oroscopo  Meteo
Italian - ItalyБългарски (България)

photo_big_185833

Gli abitanti di Washington sono un gruppo senza speranza di agnelli dalla mentalità burocratica paralizzati a meno che non abbiano regole ovvie da obbedire. Questa è stata una conclusione mercoledì sera durante un coinvolgente esperimento teatrale chiamato "The State", che è difficile da descrivere senza rovinare l'esperienza ma che rivela abilmente le persone che vengono a vederlo.

 

Il politicamente acuto Forum Theatre, che la scorsa primavera ha messo in scena la premiere regionale della distopia di Trump di Robert Schenkkan "Building the Wall", presenta il concept dello scrittore bulgaro Alexander Manuiloff nella sala prove della Woolly Mammoth Theatre Company. Non ci sono attori. Non c'è un regista. Un pubblico di circa 50 si siede in cerchio. Non c'è molto design: solo un tavolo, una luce, un secchio di metallo, un microfono appeso al soffitto e alcune carte.

 

C'è una sceneggiatura e un personaggio importante: Plamen Goranov, una persona reale che nel 2013 si è dato fuoco come protesta pubblica contro la povertà e la corruzione bulgara.

 

"Non mi sento rappresentato", dice Goranov a un certo punto. Altri suicidi pubblici di protesta sono seguiti in Bulgaria.

 

Come comunica Goranov questo è ciò che non può essere rovinato. Manuiloff lo ha ingegnerizzato per dipendere dal pubblico, e il pubblico di mercoledì era perfetto. (Non è necessario alcun avvertimento se si va: è un'ora sicura ed eccezionalmente premurosa.) L'esercizio provoca scelte e azioni che hanno ovvi paralleli con ciò che apprendiamo su Goranov.

 

Non è uno "spettacolo", ma è certamente teatro. Una variabile critica è il segnale che il pubblico usa per "leggere" le chiavi di ogni performance: ci sono attori o no? Non ce ne sono davvero, ma mercoledì non è stato sempre chiaro, il che ha chiaramente confuso gli spettatori sulle opzioni. Ciò che è controllato (principalmente) è ciò che è scritto, e se il pubblico tiene a mente il contesto, nelle notti buone, "Lo Stato" potrebbe essere un potente memoriale, una protesta, una resistenza, uno stimolo.

 

Inevitabilmente, "The State" è un duro promemoria sul fatto che noi siamo le azioni che prendiamo, specialmente - perché dare per scontato? - quando siamo liberi. Per i miei gusti, l'esperienza di mercoledì è passata da confuso a supponente e irriverente: un perfetto specchio americano (triste!). Affascinato, il pubblico rimase per una mezz'ora in più per discutere di quello che era appena successo, e Manuiloff stesso era lì per rispondere alle domande (è qui per la settimana). L'analisi è stata acuta e ti ha lasciato pensare che di fronte a tali opzioni aperte di nuovo, i cittadini di "The State" sarebbero sicuramente più intelligenti.

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

Foto del giorno

3676C664-62E8-4FD2-B71B-38E542CBC9CE
Foto del giorno Bulgaria 

Dai nostri lettori

I media e l'informazione

News image

In questo tempo in cui l’accesso alle informazioni è facilitato dai mezzi di comunicazione ed è diventato ac... Leggi tutto

Punti di vista

SIGNORAGGIO, "DIVORZIO" E DEBITO PUBBLICO

News image

di Thomas FaziSta facendo molto discutere il servizio di&n...

Punti di vista | Administrator

Dal mondo

L'europa nella tormenta.Governi in crisi e piazze in fiamme

News image

L’immagine che arriva in queste settimane dai diversi ango...

Dal mondo