oroscopo  Meteo
Italian - ItalyБългарски (България)
3652

Il business tradizionale e quello innovativo a volte sembrano due mondi paralleli che però hanno voluto incontrarsi e condividere idee e esperienze nell'ambito dell'evento Cosmos Talks: Pioneers VS Innovators, svoltosi venerdì sera, 27 novembre, nel Cosmos coworking camp, a Sofia. La serata è stata aperta da Angel Terziev, fondatore del Cosmos coworking camp (rappresentate del business innovativo, spesso basato su servizi software o on-line) e dal pioniere d'eccellenza, il presidente di Confindustria Bulgaria, Pietro Luigi Ghia. E' seguita una discussione di circa un'ora, moderata da Valentin Yordanov,  del business tradizionale contro i startups (gli innovativi: digital, programmatori, designer ecc). Vi proponiamo l'emozionante resoconto della serata di uno dei protagonisti diretti: Patrick Pauletto (pioniere), imprenditore italiano da oltre vent'anni in Bulgaria e rappresentante di Tiras Consulting OOD.

Sofia, London, Moskwa fino al Cosmo! Ovvero come i pionieri e gli innovatori condividano lo stesso sentimento di inadeguatezza in questi tempi di profonda r-e-voluzione

Sono entrato nel Cosmos Coworking Space un giorno, così, a curiosare, tanto come per vedere una mano a poker. La tabella "Casa Sicilia" non la vuole togliere nessuno, da questa meravigliosa casa fine '800 a Sofia, nella strada Angel Kanchev n°3. Tutti qui adorano l'Italia, il cibo e l'Italian Style. I ragazzi che mi accolgono, tutti bulgari, tutti giovani, epigoni di un cosmopolitismo trendy, che avrei riconosciuto a Milano, Londra, New York o San Paolo, hanno un sorriso accogliente, gesti e aperture inusuali, bisogna ammetterlo, in queste terre balcaniche, e in questa città in trasformazione costante. La loro iniziativa si chiama, a suggello, "Sofia London Moskwa", fanno marketing, digital development e preparano anche astrosucchi con estrattori e caffé biologico, fanno mostre di arte e fashion con fibre vegetali naturali, come il lino...

In poche chiacchiere, abbiamo scambiato concetti e contatti, così, come postula l'epoca di Facebook, quasi che lo spazio virtuale fosse il presupposto di quello materiale, e non viceversa, come lo concepiamo noi, discepoli della civiltà alfanumerica.

Ho deciso su due piedi di chiedere ospitalità per il party del mio compleanno, per un prezzo giusto, in un contesto architettonico e relazionale straordinario.

Ma i codici binari, di cui si alimentano giornalmente, Angel, Krassi, Elena e la cinquantina di collaboratori e ospiti del coworking space, tutti digital qualcosa, designer, programmatori, innovatori, sono stati sostituiti dalla chimica degli elementi. Dalla tavola di Mendeleiev sono scaturiti e si sono catalizzati tutti gli ingredienti per far partire la discussione che ha aperto e fatto da cornice alla festa: Cosmos Talks: Pioneers VS Innovators

3761

In qualità di pionieri eravamo in alcuni amici, chi quarant'enne, chi ultra settant'enne, come Pietro Ghia, Presidente di Confindustria della Bulgaria, un pioniere per eccellenza, tutti con un'esperienza di aziende classiche, di squadre e imprese costruite in paesi i più diversi, Italia, Germania, Bulgaria, in epoche con tecnologie molto stanche e laboriose, con tanta fatica e tanta avventura fisica, tante storie e sfide a cui possiamo collegare emozioni, ricordi e sensazioni estremamente terreni e umani. Gente che ha avuto a che fare migliaia di volte con passaporti, certificati di ogni genere, dogane, valute, ecc....Vi era anche un signore belga, distinto e gentile come Dominic Hamers, un amico di quelli che ti onori di poter presentare, il direttore generale di Geotechmin, un gruppo industriale bulgaro che guida il destino di decine di aziende e di più di 4.000 persone che vi lavorano, un uomo che da quella Bruxelles, che dovrebbe aiutarci a gestire questo passaggio, ha scelto, come noi, di restare in Bulgaria, probabilmente convinto che le grandi distanze di solo 15 anni fa si stanno assottigliando, che presto scompariranno del tutto. E poi Boyan Georgiev, uno dei manager bulgari più intelligenti e versatili che io abbia mai incrociato, uno degli esperti bulgari di telecomunicazioni e infrastrutture digitali, le autostrade del futuro, che oggi guida Powernet. Boyan ha una simpatia ipnotica, immediatamente percettibile, dall'interlocutore come dal pubblico, che riconosce in lui l'uomo della transizione, le qualità dell'uomo pratico alfanumerico, che costruisce i presupposti per lo sviluppo virtuale dei servizi professionali della rete. Senza le sue infrastrutture ottiche, nessuna delle grandi idee di internet sarebbe immaginabile.

3757

Da sinistra, Dominik Hamers, direttore di Geotechmin, Patrick Pauletto, imprenditore italiano (Tiras Consulting), Pietro Luigi Ghia, Presidente di Confindustria Bulgaria e Boyan Georgiev, manager di Powernet

Abbiamo cercato di portare un piccolo contributo come rappresentanti di un mondo che naturalmente si trasformerà, anzi, che si è già trasformato, e che non siamo ancora riusciti a mettere a fuoco. Gerarchie, competenze, luoghi e orari di lavoro, mansioni intese in senso restrittivo, tutto questo è riservato, nel mondo materiale, come specchio di quello virtuale, ad esecutori sempre più anonimi, uomini come software, software come guardiani, passacarte, controllori, compilatori, promotori, disegnatori, calcolatori, ecc....

Il lavoro subordinato, nel senso del capitalismo e in tutte le sue declinazioni note e meno note, dalle varianti del cristianesimo sociale al cooperativismo bianco e rosso o sociale che sia, sarà più un palliativo volto alla ricerca di equilibrio sociale, un reddito di cittadinanza, piuttosto che un percorso di realizzazione professionale e di competenze degli individui. In gran parte lo è già oggi, solo che le lobbies sono ancora molto forti, e gli stati vivono del loro consenso. Ma non ci sono banche, assicurazioni, grossi distributori o produttori di beni di massa che non abbiano già optato per un interfaccia web based. Il rapporto col cliente è già virtualizzato, la mediazione avviene tramite portali, e-commerce, o customer care centers, voci inidentificabili che ci offrono informazioni, suggerimenti, indicazioni, soluzioni.

3793

Stefan Gantchev, LAUNCHub, Stefan Wladimirov, cofondatore di swiseapp, Stoian Atipov, analista del mercato digitale

Chi erano gli innovatori? In primis, un venture capitalist del rango di Stefan Gantchev (http://launchub.com/team-member/stephane-gantchev), un eterno giovane bulgaro, che ha alle spalle una carriera di quelle da brivido per rapidità e successo in Orange Telecom Francia, e poi come azionista e CEO di Lauchub, un acceleratore, investitore, incubatore di start ups, che lo ha riportato in Bulgaria a portare innovazione e opportunità. Stefan è un ascoltatore e collettore di buone idee e progetti volti a cogliere le opportunità offerte dalla rete. Stefan ha uno sguardo da capitalista del digitale, giovane ma un vero senior del suo settore, probabilmente ormai in grado di valutare un'idea vincente in pochi minuti, di distinguere tra quella che avrà successo e quella che è solo una straordinaria idea. Stoian Atipov, un giovane e brillante analista del mercato digitale, ha esposto nel dettaglio poi quali siano i criteri e gli strumenti del mestiere che determinano, o meno, le condizioni affinché gli investitori venturer, tipo Lauchub e altri che scandagliano la scena alla ricerca dei progetti su cui puntare utilizzano per prendere le proprie decisioni. Stoian vive connesso virtualmente e fisicamente con una rete di collaboratori e assuntori transnazionale, multidisciplinare, informale, con una telefonata o un messaggio su whatsapp incontra l'attenzione di banchieri e broker finanziari, così come di imprenditori del software e di qualsiasi altro ambito. Si sente liberato totalmente dalle mille formalità di noi che siamo adusi ancora a agendine e pezzi di carta volanti, non mostra e non crede ai timori reverenziali, si sente in sinergia e in competizione con chiunque su questo pianeta, che sappia l'inglese o lingue che un traduttore automatico online possa decifrare con una certa qualità, ha uno sguardo da ragazzo esperto e proiettato oltre le mille ritrosie e retaggi che ancorano ancora i più, noi pionieri compresi, ai porti sicuri di un mondo che è già sparato nel cosmo.

Stefan Wladimirov (http://www.stefan-vladimirov.com/page-me/) è il personaggio – Innovatore – della serata, un vulcano di stile e maniere, di design e razionalità. Un giovane bulgaro cosmopolita e dalla forte identità bulgara, che conosce tutte le armi, anche quelle più sofisticate, della rete e del marketing, come da CV formidabile di laureato in Danimarca proprio in queste discipline, e cofondatore di http://swipesapp.com, un'applicazione che già un milione di persone, in tutto il mondo hanno scaricato da internet e stanno implementando nelle loro organizzazioni. Per lui, come per gli altri innovatori, internet offre un panorama completo della loro carta d'identità digitale, che non voglio in alcuna maniera minimizzare con vecchie formule retoriche di noi utilizzatori voyeristici della rete....

È stato emozionante vedere così tante persone di fronte a noi nel pubblico, divise in due gruppi simmetrici agli speakers... professionisti e imprenditori alfanumerici Versus digitali, ma con in comune un senso di inadeguatezza, di anticipo o ritardo sui tempi, quasi immersi in dimensioni tempo-spazio quantistiche, passeggeri di fronte a continue sliding doors....


Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

Articoli correlati

Non ci sono articoli correlati


Foto del giorno

61949899_2332104777079258_5562669117237886976_o
Foto del giorno Bulgaria (Sketches of Sofia)

Dai nostri lettori

I media e l'informazione

News image

In questo tempo in cui l’accesso alle informazioni è facilitato dai mezzi di comunicazione ed è diventato ac... Leggi tutto

Punti di vista

Pensare fuori dagli schemi genera creatività

News image

Il NYT a firma di un noto commentatore economico si incari...

Punti di vista | Alberto Cossu

Dal mondo

Classe politica,competenze ed etica

News image

Tra la gente comune, ma anche tra le elites, si ripete, co...

Dal mondo