oroscopo  Meteo
Italian - ItalyБългарски (България)

D5EE0F9B-7B07-4AE9-8579-C98A9FB65631

 

È iniziata la bonifica dei terreni per consentire la costruzione di una recinzione al confine rumeno, per impedire il movimento dei cinghiali in Bulgaria come misura contro la peste suina africana.

 

Ci sono stati centinaia di epidemie di peste suina africana in Romania.

 

Parlando il 23 luglio, il ministro bulgaro dell'agricoltura Roumen Porozhanov ha affermato che sono stati presi diversi provvedimenti per prevenire la diffusione della peste suina africana nel paese, ma ha aggiunto che ciò non sarebbe stato facile.

 

Nel frattempo, il 23 luglio, le tensioni continuavano sulla situazione della peste ovina nella zona di Strandzha in Bulgaria.

 

Nella zona di Bolyarovo, dove si sospetta che si sia verificata un'epidemia di peste bovina ovina in una fattoria, i contadini si sono rifiutati di ammettere i veterinari e hanno chiesto ai pubblici ministeri di intervenire sulla questione di una seconda serie di campioni prelevati dagli animali .

 

I rapporti della zona hanno detto che gli agricoltori insistevano sul fatto che volevano vedere i documenti originali riguardanti i primi campioni prelevati un mese fa. Solo allora permetterebbero di prelevare campioni dai loro animali.

 

Nel frattempo, il 23 luglio è iniziato il pagamento dell'indennizzo agli agricoltori del villaggio di Sharkovo, le cui capre e pecore sono state uccise come un passo contro la diffusione della peste bovina ovina. Gli allevatori riceveranno un minimo di 190 leva per pecora o capra.

 

L'area di quarantena intorno ai luoghi in cui si sono verificati focolai è a 10 km, ma i funzionari della Commissione europea che hanno ispezionato la situazione in Bulgaria la scorsa settimana hanno affermato che questo dovrebbe essere aumentato a 20 km.

 

Porozhanov ha detto che i campioni da testare per la peste ovina dovrebbero essere prelevati da animali entro una zona di 20 km.

 

Ha detto che la disinfezione doveva essere effettuata in tutte le fattorie dove c'erano stati focolai.

 

Porozhanov ha detto che in Turchia ci sono stati 700 focolai di malattia, ma non è chiaro come la peste ovina sia arrivata in Bulgaria.

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

Foto del giorno

68F65BBC-F3BC-437B-9286-61B33A67DD50
Foto del giorno Bulgaria (Sketches of Sofia)

Dai nostri lettori

I media e l'informazione

News image

In questo tempo in cui l’accesso alle informazioni è facilitato dai mezzi di comunicazione ed è diventato ac... Leggi tutto

Punti di vista

Pensare fuori dagli schemi genera creatività

News image

Il NYT a firma di un noto commentatore economico si incari...

Punti di vista | Alberto Cossu

Dal mondo

Debito pubblico americano e il mito dell'arma cinese

News image

L’idea che la Cina possa utilizzare le quote di debito pub...

Dal mondo