oroscopo  Meteo
Italian - ItalyБългарски (България)

Elections_008

SOFIA - Il partito conservatore Gerb dell'ex premier Boyko Borissov è in testa nelle elezioni politiche anticipate tenutesi oggi in Bulgaria. Secondo i primi exit poll Gerb ha ottenuto il 33,9% dei voti. Il partito socialista bulgaro (Bsp) - reduce da un governo in coalizione con il partito della minoranza turca Dps rimasto al potere per poco più di un anno - tocca invece il minimo storico, al 16 per cento, seguito dal Dps che raccoglie il 14% dei voti.

Supererebbero la soglia del 4% per entrare in parlamento anche il Blocco riformista (centrodestra) con l'8,6% dei voti, il Fronte patriottico (nazionalisti) con il 6,3%, Bulgaria senza censura (centrodestra) con il 5,6%, Ataka (ultranazionalisti) con il 4,9% e Abv (centrosinistra) con 4,4%. L'affluenza alle urne intanto precipita: tra il 43% e il 45%, record negativo.

Numeri alla mano, i conservatori non sono riusciti in ogni modo a ottenere una solida maggioranza in parlamento e sarà difficile la formazione di un nuovo governo. Lo stesso Borissov ha dichiarato a caldo dopo i primi exit poll che "è disposto a tendere la mano a tutti i partiti, escluso in Dps, per salvare la Bulgaria dal baratro economico e sociale". "Ho già in tasca la lista del nuovo governo da me guidato, ma potrebbero esserci cambiamenti a seguito delle consultazioni con le altre forze politiche in parlamento nei prossimi giorni", ha detto. E molti analisti non escludono una grande coalizione con i socialisti. Altri ventilano viceversa l'ipotesi di un governo di minoranza del Gerb appoggiato da altri gruppi alla spicciolata.

Stando ai sondaggi, per molti bulgari anche queste elezioni sono state una sorta di messa in scena, la solita corsa tra i partiti per accaparrarsi il potere, con il concetto di 'destra' e 'sinistra', come osservano alcuni, fuso in un'unica ricetta 'alla bulgara': sullo sfondo di quella che pare una vera e propria organizzazione di stampo oligarchico.

La situazione interna continua ad essere allarmante, tra carovita, criminalità organizzata e corruzione anche ai piani alti del potere. Lo stipendio medio mensile da tempo si aggira intorno ai 400 euro e le pensioni sono inferiori ai 140 euro, mentre i prezzi dei generi alimentari, dell'energia e dei prodotti di consumo si avvicinano a quelli dei Paesi occidentali. La crisi tra Mosca e Ue legata al conflitto ucraino, poi, potrebbe avere gravi ripercussioni sulle forniture di gas alla Bulgaria, nel caso in cui la Russia decidesse di chiudere i rubinetti, in quanto Sofia dipende al 95% dal gas russo. Mentre ad aggravare i bilanci familiari, già pesa il rincaro del 10% dell'energia elettrica scattato il primo ottobre.

La ragione delle elezioni anticipate era la crisi politica scoppiata dopo le elezioni del Parlamento europeo a maggio. Il 23 luglio il premier bulgaro, Plamen Oresarski, aveva annunciato le sue dimissioni e quelle del suo governo. Il presidente Rossen Plevneliev, dopo avere sciolto il parlamento, aveva nominato un governo ad interim per preparare le elezioni politiche anticipate. 

http://www.repubblica.it/

Commenti  

 
+1 #1 ivan krastev 2014-10-06 20:44
da Ivan Krastev.1980 Pazardjik,non si risolverà mai niente.andranno avanti solo i parlamentari gli operai andranno a raccogliere i viveri dall'imondizia come già succede in Italia.(I ricchi.i parlamentari) (i pezzenti il popolo Bulgaro): quest'anno faremo i presepi in Italia con i Pezzenti.
Citazione
 

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

Foto del giorno

68F65BBC-F3BC-437B-9286-61B33A67DD50
Foto del giorno Bulgaria (Sketches of Sofia)

Dai nostri lettori

I media e l'informazione

News image

In questo tempo in cui l’accesso alle informazioni è facilitato dai mezzi di comunicazione ed è diventato ac... Leggi tutto

Punti di vista

Pensare fuori dagli schemi genera creatività

News image

Il NYT a firma di un noto commentatore economico si incari...

Punti di vista | Alberto Cossu

Dal mondo

Debito pubblico americano e il mito dell'arma cinese

News image

L’idea che la Cina possa utilizzare le quote di debito pub...

Dal mondo