oroscopo  Meteo
Italian - ItalyБългарски (България)

Da Tore Zappadu

Epopeja na zabravenite 2 (Ovvero Storie di Dimenticati)

Stambolyiski_monument_Pazardjik

Dicono che la dote principale di un giornalista sia quella di fare, o meglio saper fare le domande. A me, soprattutto nel mio quotidiano, piace anche cercare le risposte. Per questo non potevo metter piede a Pazardzhik, senza provare ad imparare qualcosa, sin da subito di questa mia nuova residenza.

La mia città di adozione ha un nome di origine turca ché, per l’appunto, in quella lingua Pazarcik significa “Piccolo Mercato”. Situata sulle rive della Maritsa, il più grande fiume interamente balcanico, ricco anch’esso di storia nonché (ai giorni nostri) fonte di lacerazioni e polemiche in quanto da tempo utilizzato per immigrazioni clandestine dall’Asia Minore verso i paesi della UE, Pazardzhik è davvero una piccola miniera di sorprese.

La prima, per me finora assolutamente sconosciuta è stata quella di capire anche chi fosse Aleksandar Stamboliynski. Visto che vivo nella centralissima via a lui dedicata ho tentato di capire chi fosse, non solo per la curiosità del conoscere, ma anche per via dell’imponente mezzo busto che, tutte le mattine, appena esco di casa sembra quasi anticipare ed ammonire tutte  le mie buone intenzioni giornaliere. Quel che mi ha colpito della sua storia non è stata tanto la sua, non irrilevante carriera di propagandista politico e sociale in favore degli agrari e dell’idea di Unione degli stati baltici del sud, e neppure i risultati da lui ottenuti come primo ministro della Bulgaria, dal 1919 (dopo la prima guerra mondiale) e fino al 1923.

No, quello che mi ha turbato e reso, comunque, umanamente affascinante la figura di questo significativo personaggio è la sua drammatica e truculenta fine. Non solo gli venne tagliata la mano con cui aveva firmato il Trattato di Niš con cui, di fatto, concordava con i Serbi, Croati e Sloveni di contrastare e sopprimere l’IMRO (organizzazione rivoluzionaria interna macedone). No, i suoi nemici dell’IMRO, autori anche del colpo di stato con cui Stamboliynski fu fatto decadere, fecero di più, visto che, più e peggio delle più cruente tragedie greche, gli tagliarono la testa e la inviarono ai suoi alleati politici a Sofia dentro una scatola di biscotti.

La storia di questo eminente politico bulgaro, compreso il suo tragico epilogo, si svolse in queste terre, sulle sponde della Maritsa, tra Slavovitsa, a 30 km da qui, ed a Pazardzhik, la città nella quale ogni mattina, quando mi sveglio e inizio la mia abitudinaria passeggiata salutista, di alcuni chilometri a ritmo andante, mi sento quasi obbligato a salutare quel busto di un grande Bulgaro che, in fondo, con il suo innegabile e cruento sacrificio a favore di una causa di emancipazione sociale, ha permesso anche a me, ed a non pochi come me, di potermi godere in pace, questa ritrovata serenità umana.

Curioso che, a ben guardare negli eventi di allora, la parabola finale di Stamboliynski sia stata facilitata dalla concomitante ostilità, verso il suo operato e il suo governo, del fascismo di Mussolini e del comunismo di Stalin, allora in fase di consolidamento, senza troppi ostacoli, di un potere davvero devastante. Anche per questo, contro il primo ministro Stamboliynski ebbero buon gioco gli insorti Macedoni.

A proposito, in questi gironi sulle Tv Bulgare, sui giornali ed anche in questo sito, ho visto e letto di non pochi problemi dentro e fuori il territorio Macedone. Addirittura truppe Bulgare al confine, anche a tutela dei non pochi cittadini Bulgari colà residenti. Speriamo davvero che tutto si possa e si voglia risolvere;  questa gente e questa terra meritano la serenità che si sono conquistata e il futuro che si stanno costruendo. E anche io, nel mio piccolo mondo di emigrato italico, non ho più alcuna voglia di interrompere le mie passeggiate salutiste, di alcuni chilometri ad andatura andante.

… Alla prossima.

Barore Sardu

Continua

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

Foto del giorno

5E11C3FC-3745-412D-9CEF-B70E5CCF8AE9
Foto del giorno Bulgaria (Sketches of Sofia)

Dai nostri lettori

I media e l'informazione

News image

In questo tempo in cui l’accesso alle informazioni è facilitato dai mezzi di comunicazione ed è diventato ac... Leggi tutto

Punti di vista

Mantenere la parola data è un valore democratico

News image

Mantenere la parola data è un principio morale elementare....

Punti di vista | Alberto Cossu

Dal mondo

Duplice attacco al cuore della produzione mondiale di petrolio in Arabia Saudita

News image

In Arabia Saudita nella giornata di sabato c’è stato un du...

Dal mondo