oroscopo  Meteo
Italian - ItalyБългарски (България)

photo_verybig_185096

La Grecia ha espresso insoddisfazione per il ritorno della statua del Leone dal Memoriale del Soldato al Palazzo Nazionale della Cultura, che dovrà essere completamente restaurato. Questo è stato capito dalle parole del ministro degli esteri Ekaterina Zaharieva durante la sua visita in Italia. "Ieri, il nostro direttore ha incontrato l'ambasciatore, oggi il mio vice ministro lo  vedrà di nuovo". Non esiste una posizione scritta formale, la Grecia è il nostro partner strategico e dubito  che una cosa del genere possa influire sulle nostre meravigliose relazioni. Il monumento è stato di fronte al Museo di Storia Militare per molti anni e in nessun caso rappresenta le dichiarazioni della Bulgaria per i confini territoriali ", ha detto Zaharieva.

Giovedì diverse edizioni hanno pubblicato informazioni da una fonte anonima che le autorità del vicino sud avevano protestato contro la mappa descritta sullo scudo sotto la zampa del leone di sinistra. Include i territori in cui i soldati bulgari sono morti nel periodo 1912-1918. Secondo le informazioni, la protesta dei vicini della Bulgaria è stata espressa prima del nostro diplomatico ad Atene. Si presume che la Grecia veda il ritorno del leone e la mappa, come provocazione e un segnale difettoso prima della presidenza del Consiglio dell'UE.

Il lato greco ha anche prestato attenzione al discorso del ministro della Difesa Krasimir Karakachanov all'apertura del memoriale. Essa afferma che se si guarda la mappa dallo schermo, "sarà chiaro a tutti - anche quelli che si vergognano per mostrare le proprie convinzioni politiche durante le vacanze - cosa combatteva l'esercito bulgaro e dove i soldati bulgari sono morti".

Karakachanov ha commentato ieri che i fatti storici non dovrebbero diventare motivo per creare conflitti inesistenti. "Posso dare esempi di monumenti in Grecia che hanno direttamente nomi che sono offensivi per noi, ma non lo farò in nome del buon tono, per esempio, in quasi tutte le città di Grecia c'è una strada chiamata" Vasilios Bulgarobiyetz (Tradotto "Il killer Bulgaro")

"Nel monumento davanti al Palazzo Nazionale della Cultura non c'è un contesto nascosto, ma c'è un ritorno alla giustizia storica", ha detto.

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

Foto del giorno

Rila

Rila

Dai nostri lettori

L'UNIFICAZIONE DELLA BULGARIA SETTENTRIONALE E MERIDIONALE

News image

Dopo la frammentazione delle terre bulgare, secondo il Trattato di Berlino - 1 (13) luglio 1878,  l... Leggi tutto

Interviste e commenti

Borsa

Any data to show