oroscopo  Meteo
Italian - ItalyБългарски (България)

 1515766369398.png--bulgaria

Un'europarlamentare insorge contro un filmato che promuove la presidenza di Sofia all'Ue, accusandolo di sessismo. Ma alla base c'è un equivoco. E una certa dose di ignoranza

Lo pseudo-femminismo rabbioso del #Metoo ha trovato un nuovo bersaglio da abbattere: il modo in cui gli uomini e le donne bulgare esprimono i loro “sì” e “no” con la testa. Un video pubblicato dalla Bulgaria per promuovere il paese in occasione della sua presidenza di turno del Consiglio dell'Unione Europea ha provocato una dura reazione di un'influente eurodeputata francese, la verde Karima Delli, conosciuta per il suo impegno a favore delle donne e presidente della commissione Trasporti all'Europarlamento, che ha chiesto il ritiro del filmato in nome del rispetto delle donne. All'inizio del video un ragazzo straniero incontra una ragazza bulgara su un treno, ma al primo scambio di sguardi e parole la ragazza reagisce scuotendo la testa da destra verso sinistra come se dicesse “no”. “Bulgaria, quando la incontri per la prima volta, puoi ricevere il messaggio sbagliato. Qui un 'no' può voler dire 'sì'”, spiega la voce fuoricampo: “Non sta cercando di confonderti. Ti sta invitando a scoprirla”. Il video prosegue con il ragazzo che insegue la ragazza, per poi percorrere insieme il paese e le sue bellezze, e alla fine innamorarsi.

La storia e le immagini del video sono brillanti. La provocazione pure. E Delli e altri ci sono caduti in pieno, ma per le ragioni sbagliate. “Contrariamente a ciò che pretende questo video ufficiale del Consiglio dell'Ue di cui la Bulgaria prende la presidenza questo mese: un 'no' non vuole dire mai 'sì'!”, ha scritto Delli su Twitter.

Secondo Delli questa è la “regola di base del consenso e del rispetto delle donne”. In nome di #Metoo, l'eurodeputata Verde ha chiesto il “ritiro” del video, ottenendo un certo consenso su Twitter e altrove (Dimitar Lilkov ricercatore del Martens Centre ha fatto una richiesta simile, mentre Politico.eu vi ha dato un certo risalto). Peccato che, all'opposto di quanto accade in gran parte del resto d'Europa, in Bulgaria il gesto per dire “no” con il capo prevede di muovere la testa dall'alto al basso. Allo stesso modo, se i bulgari vogliono dire “sì” scuotono il capo da destra verso sinistra. E' proprio come dice il video: la Bulgaria è diversa da come si pensa, è un paese dove agli occhi di uno straniero un “no” può voler dire “sì”, e alla fine Delli è riuscita a dimostrare solo la sua ignoranza della cultura europea. Ma, in nome di #Metoo, forse farà una direttiva per invertire il senso della gestualità bulgara.

Fonte:ilfoglio.it

 

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

Articoli correlati

Non ci sono articoli correlati


Foto del giorno

126065639_2781594628796935_5342807069289340451_o

Foto del giorno Bulgaria (Sketches of Sofia) 

Interviste e commenti

Intervista all’Ambasciatore Stefano Baldi,un Entusiasta

News image

  Fai l’intervista e non vedi l’ora di arrivare in u...

Interviste e commenti

Dai nostri lettori

La narrazione dell'informazione

News image

Una volta la TV mostrava i fatti ed ai giornali spettava il compito di spiegarli. Oggi, con i giornali in fo... Leggi tutto

Punti di vista

Vi svelo un paio di frottole sul debito pubblico. Firmato: Savona

News image

Il problema del debito pubblico non è quindi quello del ri...

Punti di vista | Administrator

Dal mondo

Accordo Israele ed Emirati Arabi: un terremoto geopolitico ?

News image

  Israele e Emirati Arabi Uniti (UAE) hanno annunciato...

Dal mondo

Novita'

Secondo le previsioni piu' negative il PIL della Bulgaria diminuirà del 3%

News image

Gli ultimi cambiamenti di bilancio adottati dal governo bu...

Novita'