oroscopo  Meteo
Italian - ItalyБългарски (България)
flag_greece03

Vista la vicinanza geografica con la Grecia, inevitabilmente sorge la domanda come l'eventuale fallimento rifletterà sulla Bulgaria? Certamente ci sono dei rischi per Sofia ma secondo le autorità e diversi esperti finanziari, il Paese è preparato a superarli e non ci saranno effetti diretti sull'economia, anche se la percezione generale di insicurezza rimane valida per tutta la zona.

L'export.

Prima di tutto, la difficile situazione finanziaria di Atene non è una novità e come gli altri Paesi dell'eurozona anche la Bulgaria si è preparata per le possibili evoluzioni della situazione. Lo dimostrano alcuni dati. Prima della crisi la Grecia era la destinazione numero uno per l'esportazione della Bulgaria. "Negli ultimi anni però – afferma l'esperto Georghi Anghelov sulle pagine del giornale Trud – molte imprese hanno iniziato a esportare la loro produzione verso altri Paesi e oggi l'export dalla Bulgaria verso la Grecia rappresenta solo il 6%." Nel 2014 la Bulgaria ha esportato per 2.9 mlrd. di euro, la maggior parte vestiti e stoffe (175 mln. di euro), grano (100 mln. di euro), legname (90 mln. di euro), elettricità (75 mln. di euro), latte e latticini, uova, carta e cartone, olio di girasole.

Ci sono degli imprenditori la cui produzione al 60% è destinata alla Grecia, "è difficile cambiare destinazione in giro di sei mesi" – spiega un produttore di carta e cartone - "soprattutto se la merce non può essere trasportata verso tratte lunghe".

Anche se non ci saranno delle perdite dirette, rimane il rischio da pagamenti ritardati dai rispettivi partner. Esiste la possibilità che in un sistema bancario sotto controllo ci sarà il cosiddetto controllo dei capitali, cioè una commissione presso il Ministero delle finanze greco che dovrà approvare ogni versamento. Per attività che hanno bisogno di rifornimenti continui questo risulterebbe molto problematico. Diverse imprese bulgare usano il porto di Salonicco come accesso al mare più vicino e un blocco delle consegne li metterà sicuramente in difficoltà.

Le banche

Circa un quinto dei mezzi dal sistema bancario bulgaro sono sotto il controllo delle quattro maggiori banche greche. OBB è proprietà della National Bank of Greece, Post bank è membro di "Eurobank group", di cui il 64.6% dalle azioni appartiene a fondi greci e canadesi. Le altre due sono Alpha bank e Piraeos bank. Le quattro banche sono state obbligate dalla BNB(la Banca nazionale bulgara) a ridurre al minimo le loro esposizioni verso la Grecia. Per questo, il default di Atene non rifletterà direttamente su queste banche. Anche qui rimane l'effetto psicologico sui depositanti e l'incertezza della stabilità di credito delle istituzioni finanziarie con partecipazione greca.

Gli emigranti bulgari in Grecia

In Grecia lavorano circa 200 mila bulgari, la maggior parte nell'agricoltura, nel turismo o come colf e badanti. Molti di loro sono l'unico reddito per i loro familiari rimasti in Bulgaria. Se dovessero perdere il lavoro o se i loro salari fossero ridotti, questo potrebbe indurli a ritornare in patria e di conseguenza a portare effetti negativi sul mercato di lavoro. All'inizio della settimana però, il vicepremier responsabile delle politiche sociali, Ivaylo Kalfin, ha dichiarato che non ci sono segni che questi bulgari vogliano tornare e che comunque vista la loro qualifica, il mercato di lavoro, anzi, ne gioverebbe.

Il turismo

In genere, la Grecia è visitata ogni anno da oltre 15 mln. di turisti, che portano guadagni di circa 12-13 mlrd. di euro, ossia l'8% del Pil del Paese. Negli ultimi anni sempre più bulgari (320 mila nel 2014), frequentavano la costa greca (la penisola di Halkidiki, vicino a Salonicco) per le spiagge e per il servizio migliore. Anche se non ci sono annullazioni delle prenotazioni di massa, la preoccupazione rimane. Alcuni hanno già deciso di andare al mare bulgaro.

In Bulgaria si è parlato anche della possibilità di beneficiare dalla situazione instabile in Grecia, attirando i turisti che hanno rinunciato alle loro vacanze elleniche. D'altra parte l'eventuale introduzione della dracma porterebbe all'abbassamento dei prezzi che attirerebbe ancora di più i bulgari.

L'anno scorso oltre 300 mila greci sono andati nei villaggi turistici invernali della Bulgaria e nelle terme bulgare. Se la situazione ellenica rimarrà difficile questi dati cambieranno. Nel frattempo i greci delle zone vicine al confine bulgaro hanno iniziato a fare scorte di generi alimentari usufruendo dei prezzi più bassi.

Secondo il capo economista dell'UniCredit Bulbank, Cristofor Pavlov, ripreso da Capital daily, "l'Europa deve fare tutto il possibile perché la Grecia rimanga nell'eurozona perché altrimenti perderanno tutti. Soprattutto ora quando si vede un avvicinamento nelle posizioni nelle trattative." Per la Bulgaria invece, lui è convinto "che i rischi per l'economia sono già consumati".

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

Foto del giorno

17E6FE85-0862-42A7-A9B8-17B05230C093
Foto del giorno Bulgaria 

Dai nostri lettori

I media e l'informazione

News image

In questo tempo in cui l’accesso alle informazioni è facilitato dai mezzi di comunicazione ed è diventato ac... Leggi tutto

Punti di vista

SIGNORAGGIO, "DIVORZIO" E DEBITO PUBBLICO

News image

di Thomas FaziSta facendo molto discutere il servizio di&n...

Punti di vista | Administrator

Dal mondo

Sindrome orientale: il commento di Mario Sechi

News image

Il governo tra Cinque Stelle e Lega è al momento l'unico p...

Dal mondo