oroscopo  Meteo
Italian - ItalyБългарски (България)

photo_verybig_189412

Le principali sfide del processo internazionale nei negoziati sul clima nel 2018 e le azioni dell'UE per affrontarle sono state discusse il secondo giorno dell'incontro informale dei ministri dell'ambiente dell'UE a Sofia. Alla Conferenza delle Nazioni Unite sui cambiamenti climatici a Katowice, in Polonia, alla fine dell'anno, dovrebbe essere raggiunto un accordo sui progressi verso la realizzazione di un solido insieme di regole per il futuro regime di governance del clima (il "Programma di lavoro per gli accordi di Parigi"), garantendo che i processi paralleli previsti al Comitato delle Parti (COP), vale a dire la fase politica del dialogo talanoico, la scorta pre-2020 e l'evento di alto livello sulla finanza climatica, siano anch'essi di successo e costruttivi.

 

"L'attuale anno 2018 è estremamente dinamico e impegnato: i colloqui e i lavori preparatori in corso mirano a raggiungere le ambizioni per l'imminente COP24 in Polonia", ha dichiarato il ministro dell'Ambiente e dell'acqua Neno Dimov all'apertura della sessione. "Ci aspettiamo che la COP24 raggiunga un accordo sul programma di lavoro per gli accordi di Parigi e garantisca il successo e la costruttività dei processi paralleli previsti dalla Conferenza delle parti. Questi includono la fase politica del dialogo talanoa, lo stock precedente al 2020 e l'evento di alto livello sulla finanza per il clima. Ultimo, ma non meno importante, la prossima sessione di Bonn sul cambiamento climatico in due settimane è destinata a compiere progressi seri sui dettagli ea rivedere il livello tecnico del dialogo talanoico ", ha affermato il ministro Dimov.

 

Ha annunciato che, per guidare la discussione, la presidenza bulgara ha preparato un documento di base con due domande:

 

• Quali sono le maggiori sfide nel processo durante il 2018 e quali sono gli strumenti che l'UE deve affrontare, ad es. in termini di creazione di un progressivo "regolamento-alleanza"?

 

• Quali tipi di risultati possono l'UE prevedere nelle aree prioritarie dei paesi in via di sviluppo, in particolare i finanziamenti per il clima e l'azione pre-2020, e quale sarebbe la sequenza più pertinente?

 

L'UE e i suoi Stati membri sono i leader mondiali nel guidare la modernizzazione e l'innovazione decisive nell'economia al fine di ottenere uno sviluppo a basse emissioni di carbonio. L'UE ha attuato politiche interne ambiziose nel campo del clima e dell'energia, con le quali l'UE garantisce il raggiungimento degli obiettivi del 2030.

 

Le azioni sull'azione pre-2020 a COP24 e COP25 forniranno la possibilità di raccontare una storia positiva dell'implementazione pre-2020 di tutte le parti, evidenziando ciò che è già stato realizzato e condividendo le migliori pratiche.

 

L'UE ha messo in atto un ambizioso mix di obiettivi pre-2020 e politiche strutturali nel campo del clima e dell'energia. Le nostre azioni hanno già portato l'UE a superare il nostro obiettivo del 2020 di ridurre le emissioni del 20% dal 1990. Entro il 2016, li avevamo già ridotti del 23% e siamo in rotta per una riduzione del 26%.

 

L'UE rimane impegnata a raggiungere l'obiettivo collettivo di mobilitare 100 miliardi di dollari l'anno in finanziamenti per il clima entro il 2020 per l'azione per il clima nei paesi in via di sviluppo, da una varietà di fonti, e continuare a incrementare significativamente i finanziamenti per l'adattamento.

 

La mobilitazione dell'UE dei finanziamenti per il clima è aumentata in modo sistematico e coerente. I contributi totali dell'UE e dei suoi stati membri sono stati pari a 20,2 miliardi di euro nel 2016, un aumento significativo rispetto al 2015 (da 17,6 miliardi di euro nel 2015).

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

Foto del giorno

on_the_road_bulgaria_14

Nesebar

Dai nostri lettori

L’IPOCRISIA DEL CAPITALISMO LIBERALE MODERNO

News image

Il Capitalismo liberale moderno genera povertà, acuisce il divario sociale e sostituisce con la logica del p... Leggi tutto

Ultime notizie

Interviste e commenti

Intervista a Simone Cossu-a Sofia una nuova vita

News image

  Prima d'ora ci siamo incontrati soltanto una volta...

Interviste e commenti

Dal mondo

Le ragioni politiche dietro i dazi di Trump

News image

    La decisione del presidente degli Stati Unit...

Dal mondo