oroscopo  Meteo
Italian - ItalyБългарски (България)

Anna_Yaneva_001

Anna Yaneva

MILANO (ITALPRESS) – "La vicinanza tra Italia e Bulgaria è testimoniata dai dati 2012, i più recenti a disposizione. L'Italia è il terzo partner commerciale dopo Germania e Russia, con 3.45 miliardi di euro di interscambio. Per il 2015 è prevista un'esplosione commerciale con il 3% di crescita. L'obiettivo comune di Camera di Commercio e Promos è sviluppare politiche per favorire rapporti economici e commerciali fra i due Paesi e le opportunità di business per le imprese italiane e bulgare". Lo ha detto Amato Luigi Molinari, consigliere della Camera di Commercio di Milano al seminario "Bulgaria: porta d'ingresso per i mercati in crescita dell'Europa Sud-Orientale" in corso alla Camera di Commercio di Milano.

Il seminario odierno ha l'obiettivo di fornire alle aziende italiane importanti informazioni sulle priorità di investimenti, sui sistemi fiscali e di incentivazione che caratterizzano la Bulgaria. Molinari ha poi spiegato che "un'occasione per rendere più concrete queste opportunità è Expo, a cui la Bulgaria ha già aderito, un evento che potrà essere occasione di collaborazione e un'opportunità per la Bulgaria di presentarsi al mondo intero". Claudio Rotti, presidente AICE – Associazione Italiana Commercio Estero e Vice Presidente del Comitato Tecnico-Scientifico per l'Internazionalizzazione di Promos – Camera di Commercio di Milano ha affermato: "Nel corso degli ultimi anni, nelle attività di Promos e Aice, abbiamo compreso sempre di più l'importanza per le imprese di allargare il business verso mercati nuovi come la Bulgaria, sia per l'export che per l'import. Ci sono circa 800 imprese italiane in Bulgaria che danno lavoro a oltre 25mila cittadini bulgari. La Bulgaria offre molteplici vantaggi per chi intende investire: ottimo livello qualitativo della manodopera, bassi costi operativi, il sistema fiscale più favorevole dell'Unione Europea. La crescita di esportazioni nel 2012 delle macchine agricole è + 30%, pari a 37 milioni di euro. Le esportazioni dei prodotti agricoli sono state pari a 18 milioni e mezzo di euro, in crescita del 35% nel 2012. Aumentano le esportazioni di calzature, +3,8%, passate a 73 milioni di euro, di prodotti chimici, + 7,8%. Positiva la performance dell'enogastronomico, +18%, e delle bevande, + 20%". Da un'elaborazione Camera di Commercio su dati Istat, "nel 2012 e 2013 l'export lombardo è cresciuto + 17% in un anno: la maggior crescita in Europa dell'ultimo anno. Le esportazioni superano il mezzo miliardo di euro di valore nel 2013 e privilegiano macchinari e i prodotti in metallo. La provincia lombarda più attiva è Milano + 29% dell'export regionale. L'Import lombardo dalla Bulgaria è di oltre 400 milioni di euro e riguarda prodotti farmaceutici e chimico-medicali. Il 58% va a Milano". Claudio Rotti ha poi affermato che "nel prossimo semestre di presidenza italiana sarà importante che una lobby molto forte, di cui l'Italia potrebbe essere alla testa, si batta affinché la Comunità Europea si decida a fare una legge per il made in Italy. Ci auguriamo che i colleghi bulgari si schierino dalla nostra parte". Marin Raykov, ambasciatore della repubblica di Bulgaria in Italia nonché rappresentante della Fondazione "Euro-Mediterranean Development Centre for Micro, Small and Medium Enterprises" EMDC ha sottolineato "la stabilità politica, economica e finanziaria che contraddistinguono la Bulgaria e che garantire un clima favorevole per investimenti è tra le priorità del Paese. Tra i settori dell'economia bulgara attraenti per gli investimenti italiani la costruzione dei macchinari, le infrastrutture, i trasporti, l'energetico, l'agricoltura. Il grosso problema della Bulgaria è che è sconosciuta. Se fosse conosciuta dai partner italiani potremmo aumentare l'interscambio e gli investimenti". "C'è un grande interesse per le imprese italiane in Bulgaria e la Bulgaria è pronta ad aiutare gli investimenti. Nell'anno passato la Bulgaria è riuscita a mantenere la sua stabilità finanziaria e continueremo in questo senso. Penso che l'aumento del commercio sarà molto buono per i prossimi anni. La nostra politica sarà quella di aumentare e migliorare gli investimenti sia economici che commerciali fra le due nazioni" ha assicurato nel suo intervento del Vice Ministro dell'Economia e dell'Energia della Repubblica di Bulgaria, Anna Yaneva. 

http://www.italpress.com/

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

Foto del giorno

68F65BBC-F3BC-437B-9286-61B33A67DD50
Foto del giorno Bulgaria (Sketches of Sofia)

Dai nostri lettori

I media e l'informazione

News image

In questo tempo in cui l’accesso alle informazioni è facilitato dai mezzi di comunicazione ed è diventato ac... Leggi tutto

Punti di vista

Pensare fuori dagli schemi genera creatività

News image

Il NYT a firma di un noto commentatore economico si incari...

Punti di vista | Alberto Cossu

Dal mondo