borissov, che ad un certo punto hanno costretto Borissov a cambiare la struttura del GERB in modo che avesse altri vice capi, un posto inizialmente detenuto esclusivamente da Tsvetanov.

 

Tsvetanov condurrà la campagna elettorale del GERB alle elezioni del Parlamento europeo a maggio, vista probabilmente come una competizione serrata tra il partito di Borissov e il partito socialista bulgaro di opposizione. GERB dovrebbe annunciare i suoi deputati candidati al Parlamento europeo il 31 marzo.

 

 nell'Assemblea nazionale alle elezioni del 2009, che ha visto la vittoria di Borissov seguita dalla formazione di un governo di minoranza, Tsvetanov è stato  ministro  in quel governo e, nei governi successivi. Negli ultimi due mesi, Tsvetanov ha avuto un ruolo chiave nel garantire il numero legale per le sedute, di fronte al boicottaggio del Parlamento da parte del BSP.

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

Foto del giorno

61949899_2332104777079258_5562669117237886976_o
Foto del giorno Bulgaria (Sketches of Sofia)

Dai nostri lettori

I media e l'informazione

News image

In questo tempo in cui l’accesso alle informazioni è facilitato dai mezzi di comunicazione ed è diventato ac... Leggi tutto

Punti di vista

Pensare fuori dagli schemi genera creatività

News image

Il NYT a firma di un noto commentatore economico si incari...

Punti di vista | Alberto Cossu

Dal mondo

L’India guarda al futuro dopo la vittoria elettorale di Narendra Modi

News image

Dopo la vittoria riportata alle elezioni generali che gli ...

Dal mondo