oroscopo  Meteo
Italian - ItalyБългарски (България)

SOFIA – 16 SETTEMBRE/18 OTTOBRE 2015

Manifesto-moda_italiana 

Su iniziativa dell’Istituto Italiano di Cultura, dal 16 settembre al 18 ottobre 2015, nella splendida cornice della Sala da ballo della Galleria Nazionale d’Arte – Il Palazzo, verrà esposta la mostra “La moda italiana: creazioni da sogno”, dedicata alla storia della moda in Italia. L’esposizione è organizzata con il patrocinio del sindaco di Sofia, la sig.ra Yordanka Fandakova, e verrà ufficialmente inaugurata il 16 settembre alle ore 17.00 da S.E. l’Ambasciatore d’Italia in Bulgaria, il sig. Marco Conticelli. All’evento prenderanno parte il direttore della Galleria, la sig.ra Slava Ivanova, e le due curatrici, che arrivano dall’Italia giorni prima per l’allestimento.

La mostra a Sofia è una delle molteplici tappe di una tournée mondiale, di cui fanno parte Fashion Institute of Technology Museum a New York, Ara Pacis a Roma, Tokio e Sao Paolo ed è realizzata grazie all’Associazione culturale Stile Promo Italia e Galgano&Tota.

La storia della moda italiana viene presentata nella collezione di abiti d’autore che esprimono l’amore per la bellezza di 19 dei più famosi designer italiani: Armani, Angelozzi, Balestra, Laura Biagiotti, Mariella Burani, Roberto Kapucci, Franco Ciambella, Coveri, Ferré, Marella Ferrera, Sorelle Fontana Galitzine, Gattinoni, Gai Mattiolo, Vinicio Pajaro, Valentino, Versace, Ida ferri, Luca Litrico.

“Grazie ai suoi designer di talento, l’Italia ha orientato e influenzato il gusto di migliaia di persone nel mondo. Questa mostra è un percorso veloce nel bosco narrativo degli stilisti italiani, ma intende stimolare una riflessione sulle ragioni che hanno determinato il fiorire ed il successo di idee, oltre che di persone.” – afferma Luigina Peddi, direttore dell’Istituto Italiano di Cultura di Sofia

Oltre ai 22 abiti capolavoro esposti nella mostra, vere opere d’arte, sono presenti anche 2 modelli, in fase di confezione, che intendono mostrare le diverse tappe di lavorazione. Gran parte dei temi della collezione portano il nome di tessuti pregiati e colori emblematici per i rispettivi designer o del modello esposto: “rosso Valentino”, “blu Balestra”, “Maglia metallica”, “Organza”, “Tulle”,  "Il Pizzo", "Il Velluto", “Shantung”. Sono curiosi i temi Taglio laser “a vivo” – il metodo più moderno di tagliare ogni tipo di stoffa; Taffetà ermesino – tessuto a mano su telai del ‘500, usato solo da Roberto Capucci. Cenni storici ci sono anche con “L’arte del ricamo” e “Ricamo per applicazione”, visto che per secoli il guardaroba femminile è stato confezionato a mano.

Un ruolo importante per lo sviluppo dell’alta moda italiana sul piano storico hanno avuto l’industria cinematografica e le star hollywoodiane. Tra gli abiti esposti ci sono modelli indossati da Sophia Loren,  Ava Gardner, Elizabeth Hurley, Mila Yovovich e Bianca Balti. Gli amanti della moda potranno vedere per la prima volta a Sofia una raccolta cosí ricca di tanti abiti preziosi, opere di designer famosi indossati da star internazionali.

Durante la mostra verrà proiettato un video con l’intervista di Alessia Tota con l’ultima delle Sorelle Fontana, Micol, deceduta nel luglio scorso. Attraverso lo sguardo della famosa stilista si potrà scoprire in modo interessante come la moda italiana si sia imposta al mercato americano e a quello mondiale.

Fonte: Istituto Italiano di Cultura, Sofia

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

Foto del giorno

5E11C3FC-3745-412D-9CEF-B70E5CCF8AE9
Foto del giorno Bulgaria (Sketches of Sofia)

Dai nostri lettori

I media e l'informazione

News image

In questo tempo in cui l’accesso alle informazioni è facilitato dai mezzi di comunicazione ed è diventato ac... Leggi tutto

Punti di vista

Mantenere la parola data è un valore democratico

News image

Mantenere la parola data è un principio morale elementare....

Punti di vista | Alberto Cossu

Dal mondo

Duplice attacco al cuore della produzione mondiale di petrolio in Arabia Saudita

News image

In Arabia Saudita nella giornata di sabato c’è stato un du...

Dal mondo