oroscopo  Meteo
Italian - ItalyБългарски (България)

Franco_Nero_001

La mia carriera di attore di cinema ha avuto inizio grazie al mio aspetto fisico. Questo ha raccontato oggi durante una coinvolgente conferenza stampa la leggenda del  cinema italiano Franco Nero, che è arrivato a Sofia per la prima del suo nuovo film ”I figli di Maam”.

L’attore 73enne ha raccontato storie interessanti  della sua vita e ha condiviso le sue impressioni sul cinema contemporaneo. All'età di 21anni  per guadagnare un po' di denaro extra durante lo studio lavorava come assistente di un fotografo e posava occasionalmente per un altro fotografo. Le foto finirono sul tavolo del regista americano John Huston, che lo invitò ad una audizione per uno dei ruoli principali in "La Bibbia”. Entrò in un ufficio pieno di belle assistenti e Houston gli chiese di spogliarsi. Quando rimase con addosso solo gli slip lui gli disse di andarsene. Così ricevette  un'offerta per interpretare il ruolo di  Abel - aveva battuto Marlon Brando e Paul Newman, perché il regista voleva facce nuove. " Così lui è diventato il mio maestro", ha raccontato Franco Nero.

John Huston è stato particolarmente utile per me, perché mi faceva imparare a memoria testi di Shakespeare anche senza capirli. Mi ha spiegato che ho un fisico con il quale posso conquistare tutto il mondo del cinema, ma solo se parlo bene l'inglese.

Poco dopo mi ha consigliato ad un amico per un ruolo in "Camelot" prosegue con i ricordi l’italiano. “A causa del mio pessimo inglese sono stato rifiutato dal suo amico per il ruolo, ma nel momento in cui stavo andando via mi sono fermato sulla porta e per più di mezz'ora ho recitato Shakespeare "... Questo ha fatto cambiare la sua decisione, e ciò si e rivelato fondamentale per l'attore. Sul set delle riprese di Camelot incontra l'amore della sua vita - l'attrice Vanessa Redgrave, con la quale sta  insieme fino al  giorno d’oggi.

"Un altro incontro fatale nella mia vita è stato quello con Laurence Olivier. In me lui vide se stesso da giovane e mi disse che grazie al mio aspetto fisico avrei potuto avere una carriera splendente da protagonista, ma questi tipi di film si producono una volta all’anno. Mi consigliò di accettare ruoli vari, che avrebbero trasformato la mia vita in una sequenza di alti e bassi, ma l’avrebbero resa più interessante”si ricorda con gratitudine la star italiana.

Franco Nero ha raccontato anche della sua conoscenza con Quentin Tarantino e delle riprese del film, che lo lanciò in alto - "Django".

Ha confidato anche la sua  delusione sulla tendenza diffusa tra i funzionari televisivi di dettare il contenuto delle produzioni cinematografiche, e ha dichiarato con fermezza che i veri film si possono vedere solo nei cinema.

"Django" sarà proiettato questa sera al Cinema “Lumiere” alle ore 18.30, e la prima di "I figli di Maam" sarà domani sera alle ore 20,30.

Il  produttore Giuseppe Lepore ha detto che il film ha già ricevuto inviti di partecipazione  ad altri due festival ed è  pienamente convinto che il film piacerà al pubblico bulgaro.

Franco_Nero_team_001

Piu' foto dall'evento sul nostro facebook

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

Foto del giorno

61949899_2332104777079258_5562669117237886976_o
Foto del giorno Bulgaria (Sketches of Sofia)

Dai nostri lettori

I media e l'informazione

News image

In questo tempo in cui l’accesso alle informazioni è facilitato dai mezzi di comunicazione ed è diventato ac... Leggi tutto

Punti di vista

Pensare fuori dagli schemi genera creatività

News image

Il NYT a firma di un noto commentatore economico si incari...

Punti di vista | Alberto Cossu

Dal mondo

Classe politica,competenze ed etica

News image

Tra la gente comune, ma anche tra le elites, si ripete, co...

Dal mondo