oroscopo  Meteo
Italian - ItalyБългарски (България)

NEK_AES_Contour_global

In cambio, Compagnia Elettrica Nazionale (NEK) pagherà tutti i debiti in un’unica soluzione

La Direzione della Compagnia Elettrica Nazionale (NEK) e i dirigenti delle centrali americani "Maritsa Iztok" 1 e 3 hanno finalmente firmato un accordo per ridurre il costo d’acquisto obbligatorio dell’energia.

Secondo il Ministro dell'Energia Temenujka Petkova la riduzione farà risparmiare a NEK quasi 100 milioni Lev annui. Secondo i calcoli degli esperti dell’opposizione l'effetto sarà di circa 78 milioni Lev all’anno, ma in tutti i casi, l'accordo è un grande successo, siccome i contratti per entrambi gli impianti scadono solo nel 2021.

I contratti furono firmati dal governo di Ivan Kostov nel 2006 ed obbligarono la Bulgaria di comprare ogni kilowatt di energia prodotta da essi a prezzi prefenziali gonfiati. L’energia elettrica da questi impianti è la più costosa in Bulgaria.

Si prevede che l'accordo entri in vigore ai primi di luglio, ma precedentemente NEK deve rimborsare tutti i suoi obblighi verso di loro, che al momento ammontano a circa 700 milioni Lev.

Ricordiamo che il governo di Oresharski pochi mesi fa ha minacciato le Centrali che avrebbe unilateralmente ridotto il prezzo, e loro a sua volta hanno minacciato di citare in giudizio.

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

Punti di vista

Pensare fuori dagli schemi genera creatività

News image

Il NYT a firma di un noto commentatore economico si incari...

Punti di vista | Alberto Cossu

Dal mondo